facebook twitter Feed RSS
Sabato - 21 aprile 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

DE ROSSI: "Ci sta di soffrire la Juve. Benatia? E' un amico ed è fortissimo. Dzeko è un campione"

"Juve? Credo che il pareggio non sarebbe stato assurdo o rubato. Non abusiamo della parole vincere, me lo ha insegnato Conte. Non si deve abusare della parola vincere, è un percorso lungo. Dzeko è un campione assoluto, anche quando non segna aiuta la squadra in maniera incredibile. Juve favorita per lo scudetto, poi Napoli e noi"
Giovedì 28 dicembre 2017
Daniele De Rossi, Capitano della Roma, è stato intervistato ed ha parlato anche della Juventus. Queste le sue parole:

Partiamo dallo Juventus Stadium: lì si continua a perdere. Sono più forti o c'è sudditanza?
"Loro sono fortissimi, se vincono da 6 anni di seguito significa che sono più forti. Basti pensare ai nomi che avevano in panchina, non che i nostri siano scarsi, ma si capisce che hanno una rosa importantissima. Noi abbiamo fatto la nostra partita, meno nel primo tempo ma molto meglio nella ripresa. Ci sta di soffrire la Juve, credo che il pareggio non sarebbe stato assurdo o rubato. Poteva portarci a vedere questo inizio di anno in maniera diversa."

Sul gol di Benatia abbiamo visto la ferocia di Benatia, con i difensori della Roma fermi. Ferocia e arrendevolezza: è una forzatura secondo te?
"Si, Benatia poi passa la palla a Schick alla fine e sembra arrendevole in quel momento, lui è un amico ed è fortissimo, l'ha dimostrato. Anche nell'occasione di Florenzi c'è stata una loro indecisione. Possiamo leggere in tanti modi queste occasioni, solo che non le abbiamo sfruttate sia perché siamo stati meno bravi sia perché c'è stata sfortuna, anche Szczesny è stato bravo su Schick. Benatia è stato cattivo, noi meno ma farne un discorso di mentalità è sempre legato al risultato finale."

Quindi la sudditanza la togliamo?
"Siamo andati anche a prenderli bene per fare la partita aggressiva. Con le squadre forti ogni tanto non riesce, con le altre è più facile che sbaglino."

La Roma è pronta per vincere?
"Vincere è un percorso lungo, è una parola di cui non si deve abusare. Me l'ha insegnato un allenatore al quale devo tanto e che stimo molto, è Conte. Si arrabbiava quando dicevamo di vincere, si vince con tante cose. Non possiamo basare le ambizioni di una squadra su una partita sola, specie quando si va a giocare con una squadra forte, che è quella che vorremmo raggiungere."

Di Francesco che contributo sta dando?
"Potrei parlare semplicemente dei punti, l'altro anno avevamo un allenatore magnifico e abbiamo fatto un campionato eccezionale, guardando la classifica potremmo aver fatto più punti al giro di boa considerando anche il maledetto recupero. Questo potrebbe mettere tutti a tacere, poi sta dando un'impronta facilmente riconoscibile: aggredire tutti, che sia la Juve o il Sassuolo, non ti rende prevedibile questo. Lui ci fa lavorare su certe pressioni, da questo punto di vista stiamo ottenendo tanto e anche sulla solidità difensiva."

La capacità di andare in gol?
"Questo è un discorso di squadra e di episodi, di supporto a giocatori che in genere la buttano sempre dentro. Conta un pizzico di stanchezza, un pizzico di sfortuna, però non vedo un grosso problema. Creiamo un po' meno, non possiamo solo attaccarci alla fortuna se ci sono dei dati sistematici, ma non vedo una situazione preoccupante. I nostri attaccanti sono forti e noi gli daremo una mano da dietro."

Le stagioni di Dzeko? Come lo giudichi?
"Lui è un campione assoluto, anche quando non segna aiuta la squadra in maniera incredibile. Poi può sbagliare il gol come tutti gli attaccanti del mondo. Il fatto che la squadra produca di meno non lo aiuta. Altri battono punizioni, rigori, lui ha bisogno di presenza in area e di manovra. Agisce in quella zona di campo, poi l'anno scorso faceva gol come la toccava, ma quelle stagioni non sempre si ripetono. Ha comunque deciso partite importanti."

