facebook twitter Feed RSS
Martedì - 25 settembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

DI FRANCESCO: "Schick l'ho cambiato per i troppi errori. Dzeko? Anche io mi chiedo perché non segni"

ROMA-SASSUOLO 1-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA EUSEBIO DI FRANCESCO: "Siamo stati sottotono e non possiamo permettercelo. Mi chiedo anche io perché Dzeko non faccia gol. Uscire dalla Coppa Italia ci ha tolto qualcosa dal punto di vista mentale. Schick? Al di là dei sintomi influenzali l'avrei cambiato ugualmente, era fuori dal contesto della partita. Troppi errori da punto di vista tecnico"
Sabato 30 dicembre 2017
DI FRANCESCO A MEDIASET PREMIUM

Questa Roma non sa più vincere?
"Non abbiamo gestito bene il vantaggio. Potevamo chiudere prima la gara, il Sassuolo ha disputato un'ottima gara, noi un po' sottotono. Abbiamo sbagliato troppo nel palleggio e nelle scelte finali e per una squadra che ambisce alto non si può permettere."

C'è un po' di stanchezza o può capitare?
"Ci può stare, non siamo brillantissimi ed efficaci come possiamo esserlo. Abbiamo creato occasioni e fatto gol, ma andava gestito meglio. Andava concretizzata la mole di gioco che facciamo, erano immediati nelle ripartenze, più nel primo tempo, abbiamo preso gol paradossalmente con la difesa schierata. Peccato, ma non siamo stati brillantissimi nelle scelte."

E' un problema di condizione fisica?
"A volte anche mentale, alcuni giocatori hanno spinto e fatto bene, ma nella lucidità nell'ultimo passaggio, nel chiudere i tanti cross fatti, non siamo stati brillanti e determinati."

E' inquietante il digiuno di Dzeko. Che succede?
"Ha delle grandissime potenzialità, mi dispiace non riesca a fare gol. E' un peccato, ha provato anche conclusioni importanti e non è riuscito a segnare. Mi auguro che si sblocchi, è importante farlo giocare."

Ancora non hanno capito il suo modulo?Mi sembra che Dzeko non sia più spensierato...
"Lui si mette a disposizione della squadra e toglie qualcosa dalla capacità di fare gol. E' uno dei calciatori che tira di più, è importante, il fatto che non faccia gol è un qualcosa che ti frena, si deve sbloccare. Quando vincevamo e passavamo la Champions digeriva il modulo, non è che adesso non lo fa più. Oggi non siamo stati tanto lucidi nell'ultimo passaggio, le percentuali d'errore nel primo tempo sono state alte."

Non sei riuscito a fare pressing alto?
"Sì, perché le squadre che ci affrontano pensano subito di metterla lunga, che può essere un vantaggio. Nel primo tempo, nei nostri disimpegni e palleggi, loro ripartivano velocemente e non riuscivamo a fare la superiorità numerica. Dovevamo sfruttare di più le corsie esterne."

Non è il caso di utilizzare il 4-3-1-2 con Schick?
"Le cose vanno allenate. Abbiamo fatto bene, è una settimana particolare con queste tre partite. Uscire dalla Coppa Italia ci ha tolto qualcosa dal punto di vista mentale. Tutti i sistemi sono validi se si ha voglia di far gol e lavorare insieme, ma vanno tutti allenati."

*** *** ***


DI FRANCESCO A SKY

Le sbavature difensive determinano i risultati?
"La partita di oggi sì, in quelle precedenti in cui abbiamo creato abbiamo comunque pareggiato o vinto al 94esimo contro il Cagliari. Bisogna dire che anche con quello che creiamo siamo poco bravi a concretizzare, oggi dovevamo difendere meglio questo gol di vantaggio come fatto in altre occasioni nel secondo tempo dove siamo stati più qualitativi e puliti nel palleggio avevamo l'opportunità di chiuderla e non l'abbiamo fatto. Nel primo tempo il Sassuolo ha fatto meglio, dovevamo essere più bravi a sfruttare le corsie esterne con maggiore qualità."

La coppia Dzeko-Shcik è un peso per il gruppo?
"Togliamo il discorso di Schick, che è poche partite che sta giocando ma oggi non ha fatto una buona gara. Questo non giustifica che non possano giocare insieme. Dzeko ha fatto un gran gol annullato e si è messo a disposizione della squadra. Ha fatto salire la squadra, il Sassuolo ha cercato di isolare gli attaccanti, fa parte del gioco del calcio. Edin non è un contropiedista, va reso pericoloso. Lo facciamo spesso, ma oggi bisogna fare una critica, abbiamo creato meno del solito ma avremmo potuto vincere se fossimo stati più attenti ad andarla a chiudere."

