facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 21 maggio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Roma-Qarabag 1-0 Le Pagelle

Le pagelle della Roma - Perotti spezza il grigiore, Dzeko non è preciso
Martedì 05 dicembre 2017
Alisson 6 - Il portiere brasiliano è spesso chiamato ad interventi di ordinaria amministrazione. Nessuna parata eccezionale, anche se è attento nel bloccare la testata da brividi di Michel. Ne regala altri giocando di piede.

Florenzi 6 - Solita prova de core, difficile dargli una valutazione insufficiente. Anche se effettivamente in difesa sembra concedere qualcosa a tratti. Ricompensa di polmoni. Belle le discese, meno i cross.

Manolas 6 - Il greco ha due occasioni nel primo tempo. Cerca una girata di tacco: tentativo da applaudire ma centrale. Poi toglie un pallone dalla testa di Dzeko, spizzandolo vicino al palo. In difesa concede poco.

Fazio 6,5 - L'argentino tiene su la retroguardia quando si tratta di andare a prendere i palloni alti. I suoi centimetri fanno la differenza, specialmente nel finale quando c'è Sheydaev. Rischia una distrazione letale su Michel: graziato.

Kolarov 6 - Bianco e nero: nel senso che quando si affaccia in avanti è semplicemente devastante. Soprattutto nel secondo tempo. Nel primo però soffre, e non poco, le intelligenti discese di Ismayilov.

Nainggolan 6,5 - Parte piano. Forse troppo: Di Francesco lo richiama a metterci più grinta ed esegue. Rischia di sfondare la porta a fine prima frazione: Sehic risponde. La ripresa è tutta un crescendo.

De Rossi 6 - Fa da schermo alla retroguardia giallorossa. Il capitano, messe da parte le questioni burrascose riguardo la sua condotta, gioca con intelligenza. Difensivamente a volte però è colto di sorpresa.

Strootman 7 - L'olandese sembra aver preso grande fiducia dopo la rete di settimana scorsa. Parliamo di un giocatore totalmente differente rispetto all'inizio di stagione. Crea l'azione del gol.

El Shaarawy 6 - Torna a destra, con il ritorno di Perotti in campo. Non si perde d'animo e attacca continuamente la profondità. Non disputa però una partita indimenticabile, se non per generosità. Fuori per primo. (dal 72' Gerson 6,5 - Il brasiliano entra nella contesa con la giusta cattiveria. Si guadagna delle buone punizioni, oltre a mandare in porta Dzeko. Il bosniaco, però, spreca).

Dzeko 5,5 - Non è una delle serate migliori. Non a livello di movimenti, sui quali ricopre un peso davvero determinante nello smuovere la difesa azera. La precisione però non lo assiste: spreca diverse occasioni. Vedasi il gol di Perotti.

Perotti 7 - La sua squadra nei primi minuti denuncia un po' di timore e non è un bel vedere. L'argentino prova a spezzare la monotonia a suon di dribbling e nella ripresa viene ricompensato con la pesantissima rete. (dall'80' Pellegrini s.v.)

di Dimitri Conti

*** *** ***


Alisson 6: deve fare ben poco e si fa trovare pronto quando necessario.

Florenzi 6.5: molto attento in fase difensiva, limita le sue folate offensive.

Manolas 6.5: gestisce l'ordine pubblico in area giallorossa. Sempre puntuale.

Fazio 6: fa correre un brivido gelido sulla schiena dei tifosi romanisti, quando perde di vista Michel che di testa spaventa Alisson.

Kolarov 7: il solito trattore sulla fascia sinistra. Cresce nella ripresa e sfiora anche la gloria personale, prima con una punizione di poco a lato e poi con un'iniziativa personale, conclusa con due dribbling e una gran parata del portiere.

Nainggolan 7: primo tempo sotto tono per il belga, che nella ripresa alza decisamente il ritmo della sua partita. Recupera palloni ovunque e sfiora il gol dalla distanza.

De Rossi 6.5: smista il traffico con ordine, tentando anche alcuni lanci in profondità per velocizzare il gioco ma faticando, a volte, a trovare compagni liberi.

Strootman 6.5: tra i più pimpanti nel primo tempo,recupera palloni con grinta e determinazione e si mette al servizio della squadra.

El Shaarawy 6.5: sguscia come le anguille tra le fila avversarie ma la mira proprio non lo assiste. Dal 27'st Gerson sv.

Dzeko 6: così come il Faraone, spreca qualche occasione di troppo. Nella ripresa, sembra un pochino stanco.

Perotti 7.5: segna molto poco su azione ma, quando lo fa, sigla gol pesantissimi. Lo scorso anno ha mandato la Roma in Champions, oggi la manda agli ottavi Dal 35' st Pellegrini sv.

Di Francesco 7.5: si sgola per tutta la partita perché vorrebbe la Roma più aggressiva e meno intimidita. È forse questo il segnale più importante della mentalità che sta portando alla Roma. Il cammino europeo, finora, è un capolavoro.

di Alessandro Carducci
Fonte: TMW

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Dom. 20 mag 2018 
Roma, una stagione con la porta chiusa: ​18 clean sheet in campionato
REGGIO EMILIA - Si chiamano clean sheet, il solito inglesismo per dire semplicemente...
SKORUPSKI: "Migliorato anche senza giocare. Ora vorrei tornare a essere protagonista, non so dove"
SASSUOLO-ROMA 0-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA Skorupski a Roma TV Alla vigilia sembrava...
DI FRANCESCO: "Avremmo potuto fare di più in stagione. L'anno prossimo partiremo avvantaggiati..."
SASSUOLO-ROMA 0-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA EUSEBIO DI FRANCESCO: "L'anno prossimo partiremo avvantaggiati perché il gruppo sa quello che voglio e viceversa. Ora dobbiamo cambiare la mentalità nella testa di Trigoria, vogliamo qualcosa in più"
Sassuolo-Roma 0-1 Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Bene Manolas e Kolarov, attacco opaco
Sassuolo-Roma 0-1: autogol di Pegolo, giallorossi terzi
Decide Pegolo, che devia nella propria porta un cross di Manolas: i giallorossi chiudono alle spalle di Juve e Napoli
FAZIO: "Giocare di nuovo la Champions era troppo importante. DIsputata una grande stagione"
SASSUOLO-ROMA 0-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA FAZIO A MEDIASET PREMIUM Terzo posto...
Lazio-Inter 2-3, nerazzurri in Champions! Decide la testa di Vecino
Biancocelesti due volte avanti con un autogol di Perisic e un gol di Felipe Anderson. primo pareggio di D'Ambrosio, poi di Icardi su rigore. Decide Vecino di testa
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>