Lotta scudetto?
"Sono due anni che dico che il Napoli è accreditato per vincere, mi piace come giocano. La Juve è sempre lì, dobbiamo per forza ripartire da quella partita. Un passo dietro metto noi, il campionato poi è lungo e ci sono tanti scontri diretti. Nulla è deciso ma dobbiamo stare calmi nel fare proclami dopo qualche vittoria consecutiva, dobbiamo giocarcela con tante squadre. Questo va anche a periodo, se parlavamo due settimane fa mettevamo l'Inter prima del Napoli. Abbiamo perso qualche punto ma ora ci sono partite da vincere per riavvicinarci alle squadre davanti."

La Nazionale? Ci sono stati problemi con Ventura?
"Sono state dette tante cose attorno all'ultima partita, anche sul fatto che mi sono rifiutato di entrare, non è mai successo. Ho parlato di quell'episodio, è uno scambio che succede centinaia di volte. C'è stato un momento di grosso nervosismo, la cosa era delicata e la qualificazione importante. Eravamo convinti di raggiungerla, ma c'è stato qualcosa che dagli spogliatoi non dovrebbe uscire. Alciato ha raccontato la situazione, ma sono situazioni di cui non ci piace parlare. Non è giusto far uscire queste cose, c'è stato grosso nervosismo e credo fosse comprensibile. Era un momento delicato, pensavamo di uscire ma non ci siamo riusciti. Io potevo fare meglio, se penso di non giocare il mondiale per una riunione turbolenta parto da un presupposto sbagliato. Avrei potuto fare meglio nella gara che ho giocato e questo vale per tutti quanti."

C'è un profilo giusto per rilanciare il calcio italiano?
"Sono stati fatti 3-4 nomi, ma Damiamo Tommasi ha dato un'immagine diversa a tutti, sia calciatori che dirigenti. Con lui si va sul sicuro, poi ci sono tante persone per bene. Non mi è piaciuto il gettare tutto addosso a Tavecchio, nonostante non mi sia piaciuto il suo inserimento con alcune uscite fuori luogo. Non poteva fare miracoli, ne ha fatti nella prima gestione con Conte. Lì bisogna dare meriti a tutti. Se fossimo passati la gente avrebbe continuato a tacere, bisogna essere coerenti. Poi che abbia fallito è poco ma sicuro."

Totti dirigente ti piace?
"Mi piaceva più da calciatore, non mi faceva sudare e mi faceva vincere le partite. Questo è un periodo di studio, si sta ambientando bene anche grazie al rapporto con Monchi che lo aiuta. Era la sua paura, mettersi in un posto che non fosse casa sua."

Gli auguri li fai al Var o a Lapadula?
"Ho parlato di questo strumento, non è ancora perfetto, non mi riferisco a quell'episodio chiaramente. Negli anni ci darà soddisfazione e tranquillità nell'accettare decisioni per non creare disagi dopo. Nel football americano è tutto riconosciuto ed è diventata una cosa automatica, si sanno che le scelte prese sono corrette. Ogni tanto qualche decisione è dubbia, ci vorrà tempo. Leverà quasi sicuramente tutti i dubbi in gara."
Fonte: Sky Sport

