facebook twitter Feed RSS
Sabato - 16 febbraio 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Roma in punta di svolta

Giovedì 08 febbraio 2018
Il precedente non può certo incidere sul risultato di domenica sera. Ma la Roma, pur di debellare il mal di gol che la penalizza ormai da più di 2 mesi, non può tralasciare niente. E allora: il successo più largo dei giallorossi, in questa stagione, resta finora proprio quello nella gara d'andata contro il Benevento, prossimo rivale all'Olimpico: 0-4 al Vigorito. Anche se, a voler essere cattivi, non si può dimenticare che alla goleada del 20 settembre parteciparono Lucioni e Venuti con le loro autoreti. Quel match, però, deve essere di riferimento per dare un senso alla corsa Champions.

DIFETTO EVIDENTE - Lo stesso Di Francesco non sa come spiegare il rendimento fiacco dell'attacco: i 33 gol in 23 partite di campionato non sono da squadra di vertice. Nemmeno da 5° posto, la posizione attuale della Roma. Il reparto, del resto, è l'8° della serie A. Ma la crisi è di gruppo e non limitata al singolo. Dzeko ha realizzato in questo torneo solo 10 gol. È il solo in doppia cifra, pure se la mira non sembra più quella dell'anno scorso. El Shaarawy ne ha realizzati 5 e Perotti 3. Under si è finalmente sbloccato domenica scorsa a Verona e, al momento, è l'unico dei 3 nuovi acquisti, chiamati a Trigoria dopo l'addio di Salah, ad aver fatto centro: Defrel e Schick sono ancora a digiuno. Il tridente titolare ha insomma raccolto quanto Icardi da solo: 18 gol. E, contando quello del turco al Bentegodi, meno del capocannoniere Immobile che è già a quota 20. Sono i numeri dei centravanti dell'Inter quarta e della Lazio terza. Finora pesano in classifica. Anche perché i centrocampisti si sono adeguati nel rendimento alle punte: Nainggolan, Pellegrini e Gerson sono fermi a 2 reti, Strootman ha messo la sua firma solo una volta, De Rossi e Gonalons ancora non hanno festeggiato in proprio.

MINIMO SFORZO - L'attacco della Roma si è inceppato sul più bello. Dopo il 3 a 1 contro la Spal, il 1° dicembre all'Olimpico, al massimo ha segnato 1 rete in 7 delle successive 10 partite (in 3 ha addirittura fatto cilecca). All'inizio, però, è stato più efficace. In campionato, prima del poker di Benevento, segnò 3 gol al Verona. E subito dopo 3 anche all'Udinese e, sia all'andata che al ritorno, 3 pure al Chelsea in Champions. Sono state poche, comunque, le raffiche. Se si contano le 4 reti alla Fiorentina, le 2 al Qarabag, al Milan e alla Lazio, sono solo 10 le partite su 30 (tra serie A e coppe) in cui i giallorossi sono riusciti a fare almeno il bis. Cioè in un terzo dei match. Il dato è ancora più indicativo se accostato ai 7 successi per 1-0 (6 in campionato) e alle 6 gare in cui non sono stati capaci di fare centro. E' mancata, dunque, l'efficacia.

RISVEGLIO OBBLIGATO - La Roma, anche quando si è scatenata nel tiro a bersaglio, ha ottenuto poco o niente. E l'involuzione, prima che il gioco, ha coinvolto l'attacco. Che, in questa settimana di chiara emergenza, è comunque il reparto più completo. Solo Schick non è sicuro di finire nella lista dei convocati. Di Francesco ha quindi scelta esclusivamente davanti. E, se confermerà il 4-2-3-1, potrebbe addirittura usare 4 delle 5 punte: dopo il successo contro il Verona ha chiarito che per il ruolo di trequartista c'è Defrel. Ma solo perché Perotti preferisce giocare sulla fascia. Sono loro che si giocano l'ultimo posto libero, dando per scontata la conferma del tridente usato al Bentegodi, con Under, Dzeko (ieri ecografia al polpaccio per un fastidio accusato martedì: esito negativo e preoccupazione accantonata) ed El Shaarawy. Ieri Perotti è stato provato dietro al centravanti, andando, in fase difensiva, a completare il centrocampo, affiancandosi a Gerson e Strootman. Dipende dal sì dell'argentino. Che, invece, si sbilancia sul mal di gol: «Salah è difficile da sostituire: correva e segnava tanto».
di U. Trani
Fonte: Il Messaggero

