facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 14 novembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Svezia-Italia 1-0: Johansson castiga Ventura

Una brutta nazionale perde di misura a Solna l'andata dello spareggio per i Mondiali
Venerdì 10 novembre 2017
SOLNA (Svezia) - Sembra il preludio di un dramma sportivo, il primo tempo di un film dell'orrore, ma con la trama in divenire, tanto da poter pensare, in un angolo nascosto del nostro cuore, che possa ancora esserci un lieto fine. L'Italia perde in Svezia 1-0 al termine di una partita di rara bruttezza da parte degli azzurri di Ventura. A Solna decide un gol di Johansson al 61'. A San Siro servirà quella che ha l'aria dell'impresa, perché è impensabile che l'Italia vista oggi possa farne due a questa Svezia solida e più "squadra", senza subirne.

LE SCELTE - Ventura si affida, come da previsioni, al 3-5-2. In avanti ci sono Immobile e Belotti, sulle fasce Darmian e Candreva. De Rossi mette a referto la 117ª presenza e supera Pirlo, piazzandosi al quarto posto della classifica all time degli azzurri. Andersson schiera la Svezia con il solito 4-4-2: in avanti Toivonen e Berg. Da sinistra parte Forsberg, libero di spaziare su tutto il fronte d'attacco.

ROBA DA DURI - Passano pochi secondi e Berg (ammonito) rifila una gomitata sul naso di Bonucci, che cade a terra sanguinante. La Svezia pressa alto, l'Italia fatica a imbastire l'azione dalla difesa, Verratti e De Rossi si propongono poco, ma quando l'azione diventa più fluida (unica occasione in 45'), Darmian riesce a crossare dalla sinistra per la testa di Belotti: il Gallo, però, non inquadra la porta per un soffio (6'). La Svezia risponde con un rasoterra di Toivonen che prende Buffon in controtempo, ma finisce fuori di poco.

VERRATTI SALTA IL RITORNO - Sono le occasioni più chiare di un primo tempo in cui la Svezia, con grande spirito di squadra, fa la partita. I padroni di casa ci provano anche al 25' con un tiro a giro di Forsberg che termina ampiamente a lato. L'Italia tenta la carta del contropiede, ma semza successo. E sulla testa di Ventura cade anche la tegola Verratti: il centrocampista del Psg si fa ammonire al 29' e salterà la gara di ritorno. Ma è tutta l'Italia a soffrire costantemente, BBC compresa, spesso in affanno. L'unica nota positiva è la scarsa tecnica degli svedesi, che di fatto non impegnano mai Buffon, se non in un'uscita tempestiva sui piedi di Berg.

SOLO UN'ILLUSIONE - Nella ripresa l'Italia sembra entrare in campo con un piglio diverso, ma è soltanto una illusione. Candreva impegna Olsen con un tiro sul primo palo (il primo della partita), poi Parolo tenta un'incursione centrale fermata soltanto dalla buona uscita bassa del portiere svedese.

VANTAGGIO SVEZIA - La gara si fa sempre più nervosa: volano spinte, gomitate (svedesi) e proteste da ambo le parti. La Svezia perde Ekdal (dolore alla schiena) ed entra Johansson al 57'. Quattro minuti dopo passa in vantaggio proprio con il neo entrato, che raccoglie una respinta corta (azione da fallo laterale) e batte Buffon con un tiro sporcato in maniera decisiva da De Rossi.

DARMIAN, PALO! - Il gol non scuote l'Italia ed è questa la notizia peggiore. Entra Eder per Belotti (65'), ma gli azzurri creano l'unica occasione (palo clamoroso di Darmian) solo sugli sviluppi di un corner. La costruzione del gioco è sempre tremendamente lenta e la Svezia si difende bene, soprattutto con i centrali. Immobile fa quasi tenerezza e allora Ventura, a meno di un quarto d'ora dal termine, getta Insigne nella mischia al posto di Verratti e passa al 4-2-4. Lorenzinho prova a inventare calcio, con pochi risultati nel bunker svedese. Arrivano tanti palloni in area, il cuore non manca, ma quello della Svezia, per una sera, è il doppio del nostro. Tocca a San Siro, ma serve una prestazione di qualità, oltre che di cuore.
di Davide Palliggiano
Fonte: Corriere dello Sport

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Mar. 13 nov 2018 
TRIGORIA, domani doppia seduta d'allenamento
La Roma, dopo una giornata di riposo, è tornata al lavoro al Fulvio Bernardini....
CALCIOMERCATO Real Madrid: ufficiale la conferma di Solari
Da pro-tempore ad allenatore a tempo pieno. Santiago Solari ottiene la conferma...
Ventura: "Basta menzogne, rinuncio a due anni di stipendio"
Dopo le dimissioni presentate domenica, il Chievo e Gian Piero Ventura sono arrivati...
UDINESE ufficiale l'esonero di Velazquez. Panchina a Davide Nicola: esordirà contro la Roma
L'Udinese ha comunicato tramite i propri profili social l'esonero di Julio Velazquez....
Pastore vola a Barcellona per risolvere i problemi al polpaccio
L'argentino ancora alle prese con gli acciacchi fisici. Perotti e Karsdorp, finora utilizzati col contagocce, possono diventare risorse utili per Di Francesco
Torna Karsdorp: ultima chance per un posto da titolare prima del mercato di gennaio
Finalmente Rick Karsdorp è tornato nell'elenco dei calciatori a disposizione di...
Arbitro aggredito, Gravina: "Stop alla violenza: ora un aumento delle pene"
Il presidente della Figc dopo l'episodio che ha coinvolto il giovane Riccardo Bernardini: «Mai più persone del genere nel nostro mondo». Malagò: «Vicenda vergognosa, bisogna crescere culturalmente»
CHAMPIONS, lesione muscolare al bicipite femorale per Reguilón, salterà la sfida contro la Roma
Il Real Madrid, prossima avversaria in Champions League della Roma, continua a perdere...
Roma-Sampdoria 4-1, Le Decisioni del Giudice Sportivo
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
Professionalità e passione giallorossa. Ora Juan Jesus ha conquistato tutti
2002 giorni dopo, sono passati più di cinque anni dal­ l'ultima rete di Juan Jesus...
Questa Roma ha già fatto tredici: è leader per numero di marcatori
In Serie A la squadra di Di Francesco è quella che ha mandato in rete più calciatori diversi
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>