facebook twitter Feed RSS
Sabato - 21 aprile 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Dzeko & Schick in fotocopia e senza gol

Lunedì 18 dicembre 2017
I numeri contano nel calcio. Non tanto quelli dei sistemi di gioco che, comunque, hanno il loro senso per gli allenatori al momento di trovare il giusto equilibrio in campo. A incidere sul rendimento sono quelli delle statistiche di squadra, di reparto e anche individuali. Pesano alla lunga sulla classifica e in qualsiasi competizione. La premessa è mirata all'inserimento di Schick nel copione di Di Francesco. E a prescindere dalla sintonia che, per ora, non c'è con Dzeko. Perché la Roma, meritatamente al 4° posto, è come se finora non avesse potuto sfruttare l'attaccante che, nella storia del club, è l'investimento più costoso. Il ceco, protagonista con la Sampdoria l'anno scorso, ha dovuto aspettare per trovare spazio in giallorosso: colpa degli imprevisti (aritmia e doppio infortunio muscolare) che lo hanno penalizzato durante la preparazione estiva e all'inizio del campionato. Ma, quando è stato chiamato in causa dall'allenatore, non ha ancora lasciato traccia: 5 presenze e 0 gol. Succede spesso con i nuovi: gli stessi Defrel e Under ancora non hanno fatto centro.

FUORI DAL CORO - Più significativo, però, un altro dato: nei 221 minuti giocati da Patrik, la Roma non ha mai segnato. E' successo contro il Verona, il Genoa, la Spal, il Chievo e il Cagliari. Il gol di Fazio, al fotofinish, è arrivato con lui in panchina, avendo lasciato prima del recupero al posto a Under. Ancora non è dentro la traccia: questo è evidente, lo ha ammesso lo stesso Di Francesco. Che gli dedica tempo, in campo e fuori. Il tecnico conosce bene le qualità e le caratteristiche di Schick. Ci sta lavorando per fargli trovare, prima del gol, l'intesa con i compagni. E soprattutto con Dzeko.

COPPIA D'ASSI - Bisogna ammettere: il ceco non è stato fortunato. Quando ha avuto spazio accanto al bosniaco, ha trovato il centravanti in flessione: 1 rete nelle ultime 12 partite (comprese 3 di Champions e solo 1 gol in A dal 1° ottobre). Patrik ha, però, assicurato che la convivenza con Edin va alla grande. Si capiscono perché parlano la stessa lingua che li ha aiuta in allenamento e in partita (il compagno ha giocato per 2 stagioni nella Repubblica Ceca). In più ha detto che si trova bene a destra come gli chiede l'allenatore, garantendo che, contro il Chievo, si è sentito più a suo agio quando, con l'ingresso di Dzeko, si è spostato. In campo, però, Schick ha l'abitudine di accentrarsi. E finisce per sovrapporsi al partner. Ed entrambi soffrono la presenza ingombrante dell'altro. Di sicuro la fase è di studio. Per Di Francesco e per loro (l'attacco è solo il 6° del torneo: 28 reti). E quei 149 minuti passati insieme, cioè poco più di 1 gara, sono niente per tirare le somme sulla compatibilità degli attaccanti giallorossi con maggior classe e più fisicità.

LISTA DI OPZIONI - Sono gemelli, ma non uguali. Sicuramente simili e quindi non così diversi. E giocano in fotocopia. La statura (193 centimetri il bosniaco, 187 il ceco) e la tecnica li mettono sullo stesso piano. A dividerli è soprattutto il 4-3-3 dell'allenatore. Che, nel tridente, prevede il centravanti con 2 esterni. Schick non è giocatore di fascia. Non è Mahrez nè Berardi, indicati da Di Francesco per sostituire Salah (a proposito: ieri 20° gol stagionale per Momo e bonus da 1,5 milioni per il club di Pallotta). Il mercato ha portato in dote il talento di Patrik, da preservare e attendere in questa fase cruciale. Perché, almeno attualmente, il ceco ha un senso nel sistema di gioco della Roma solo se non c'è Edin. Oppure, con il bosniaco in campo, può entrare nel 4-2-3-1 da trequartista, nel 4-3-2-1 da seconda punta e nel 4-2-4 con la formula del doppio centravanti usata nel finale contro il Chievo (26 minuti) e per un terzo della ripresa contro il Cagliari (15 minuti), esperimento che però non ha convinto. Così il tecnico, certificata la bontà del 4-3-3, cambierà il modulo solo in corsa. Ma senza mettere fretta a Schick che, con pazienza, cercherà di adattare da esterno. La differenza la deve fare proprio lì.
di U. Trani
Fonte: Il Messaggero

