facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 24 maggio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Lamela: "La Roma la mia prima esperienza all'estero: mi sono sentito bene"

Martedì 06 febbraio 2018
El Coco è diventato uomo. Erik Lamela ha uno sguardo diverso dai tempi della Roma: sbarcò nella Capitale nel 2011, all'età di 19 anni, ed era un ragazzo alla ricerca del futuro. Due stagioni con il club giallorosso, poi, nel 2013, il trasferimento al Tottenham, in una Londra tutta da scoprire e con una lingua inglese tutta da imparare. Pallino di Walter Sabatini, stimato da Franco Baldini: chi guarda al talento puro non poteva rimanere indifferente di fronte a Lamela. Ma il calcio d'Oltremanica e le botte della vita hanno costretto Erik a crescere in fretta e a capire che il talento da solo non basta: infortuni seri, due operazioni alle anche, fino alla notizia peggiore, il gravissimo incidente capitato nel dicembre 2016 al fratello Axel, oggi 21 anni. Un tuffo in piscina, a Buenos Aires, ha paralizzato Axel per diversi mesi. Il recupero è faticoso, ma, come ha raccontato Erik al Guardian «i dottori hanno detto che un giorno potrà tornare a camminare. Dipende dal lavoro di rieducazione e dalla sua forza di volontà. Il percorso è lunghissimo. Bisogna avere pazienza». L'incontro con Lamela, a una settimana dalla sfida di Champions con la Juventus, nell'atmosfera ovattata del centro tecnico del Tottenham, parte da qui.

Storie come quella di Axel cambiano la vita anche a chi gli sta intorno.
«Quando c'è la salute, per te e per le persone che ti stanno accanto, non capisci quali siano le vere priorità. La salute è il bene supremo. Basta un attimo, un secondo, a sconvolgere un'esistenza. Ora guardo al calcio con un occhio diverso. È la mia passione di sempre, la mia professione, la fonte dei miei guadagni, ma ho capito che stare bene fisicamente viene prima di ogni altra cosa. Axel sta continuando il suo percorso. La nostra famiglia lo sta aiutando. E la vita va avanti».

Qual è stata la storia dell'infortunio che ha tenuto Lamela lontano dai campi più di 400 giorni?
«Ho avuto problemi alle anche. I medici hanno detto che erano anomalie congenite, che mi portavo dietro dalla nascita. Con il calcio la situazione è peggiorata e sono stato costretto a fermarmi. Ho cercato di evitare le operazioni con la fisioterapia e mi sono affidato ad un fisioterapista di assoluta fiducia, Damiano Stefanini. Lavora a Roma e per questo motivo sono tornato in Italia qualche mese. La situazione è migliorata, ma non è bastato. A quel punto, ho dovuto accettare la realtà degli interventi chirurgici: ben due, non uno. Dopo è iniziato un lungo percorso di rieducazione, fino al ritorno in campo. Ora sto bene».

Un 2017 che ha segnato la sua vita.
«Già: l'incidente di Axel, i miei problemi, ma in fondo a questo 2017 ho visto la luce. Il 25 novembre è nato mio figlio, Tobias. Ha due mesi e dieci giorni. Mi piace contarli».

Altra contabilità: tra una settimana c'è la sfida di Champions in casa della Juventus.
«Io sono ottimista. Penso che possiamo farcela. Alla fine possono essere i dettagli a decidere chi passerà il turno. La Juventus è fortissima, ha giocato due finali Champions nelle ultime tre stagioni, ma anche noi siamo forti. Il 2-2 di Liverpool può darci una spinta in più».

Perché?
«Perché siamo riusciti ad ottenere un buon risultato dopo una gara complicatissima. Potevamo perderla, poi l'abbiamo pareggiata e abbiamo rischiato di vincerla. Siamo tornati sotto, ma abbiamo avuto la forza di rimetterci in piedi e di trovare il 2-2. Si sosteneva che le trasferte sui campi delle grandi squadre fossero il nostro vero limite. Forse a Anfield lo abbiamo superato».

