facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 18 ottobre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

DZEKO: "Siamo un gruppo bellissimo. Ero molto triste quando è andato via Sabatini"

"L'addio di Totti al calcio? Gara più emozionante degli ultimi anni per i romanisti. Monchi? Darà un gran futuro alla Roma. Ho giocato in Germania e in Inghilterra, ma questo è un gruppo bellissimo. Nainggolan è importantissimo per noi. Contento di aver giocato con Totti, Di Francesco è un grande allenatore"
Giovedì 28 dicembre 2017
Edin Dzeko è stato il protagonista dello slideshow di oggi, in onda dalle 17.10 su Roma TV, durante il quale ha ripercorso il 2017 della Roma. Ecco un'anticipazione.

Sul derby
"È stata importante vincerlo perché lo scorso anno abbiamo perso quello di coppa ma bisogna guardare sempre al futuro. Contentissimi per come l'abbiamo giocato e vinto con i gol di Perotti e Nainggolan".

Il gol contro la Sampdoria
"Il gol dell'uno a zero, nel secondo tempo, con il portiere che non è riuscito a mettere il piede".

La tripletta col Villarreal?
"Prima tripletta in Europa, una gara bellissima per la squadra e per tutti noi. Il Villarreal è una squadra forte, forse era anche favorita a casa. Emersone fece un gol straordinario, col destro, e io feci altri 3 gol. Vittoria meritata".

La vittoria contro l'Inter
"Due gol bellissimi di Nainggolan, non è mai facile vincere a Milano. Radja è un giocatore importantissimo per noi, abbiamo visto che anche la società la pensa così, avendo prolungato il suo contratto. Sono contento perché fa bene giocare con lui, anche al livello di personalità".

Il derby di Coppa Italia?
"Una brutta sconfitta, non vogliamo guardare indietro. Giocare 4 big match in 10 giorni è difficile. Vincemmo 3-1 a Milano, poi Lazio e Napoli di seguito. Eravamo un po' stanchi"

Il Lione in Europa League
"Abbiamo iniziato molto bene, abbiamo avuto qualche occasione con Kevin. Un'occasione anche con Rüdigere poi abbiamo preso un gol che ha cambiato tutto. Nella prima partita, prendere il gol all'ultimo ha cambiato tutto. Non è possibile nemmeno prendere 3 gol".

Monchi
"Ero molto triste quando è andato via Sabatini, che mi ha portato alla Roma. Poi è venuto Monchi, che conosciamo tutti. Ha fatto grandi cose a Siviglia e sono stato subito felice. Quando vedi tutto quello che ha fatto, sei sicuro che la Roma avrà un gran futuro. Ha portato giocatori forti e anche il mister. Speriamo di vincere qualche trofeo con lui".

Il campionato scorso
"Abbiamo perso qualche punto di troppo come a Cagliari dove dal 2-0 per noi abbiamo finito 2-2. Poi a Empoli, dove non abbiamo segnato nonostante le grandi occasioni e poi anche la partita contro la Samp. Abbiamo fatto il record di punti ed era difficile con questa Juve, peccato".




L'addio di Totti?
"Dovevamo vincere per forza per arrivare secondi e andare in Champions. Abbiamo preso gol dopo 10-15 minuti e poi abbiamo fatto l'uno a uno. Sbagliammo qualche occasione, nel primo tempo, e diventammo più nervosi nella ripresa. Totti entrò al quarto d'ora della ripresa, facemmo poi il 2-1 e lì pensai che fosse fatta per noi ma prendemmo un altro gol. Con tanta fortuna, Perotti segnò poi il 3-2 e fu poi più facile celebrare Totti. Tutti i tifosi sono stati felici per quella vittoria ma anche tristi per l'addio del giocatore più grande che Roma abbia mai avuto. Sono contento di aver potuto giocare con lui. Lo dissi anche lo scorso anno, peccato non essere venuto prima, peccato non aver giocato con lui prima quando era anche più giovane perché avrei fatto tanti più gol con lui. Sono stato contento di aver giocato due anni con lui. Prima o poi bisogna terminare la carriera ma non è facile. Non voglio nemmeno pensare a quando finirò io. Il primo anno dopo l'addio deve essere molto dura".

