facebook twitter Feed RSS
Martedì - 23 gennaio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

DZEKO: "Siamo un gruppo bellissimo. Ero molto triste quando è andato via Sabatini"

"L'addio di Totti al calcio? Gara più emozionante degli ultimi anni per i romanisti. Monchi? Darà un gran futuro alla Roma. Ho giocato in Germania e in Inghilterra, ma questo è un gruppo bellissimo. Nainggolan è importantissimo per noi. Contento di aver giocato con Totti, Di Francesco è un grande allenatore"
Giovedì 28 dicembre 2017
Edin Dzeko è stato il protagonista dello slideshow di oggi, in onda dalle 17.10 su Roma TV, durante il quale ha ripercorso il 2017 della Roma. Ecco un'anticipazione.

Sul derby
"È stata importante vincerlo perché lo scorso anno abbiamo perso quello di coppa ma bisogna guardare sempre al futuro. Contentissimi per come l'abbiamo giocato e vinto con i gol di Perotti e Nainggolan".

Il gol contro la Sampdoria
"Il gol dell'uno a zero, nel secondo tempo, con il portiere che non è riuscito a mettere il piede".

La tripletta col Villarreal?
"Prima tripletta in Europa, una gara bellissima per la squadra e per tutti noi. Il Villarreal è una squadra forte, forse era anche favorita a casa. Emersone fece un gol straordinario, col destro, e io feci altri 3 gol. Vittoria meritata".

La vittoria contro l'Inter
"Due gol bellissimi di Nainggolan, non è mai facile vincere a Milano. Radja è un giocatore importantissimo per noi, abbiamo visto che anche la società la pensa così, avendo prolungato il suo contratto. Sono contento perché fa bene giocare con lui, anche al livello di personalità".

Il derby di Coppa Italia?
"Una brutta sconfitta, non vogliamo guardare indietro. Giocare 4 big match in 10 giorni è difficile. Vincemmo 3-1 a Milano, poi Lazio e Napoli di seguito. Eravamo un po' stanchi"

Il Lione in Europa League
"Abbiamo iniziato molto bene, abbiamo avuto qualche occasione con Kevin. Un'occasione anche con Rüdigere poi abbiamo preso un gol che ha cambiato tutto. Nella prima partita, prendere il gol all'ultimo ha cambiato tutto. Non è possibile nemmeno prendere 3 gol".

Monchi
"Ero molto triste quando è andato via Sabatini, che mi ha portato alla Roma. Poi è venuto Monchi, che conosciamo tutti. Ha fatto grandi cose a Siviglia e sono stato subito felice. Quando vedi tutto quello che ha fatto, sei sicuro che la Roma avrà un gran futuro. Ha portato giocatori forti e anche il mister. Speriamo di vincere qualche trofeo con lui".

Il campionato scorso
"Abbiamo perso qualche punto di troppo come a Cagliari dove dal 2-0 per noi abbiamo finito 2-2. Poi a Empoli, dove non abbiamo segnato nonostante le grandi occasioni e poi anche la partita contro la Samp. Abbiamo fatto il record di punti ed era difficile con questa Juve, peccato".




L'addio di Totti?
"Dovevamo vincere per forza per arrivare secondi e andare in Champions. Abbiamo preso gol dopo 10-15 minuti e poi abbiamo fatto l'uno a uno. Sbagliammo qualche occasione, nel primo tempo, e diventammo più nervosi nella ripresa. Totti entrò al quarto d'ora della ripresa, facemmo poi il 2-1 e lì pensai che fosse fatta per noi ma prendemmo un altro gol. Con tanta fortuna, Perotti segnò poi il 3-2 e fu poi più facile celebrare Totti. Tutti i tifosi sono stati felici per quella vittoria ma anche tristi per l'addio del giocatore più grande che Roma abbia mai avuto. Sono contento di aver potuto giocare con lui. Lo dissi anche lo scorso anno, peccato non essere venuto prima, peccato non aver giocato con lui prima quando era anche più giovane perché avrei fatto tanti più gol con lui. Sono stato contento di aver giocato due anni con lui. Prima o poi bisogna terminare la carriera ma non è facile. Non voglio nemmeno pensare a quando finirò io. Il primo anno dopo l'addio deve essere molto dura".

Di Francesco
"Ha fatto grandi cose col Sassuolo, portandolo in Europa. Siamo contenti di averlo qui, è un grande romanista e, dopo quasi 6 mesi, si vede che grande allenatore sia".

Il gol di Kolarov all'Atalanta...
"Prima partita e primo gol, sono molto contento che è venuto qua. E' un mio grande amico ma sapevo che era anche un grande giocatore che può solo portare la Roma ha livelli più grandi. Si vede sul campo, abbiamo giocato insieme 4 anni e mezzo al City e speriamo di restare a lungo qui a Roma."