Schick ha avuto problemi fisici?
"Schick non era brillante ma questo non giustifica la sua sostituzione, non è stato brillantissimo e spesso non è stato lucido nelle scelte. Deve crescere, ha dimostrato di avere qualità ma deve dimostrare di avere la maturità psicologica."

State pagando qualcosa dal punto di vista atletico?
"Ci sta, valutiamo questa cosa di non essere stati brillanti. Non dobbiamo nasconderci. La poca brillantezza ti porta a sbagliare le cose più facili, è una partita in cui abbiamo avuto 2-3 occasioni per chiuderla e abbiamo dimostrato di non aver avuto la lucidità di poterlo fare."

*** *** ***



DI FRANCESCO ALLA RAI

E' arrabbiato per l'atteggiamento della squadra?
"Siamo stati poco brillanti e lucidi. Nel secondo tempo abbiamo fatto meglio ma non abbiamo saputo gestire il risultato. Stiamo in calo, rispetto ad altre partite però meritavamo di vincerla."

Schick?
"Non stava benissimo, oggi come oggi però l'esame non è stato superato."

Troppi pochi gol...
"Sono d'accordo, se si vuole ambire a rimanere attaccati alle squadre di vertice bisogna segnare di più. Oggi non siamo stati cinici e determinati nel voler chiudere la partita. Edin si è messo a disposizione della squadra, ma non riesce a fare gol, dispiace perché ci mancano i suoi gol. Se vogliamo arrivare in alto deve riuscire a segnare almeno 20 gol."

Problema Dzeko quindi...
"E' un periodo che è poco fortunato, non credo che gli vada messa la croce, è ovvio che ci mancano i suoi gol come anche quelli di Nainggolan, che l'anno scorso segnava da qualunque posizione tirasse."

*** *** ***


DI FRANCESCO IN CONFERENZA STAMPA

Primo pareggio all'Olimpico in campionato. Il lavoro che state facendo non ha dato i suoi frutti.
"Pare di sì. Non conosco altro modo che cercare d'insistere su quello che è il lavoro che stiamo facendo, che va al di là del sistema di gioco, che sono puramente numeri. Creiamo situazioni favorevoli, oggi paradossalmente molto meno e abbiamo fatto gol con un ottimo Sassuolo. Sapevamo che ci avrebbe concesso un po' di palle in ampiezza, ripartendo con velocità. Nel secondo tempo abbiamo fatto meglio del primo e abbiamo preso gol. Abbiamo avuto difficoltà nel primo nella manovra per tanti errori tecnici nostri. Non so se è un problema di brillantezza, lo valuteremo per cercare di rimetterci in carreggiata. Ci manca ancora qualcosa per competere con le grandi squadre dal punto di vista della determinazione in alcuni momenti della gara. Le partite vanno chiuse, oggi abbiamo avuto un paio di palle contro una squadra in salute che ti può far soffrire e al primo tiro ci hanno fatto gol."

Manca qualcosa per competere con le altre a livello di organico?
"Di organico ne parleremo nel momento opportuno durante il mercato. Questa squadra ha fatto molto bene fino alla fastidiosa eliminazione con il Torino che ce la stiamo portando dietro e la susseguente sconfitta con la Juve. E' un pareggio che dà fastidio. Avevamo solo un modo per venirne fuori che era la vittoria, non l'abbiamo fatto e la colpa è solo nostra. Al di là delle occasioni e dei 2 gol annullati dalla Var che ci potevano stare, anche se uno era al limite, dobbiamo continuare lavorare e a migliorare, per dare forza ai nostri attaccanti. Per tornare a essere competitivi abbiamo bisogno dei loro gol e cercherò di fare altro per metterli in condizione di segnare."

La sostituzione di Schick dopo 3 minuti? La sua prova?
"Potevo toglierlo durante l'intervallo però come avete visto c'erano situazioni a rischio. Lui non si sentiva a postissimo, De Rossi ha avuto un problema e Manolas l'ho dovuto sostituire. Quando fai due cambi insieme a fine primo tempo rischi, volevo fare un cambio iniziale, poi ho visto dopo i primi due palloni che non c'era e ho optato per toglierlo. Cambia poco nella sua prova generale toglierlo al 45esimo o al 48esimo. La sua prova? E' un ragazzo giovane che vive in un ambiente particolare. In questa settimana ha dato troppo attenzione a quello che si dice e che si scrive. Doveva leggere e sentire un po' meno, dando più attenzione a quello che fa lui. Stare seduti ovviamente è più facile, ma capisco che è una difficoltà non solo fisica ma anche psicologica."

