facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 16 luglio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Inter, stavolta un punto: con la Lazio finisce 0-0

La squadra di Spalletti dopo tre sconfitte consecutive trova almeno un pari che mantiene immutate le distanze in ottica Champions
Sabato 30 dicembre 2017
Un punto a testa e la corsa alla Champions resta apertissima. Inter-Lazio finisce 0-0 e il punto a testa lascia tutto inalterato in vista del girone di ritorno.

PRIMO TEMPO — Santon terzino sinistro è l'ultimo ballottaggio risolto da Luciano Spalletti. La sua Inter si infila nel conosciuto 4-2-3-1 per la sfida alla Lazio che vale moltissimo in chiave Champions League. Simone Inzaghi si tiene Immobile come terminale da raggiungere attraverso le incursioni di Milinkovic-Savic e Luis Alberto. Servono 20' per aprire una partita che alla vigilia avrebbe dovuto fornire spunti e ritmo. Il destro di Milinkovic-Savic dal limite è il primo squillo del tardo pomeriggio: Handanovic devia in corner. La partita però non offre ancora il volto del dominatore e così si naviga a vista. Al 30' Borja Valero trova Perisic tutto solo nel cuore dell'area e il suo destro di controbalzo incoccia Strakosha che alza sopra la traversa. A conti fatti, va più vicino al gol la squadra di Spalletti rispetto a quella di Inzaghi. La vera emozione del primo tempo però riguarda l'infortunio di Ranocchia che dopo uno scontro prova a restare in campo dopo due controlli medici in pochi minuti. Il centrale finisce il primo tempo e tiene in ansia Spalletti che, a parte il Primavera Lombardoni, non ha più centrali a disposizione se non adattare Santon. L'auto-traversa di Borja Valero di testa su calcio d'angolo laziale chiude un primo tempo decisamente meno sfolgorante del previsto sullo 0-0.

LA RIPRESA — Si riprende con Ranocchia al centro della difesa e tutti gli altri 21 dell'avvio. L'avvio è nerazzurro, l'Inter tiene il gioco e al 12' il destro di Borja Valero dal limite costringe Strakosha al corner. La pressione interista è positiva e allo stesso tempo arruffona, conseguenza anche della buona volontà che si scontra con l'ordine laziale. Inzaghi al 13' toglie Lulic e inserisce Lukaku sulla sinistra lasciando immutato il piano tattico. Al 15' il suddetto ordine laziale disegna una serie di scambi in rapida successione che porta Immobile al cross in area. Skriniar prima colpisce con la gamba, poi con la mano. Per Rocchi è rigore, ma i colleghi del Var lo invitano a rivedere il tutto. Pochi secondi e l'arbitro della sezione di Firenze cancella la decisione riprendendo con la palla contesa che l'inter restituisce alla Lazio. Inzaghi cambia Luis Alberto con Felipe Anderson: il tasso qualitativo, se possibile, aumenta. La prima mossa spallettiana porta il numero 10, quello di Joao Mario che prende il posto di Candreva. Il portoghese, eroe al contrario del derby di Coppa Italia, va a piazzarsi a destra. La Lazio esplode un colpo con Felipe Anderson che al 28' con un diagonale chiama Handanovic a distendersi. Cala l'attenzione difensiva in casa interista e Parolo trova un pallone orfano in area: la conclusione incontra i guanti del portiere sloveno.

FINALE CALDO — Un'altra incomprensione, questa volta a centrocampo con Joao Mario protagonista, lancia la lazio negli spazi. L'assist di Immobile per Anderson al centro sfiorisce sul fondo. Adesso Inter-Lazio è più godibile con i nerazzurri che soffrono le secondo palle e la reattività avversaria, ma che con l'aiuto degli oltre 60 mila spettatori del Meazza provano a vincere la gara. La sensazione è suffragata dalla scelta di Spalletti che al 38' toglie Cancelo per inserire Dalbert. Il brasiliano resta a sinistra, Santon va dalla parte opposta. Inzaghi non si accontenta: dentro Nani per Milinkovic-Savic, velocità per andare a vedere cosa c'è dietro la difesa nerazzurra. Il colpo di testa di Perisic e il sinistro dello stesso Nani sono le due occasioni a cavallo del 39'. L'ultima sostituzione interista riguarda Brozovic che prende il posto di Borja Valero al 40'. La partita non svolta e lo 0-0 finale è di più di gradimento all'Inter che chiude il girone d'andata al terzo posto con due punti sulla Roma e quattro sulla Lazio, entrambe con una gara in meno, ma non così scontate contro Sampdoria e Udinese.
di Matteo Brega
Fonte: Gazzetta dello Sport

