facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 26 settembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Defrel, ancora niente gol con la Roma? Come Voeller, Vucinic e...

Il francese non è l'unico nella storia della Roma a dover dire "scusate il ritardo" e che al primo anno ha trovato difficoltà
Giovedì 08 febbraio 2018
DEFREL
"Segnerò il mio primo gol con la Roma molto presto". La promessa fatta poco meno di due settimane fa di Defrel ancora deve essere mantenuta, ma l'impegno di domenica sera col Benevento rappresenta una ghiotta occasione per rompere lo sciopero da gol che dura da inizio stagione. Sei mesi di digiuno sono un'infinità per un attaccante, ma Defrel non è l'unico nella storia della Roma a dover dire "scusate il ritardo" e che al primo anno ha trovato difficoltà.

MIRKO VUCINIC
E' il 28 gennaio 2007, quindi sei mesi dopo il suo arrivo a Roma dal Lecce che costò alla presidenza Sensi quasi 15 milioni. I primi mesi del montenegrino nella capitale tuttavia non furono affatto facili e per vedere il primo gol di Mirko bisognerà attendere appunto fine gennaio nell'1-0 contro il Siena all'Olimpico. Tra campionato e coppe Vucinic ne segnerà poi altri 63 permettendo alla Roma di vincere 2 coppe Italia, 2 supercoppe e sfiorando tre volte lo scudetto. Senza dimenticare i gol a Real Madrid e Chelsea in Champions. Insomma, il miglior esempio possibile per il quale vale la pena aspettare un ritardo.

RUGGERO RIZZITELLI
Arrivò a Roma dal Cesena per una valutazione altissima all'epoca di 7,5 miliardi. Viola vinse l'asta con la Juve per uno dei più promettenti attaccanti italiani, ma Rizzi-gol nel primo anno romanista fece flop. Appena 2 i gol segnati in 20 partite di campionato: contro Lecce e Pisa rispettivamente il 23 ottobre e il 6 novembre del 1988. Rizzitelli non fu un grande bomber nemmeno negli anni a venire, ma divenne un beniamino della Sud per le doti di sacrificio e grinta che permisero alla Roma anni '90 di arrivare in finale di Coppa Uefa (suo il gol al ritorno con l'Inter) e vincere una coppa Italia.

ANTONIO CASSANO
Defrel può ancora consolarsi. Anche Fantantonio, uno degli investimenti più cari della storia della Roma, ci mise un bel po' a sbloccarsi. Il primo gol di Cassano in maglia giallorossa arrivò, infatti, il 13 gennaio 2002 in Roma-Verona 3-2. Quindi sei mesi dopo il suo sbarco a Trigoria. In quella stagione segnò altri 4 gol prima di esplodere l'anno successivo in coppia con Totti.

RUDY VOELLER
Tre gol in 23 partite per il Tedesco Volante nel primo anno di Roma. In molti si chiesero se Voeller fosse un bidone oppure no. Una domanda che oggi sa di blasfemia. Il primo anno in chiaroscuro verrà riscattato nelle 4 stagioni successive in cui Rudy divenne l'idolo assoluto della tifoseria e un pezzo da 90 sul mercato tanto da finire al fortissimo Marsiglia di Tapie. E' uno dei pochi nella storia poi ad aver vinto il Mondiale sia da allenatore che da giocatore.

ERIK LAMELA
E' vero, il suo primo gol arrivò il 23 ottobre, e quindi un mese e mezzo dopo l'inizio del campionato. Va detto però che per aspettare il 2° gol bisogna scorrere il calendario fino al 1° aprile 2012 in un Roma-Novara finito 5-2. Un digiuno infinito, prima della scorpacciata di gol l'anno successivo con Zeman quando entrò nel tabellino dei marcatori ben 15 volte.

ROBERTO VIERI
E' il papà di Bobo, e nel 1970 passa alla Roma insieme a Luis Del Sol e Gianfranco Zigoni in un clamoroso scambio che portò Fabio Capello, Luciano Spinosi e Fausto Landini alla Juventus. E' vero che segnò in un derby di coppa Italia il 6 settembre, ma il primo gol in campionato ci mise parecchio ad arrivare. Era l'11 aprile 1971 in un Roma-Catania poi finito 5-0. Non ne segnò molti altri papà Vieri. Il figlio fece decisamente meglio, purtroppo sull'altra sponda del Tevere.

FALCAO
Qui entriamo nel mito, e non ce ne voglia Defrel ma forse stiamo esagerando. Ok, non è un attaccante ma il suo arrivo a Roma (al posto di Zico) fu celebrato come uno dei momenti più importanti della storia del club. Eppure il Divino, il giocatore più forte dopo Totti in 90 anni di Roma, al primo anno ci mise un po' a convincere tutti e a segnare il primo gol in giallorosso. La prima gioia in campionato arrivò infatti solo il 22 febbraio 1981 contro il Bologna. Ne seguirono molte altre. E segui uno scudetto.