Spalletti...
I primi sei mesi con lui non erano facili, una volta giocavo e l'altra no ma è un grande allenatore. Ha fatto il record di punti e speriamo che mister Di Francesco ne faccia di più portando qualche trofeo. Ma anche grazie a lui sono diventato capocannoniere, il gioco che sviluppa fa bene agli attaccanti, si vede anche con Icardi. Contro l'inter siamo stati sfortunati, abbiamo preso tre pali e poi il pareggio. Purtroppo è andata in un'altra direzione e abbiamo perso, ma anche quando perdi devi subito guardare avanti e imparare dalle sconfitte come abbiamo fatto. Dopo quella partita abbiamo fatto cose straordinarie, passando in Champions League e in campionato siamo lì davanti.

Il gol al Milan...
"Ero arrabbiato, meno male che mi hanno fatto arrabbiare perché poi ho fatto questo bellissimo gol contro una squadra con giocatori forti. Abbiamo vinto una partita equilibrata."

Col Napoli...
"Abbiamo perso, loro hanno giocato bene il primo tempo, noi meglio nella ripresa ma purtroppo non siamo riusciti a fare l'1-1. Come ho detto dopo ogni sconfitta devi imparare qualcosa e sicuramente lo abbiamo fatto. In questa partita non siamo riusciti a fare bene il pressing, il mister ha analizzato tutto e abbiamo capito che on andava, il pressing va fatto tutti insieme e dopo abbiamo visto che abbiamo pressato insieme e questo porta altre vittorie."

La doppietta al Chelsea...
"Kolarov mi guardava, io gli ho detto di metterla sul primo palo. Ho fatto un movimento, ero in fuorigioco perché se fossi rimasto insieme agli altri non l'avrei presa, sono rientrato e Alex ha messo la palla come volevo e come fa sempre con quel sinistro straordinario."

La doppietta di Gerson contro la Fiorentina...
"Una partita difficile fuori casa, l'anno scorso abbiamo perso 1-0 con la Fiorentina. Meritavamo di vincere ma non ci siamo riusciti, quest'anno abbiamo fatto 4 gol contro una squadra nuova, che ha comprato tanti giocatori, sono contentissimo per Gerson. Si è meritato i due gol per come ha lavorato, si vedeva che quest'anno avrebbe fatto più partite e grandi cose con noi."

Il derby vinto...
"Grande foto, vittoria e gol. Era una partita in cui la Lazio ha difeso bene e riparte in contropiede, noi non siamo riusciti a fare gol nel primo tempo. Era importante vincere perché abbiamo perso quello di Coppa, siamo contenti per come abbiamo giocato e vinto coi gol di Diego e Radja."

La Curva Sud...
"E' bello il derby con lo stadio pieno, se guardi i primi due anni con lo stadio quasi vuoto, non era il derby che mi aspettavo, ho parlato con tanti giocatori che hanno giocato in Italia e hanno detto che il derby di Roma è bellissimo. E' sempre meglio avere lo stadio pieno, speriamo che nel prossimo derby lo stadio sia ancora più pieno."

La foto di squadra dopo il derby...
"Un gruppo straordinario, ho giocato in Germania e Inghilterra ma è diverso. Anche se al Wolsfburg e al City c'erano due bei gruppi, qui siamo tutti uniti e sempre insieme. Si scherza sempre tutti insieme, una squadra e un gruppo bellissimo."

La qualificazione agli ottavi di Champions...
"Col Qarabag non era facile soprattutto psicologicamente, se avessimo vinto saremmo finiti primi, abbiamo avuto qualche occasione ma non abbiamo fatto gol. Diego l'ha sbloccata e dopo 2-3 minuti l'Atletico ha fatto gol. Ho avuto paura, se non avessimo segnato sarebbe diventato ancora più difficile, ma alla fine abbiamo vinto e aspettato la fine della partita di Londra e abbiamo esultato con i tifosi un primo posto sicuramente meritato."

Il sorteggio di Champions con lo Shakhtar...
"Non volevo Real e Bayern, perché sono più forti di noi. Le altre andavano bene, ho detto a Monchi che avremmo preso il Siviglia e lui mi ha detto "no per favore". Lo Shakthar è una squadra fortissima, hanno brasiliani e giocatori ucraini forti tecnicamente, giocano un bel calcio. le ultime due erano Bayern e Shakhtar, il Bayern è più forte di noi. Dobbiamo prepararla bene, ma sicuramente possiamo avere un vantaggio perché giochiamo la seconda acasa, speriamo con lo stadio pieno e un risultato positivo dopo l'andata."

Il 2018...
"Speriamo di stare tutti bene, dobbiamo provare a vincere più partite possibile, sperando che il 2018 sia più bello del 2017 per tutti noi e tutti i romanisti."

