facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 22 ottobre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

DI FRANCESCO: "Juve più determinata. Continuiamo a sbagliare sotto porta"

JUVENTUS-ROMA 1-0 LE INTERVISTE POST-PARTITA EUSEBIO DI FRANCESCO: "Abbiamo avuto noi le occasioni più nitide. Problema psicologico? Sono venuto per giocarmi la partita"
Sabato 23 dicembre 2017
DI FRANCESCO A MEDIASET

La Roma ha avuto difficoltà...
"Nella ripresa siamo cresciuti, dopo il quarto d'ora. Juve più determinata sulla partita, nostra disattenzione su corner come contro il Toro. Continuiamo a sbagliare sotto porta, noi siamo stata la squadra ad avere più occasioni nitide. Siamo mancati nella prima fase, nelle pressioni, eravamo in ritardo per merito anche della Juve. Hanno approcciato meglio loro la partita. Lavoro mentalmente sulla squadra per dare loro forza. Noi abbiamo avuto la capacità di rimanere in equilibrio i partita, rischiando qualcosa. Abbiamo poi messo in difficoltà la Juve e questo deve darci forza e positività. Oggi abbiamo presso quasi lo stesso gol preso col Torino. Peccato, ci avevamo lavorato, dovrò lavorarci di più".

E' un problema psicologico?
"Lasciano il tempo che trovano, io sono venuto qui non per prendere un 1 a 0, per giocarmi la partita. La Juventus l'ha interpretata meglio all'inizio di noi, ma siamo rimasti in partita rischiando ripartenze, ci può stare, ma abbiamo creato difficoltà alle Juventus dove poche squadre ci sono riuscite e ci deve dare forza. Col Torino siamo usciti dominando. Parliamo tanto di turnover, ma abbiamo preso gol come il Torino, peccato, si vede che devo lavorare di più."

La Roma sul finale ha perso un po' di ordine in mezzo al campo...
"Sono d'accordissimo. Era quello che avevo chiesto tra il primo ed il secondo tempo, ci siamo un po' allungati e sbagliato nel palleggio. Siamo mancati un pochino, ma ci può stare di essere in difficoltà. La Juventus si è abbassata sul finale per merito nostro che abbiamo alzato le pressioni, fisicamente ci sono. Sembrava che la Juventus avesse qualcosa in più, ma dominiamo gli ultimi 20 minuti e possiamo farlo anche dall'inizio."

Ti ha dato fastidio la posizione di Pjanic?
"Non doveva andarci De Rossi, la scelta era di una mezzala. Daniele doveva andare in pressione perché eravamo in ritardo, è meglio non andare, perché creiamo buchi. Dobbiamo ancora lavorare, ma non dobbiamo perdere il desiderio di prendere gli avversari se vogliamo crescere e diventare una squadra importante."

Il 4-2-3-1 è un'opzione?
"No, 4-2-4 perché sono tutti attaccanti puri. Ci può stare a partita in corso, ma col 4-3-3 lavoriamo bene e la squadra ha assimilato bene."

Dzeko non segna da due mesi, va fatto riposare?
"Queste sono valutazioni che devo fare. Ho avuto Schick da poco tempo, sono contento della sua disponibilità, su certe situazioni l'aspetto psicologico è importante se non fa gol. Sto cercando di riportarlo al suo livello, valuterò, ma di sicuro non lo dirò oggi a voi."

Schick?
"Abbiamo fatto cross importanti davanti alla linea ma non abbiamo la capacità di attaccare insieme sulla linea. Mandzukic è uno fastidioso, che va sempre ad avvicinarsi ad Higuain e lo fa su ogni pallone. Il rimbalzo sulla traversa se finiva addosso a Florenzi potevamo segnare un gol come hanno fatto loro."

*** *** ***


DI FRANCESCO A SKY

La Roma esce rimedinsionata?
"La squadra all'inizio nell'interpretazione della gara non mi è piaciuta. Potevamo fare meglio, eravamo un po' inibiti. La squadra poi ha dimostrato di creare di più migliorando questo maledetto attacco della porta, sul quale ci stiamo lavorando e cercando di coprire le varie occasioni. Siamo stati poco cinici e cattivi contro una squadra che concede poco a tutti, anche alle grandi squadre. Abbiamo creato tanto ma potevamo essere più lucidi nell'interpretazione del primo tempo. Come contro il Toro abbiamo preso gol su calcio piazzato. Peccato, non voglio parlare di sfortuna. Non è sfortuna ma è un nostro difetto, dobbiamo lavorare. Non usciamo ridimensionati, questo risultato ci deve dare consapevolezza. Abbiamo la capacità e la forza di giocare contro squadre molto fisiche come la Juve che ha Dybala in panchina."