Coppa Italia - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Ven. 13 lug 2018 
Calciomercato Roma, UFFICIALE: Crisanto alla Pistoiese
Come annunciato stamattina in Conferenza Stampa dal presidente, la Us Pistoiese...
 Mer. 11 lug 2018 
Effetto CR7, la A sale di livello: crescono tecnica e grandi incassi, ma i diritti tv...
Cristiano Ronaldo alla Juve è qualcosa che riguarda l'intero calcio italiano, un...
 Lun. 09 lug 2018 
 Sab. 07 lug 2018 
Berardi-Di Francesco: più di un'intesa
Il club giallorosso pronto a regalare all’allenatore il suo pupillo. L’esterno ha assicurato al tecnico che considera solo la Roma. Con il Sassuolo si lavora sulle contropartite: la stretta è vicin
 Gio. 28 giu 2018 
Ritiro Roma, il 20 luglio primo test estivo: triangolare con Frosinone e Avellino
Aspettando le amichevoli di prestigio negli Usa, la Roma affronterà non lontano...
 Lun. 25 giu 2018 
Roma, Santon divide ma pochi hanno vinto quanto lui
Il 27enne terzino, ex golden boy del calcio italiano arrivato dall'Inter, è stato accolto con scetticismo dai tifosi nonostante una bacheca da record che ne farà uno dei calciatori più titolati della rosa di Di Francesco
 Gio. 21 giu 2018 
MIRANTE, visite mediche a Villa Stuart: "Felice per questa nuova avventura"
Quinto acquisto di Monchi in questa finestra di mercato estiva. Il direttore sportivo...
Ecco Zaniolo: dallo svincolo della Fiorentina ai 3 milioni dell'Inter dopo la B
La Supercoppa a gennaio, il Torneo di Viareggio a marzo, lo scudetto un paio di...
 Mar. 19 giu 2018 
Dall'arrivo al rinnovo, l'anno ruggente di Di Francesco
Il precampionato fra alti e bassi, poi un ottimo esordio. Il primo posto nel girone di Champions. Il male d’inverno e le notti magiche di Coppa
 Lun. 18 giu 2018 
Serie A, le date della stagione 2018/2019
La Serie A 2018/2019 prenderà il via il 19 agosto, per concludersi il 26 maggio...
 Lun. 11 giu 2018 
Ministro Alalshikh: "Volevo De Rossi in Arabia Saudita. Acquistare la Roma? Chissà un giorno..."
A 36 anni guida il ministero dello sport dell’Arabia Saudita ed è il leader della Lega dei 57 Paesi musulmani: “Mi interessa acquistare un club in Europa e il club giallorosso è sempre stato nel mio cuore”
 Dom. 10 giu 2018 
Il calcio è solo di chi lo paga: la furia della Rai con la Lega
E così, dalle trattative in corso sui diritti del calcio in tv, si intravede la...
 Ven. 08 giu 2018 
Lobont: "Il 26 maggio? Ci ha pure aiutato a crescere. Alisson è il portiere più forte del mondo"
L’ex portiere giallorosso aggiunge: “Di Francesco è come un sarto che deve fare un abito su misura”
 Lun. 04 giu 2018 
Strakosha, battibecco social con i tifosi della Roma: poi le scuse
Tutto comincia con alcune dichiarazioni di Thomas Strakosha ai media albanesi: «Sarei...
 Dom. 03 giu 2018 
Calciomercato Roma, porte girevoli. La porta va blindata
Nessun lutto cittadino come un anno fa per Totti né lacrime in mondovisione, ma...
 Sab. 02 giu 2018 
Lobont, non è solo "Ciao Roma": smetterà
Aveva giocato nella Fiorentina e da due stagioni era tornato in patria per difendere...
 Ven. 25 mag 2018 
De Rossi: "Di Francesco scelta vincente. Rimasto a Roma per merito di Monchi"
"Il prossimo anno proveremo a dar fastidio alla Juventus. Under? Vedo il nuovo Salah. Senza Totti inizio scioccante"
 Mer. 23 mag 2018 
Roma, estate spallettiana
Niente montagna: ritiro a Trigoria come accadde nel 2007 e nel 2008. Mexes ricorda: “Al Bernardini c’è tutto, lavorammo bene e i risultati arrivarono”
 Lun. 21 mag 2018 
IMMOBILE risponde agli sfottò: "I trofei tocca vincerli, non basta andarci vicino"
Ciro Immobile risponde agli sfottò dei romanisti dopo la bruciante sconfitta contro...
Roma, il futuro è cominciato: avanti con Di Francesco inseguendo un'idea
Ci sarebbero tutti i presupposti per fare festa. Si potrebbe fare per la vittoria...
 Dom. 20 mag 2018 
Totti presidente: la scelta giusta
Siamo arrivati alla fine, passando per una Coppa Italia disastrosa, una Champions...
Roma per il podio
La campanella è suonata ma bisogna restare in classe. C'è un clima da vacanza nella...
 Sab. 19 mag 2018 
BENATIA: "Il momento più bello della stagione è stato il gol contro la Roma"
Mehdi Benatia, difensore della Juventus, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni...
Sassuolo-Roma, la via del mercato
C'era una volta Eusebio di Francesco e c'era una volta il Sassuolo, avversario di...
 Gio. 17 mag 2018 
Roma, i rimandati all'esame di futuro
C'è un mercato (passato) dentro il mercato (futuro). In teoria, la Roma del futuro...
 Mer. 16 mag 2018 
Sistema Raiola, affari e insulti: Figc apre indagine
Si muove anche la giustizia sportiva. Dopo gli insulti alla Figc ("fa schifo") e...
La finale che monsieur Garcia non è riuscito a dare alla Roma
Stasera a Lione l’ex tecnico giallorosso si gioca l’Europa League contro l’Atletico di Simeone
 Mar. 15 mag 2018 
Skorupski: "Vado via per giocare". E stoppa la moglie-modella...
In campo solo una volta in Coppa Italia, il portiere polacco fa le valigie. Su di lui Genoa e Bologna. Così sulla moglie cui avrebbe chiesto di non fare più l'indossatrice: "Non volevo che altri la vedessero in costume o intimo"
Roma, il gennaio nero che ha creato la distanza con la Juve
Tra lo scontro diretto a Natale e l’inizio di febbraio, Di Francesco ha ottenuto 3 punti in 6 partite, la Juve invece 18 su 18: ecco il gap
 Lun. 14 mag 2018 
Nedved: "Siamo animali. Le polemiche ci hanno caricato"
Il vicepresidente della Juventus racconta le difficoltà di inizio stagione: «Il Napoli ci ha dato una motivazione in più, vincere così tanto è disumano»
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>