Nainggolan - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Lun. 22 gen 2018 
Emerson ai saluti, Dzeko quasi. Ora serve il miglior Schick
Il Chelsea sborserà 20 milioni per aggiudicarsi il terzino che guadagnerà 2.5 milioni di euro a stagione. Per il recupero di mercoledì con la Samp Di Francesco confida nella punta ceca, ex blucerchiato
Inter-Roma 1-1: Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: ROMA-INTER 1-1 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI
Inter e Roma, un pareggio che non guarisce le due malate
La partita tra le malate non guarisce né Inter né Roma. Il pareggio finale — giusto...
Trattativa Edin-Chelsea: sono ore decisive
Ultima a San Siro prima dello Stanford Bridge? È ancora presto per dirlo. Quella...
 Dom. 21 gen 2018 
Inter, Gagliardini e Santon flop. Roma: Manolas, muro per due
Vecino da applausi. Bene Miranda, Skriniar e Brozo. Fazio e Juan Jesus bucano sul gol del pareggio interista, Bruno Peres mossa infelice. Alisson strepitoso. Ecco i migliori e peggiori della sfida di San Siro
DI FRANCESCO: "Ottima gara per 70 minuti. Sarebbe un peccato perdere Nainggolan o Dzeko"
INTER-ROMA 1-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA EUSEBIO DI FRANCESCO: "Ottima gara per 70 minuti. I crampi hanno influito nelle scelte. Non avevo grandi possibilità di cambi"
SPALLETTI: "Alisson? L'ho penalizzato nella stagione scorsa"
INTER-ROMA 1-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA LUCIANO SPALLETTI: "Santon non deve chiedere scusa a nessuno. Lo scorso anno ho penalizzato Alisson, è un professionista serio. I presupposti ci sono tutti, ma il livello di autostima spesso viene a mancare”
Inter-Roma 1-1 Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Alisson protagonista, Dzeko non incide
Inter-Roma 1-1: Vecino risponde a El Shaarawy
Icardi spreca, Alisson para tutto, il Faraone spaventa i nerazzurri, ma ci pensa l'uruguaiano a trovare il pareggio a una manciata di minuti dalla fine
Roma, cambio in cabina di regia. Ora c'è Strootman
Da San Siro a San Siro: da quell'ora di gioco, non eccezionale, disputata contro...
Calciomercato Roma, Dzeko-Chelsea si va avanti. Ziyech piace, pure Batshuayi
«Va a Londra questo treno?». «Ancora no». Il siparietto va in scena a Termini, ieri...
Allontanare negatività e distrazioni
Dal bianco delle nevi che ha regalato all'Italia tanti sorrisi, si ritorna al verde...
De Rossi prova: pronto Strootman. Gerson torna dal 1′
Niente Perotti, Gonalons meno che mai, De Rossi sospeso a metà dalla voglia di recupero...
Eusebio è solo con il suo coraggio
Eusebio Di Francesco è solo, come non era stato mai dall'inizio del campionato....
Roma, bivio per la Champions: i giallorossi in casa dell'Inter per recuperare terreno
Finalmente c'è la partita. Che poi è l'unica cosa che conta per l'Inter e la Roma...
Inter-Roma, Le Probabili Formazioni dei Quotidiani
Di seguito riportiamo le probabili formazioni di Inter-Roma secondo le principali...
 Sab. 20 gen 2018 
CAPELLO: "Dzeko? Ha una certa età, si punta al rinnovamento. Nainggolan in Cina? Un affare venderlo"
Fabio Capello, tecnico del Jiangsu Suning, dice la sua sul futuro di Edin Dzeko...
Inter-Roma I Convocati
Inter-Roma: i convocati di Eusebio Di Francesco
Boniek: "Se la Roma deve vendere a gennaio, non è una società che gioca per vincere"
Parla l’ex giallorosso: “Non entrare tra le prime 4 della campionato sarebbe una disgrazia disumana. Bereszynski è un ottimo terzino destro, ha grandi margini di miglioramento”
Una squadra in vendita. Dallo scudetto ai conti, cambia l'obiettivo Roma
G.Buccheri) - La Roma scivola in classifica, ma risale sul mercato. Una risalita...
De Rossi, è la sua gara
Meglio averlo. Vale in generale, perché si parla di un capitano e di un giocatore...
Tra mercato e corsa Champions. Rafinha all'Inter, la Roma vende
Il mercato è come un'onda impazzita, difficile da capire, più ancora da governare....
Calciomercato Roma, adesso ci siamo: ecco Badelj
Monchi ha in pugno il regista croato della Fiorentina: arriverà a luglio a parametro zero ma se il ds convince i viola subito...
C'è stupore e malumore. I tifosi: "Perché altre cessioni?"
«Ieri ho visto Alisson qui davanti al negozio mio e me lo sono abbracciato tutto....
La coscienza di Dzeko, non ci sono incedibili nella Roma di Pallotta
Offerti 50 milioni, al club ne servono 60 per pareggiare il bilancio. Il bosniaco...
Gonalons ko, Strootman al centro
Eusebio Di Francesco ha bisogno di novità per sorprendere Luciano Spalletti. Magari...
Inter e Roma agli opposti del fair play
C'è fair play e fair play. Quello sul campo fa ovviamente bene al calcio. Anche...
La Roma in partenza: Dzeko e Emerson verso il Chelsea per 55 milioni
Difficilmente poteva esserci modo peggiore per avvicinarsi a Inter-Roma. Uno spareggio...
Vuoi un po' di Roma? In uscita Emerson, Dzeko o Nainggolan
Non sappiamo se il denaro sia davvero lo sterco del diavolo o una scorciatoia per...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>