facebook twitter Feed RSS
Martedì - 20 febbraio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Roberto Negrisolo: "Alisson è un fenomeno, è un portiere che può caratterizzare un'epoca"

Martedì 06 febbraio 2018
L'enciclopedia del portiere di calcio. In sintesi, Roberto Negrisolo. È stato un portiere e, poi, il miglior preparatore nel ruolo che ci sia mai stato. Prima alla Roma (Angelo Peruzzi per lui è come un figlio) e poi al Milan che vinceva tutto. Oggi vive a Fregene, in una stanza ha un armadio delle meraviglie che se uno lo apre dentro ci trova le maglie dei più grandi portieri degli ultimi cinquanta anni, continua a lavorare con i ragazzini per il semplice motivo che gli piace farlo (tra questi pure il figlio di Peruzzi che pare non sia niente male, è un 2002). Insomma, ieri, quando abbiamo letto la notizia che il Real Madrid avrebbe pronti cinquanta milioni di euro per acquistare Alisson, abbiamo deciso di chiedere all'enciclopedia del portiere se ne valesse la pena.

Negrisolo, ma davvero Alisson vale cinquanta milioni?
«Non scherziamo, ne vale molti di più».

Ma non è un'esagerazione visto che stiamo parlando di un portiere?
«Io credo che in molti ancora non abbiano capito chi è Alisson. Questo è un fenomeno».

Addirittura.
«È il numero uno dei numero uno. Vale quanto Messi perché ha la testa come Messi. È un portiere che può caratterizzare un'epoca».

Ma dicono che oggi come oggi il portiere che vale di più sia Donnarumma.
«Ma per carità. Non c'è nemmeno da fare il paragone con Alisson che è straordinario».

Che cosa ti ha colpito di lui?
«Tutto. La prima volta che l'ho visto non era ancora alla Roma. L'ho seguito in una partita del Brasile, mi fece un'impressione enorme».


Nello specifico, cosa ha di speciale?
«Il senso della posizione e dell'equilibrio. Impressiona per come si muove in campo. Sa sempre quello che deve fare. Chi ne ha parlato male all'inizio della sua avventura italiana, non aveva capito niente».

Chi ti ricorda dei portieri del passato?
«Nei comportamenti in mezzo alla porta, Zoff. Ma su tutto il resto il brasiliano è più forte. Se devo fare il nome di un altro portiere del passato, dico Preud'Homme che aveva la classe di uno nato per fare il portiere».

Anche Alisson è nato portiere?
«Sì. Gliel'ho anche detto quando l'ho conosciuto a Trigoria. Mi ha impressionato anche per un'altra ragione».

Quale?
«A Trigoria ci sono gigantografie dei grandi del passato alle pareti. Gli feci vedere quella di Masetti, il portiere del primo scudetto. Lui si baciò la mano e accarezzò la foto. Meraviglioso. In quell'occasione mi ha regalato la sua maglia».

Quando è arrivato in Italia però non era così forte?
«Forte era forte, ma è vero che qui è migliorato. E in questo senso bisogna dare i meriti a Marco Savorani, l'attuale preparatore dei portieri della Roma. Marco è cresciuto con me, è bravissimo».

Lo ha dimostrato anche con Szczesny.
«Il polacco è migliorato molto con Savorani. E la Juve ha fatto un affare a prenderlo dall'Arsenal».

Alisson in cosa può ancora migliorare?
«Migliorare si può in tutto. Per esempio da quando è arrivato in Italia lui è cresciuto molto nelle uscite basse, ora ci va con maggiore decisione ed è un fenomeno pure lì».

Ma se dovesse arrivare un'offerta indecente, settanta-ottanta milioni, la Roma cosa dovrebbe fare?
«Dire di no».

Nel calcio di oggi però sembra che non ci siano più giocatori incedibili.
«Ma questo ha un'età che ti può consentire di essere tranquillo almeno per dieci anni in un ruolo fondamentale come quello del portiere».

Roberto, sei rimasto proprio conquistato da questo portiere brasiliano.
«Assolutamente e vi posso garantire che qualcosa di portieri ne capisco. La Roma se lo deve tenere a lungo, è diventato un beniamino dei tifosi, Alisson è un giocatore prezioso in campo e fuori».