Di Francesco
"Ha fatto grandi cose col Sassuolo, portandolo in Europa. Siamo contenti di averlo qui, è un grande romanista e, dopo quasi 6 mesi, si vede che grande allenatore sia".

Il gol di Kolarov all'Atalanta...
"Prima partita e primo gol, sono molto contento che è venuto qua. E' un mio grande amico ma sapevo che era anche un grande giocatore che può solo portare la Roma ha livelli più grandi. Si vede sul campo, abbiamo giocato insieme 4 anni e mezzo al City e speriamo di restare a lungo qui a Roma."

Spalletti...
I primi sei mesi con lui non erano facili, una volta giocavo e l'altra no ma è un grande allenatore. Ha fatto il record di punti e speriamo che mister Di Francesco ne faccia di più portando qualche trofeo. Ma anche grazie a lui sono diventato capocannoniere, il gioco che sviluppa fa bene agli attaccanti, si vede anche con Icardi. Contro l'inter siamo stati sfortunati, abbiamo preso tre pali e poi il pareggio. Purtroppo è andata in un'altra direzione e abbiamo perso, ma anche quando perdi devi subito guardare avanti e imparare dalle sconfitte come abbiamo fatto. Dopo quella partita abbiamo fatto cose straordinarie, passando in Champions League e in campionato siamo lì davanti.

Il gol al Milan...
"Ero arrabbiato, meno male che mi hanno fatto arrabbiare perché poi ho fatto questo bellissimo gol contro una squadra con giocatori forti. Abbiamo vinto una partita equilibrata."

Col Napoli...
"Abbiamo perso, loro hanno giocato bene il primo tempo, noi meglio nella ripresa ma purtroppo non siamo riusciti a fare l'1-1. Come ho detto dopo ogni sconfitta devi imparare qualcosa e sicuramente lo abbiamo fatto. In questa partita non siamo riusciti a fare bene il pressing, il mister ha analizzato tutto e abbiamo capito che on andava, il pressing va fatto tutti insieme e dopo abbiamo visto che abbiamo pressato insieme e questo porta altre vittorie."

La doppietta al Chelsea...
"Kolarov mi guardava, io gli ho detto di metterla sul primo palo. Ho fatto un movimento, ero in fuorigioco perché se fossi rimasto insieme agli altri non l'avrei presa, sono rientrato e Alex ha messo la palla come volevo e come fa sempre con quel sinistro straordinario."

La doppietta di Gerson contro la Fiorentina...
"Una partita difficile fuori casa, l'anno scorso abbiamo perso 1-0 con la Fiorentina. Meritavamo di vincere ma non ci siamo riusciti, quest'anno abbiamo fatto 4 gol contro una squadra nuova, che ha comprato tanti giocatori, sono contentissimo per Gerson. Si è meritato i due gol per come ha lavorato, si vedeva che quest'anno avrebbe fatto più partite e grandi cose con noi."

Il derby vinto...
"Grande foto, vittoria e gol. Era una partita in cui la Lazio ha difeso bene e riparte in contropiede, noi non siamo riusciti a fare gol nel primo tempo. Era importante vincere perché abbiamo perso quello di Coppa, siamo contenti per come abbiamo giocato e vinto coi gol di Diego e Radja."

La Curva Sud...
"E' bello il derby con lo stadio pieno, se guardi i primi due anni con lo stadio quasi vuoto, non era il derby che mi aspettavo, ho parlato con tanti giocatori che hanno giocato in Italia e hanno detto che il derby di Roma è bellissimo. E' sempre meglio avere lo stadio pieno, speriamo che nel prossimo derby lo stadio sia ancora più pieno."