Quali sono, visti da Londra, i pregi della Juventus?
«Sei scudetti di fila dicono che è la migliore in Italia da diversi anni e il vostro calcio è difficile, soprattutto a livello tattico. La Juve ha carattere, esperienza, una grande difesa e campioni in ordine sparso».

Proviamo a confrontarne qualcuno con i fuoriclasse del Tottenham: Kane e Higuain.
«Qui è davvero difficile rispondere. Hanno tutte le qualità dei migliori attaccanti del mondo: segnano, hanno personalità, possono decidere le partite in qualsiasi momento. Hanno il gol e il senso della porta nel sangue».

Eriksen e Pjanic.
«Anche qui è dura. Pjanic gioca in posizione più arretrata, è più regista. Eriksen copre gli ultimi 30 metri di campo, spostandosi da un lato all'altro. Hanno però molti colpi in comune: i calci di punizione e gli assist».

Buffon merita una riflessione: ha compiuto 40 anni e solo il patatrac dell'Italia con la Svezia gli impedirà di vivere il suo sesto Mondiale.
«Buffon appartiene ad una categoria particolare, la più elevata nel mondo del calcio: quella delle leggende. Quando arrivi alla sua età e ti esprimi ancora a questi livelli, il merito non è solo del talento, ma anche di un fisico eccezionale e di una grandissima professionalità».

Mai stato cercato dalla Juve?
«Mai».

L'Inter invece qualche tempo fa si fece sotto.
«Io quando gioco penso a dove sto e al Tottenham mi trovo benissimo. In questi 5 anni si è creato un bel gruppo. La squadra è in ascesa e vivo in una città che adoro come Londra».

Quanto è stato importante Pochettino in queste stagioni?
«È argentino e può capire quanto non sia facile per un ragazzo che viene da lontano ambientarsi in un Paese con una cultura differente dalla nostra. Io all'inizio ho avuto molti problemi: lingua, infortuni, calcio diverso. Dopo il primo anno, molte persone mi dissero "Erik cambia, lascia l'Inghilterra". Io non ho voluto mollare. Per me questa era una sfida. Se sto ancora qui, ci ho visto giusto».

La nazionale argentina è ancora nei suoi pensieri?
«Un anno abbondante di inattività mi ha portato fuori dal giro, ma voglio tornarci. In questi 4 mesi cercherò di conquistare una maglia per il Mondiale».

Szczesny dopo il trasferimento alla Juve ha detto: «A Roma mi sono sentito di passaggio». È stato così anche per lei?
«Roma è stata la mia prima esperienza all'estero. A Roma mi sono sentito bene, posso dire solo questo».
Fonte: Gazzetta Dello Sport