Salah - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Ven. 20 apr 2018 
DZEKO: "Un peccato che Salah sia andato via, l'Italia gli ha fatto bene"
Edin Dzeko ha parlato ai microfoni della BBC: Su Salah. "È un vero peccato che...
Klopp: "In campionato formazione migliore, poi penseremo alla Roma"
Jurgen Klopp ha parlato in conferenza stampa in vista della partita di campionato...
Liverpool, turn over aspettando la Roma in Champions
Contro il West Bromwich Klopp introdurrà novità in tutti i reparti per arrivare a martedì sera nelle migliori condizioni possibili
 Gio. 19 apr 2018 
SALAH: "Sarà molto emozionante affrontare la Roma, sono felice di tornare all'Olimpico"
Le dichiarazioni di Mohamed Salah: "Sarà emozionante affrontare la Roma. Ho giocato...
ll ritmo della Roma guidata da Ünder verso il Liverpool
Chi si preoccupava che la fila alle ricevitorie avesse distratto la Roma, forse...
 Mer. 18 apr 2018 
PELLEGRINI: "Vogliamo tutti essere protagonisti, potevamo sfruttare meglio alcune occasioni"
ROMA-GENOA 2-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA LORENZO PELLEGRINI A ROMA TV La vittoria...
 Lun. 16 apr 2018 
Baldissoni: "Ricavi per 240 milioni: nuovo record". Giallorossi secondo club in Italia
Numeri record per la Roma. Numeri comunicati agli azionisti durante l'ultima assemblea....
Roma, occhio alla frenata. Pallotta: "Indispensabile un posto tra le 4"
Fatta l'impresa in Champions, i giallorossi sono rimasti senza gol per 180' di fila in Serie A, non accadeva da 2 anni. La società ricorda che la priorità è entrare nelle prime 4
 Dom. 15 apr 2018 
PALLOTTA: "Nessuna possibilità che Alisson vada via. Dzeko a gennaio? Ascoltiamo tutte le offerte"
LAZIO-ROMA 0-0 LE INTERVISTE POST-PARTITA JAMES PALLOTTA: "Settimana dura, sono un po' rammaricato. Non dobbiamo pensare solo al Liverpool ma alle altre partite”
 Sab. 14 apr 2018 
Bruce Grobbelaar "La danza dello spaghetto? Sono ancora qui che rido"
"Che noia il Barcellona, contento della sua eliminazione"
Salah: da cessione record a grande rimpianto
La miglior plusvalenza a bilancio, ma anche il rimpianto più grande. Salah è stato...
"Quella finale contro il Liverpool è una ferita che mai si rimarginerà"
Franco Tancredi, 63 anni, era il portiere della Roma in quella finale di Coppa dei...
Salah d'attesa verso Kiev
Fosse solo Salah, invece no. Lovren, van Dijk, Chamberlain, Milner, Firmino, Mané,...
 Ven. 13 apr 2018 
Salah: "Sarà bello tornare a Roma, i miei ex compagni volevano evitarci... Possiamo vincere..."
"A Roma ho trascorso due grandi anni. I tifosi sono incredibili. Possiamo vincere la Champions"
Pallotta: "Sarà bello rivedere Salah. Finale 1984? Non credo sia una rivincita. Possiamo vincere"
"Sorteggio grandioso, col Liverpool è come un derby"
La Roma dà appuntamento a Salah: "Avversari ma per sempre amici". E lui: "100%"
Le strade si sono divise ma l'affetto è rimasto lo stesso. La Roma e Salah si ritroveranno...
Baldissoni: "Bisogna ambire alla vittoria della Champions. Salah? Un amico"
Mauro Baldissoni, direttore generale della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni...
Alisson: "Il Liverpool è un avversario difficilissimo, sarà bello ritrovare Salah"
"Il mio futuro è il presente con la Roma. Il derby significa tutto per noi e per la città”
IAN RUSH: "Non vedo l'ora di tornare a Roma, ho tanti bei ricordi"
“Qualsiasi squadra segni tre gol al Barcellona è incredibile”
MONCHI: "Sembra un'opportunità perfetta per trovare la felicità, ma sarà una partita difficile"
MONCHI A MEDIASET PREMIUM Occasione per cancellare il passato? "Sembra un'opportunità...
Roma: Cristiano Ronaldo, Lewandowski o Salah?
Oggi molti ristoranti della capitale si chiederanno dove sono andati a finire i...
Roma, ballando con le stelle
Il percorso della Roma in Europa si arricchisce prima di pranzo. Appuntamento alle...
 Gio. 12 apr 2018 
Roma, i conti sono a posto, i big possono restare
La notte magica dell'Olimpico regala nuove certezze alla Roma. Non solo tecniche,...
Champions, Roma e Juventus: quei 180' che hanno rilanciato le squadre italiane
L'impresa dei giallorossi contro il Barcellona e quella quasi sfiorata dai bianconeri contro il Real Madrid restituiscono lustro alla Serie A. Un risultato che arriva nel giorno più nero per il nostro calcio: l'Italia è 20/a nel ranking per Nazionali, mai così in basso nella storia
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>