Totti - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Ven. 20 apr 2018 
Totti: "Ridiamo decoro e dignità al Flaminio"
«Al Flaminio ci sono stato da tifoso e da calciatore, ridiamo decoro e dignità allo...
 Gio. 19 apr 2018 
L'appello di Totti per il Flaminio: "Sabato tutti convocati per ridare decoro allo stadio" (VIDEO)
"Ridiamo decoro e dignità allo stadio Flaminio". È questo l'appello di Francesco...
Febbre da Roma - Liverpool: biglietti esauriti, bagarini scatenati
Gente accampata davanti ai botteghini, server in tilt, resse fisiche e virtuali...
 Mer. 18 apr 2018 
Dzeko per tornare terzi
L'ultimo Roma-Genoa valeva la Champions come quello di oggi. Ma la partita è diventata...
 Mar. 17 apr 2018 
Ricordate Nico Lopez? El Conejo rinasce in Brasile
Dal gran gol all’esordio con la Roma alla rete che costò la panchina a Mazzarri. Oggi idolo all’Internacional: la rinascita di Nico Lopez
 Lun. 16 apr 2018 
Ninja stakanovista, leader dei derby come con il Barça
Dovrebbero giocarsi sempre i derby, per Nainggolan, assoluto leader delle sfide...
 Dom. 15 apr 2018 
PALLOTTA a Trigoria per incitare la squadra
Ultimo giorno nella Capitale per il presidente giallorosso James Pallotta che, prima...
Nainggolan, il soldato è poco semplice
Stavolta non è in dubbio, mentre all'andata sì. Poi, come per magia, eccolo materializzarsi...
 Sab. 14 apr 2018 
TOTTI: "Contro il Barcellona ci davano tutti per spacciati, al ritorno una partita memorabile"
Questa sera Francesco Totti è stato ospite del talent show Amici di Maria De Filippi....
Salah: da cessione record a grande rimpianto
La miglior plusvalenza a bilancio, ma anche il rimpianto più grande. Salah è stato...
Sacchi: "Eusebio più europeo, Simone italianista"
Seguire le partite con Arrigo Sacchi senza taccuini e microfoni, ma sul divano di...
 Ven. 13 apr 2018 
Salah: "Sarà bello tornare a Roma, i miei ex compagni volevano evitarci... Possiamo vincere..."
"A Roma ho trascorso due grandi anni. I tifosi sono incredibili. Possiamo vincere la Champions"
Garcia: "Spero che la Roma raggiunga la finale di Champions. Tutto il merito è di Di Francesco"
"Non ho rimpianti per come è finita la mia esperienza a Roma. Totti? E' un piacere vederlo ancora con i colori della Roma"
TOTTI, sindrome influenzale, non vola a Nyon
Niente sorteggio di Nyon per Francesco Totti. L'ex capitano e attuale dirigente...
Roma: Cristiano Ronaldo, Lewandowski o Salah?
Oggi molti ristoranti della capitale si chiederanno dove sono andati a finire i...
Roma, ballando con le stelle
Il percorso della Roma in Europa si arricchisce prima di pranzo. Appuntamento alle...
 Gio. 12 apr 2018 
CASSETTI: "Di Francesco ha dimostrato che con il 3-4-1-2 si possono fare grandi cose"
“Contro il Barça De Rossi ha trascinato la Roma da vero capitano”
Al Palalottomatica la Nannini indossa la 10 e canta "Notti magiche"
Forse la sintesi migliore l'ha fatta Gianna Nannini, quando, durante il suo concerto,...
Tuffo, multa e regali: Pallotta diventa idolo
Se Di Francesco è il «normal one» della Roma che si è concesso una pazza eccezione,...
Da Liedholm a Capello, le notti magiche con il 3-0
Beato chi le ha viste tutte, pur avendo visto di tutto, per una vita. In fondo dev'essere...
Sale la febbre per i biglietti e vanno a ruba le maglie dell'impresa
«Ho preso un sacco di schiaffi, ma ho sempre saputo reagire. Adesso continuiamo...
Dzeko: tecnica e generosità, un gigante capitale
Edin l'aveva capito prima di tutti, parecchio tempo fa. «Roma? Città bellissima,...
 Mer. 11 apr 2018 
Il Milan: "Ammazza oh..." Roma, il meglio dei social complimenti
Ecco i messaggi web più curiosi e simpatici postati dopo l'incrdeibile vittoria della Roma all'Olimpico
Una lezione ai maestri della tecnica
Forse l'impossibile è solo una forma mentale. Forse è un limite che gli uomini si...
Uno, dos, tres: Roma, la speranza, l'urlo e poi la grande festa. Una notte da favola
Sono le 23.20 quando al Quadraro partono i fuochi d'artificio. Tanto per capire...
Olimpico pazzesco hanno vinto in 60.000
É stato un privilegio essere lì, in un Olimpico strapieno d'amore, accanto a Totti...
Olimpico, si scatena la festa. Dalle tribune allo spogliatoio: la Roma ha fatto impazzire tutti
Ridete, piangete, urlate, cantate, ballate. Fate tutto ciò che volete ma amatela,...
L'emozione di Totti e Pallotta si tuffa vestito nella fontana
«Voglio vincere e cantar per te, forza Roma alè». È questo il coro che sta facendo...
Quanto sono belli i giocatori della Roma quando fanno così
Ma quando sono belli quando fanno così. Belli, bellissimi. Sono quelli che trovano...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>