Quanto volte rivedrà l'occasione di Schick e cosa gli dirai?
"Adesso abbiamo bisogno di positività e non di negatività. Gli errori vanno migliorati ma non sono magari questi. Per esempio l'azione del gol su calcio d'angolo dove la linea difensiva è rimasta piantata con un semiblocco e ciò contro la Juve, che ha giocatori importanti, non te lo puoi permettere. Siamo venuti qui per giocarci tanti e dovevamo essere più cattivi. Dobbiamo valutare altri errori come i ritardi di pressione."

manca a questa squadra per fare risultati importanti?
"Su questa partita ho cercato di cambiare il trend, visto che la Roma in questo stadio non ha mai preso un punto. Dal'altra parte c'era una squadra come la Juve che secondo me ha fatto meglio per cattiveria agonistica e per determinazione. Però se tu non c'eri in campo non li facevi mai quei 25 minuti finali con quella forza e intensità. Si vede che devo ancora convincere i miei ragazzi che si può e si può fare risultato anche qui."

Perché sul gol hai messo Dzeko a zona e non sul primo palo?
"Ci doveva andare un altro giocatore, solo che loro sono venuti a saltare in 6. Noi ultimamente abbiamo sempre marcato così e non abbiamo mai preso gol, non volevo cambiare. I miei difensori sono stati molto ingenui. Nella marcatura siamo stati leggerini."

La zona del primo palo sui calci d'angolo è fondamentale...
"Ne terrò conto mister, i tuoi consigli sono sempre utili. (Fabio Capello, ndr)."

Perché non hai pensato di giocare subito con i due attaccanti?
"Devo dire però che abbiamo sempre creato tanto, non volevo modificare il modo di giocare. Non volevo improvvisare in questa gara, il 4-2-4 del finale l'abbiamo già fatto ma può essere una opzione valida per il futuro."

Perché Pjanic non aveva marcatura? Un commento sulla partita di Nainggolan?
"Ai miei centrocampisti chiedo sempre di andare a riempire l'area di rigore. E' un invito che Radja e Kevin devono lavorare. Magari Nainggolan l'anno scorso tirava di più e gli andavano tutte sotto l'incrocio e quest'anno non capita tanto spesso."

17 pali colpiti...
"Non voglio parlare di sfortuna."

Pjanic?
"Su Pjanic dovevano arrivare sempre le mie mezzali o Daniele. Su di lui siamo sempre arrivato in ritardo, l'avevamo preparata diversamente. Anche gli attaccanti dovevano essere più aggressivi."

La Juve vi raddoppia sempre, voi quasi mai...
"Il concetto del raddoppio non ha senso perché poi si libera un'altro uomo. Sicuramente dovevamo accorciare prima, ma quando lo facevamo Pjanic era sempre moto bravo a saltarci o nel gestire la palla sotto pressione. Su di lui era importante a non indirizzare le marcature e magari farlo tornare indietro. Le partite le vuoi fare in un modo ma escono in un altro. L'avversario esiste."

Cosa hai pensato di Schick nel finale?
"Peccato, ne farà altri più importanti. Pensiamo positivo."

*** *** ***


DI FRANCESCO ALLA RAI

La Roma si è svegliata tardi...
"Abbiamo fatto meglio nel finale di partita, abbiamo interpretato meglio la gara. Nel primo tempo siamo stati poco aggressivi, si vedeva che la Juve era più sul pezzo. Su quello insisterò con i ragazzi. Nel finale meritavamo di più."

La Roma ha perso con le prime tre in classifica, è un dato statistico?
"Lo analizzerete voi. Devo far capire alla squadra che serve maggiore consapevolezza."

In situazioni di svantaggio la Roma non è mai riuscita a ribaltare la partita...
"Squadre come Inter e Napoli hanno creato molto meno di noi contro la Juventus, questo è un dato positivo. Sul gol siamo stati ingenui, come in coppa Italia. manca uno step per diventare grandi, dobbiamo lavorare."

Vi manca ancora il gol, anche con la sfortuna,avete il primato per i pali colpiti...
"Non possiamo appellarci solo alla sfortuna, dobbiamo lavorare di più per essere più precisi e cinici sotto porta."

(In studio leggono un tweet di Boniek)...
"Non l'ho capito tanto, credo comunque che siano giudizi prematuri."