News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Lun. 21 mag 2018 
Date Stagione 2018-2019
Argentina, i convocati di Sampaoli per il Mondiale
Out Perotti, c’è Fazio. Nonostante il suo nome fosse presente nella lista dei pre-convocati di una settimana fa, niente da fare per l’attaccante giallorosso. Confermato il difensore
Primavera 1 TIM - Classifica Finale e Calendario Gare Play-Off e Play-Out
CAMPIONATO PRIMAVERA 1 TIM 2017/2018 "TROFEO GIACINTO FACCHETTI" 1) Classifica finale...
MONCHI: "Se Alisson va via è solo perché in porta vado io, ma non sono pronto per giocare"
Dopo l'assegnazione di questa mattina al Salone del CONI del Premio Bearzot, alle...
CALCIOMERCATO Roma, il Sassuolo pensa a Antonucci e Valeau
Uno dei tanti nomi accostati alla Roma nelle ultime settimane è quello di Domenico...
BELGIO, i tifosi contro Martinez: "Nainggolan merita il Mondiale, è una pazzia. Esoneriamolo"
Si conclude dopo 4 anni di polemiche la vicenda Nainggolan-Belgio. Roberto Martinez...
Baldissoni: "E' scontato che vogliamo continuare con Di Francesco, abbiamo idee molto analoghe"
Mauro Baldissoni, direttore generale della Roma, durante la premiazione del Premio...
Di Francesco: "Mercato? Valuteremo in questi giorni con la società dove andare a toccare"
Eusebio Di Francesco, allenatore della Roma, a margine della premiazione del Premio...
Nainggolan: "Oggi a malincuore termina la mia carriera internazionale" (FOTO)
Nainggolan non ce l'ha fatta. Il belga non è stato inserito nella lista dei convocati...
Premio Bearzot, Di Francesco: "Vincere vuol dire anche cambiare mentalità"
Baldissoni: “Siamo convinti di continuare con Eusebio”
Belgio, Nainggolan non convocato per il Mondiale
Il CT del Belgio, Roberto martinez ha parlato dell'esclusione dal Mondiale di Radja...
Roma, il futuro è cominciato: avanti con Di Francesco inseguendo un'idea
Ci sarebbero tutti i presupposti per fare festa. Si potrebbe fare per la vittoria...
Chiuso in bellezza, ora tocca a Pallotta
Era il più emozionato Di Francesco, tanto da sbagliare panchina al momento dell'ingresso...
Roma, 8 anni dopo arriva la vendetta: al Mapei appare un Oh nooo
Lo striscione beffardo per i tifosi laziali è apparso a Reggio Emilia dopo l'inaspettata rimonta dell'Inter all'Olimpico
Calciomercato Roma, contatti tra l'Inter e l'entourage di Strootman
L'Inter si è qualificata in Champions League in virtù della vittoria nello scontro...
Sassuolo-Roma 0-1: Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: SASSUOLO-ROMA 0-1 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI...
La Roma chiude sul podio
I giallorossi conquistano il terzo posto che porta in casa altri soldi freschi molto utili per cercare un ulteriore salto di qualità nella prossima stagione
Batistuta non molla: vuole gli otto milioni
La causa intentata alla società giallorossa per “inadempienze contrattuali” tornerà in udienza a maggio 2020
Monchi, adesso serve un mercato privo di pregiudizi
La squadra per essere migliorata ha bisogno di uomini veri prima che di atleti più o meno famosi
Di Francesco: "La mia filosofia è provare a dominare il gioco"
Si racconta, Eusebio Di Francesco, tra la sua esperienza in campo, la sua filosofia...
La Roma vince e adesso studia da anti Juve
E ora, che fare? Il dubbio leninista chiude la stagione della Roma che arriva terza...
Calciomercato Roma, e Spalletti vuole Florenzi e Bruno Peres
L’ex tecnico giallorosso vorrebbe portare i due giallorossi all’Inter
Dal Belgio quotidiani sicuri: Nainggolan fuori dai 23 per il Mondiale
Sembra non trovare pace il rapporto tra Radja Nainggolan e la sua Nazionale. Oggi...
Ritiro dal 5 luglio, poi tour in Usa
Arrivederci Roma. Di Francesco rompe le righe e dà appuntamento ai giallorossi non...
Si complica Talisca: è a un passo dal Liverpool
Il Liverpool continua ad essere una maledizione, anche sul mercato. I Reds, infatti,...
Di Francesco: "Cambiata la mentalità"
Mancava solo mezza mandata per blindare pure il podio dopo aver conquistato la zona...
Terza con Manolas. La Roma più ricca sa da dove ripartire
Ha un senso che a segnare il gol che ha chiuso la stagione della Roma consegnandole...
 Dom. 20 mag 2018 
Roma, una stagione con la porta chiusa: ​18 clean sheet in campionato
REGGIO EMILIA - Si chiamano clean sheet, il solito inglesismo per dire semplicemente...
SKORUPSKI: "Migliorato anche senza giocare. Ora vorrei tornare a essere protagonista, non so dove"
SASSUOLO-ROMA 0-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA Skorupski a Roma TV Alla vigilia sembrava...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>