Schick - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Ven. 15 feb 2019 
TRIGORIA 15/02 - Personalizzato per Zaniolo, Dzeko, Kolarov, El Shaarawy e Manolas
ALLENAMENTO ROMA - Individuale per Ünder, terapie per Schick e Karsdorp
Indagine interna sui 31 ko muscolari
Il problema esiste, inutile negarlo. Perché se anche Pallotta punta l'indice sull'alto...
 Gio. 14 feb 2019 
Roma, Di Francesco riabbraccia Perotti. Zaniolo nel "Team of the week" Uefa
La Roma è tornata ad allenarsi a Trigoria questa mattina dopo il 2 a 1 rifilato...
Olsen è recuperato, Under quasi. Più lungo del previsto il ko di Schick
Ieri gli infortunati si sono allenati a Trigoria nonostante il giorno libero concesso...
Confermarlo un affare per la società
Il mondo intero celebra il talento straordinario di questo neo giallorosso capace...
Di Francesco, la svolta dopo Firenze tra autocritiche e un modulo garanzia
Dall'esplosione di Zaniolo passando per lo Dzeko formato europeo, si dimentica che...
 Mer. 13 feb 2019 
Schick si cura a Barcellona. Per il Bologna torna Under
Prima Pastore e poi Perotti. Ora anche Patrik Schick ha seguito la stessa strada...
Doppio Zaniolo, la Roma esulta
Zaniolo lancia la Roma anche in Champions: la sua doppietta sotto la Sud santifica...
 Mar. 12 feb 2019 
DI FRANCESCO: "Peccato per il risultato, mi tengo la prestazione. Zaniolo? Teniamocelo stretto"
CHAMPIONS LEAGUE, ROMA-PORTO 2-1, LE INTERVISTE POST-PARTITA
Roma-Porto, i convocati
Ecco i 20 convocati giallorossi per il match dell'andata degli ottavi di finale...
Il Porto dei sogni
Ricomincia lo spettacolo e stavolta è la Roma ad alzare il sipario. Gli ottavi di...
 Lun. 11 feb 2019 
SCHICK, lesione muscolare: stop di almeno due settimane
È arrivato l'esito degli esami a cui si è sottoposto Patrik Schick. L'attaccante...
DI FRANCESCO: "Possiamo riportare entusiasmo, dobbiamo essere ambiziosi"
ROMA-PORTO, LA CONFERENZA STAMPA DI EUSEBIO DI FRANCESCO: "Olsen in dubbio fino a domattina"
Clinica Champions: i valori distorti dai tanti infortuni
Quando la Champions muta geneticamente (debutterà anche il Var) è sempre un'altra...
L'highlander De Rossi guida la Roma in Porto
È tornato appena in tempo. Con una voglia matta di godersi fino in fondo tutte le...
Zaniolo, c'è l'Europa: ma ora è cosa seria
Glielo avranno detto, ovvio: Zaniolo saprà con certezza che anche Daniele De Rossi...
Coppa e tulipani: Karsdorp e Makkelie, è Champions orange
Confidare nei Paesi Bassi per «entrare in Porto col vessillo» e continuare a sognare...
 Dom. 10 feb 2019 
Roma all'italiana per sfidare il Porto e sognare i quarti
Cinque, sei o addirittura sette. In ogni caso, tanti. Tantissimi per le abitudini...
In 50.000 per sognare un tesoretto da 15 milioni
Ci sono almeno 10,5 milioni per provare a sbarazzarsi del Porto, ma potrebbero arrivare...
Roma, il dilemma centrale
Il rebus, per la Champions, è là in mezzo. Dove ci sono uomini su cui si vuole puntare...
 Sab. 09 feb 2019 
Anche Schick si è fermato: allarme attacco
La maledizione degli infortuni muscolari continua, stavolta è Schick a tornare in...
Kolarov, gol e inchino. Dzeko come Delvecchio nella storia giallorossa
Un inchino, verso il settore ospiti, un modo per provare a chiudere le polemiche,...
Roma, tre reti da Champions
La Roma fa finalmente la grande contro una piccola, ricordandosi di 13 punti buttati...
Chievo-Roma 0-3, Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: CHIEVO-ROMA 0-3 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI
 Ven. 08 feb 2019 
DI FRANCESCO: "Potevamo fare qualche gol in più. Inchino Kolarov? Credo abbia fatto un gran gesto"
CHIEVO-ROMA 0-3, LE INTERVISTE POST-PARTITA, EUSEBIO DI FRANCESCO "Siamo diventati la cooperativa del gol. Più Manolas che Olsen contro il Porto"
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>