*** *** ***


DI FRANCESCO A ROMA TV

Settimana dei rimpianti? Altra serata amara...
"Peccato, perché siamo poco concreti nel momento in cui la gara era stata ripresa dopo la sofferenza nel primo tempo dove non siamo stati determinati come loro. Sapevamo di giocare contro una squadra forte per fisicità, nel secondo tempo specie negli ultimi 25 minuti abbiamo dimostrato di potercela giocare con la Juve, ma in questo momento manchiamo troppo nel concretizzare sia le occasioni da gol reali ma anche i tanti cross che facciamo. Siamo poco determinati nell'attaccare la porta."

Si avverte la sindrome da scontro diretto?
"Non dobbiamo pensarci e prendere tutte le cose positive. Prima di arrivare a quelle gare dobbiamo vincere le altre gare. Sono comunque valutazioni da fare, bisogna tenere le prestazioni e capire gli errori fatti. Abbiamo preso due gol su calcio piazzato, paradossalmente abbiamo lavorato sul concetto dei blocchi. Fazio è stato leggero nel leggere questa situazione, era troppo distante dell'uomo."

Poca continuità nel palleggio?
"Noi abbiamo avuto la superiorità sul possesso palla, ma quando la palla l'aveva la Juve verticalizzava con maggiore pericolosità, noi abbiamo fatto quel tocco in più che ci fa perdere tempi di gioco. A volte fa forzata qualche verticalizzazione, bisogna osare. Come nel secondo tempo, la traversa di Florenzi è avvenuta dopo una verticalizzazione, sono giocate a cui dobbiamo dare continuità. Siamo stati palleggiatori in maniera maggiore rispetto a loro ma con più sterilità."

Perché la squadra si è liberata solo alla fine?
"Dall'altra parte c'è anche una squadra che ci ha messo difficoltà fisicamente, i miei giocatori però non devono mai smettere di osare. Dobbiamo mettere in atto gli uno contro uno perché abbiamo le caratteristiche per poterlo fare ma bisogna farlo dall'inizio. Ultimamente la Roma non ha fatto così bene allo Stadium, abbiamo messo la Juve in difficoltà ma con meno continuità rispetto quella che mi aspettavo."

Allegri ha dipinto la Roma come candidata per lo scudetto...
"Sarei d'accordo quando dimostriamo di saper affrontare al meglio queste partite, specie con le prime dove le abbiamo perse tutte e tre. Abbiamo le capacità e la forza di potercela giocare al ritorno attraverso altre gare da non fallire. Oggi abbiamo dimostrato di poterla giocare contro una squadra che credo abbia ancora qualcosa in più rispetto noi. Siamo in grande crescita, dobbiamo trovare la determinazione sotto porta che ci pesa, questo blocco va tolto subito ed essere positivi per ripartire contro il Sassuolo."