Quando dice che dovevate chiuderla e manca qualcosa che la squadra non riesce a fare, è un problema di personalità?
"Ha dimostrato in tante occasioni grande personalità. Manca continuità nelle prestazioni e convinzione in quello che facciamo. Ci vuole uno psicologo forte forte a ‘sto giro qua. Capire questa squadra che crea tanto e mette attaccanti e centrocampisti in condizione di fare gol... dicevamo in conferenza che mancano i gol dei centrocampisti, ha segnato un centrocampista e manca il gol dell'attaccante. Facciamo fatica a fare gol, è un dato oggettivo, è inutile nascondersi. Dobbiamo migliorarci e lavorare, abbiamo una partita importante. Dobbiamo fare della valutazioni. Prima facevamo gol con facilità, adesso facciamo fatica ed è inspiegabile."

VAR?
"Ribadisco per l'ennesima volta che la VAR non mi piace. Quando ci sono errori dà più fastidio. C'è chi l' ama, io no. Guardate oggi il gol di Florenzi, sono questioni di millimetri o centimetri."

Come si valuta un blocco? C'è fallo o no?
"Non c'è uniformità sugli episodi, solo questo"

*** *** ***


DI FRANCESCO A ROMA TV

L'analisi della partita?
"Paradossalmente quando abbiamo fatto meglio sul punto di vista della manovra nel secondo tempo non siamo riusciti a chiuderla, siamo andati avanti forse anche non meritatamente per i tanti errori tecnici. Abbiamo trovato una squadra in salute con grande qualità nel ripartire in verticale ma noi siamo mancati nella gestione di certi palloni che una squadra che vuole diventare grande deve avere per forza."

Il cambio di Schick?
"Al di là dei sintomi influenzali l'avrei cambiato ugualmente, era fuori dal contesto della partita. Troppi errori dal punto di vista tecnico, serviva un giocatore fresco. Avendo dovuto fare un cambio forzato per la botta di Manolas ho aspettato un attimino."

Come spieghi gli errori in palleggio?
"Questo è accaduto tanto nel primo tempo, meno nel secondo. Abbiamo sbagliato il 50% di palle, sono tutte facili e solitamente non le sbagliamo. Non me ne capacito, forse c'è stata poca brillantezza. Avevo visto in settimana una squadra vogliosa in vista di questa gara."

Cosa dirai ai ragazzi ora?
"Diventa assurdo buttare all'aria il lavoro fatto, il Sassuolo ha usato poco il palleggio ma molta verticalità. Questo non permette di recuperare palloni nella metà campo avversaria. Comunque noi dobbiamo essere maggiormente qualitativi, cercherò di fare un discorso sia fisico sia mentale di squadra. Manca sempre qualche gol degli attaccanti, mancano da troppo. Tutte le squadre che ambiscono a grandi traguardi hanno bisogno dei propri attaccanti."

Valutazione complessiva del 2017?
"Toglierei solo gli ultimi 15 giorni, a partire dalla Coppa, sono venuti meno i risultati e le prestazioni. Anche con la Juve abbiamo fatto meno di quello che mi aspettavo."