Pure fuori?
«Pure fuori. E lo capisci da come sta in campo. Lui nella testa è un allenatore, guardatelo come si muove e come si comporta quando ha la palla in mano. Lì capirete tutto».
Guarderemo.
di P. Torri
Fonte: Il Romanista

Trigoria - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Lun. 19 feb 2018 
Champions Roma, alla scoperta dello Shakhtar
Gli ucraini si preparano alla sfida con la squadra di Di Francesco: ecco cosa c'è da sapere
TRIGORIA 19/02 - Seduta video e lavoro sul campo in vista dello Shakhtar
ALLENAMENTO ROMA - A parte Gonalons e Karsdorp
Doni: "Non avevo dubbi su Alisson, cresce partita dopo partita"
Visto da Orlando, il pallone fa un altro rumore. Scotta meno. Brucia più il...
La Roma sfida lo Shakhtar. Esperti d'Europa: tocca a voi
La forza di 70 presenze complessive in Champions da mettere in campo. La serenità...
Qualificarsi può valere 73 milioni
La Champions offre alla Roma una maxi plusvalenza sul bilancio: è praticamente a...
Undermania
Pazzi per Ünder. In Turchia il giovane attaccante giallorosso è diventato...
Non solo Ünder, anche Alisson ormai è un eroe
Come si dice "Terzi" in turco? Prendevano così in giro ieri a Trigoria, "Gengo"...
La mano di DiFra
Eusebio Di Francesco non è sorpreso. Non ha perso la serenità nemmeno...
Alisson, il portiere che para il futuro
Ogni parata, un tuffo al cuore. Ogni dribbling vincente a due passi dalla linea...
FenomenAlisson
Fenomenologia di un fenomeno. L'hanno individuato attraverso la struttura di scouting...
 Dom. 18 feb 2018 
Roma verso lo Shakhtar. Di Francesco recupera tutti i titolari. Nainggolan: Ora testa alla Champions
A Trigoria c'è grande attesa per la sfida di mercoledì contro lo Shakhtar. Assente il nuovo acquisto Jonathan Silva: giocherà domenica prossima contro il Milan
Roma, domani la partenza per l'Ucraina. Silva entra in gruppo: obiettivo Milan
Jonathan Silva è tornato a disposizione di Di Francesco. Per la prima volta da quanto...
TRIGORIA 18/02 - In gruppo Silva, individuale per Karsdorp, Gonalons e Luca Pellegrini
ALLENAMENTO ROMA - Esercitazione tattica a campo ridotto. Scarico per chi ha giocato ieri
Stavolta il turco saluta "solo" gli avversari. Lo Shakhtar è avvisato
I nazionalisti turchi stavolta lo perdoneranno. Dopo le polemiche seguite alla doppietta...
 Sab. 17 feb 2018 
TRIGORIA, domani la ripresa degli allenamenti. Lunedì la partenza per l'Ucraina
Dopo aver vinto per 2-0 in casa dell'Udinese, la Roma riprenderà gli allenamenti...
Saranno 300, alla Dacia Arena 224 tifosi nel settore ospiti più i residenti al Nord
Tra divieti, aggiustamenti e proteste, non è sicuramente una trasferta ordinaria...
Quattro cambi, stessa idea
La Roma si scolpisce senza stravolgersi: secondo quanto è filtrato dall'allenamento...
Tuttofare: Juan Jesus torna titolare da terzino sinistro
La strana occasione capita nel ruolo più insolito: Juan Jesus torna titolare nella...
Cinque gol al Chornomorets dopo la sosta
Meglio non farsi illusioni, dando per scontato che lo Shakhtar Donetsk, fermo per...
Bilancio positivo o tana libera tutti. I 25 giorni sul filo
Venticinque giorni che segnano il confine tra una stagione positiva e una catastrofica....
Veleno Champions
Tornano la Champions, l'agenda piena e il turnover e Di Francesco vuole rimettere...
 Ven. 16 feb 2018 
UDINESE-ROMA, giallorossi atterrati a Trieste (VIDEO)
È scattata l'operazione Udinese per la Roma. I giallorossi, dopo aver effettuato...
TRIGORIA 16/02 - Seduta di Rifinitura: individuale per Gonalons, Silva e Karsdorp
Ultimo allenamento della Roma a Trigoria prima di raggiungere il Friuli dove domani...
De Sanctis: "Il calcio giocato non mi manca"
Morgan De Sanctis, team manager della Roma, ha rilasciato una lunga intervista al...
Sponsor, cessioni, stadio: ecco il piano
Salvo miracoli nel percorso che ricomincerà la settimana prossima nel gelo di Kharkiv,...
 Gio. 15 feb 2018 
STROOTMAN: "Napoli e Juve non sono costrette a vendere come noi"
"Ho rinnovato per rimanere a lungo con la Roma. Vogliamo arrivare in Champions"
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>