La foto di squadra dopo il derby...
"Un gruppo straordinario, ho giocato in Germania e Inghilterra ma è diverso. Anche se al Wolsfburg e al City c'erano due bei gruppi, qui siamo tutti uniti e sempre insieme. Si scherza sempre tutti insieme, una squadra e un gruppo bellissimo."

La qualificazione agli ottavi di Champions...
"Col Qarabag non era facile soprattutto psicologicamente, se avessimo vinto saremmo finiti primi, abbiamo avuto qualche occasione ma non abbiamo fatto gol. Diego l'ha sbloccata e dopo 2-3 minuti l'Atletico ha fatto gol. Ho avuto paura, se non avessimo segnato sarebbe diventato ancora più difficile, ma alla fine abbiamo vinto e aspettato la fine della partita di Londra e abbiamo esultato con i tifosi un primo posto sicuramente meritato."

Il sorteggio di Champions con lo Shakhtar...
"Non volevo Real e Bayern, perché sono più forti di noi. Le altre andavano bene, ho detto a Monchi che avremmo preso il Siviglia e lui mi ha detto "no per favore". Lo Shakthar è una squadra fortissima, hanno brasiliani e giocatori ucraini forti tecnicamente, giocano un bel calcio. le ultime due erano Bayern e Shakhtar, il Bayern è più forte di noi. Dobbiamo prepararla bene, ma sicuramente possiamo avere un vantaggio perché giochiamo la seconda acasa, speriamo con lo stadio pieno e un risultato positivo dopo l'andata."

Il 2018...
"Speriamo di stare tutti bene, dobbiamo provare a vincere più partite possibile, sperando che il 2018 sia più bello del 2017 per tutti noi e tutti i romanisti."