ADRIANO, MIDO AND CO.
Non solo buone notizie per Defrel. Nella Roma, infatti, c'è anche chi ha atteso tanto per poi rimanere a bocca asciutta. Si tratta dell'egiziano Mido, acquistato al posto di Ibrahimovic e con le valigie pronte pochi mesi dopo. Per lui zero gol e tante polemiche. Come lui, chiusero a zero gol la breve avventura in giallorosso, pure Marazzina, Renato Portaluppi, Martin Dhalin e Paolo Poggi.
E soprattuto Adriano. Qui lo sciopero non fu solo dal gol, ma dal calcio giocato. L'Imperatore sbarcato a Roma in un bagno di folla non riuscirà mai a gonfiare la rete nei 7 mesi in cui vestì la maglia giallorossa prima del ritorno in Brasile. Una scommessa persa in partenza per un attaccante straordinario che però perse la testa.
di Francesco Balzani
Fonte: Gazzetta dello Sport

Trigoria - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Mar. 25 set 2018 
Roma-Frosinone, niente lista convocati per i giallorossi
Eusebio Di Francesco non diramerà la lista dei convocati per la gara di domani sera...
DI FRANCESCO: "Ritiro voluto da me e dalla società. Le risposte le troveremo domani realmente."
ROMA-FROSINONE LA CONFERENZA STAMPA DI EUSEBIO DI FRANCESCO: "Domani obbligati a conquistare i 3 punti. Perotti non sarà disponibile, speriamo di averlo a disposizione contro l'Empoli, Non c’è stata assolutamente nessuna lite tra Florenzi e Dzeko”
Roma, per Di Francesco fiducia a termine
La società ha deciso di confermare l'alleanatore. Ma saranno decisive le sfide con Frosinone e Lazio. Contattato Paulo Sousa
Fronte compatto, tutti con Di Francesco e basta alibi per i giocatori
Posizione decisa a favore del tecnico, ma ora c’è bisogno di risultati domani e nel derby. Ieri ha parlato l’allenatore, oggi toccherà a Monchi
Roma a pezzi. Lite tra Dzeko e Florenzi dietro il ritiro
Nelle parole e nei pensieri di chi alberga a Trigoria non c'è altra via che il massimo...
Quando il gioco si fa duro, Eusebio dà fiducia ai duri
Uomini e compromessi. E un modulo che diventa il mezzo, non il fine. Il fine, ora,...
Roma, quanti errori. Due partite decidono se Di Francesco resta
Quattro giorni, due partite, centottanta minuti. La stagione della Roma rischia...
Roma, Pallotta contro Monchi: presidente e ds divisi sulla strategia
Avanti con Di Francesco: il messaggio che arriva da Trigoria è scontato, non essendoci...
Profondo giallorosso. Di Francesco: due partite per salvarsi. In agguato Montella, Sousa e Blanc
C'è ancora un filo sottile che lega Di Francesco alla panchina della Roma, anche...
 Lun. 24 set 2018 
Di Francesco è in bilico. La società già cerca il sostituto
Secondo indiscrezioni, i dirigenti sono al lavoro per trovare il successore del tecnico abruzzese. Conte resta una suggestione gradita ai tifosi ma poco percorribile. I nomi sono altri: Paulo Sousa, che sta cercando di liberarsi dal Tianjin, e poi Laurent Blanc, mentre su Montella le referenze arrivate a Monchi da Siviglia sono tutt’altro che entusiasmanti
Roma caos: i tifosi contro Dzeko. A Cinecittà l'ultimo saluto a Giorgio Rossi
Totti, De Rossi, Di Francesco, Zeman e tanti altri in lacrime al funerale dello storico massaggiatore giallorosso, mentre a Trigoria si continua a lavorare sodo nel ritiro post-Bologna
ROMA-FROSINONE, domani la conferenza stampa di Di Francesco
Il tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco sarà presente domani a Trigoria alle...
Pallotta e Baldini alla ricerca del nuovo tecnico. Sousa, Montella e Blanc i nomi caldi
Crisi nera in casa Roma: la squadra è blindata in ritiro a Trigoria con tecnico...
La Roma si allena davanti a Monchi
Ds era tra relatori evento a Madrid, ma resta a Trigoria
NIKE STORE di Via del Corso: annullata la partecipazione di Pellegrini a causa del ritiro
Vista la decisione del ritiro a Trigoria, la Roma ha annullato un evento previsto...
La Roma è sparita, Di Francesco in bilico. Anatomia di una crisi
Tutti sotto accusa: le parole dell'allenatore dopo la sconfitta di Bologna sembrano titoli di coda. Società e squadra a un bivio: o si riparte subito o si cambia
Di Francesco a rischio: si gioca tutto in una settimana
La posizione del tecnico abruzzese è appesa ad un filo. Frosinone, derby con la Lazio e Plzen in Champions sono le tappe per salvare la panchina. Squadra in ritiro da ieri sera
Pallotta: "Sono disgustato" Baldini pensa al post DiFra
«Sono completamente disgustato». Pallotta, anche se non inquadra il bersaglio (cioè...
Un gruppo malato, mal costruito e mal guidato
Che cosa hanno fatto di male i tifosi della Roma per meritarsi tutto questo? Cinque...
Roma, Eusebio rischia il posto
La cottura, sotto il sole di questo settembre nero per Di Francesco e i giocatori,...
 Dom. 23 set 2018 
Roma, da stasera la squadra in ritiro a Trigoria
Dopo lo 0 a 2 incassato in trasferta con il Bologna, Eusebio Di Francesco ha ordinato...
TRIGORIA, domani mattina la ripresa degli allenamenti in vista della partita contro il Frosinone
Dopo la sconfitta per 2-0 subita al Dall'Ara, la Roma riprenderà gli allenamenti...
Di Francesco non fa sconti: rischiano anche i big
Una sconfitta oggi a Bologna aprirebbe la crisi. E lui cambia ancora formazione
Karsdorp non parte: "È scelta tecnica". Possibile cessione a gennaio
L'universo giallorosso è anche questo: un tifoso che si avvicina a Di Francesco,...
 Sab. 22 set 2018 
Roma, i baby che fanno? Tra dubbi e volti da scoprire
Bianda male in Primavera. Coric e Luca Pellegrini: poco spazio a fronte di investimenti importanti
La falsa partenza di Dzeko: simbolo di una squadra che ha smarrito la fiducia
Sfiduciato, nervoso, troppo spesso a testa bassa, quasi disinteressato a quello...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>