Capello - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Dom. 21 ott 2018 
Pallotta voleva mandare tutti in ritiro: stop di Baldini
Edin Dzeko prende una bottiglietta - durante la sosta per l'espulsione di Milinkovic-Savic...
 Mar. 16 ott 2018 
Ex mental coach di Perotti: "La pressione può influire sugli infortuni. DiFra? Bravo, ma non un top"
Diego Perotti è senza dubbio uno delle grandi delusioni di questo inizio di stagione...
Roma, Dzeko-Schick i due cari nemici
Guai se a Edin tocchi Patrik; guai se a Patrik tocchi Edin. Ma alla fine ne gioca...
 Lun. 15 ott 2018 
Capello: "Roma? Potrei tornare come consulente"
Il tecnico che ha vinto lo scudetto con i giallorossi: «Ho ottimi ricordi come giocatore e come allenatore ma ormai ci sono altre persone che possono fare qualcosa di più, magari potrei tornare per una consulenza»
 Sab. 13 ott 2018 
Cassano: "A parte la Juventus e Higuain, in Italia tutte schiappe"
Il talento barese che oggi ha annunciato l'addio al calcio: «Quando ero bambino ho fatto a botte. Le ho prese da Stramaccioni? Gli piacerebbe... Ci siamo solo spintonati e basta»
Calciomercato, Lainez e Tonali. La Roma punta i classe 2000
"Infondo anche Messi non è molto alto...", scherzano così a Trigoria su Diego Lainez,...
 Mer. 03 ott 2018 
DiFra: "Trovata la quadratura"
L'allievo e il maestro. Il dopopartita per Di Francesco inizia con un dialogo su...
 Sab. 29 set 2018 
Amantino Mancini e quel tacco nel cielo del derby: "Indimenticabile"
Eh, bravo Pastore, bellissimi i due gol di tacco ma con la palla a terra sono buoni...
 Mar. 25 set 2018 
Perché cacciarlo? Via subito, aspettare sarà peggio
Con garbo, ma subito. Via subito. Quanto subito? Ieri, per intenderci. Eusebio Di...
 Ven. 21 set 2018 
Totti: "Spalletti ha spinto per il mio ritiro. E quel calcio a Balotelli..."
“Se avessi chiuso la carriera in Asia o America avrei rovinato 25 anni di carriera”
 Mar. 18 set 2018 
Roma, tutti figli di Maria
Il figlio che Maria considerava tale, senza che ci fosse un legame di sangue a giustificarlo,...
 Lun. 17 set 2018 
Maria Sensi: oggi il funerale. Il saluto di Rosella: "Era fiera di essere romana e romanista"
Oggi alle 11, nella chiesa di San Lorenzo fuori le mura, si sono tenuti i funerali...
 Ven. 14 set 2018 
Capello: "Lo scudetto alla Juve non è scontato. La Roma può togliersi qualche soddisfazione"
L’ex tecnico: “La Roma ha cambiato molto, ha perso uomini di esperienza. Ma se Di Francesco rimette a posto la difesa può far bene”
 Mar. 04 set 2018 
Fabio Capello alla Roma: "Gioca con il 9-1 e dai tutto"
I consigli dell'ex allenatore giallorosso: "I moduli sono solo numeri, serve aggressività. Giocare con tre difensori è stato uno spreco, La squadra ha grande potenziale"
 Dom. 02 set 2018 
Quattro punti in tre gare: dal 2000 la Roma ne ha raccolti meno solo 5 volte
Di Francesco come lo Zeman-bis. Ma Capello, Ranieri e Luis Enrique fecero peggio: con loro due secondi posti (con Scudetto solamente sfiorato) e un settimo
 Ven. 31 ago 2018 
Esame di riparazione, per Milan e Roma è già ora di reagire
Detonatori delle fake news e dei livori più assurdi, i social hanno alimentato in...
 Mar. 28 ago 2018 
De Rossi guida le 'bandiere' d'Europa del calcio moderno
Daniele De Rossi è la 'bandiera' più longeva dei più importanti campionati d'Europa.
 Mar. 21 ago 2018 
Justin non vuole essere solo il figlio di Patrick
Quando Kluivert jr deciderà una finale di Champions League, allora Patrick sarà...
 Lun. 20 ago 2018 
Spia juventina per studiare qualità e difetti di Olsen
In tribuna, allo stadio Grande Torino, anche il preparatore dei portieri della Juventus....
 Mar. 14 ago 2018 
Crollo ponte a Genova, il portiere sopravvissuto: "Sono un miracolato"
Il racconto di Davide Capello sopravvissuto al disastro del viadotto Morandi: «Ho fatto un volo di 30 metri, l'auto si è incastrata. Non ho un graffio»
 Lun. 02 lug 2018 
Montella: "La Roma è rimasta qualcosa d'incompiuto, screzi con Sabatini"
Vincenzo Montella ha rilasciato un'intervista. Di seguito uno stralcio della stessa...
 Mar. 19 giu 2018 
Capello: "Scudetto 2001? Nacque da una sconfitta. Per me il 17 giugno è una data speciale"
L'ex allenatore della Roma, Fabio Capello, che ieri ha festeggiato il suo 72° compleanno,...
 Lun. 21 mag 2018 
Di Francesco: "La mia filosofia è provare a dominare il gioco"
Si racconta, Eusebio Di Francesco, tra la sua esperienza in campo, la sua filosofia...
 Ven. 18 mag 2018 
 Gio. 17 mag 2018 
Capello: "Di Francesco ha dimostrato personalità"
L'ex allenatore della Roma Fabio Capello interviene a Tele Radio Stereo. Queste...
 Lun. 07 mag 2018 
Il colpo da biliardo dell'aeroplanino turco
“Cencio” timbra il cartellino da tre punti con un’altra giocata stile Montella
 Mar. 01 mag 2018 
Sant'Olimpico dei ribaltoni
Una notte come quella che la Roma si appresta a vivere contro il Liverpool, negli...
 Ven. 27 apr 2018 
L'Uefa incorona De Rossi: Bandiera delle bandiere in Europa
Con i suoi 17 anni nella prima squadra della Roma, Daniele De Rossi è la 'bandiera' più longeva dei più importanti campionati d'Europa.
 Mar. 24 apr 2018 
Klopp coccola Salah: "Ci aiuterà a dimostrare quanto siamo belli"
Siamo quasi al "mafia, pizza e mandolino". «Io in Italia? Sto bene a Liverpool e...
 Sab. 14 apr 2018 
Salah d'attesa verso Kiev
Fosse solo Salah, invece no. Lovren, van Dijk, Chamberlain, Milner, Firmino, Mané,...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>