Spalletti - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Mer. 17 ott 2018 
Pallotta: "Mi pace molto Rudi Garcia, ma con lui la squadra stava andando alla deriva"
La replica del presidente all’intervista dell’ex allenatore al nostro giornale. «Noi costretti al cambio, con Spalletti arrivammo al terzo posto»
Nainggolan: "La fine del rapporto con la Roma? Non per colpa mia. Tra 10anni mi vedo nella Capitale"
Radja Nainggolan lo apprezzi per una tuta da fashion week che si è chiusa un quarto...
 Mar. 16 ott 2018 
Ex mental coach di Perotti: "La pressione può influire sugli infortuni. DiFra? Bravo, ma non un top"
Diego Perotti è senza dubbio uno delle grandi delusioni di questo inizio di stagione...
 Gio. 11 ott 2018 
Viaggio alle origini di Luca Pellegrini: così è nata una stella
Seduto su un muretto del campo della ‘Nuova Tor Tre Teste' Luca Pellegrini aveva...
 Mar. 09 ott 2018 
Di Francesco sceglie il made in Italy per la gioia di Totti
Magari sarà piaciuta a Silvio Berlusconi, che vuole un Monza di italiani. Di certo...
 Ven. 05 ott 2018 
DI FRANCESCO: "Empoli squadra in salute, complimenti ad Andreazzoli. Kolarov out, gioca Pellegrini"
EMPOLI-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI EUSEBIO DI FRANCESCO: "Ieri ho sentito Zeman al telefono, è stato travisato mi ha detto, non ha mai messo in discussione le qualità tecniche di Schick."
 Gio. 04 ott 2018 
Empoli-Roma, Andreazzoli ritrova i giallorossi al Castellani
Sabato il tecnico della squadra toscana si troverà nuovamente faccia a faccia con i giallorossi. Questa volta, però, per la prima volta da avversario. Con un passato turbolento alle spalle, l'allenatore ritrova il club e lo fa con un profilo diverso da quello conosciuto nella Capitale
 Mar. 02 ott 2018 
Pellegrini, il pesciolino si è trasformato in squalo
La trasformazione di un pesciolino in uno squalo. Si, nei cartoni della Disney,...
Il Cigno (nervoso) di Sarajevo vuole ricominciare da tre
Sono passati meno di due anni, eppure tutto (o quasi) è cambiato. Occhio alla data:...
 Lun. 01 ott 2018 
Pellegrini nuovo Perrotta? "Fortissimo, può farlo"
L'ex centrocampista giallorosso, campione del mondo: «È già maturo nonostante la giovane età»
Da Cristante a Dzeko: il destino si chiama Plzen
Ricomincio da Dzeko. E non potrebbe essere altrimenti. Poco importa se il bosniaco...
Eusebio: trequarti di svolta
Adesso sarebbe facile dire: Di Francesco, in 3 mosse, ha riacceso la Roma che, fino...
 Dom. 30 set 2018 
Fazio, inizio flop. Dopo il derby può tornare top?
Analisi fantacalcistica dell’inizio di stagione di Federico Fazio, autore di un grave errore ma anche del gol del definitivo 3-1 durante il derby contro la Lazio.
 Sab. 29 set 2018 
Amantino Mancini e quel tacco nel cielo del derby: "Indimenticabile"
Eh, bravo Pastore, bellissimi i due gol di tacco ma con la palla a terra sono buoni...
Spalletti: "Totti? Tanta volgarità nel suo libro"
Tra i tantissimi lettori del suo libro "Un Capitano", Francesco Totti avrà Luciano...
 Ven. 28 set 2018 
Totti e Spalletti tra insulti, minacce e una rissa sfiorata
Neanche il tempo di tornare, che la scintilla era già stata innescata. Roma-Verona,...
Roma e Lazio: scelte capitali
La Lazio non è il Frosinone, questo Di Francesco lo sa. La Roma non sarà quella...
Roma, c'è Totti for president
«Presidente della Roma? Perché no». Il passo è semplice per Francesco Totti che...
 Gio. 27 set 2018 
Totti, che bordata a Nedved: "Un piagnone allucinante..."
"Mai sopportato, ti faceva venire voglia di picchiarlo. Ma non gliel'ho mai nascosto... però era forte, mamma se era forte". Ancora una volta il libro dell'ex calciatore della Roma, "Un capitano", si conferma ricco di aneddoti e spunti piuttosto polemici...
Totti-Spalletti, altri retroscena: "A Bergamo ci separarono in quattro..."
Dalla biografia del dirigente della Roma nuovi dettagli sul tormentato rapporto con l'ex tecnico. Intanto la squadra pensa al derby e Di Francesco conferma il 4-2-3-1. Dopo Baldini, via anche l'ad Gandini
Le strane dimissioni di Baldini: colpa di Totti
Franco Baldini si è dimesso dal comitato esecutivo della Roma, pur restando consulente....
 Mer. 26 set 2018 
Nainggolan: "Crisi Roma? Faccio sempre il tifo per loro"
Il centrocampista nerazzurro: «Totti? Aver giocato con lui è stato forse uno dei momenti più belli della mia carriera»
 Mar. 25 set 2018 
Roma, avvio shock: nuovi acquisti, nessuno sufficiente
Da Olsen a Kluivert passando per Pastore, Nzonzi e Cristante: presenze, minuti e media voto in A. Neanche uno raggiunge il 6
Roma, Pallotta contro Monchi: presidente e ds divisi sulla strategia
Avanti con Di Francesco: il messaggio che arriva da Trigoria è scontato, non essendoci...
Profondo giallorosso. Di Francesco: due partite per salvarsi. In agguato Montella, Sousa e Blanc
C'è ancora un filo sottile che lega Di Francesco alla panchina della Roma, anche...
 Lun. 24 set 2018 
Pallotta: "Sono disgustato" Baldini pensa al post DiFra
«Sono completamente disgustato». Pallotta, anche se non inquadra il bersaglio (cioè...
 Sab. 22 set 2018 
La falsa partenza di Dzeko: simbolo di una squadra che ha smarrito la fiducia
Sfiduciato, nervoso, troppo spesso a testa bassa, quasi disinteressato a quello...
Confronto animato tra Di Francesco e i senatori per uscire dalla crisi
Confrontarsi fa sempre bene. Farlo con chi, grazie a qualche anno in più sulla carta...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>