Nainggolan - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Lun. 24 set 2018 
La Roma è sparita, Di Francesco in bilico. Anatomia di una crisi
Tutti sotto accusa: le parole dell'allenatore dopo la sconfitta di Bologna sembrano titoli di coda. Società e squadra a un bivio: o si riparte subito o si cambia
Di Francesco a rischio: si gioca tutto in una settimana
La posizione del tecnico abruzzese è appesa ad un filo. Frosinone, derby con la Lazio e Plzen in Champions sono le tappe per salvare la panchina. Squadra in ritiro da ieri sera
 Ven. 21 set 2018 
Codice DiFra. Roma, le scelte del tecnico bocciano il mercato estivo
No, questo mercato non mi è piaciuto. Non lo dirà (forse) a parole, ma lo fa capire...
 Gio. 20 set 2018 
Calciomercato, ag. Tonali: "La Roma si è mossa con il Brescia. A Cellino ricorda Nainggolan"
Roberto La Florio, agente di Sandro Tonali, ha parlato del suo assistito. Ecco uno...
Una piccola squadra senza gioco e anima
Le indiscrezioni estive, da qualche ora, sono diventate verità. Si diceva, nel mese...
Monchi ammette: "Tutta colpa mia, sono preoccupato"
Monchi comincia a parlare appena al Bernabeu finiscono i cori dei tifosi della Roma...
 Mer. 19 set 2018 
PELIZZOLI: "La Roma può prendere almeno un punto al Bernabeu"
Ivan Pelizzoli, ex portiere della Roma, ha rilasciato un'intervista ad AS. Eccone...
Vucinic: "Dzeko al Bernabéu ha tutto per ripetere la mia notte magica"
Sono passati 10 anni da quella notte magica a Madrid, ma il cuore è ancora romanista: “Vincono i giallorossi 1-0”
Roma, voglia di notti Real
Spazio a chi sta meglio, mentalmente e fisicamente. Così conferma per Under che, escluso Dzeko, ha più minuti dei compagni d’attacco
 Mar. 18 set 2018 
The Champioons, si riparte. Juve, sei da coppa. Roma, fai la Roma. Napoli-Inter è dura
[...] Nel nome di CR7 comincia la nuova Champions, il più grande spettacolo dopo...
Rivoglio il DiFra di Sassuolo. Basta con i rimpianti, ora la rivoluzione con i giovani
Se Dzeko è stanco, gioca Schick. Se cambi mezzala, entra Zaniolo. Se Kolarov arranca, tocca a Luca Pellegrini. Se le ali si afflosciano, a Kluivert. Tutti insieme? Anche, se serve
Di Francesco: "Gestire i nuovi è stimolante ma complicato. Mi aspettavo un inizio migliore"
Alla vigilia della sfida di Champions League contro il Real Madrid, il tecnico della...
Ma cos'è questa crisi?
Roma in crisi. Viaggio tra cause (evidenti) e rimedi (possibili): c'è da evitare...
Roma in crisi verso Madrid. Totti: "Andiamo dai marziani"
La crisi c'è, inutile negarla. Ha colpito i nuovi, ma pure i senatori ovvero gli...
 Lun. 17 set 2018 
Di Francesco sulla graticola. Totti predica fiducia: "A Madrid possiamo far bene"
Il tecnico giallorosso ha tanti problemi da risolvere: dal modulo più adatto ai giocatori a una condizione che stenta ad arrivare. L'ex capitano prova a restituire serenità all'ambiente: "Dobbiamo avere la consapevolezza di essere una squadra competitiva. Se scenderemo in campo tranquilli, al Bernabeu faremo bella figura"
Bunker infranto. La difesa ora trema per l'effetto Real
Sono 7 i gol subiti finora. Nella scorsa stagione sono stati 28 in 38 partite
Sette gol per sette fratelli il bomber non è di moda
Defrel non è rimpianto dalla gens giallorossa come Alisson, Nainggolan e Strootman....
 Sab. 15 set 2018 
Inter-Parma 0-1: una magia di Dimarco condanna i nerazzurri
È amaro il rientro dalla sosta per Spalletti, non basta Icardi a mezzo servizio. I gialloblù resistono e colpiscono al 79' con il difensore cresciuto nel vivaio interista. Secondo k.o. in campionato
 Ven. 14 set 2018 
Spalletti: "Nainggolan? È uno che può fare la differenza. Farò una sorpresa a Totti"
Il tecnico nerazzurro ha parlato alla vigilia del match contro il Parma:
Perotti: "Un gol per i bimbi"
Un gol per il San Raffaele. La promessa dell'attaccante della Roma Diego Perotti...
Apatia giallorossa. Domenica meno di 30mila tifosi e a Madrid andranno solo in mille
In questo inizio stagione lo stadio Olimpico sta facendo registrare un clima glaciale
 Gio. 13 set 2018 
Roma, l'Olimpico è semideserto. In 30mila col Chievo, mille col Real: l'entusiasmo è sparito
Sono diversi i fattori che hanno portato il tifo giallorosso a disertare le gare casalinghe, al contrario delle milanesi che registrano in questo avvio di campionato quasi il tutto esaurito
Un pallone extralarge
Ricominciamo, canterebbe Adriano Pappalardo con la sua vociona graffiante. E, francamente,...
 Mer. 12 set 2018 
Il ritorno del Ninja: Nainggolan a Roma con El Shaarawy, Dzeko e De Rossi
Nonostante le vicende di mercato estive, il legame che tiene uniti Radja Nainggolan...
Bryan e Lorenzo: Roma sul tandem
Stando a quanto stilato dall'Osservatorio sul calcio, Bryan Cristante è il terzo...
 Mar. 11 set 2018 
Pastore si è già smarrito: il polpaccio lo tradisce ancora ed è 'giallo' sul prezzo
Nove infortuni in 12 mesi. Se non è un record, poco ci manca. E così Javier Pastore,...
 Lun. 10 set 2018 
Cies, Cristante il terzo miglio acquisto d'Europa per qualità-prezzo. Flop Pastore
Bryan Cristante è il terzo miglior acquisto europeo della sessione estiva del mercato....
 Sab. 08 set 2018 
Ricerca dell'anima e fiducia del club, Di Francesco rilancia
Il tecnico festeggia oggi i suoi 49 anni. Punta a recuperare quell’anima di squadra già invocata, forte del sostegno della società, che ne apprezza le qualità
 Ven. 07 set 2018 
Quale futuro per Florenzi?
È sufficiente un sinonimo per ribaltare la prospettiva, per mettere nuovamente in...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>