facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 22 ottobre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Muro Alisson: è "mister 50%". Mani brasiliane per la rimonta della Roma

Mercoledì 03 gennaio 2018
Sarà un caso che Ernesto Che Guevara e Albert Camus siano stati portieri? Forse no, forse c'è un gene che - in caso di mancato decollo - spinge l'ansia del volo a sublimarsi in altro. Ecco, Alisson Ramses Becker, invece, a 25 anni ha capito che non avrà bisogno di fare rivoluzioni o scrivere romanzi per conquistare il mondo. Nel suo piccolo, infatti, il portiere brasiliano lo sta già facendo e grazie a lui la Roma ha trovato un tesoro.

STAGIONE SUPER - Se la squadra giallorossa ha la migliore difesa del campionato (12 gol al passivo), gran parte del merito va proprio ad Alisson, che in ben 9 delle 18 partite del girone d'andata (il recupero con la Samp si disputerà a gennaio) non ha subito neppure una rete. Non basta. Se pensiamo che anche in 3 dei 6 match giocati nel raggruppamento di Champions il portiere è uscito imbattuto, si capisce come - dopo una stagione da riserva di Szczesny - abbia ormai metabolizzato il calcio italiano, perché non subire gol in 12 partite su 24 (50% del totale) significa fare assai bene il proprio mestiere.

SIRENE EUROPEE - Con queste premesse, non sorprende che tanti grandi club europei abbiano messo gli occhi su di lui. Radio mercato fa già tre nomi importanti, sia pure con sfumature assai diverse: Liverpool, Barcellona e Psg. Ovvio che di tutto questo, eventualmente, se ne parlerebbe solo in estate e, soprattutto, solo se arrivasse un'offerta irrinunciabile. Basti pensare che Ederson, vice del giallorosso nella nazionale brasiliana, è stato pagato dal City circa 40 milioni di euro, mentre Alisson è costato quasi 8,5 milioni ed ha un ingaggio intorno a un milione e mezzo. Per questo ad esempio il Liverpool - in procinto d'incassare oltre 100 milioni per Coutinho - potrebbe sacrificare Mignolet per arrivare al brasiliano. Più sfumata la posizione del Barcellona, che comunque lo segue. Al momento Ter Stegen sta disputando una grande stagione, ma occorrerà arrivare ai titoli di coda per scoprire se gli esiti saranno davvero così eccellenti come le premesse. Tutto sommato perciò, al solito, occhio al Psg. Vero che uno degli obiettivi - oltre a Oblak - resta Donnarumma, ma il portiere del Milan dovrà confermare tutte le proprie potenzialità, perché la società parigina - da quando ha giubilato Sirigu - non riesce a trovare pace proprio per il ruolo di portiere. Inutile dire che Alisson piace parecchio e poi, in sovrappiù, avrebbe anche il fascino di essere il titolare della nazionale brasiliana che - tra Marquinhos, Thiago Silva, Dani Alves e Neymar - al Psg sembra di casa, tanto più che all'orizzonte c'è il Mondiale del 2022 in cui i massimi rappresentanti del Qatar cercheranno vetrina.

AMORE ROMA - Occhio però, perché strappare Alisson da Roma non sarà facile. «È un sentimento unico essere il numero uno della Seleçao - ha detto al Messaggero pochi giorni fa -. ma non è solo questo che desidero. Voglio che mia figlia un giorno scriva su Google e e legga: Alisson Becker, campione del mondo con il Brasile, ha vinto lo scudetto con la Roma. Questo conta nella vita: non solo guadagnare soldi, ma lasciare il segno dove hai giocato». A Roma lo sta facendo.
di M. Cecchini
Fonte: Gazzetta dello Sport

Rassegna Stampa - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Dom. 21 ott 2018 
Dzeko furioso con De Sanctis per... l'erba del campo
Il bosniaco nervosissimo nei momenti dell’espulsione di Milinkovic-Savic: frasi irripetibili e una bottiglietta lanciata lontano
Roma-Spal 0-2, Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: ROMA-SPAL 0-2 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI
La Roma incompiuta: tanti giovani e nessun leader
C'è un sentimento infido, probabilmente incosciente, in Eusebio Di Francesco quando...
Altro che fortino: Olimpico terra di conquista
La prima sconfitta casalinga di questa stagione fa riaffiorare l'incubo Olimpico...
Nervi, stanchezza e due gol divorati: Dzeko rivede il tunnel
In 5 giorni è cambiato tutto. Difficile pensare che l'Edin Dzeko meraviglioso di...
E' tornata Rometta: crisi di crescita, molle, distratta. E DiFra sbotta
La crisi sembrava alle spalle, ora la Roma ritorna quasi al via. Nn un colpo, le...
Presunti fenomeni e mestieranti da rottamare
Una cosa, se non altro, adesso è chiara: la Roma non può fare a meno dei suoi vecchi....
Pallotta voleva mandare tutti in ritiro: stop di Baldini
Edin Dzeko prende una bottiglietta - durante la sosta per l'espulsione di Milinkovic-Savic...
Roma, peggio di prima
Se questa è la Roma, capace di perdere in casa contro la Spal (0-2), serve a poco...
Il commento amaro di Pallotta: "Mi è tornato il disgusto"
Il presidente della Roma, da Bostonm ha ribadito lo stesso stato d’animo del dopo Bologna in seguito al ko casalingo contro la Spal di Semplici
 Sab. 20 ott 2018 
Defrel: "A Roma sono andato male, su di me leggevo cose brutte"
Gregoire Defrel, ex attaccante della Roma, ora alla Samp, ha rilasciato un'intervista...
Roma, crocevia Champions
Aria di Champions. A Trigoria c'è un respiro nuovo, non soltanto per l'imminente...
Le cinque giornate di Eusebio
Cinque partite per valutare la Roma di Eusebio Di Francesco sotto tanti punti di...
DiFra lancia Luca, l'altro Pellegrini: "Viene su bene"
Il suo erede - e amico - in Primavera, Riccardo Calafiori, sta combattendo una sfida...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>