facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 16 novembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

L'uomo in più. La storia di Gerson: verdeoro colato

Arrivato dopo una trattativa complessa. Conteso al Barcellona prima di arrivare alla Roma. Inizio difficile, ora ha acquisito una mentalità differente
Martedì 07 novembre 2017
Il destino nel nome. Per chi nasce in Brasile e fa il calciatore, Gerson e Santos rappresentano qualcosa di impegnativo. Gerson si chiamava uno dei cinque straordinari talenti d'attacco ("I cinque 10") della miglior squadra di sempre, la nazionale che conquistò il Mondiale del 1970. Santos era la squadra di Pelè, e tanto basta a definirne la grandezza.

Il numero 30 della Roma, 20 anni compiuti a maggio scorso, dimostra fin da giovanissimo di poter sostenere un tale peso, grazie a un piede sinistro baciato dagli dei del pallone. La sua patria calcistica è il Fluminense, glorioso club di Rio de Janeiro che ha fatto vestire la propria maglia non solo al suo omonimo predecessore illustre, ma anche a fuoriclasse del calibro di Didì, Rivelino e Romario. E il nostro Gerson con il Tricolor carioca fa sfoggio delle proprie immense doti tecniche ancora minorenne. Conquista immediatamente un posto da titolare, regalando assist in serie e giocate d'alta scuola. In patria i riflettori cominciano a virare su di lui, gli osservatori dei top club mondiali si mobilitano, gli agenti se lo litigano. Il padre intravede un futuro luminoso per il pargolo e concede più di una procura.

Intrigo in salsa catalana

In questo bailamme,i più scaltri ad avvicinarsi al talentino sono gli emissari del Barcellona, che strappano un accordo con il Fluminense, nell'ambito dell'operazione che riporta Deco in Brasile, proprio al Fluzão. La prelazione costa ai blaugrana quattro milioni, da scontare sui quindici complessivi pattuiti per l'acquisto del cartellino. Non esattamente bruscolini, per un ragazzo che ha appena esordito nel campionato Brasileirão. Senonché sui catalani pende la spada di Damocle del blocco del mercato da parte del Tas, per entrambe le sessioni del 2015. Il Barca non può mettere nero su bianco su alcun contratto, perciò "si limita" a strappare ai brasiliani una promessa. Se l'offerta fosse pareggiata o superata da una ulteriore, i blaugrana avrebbero cinque giorni di tempo per decidere se chiudere o mollare definitivamente l'affare.

A questo punto chi intravede la possibilità di inserimento da parte di altre società, anche italiane, è Roberto Calenda, agente attentissimo alle vicende calcistiche verdeoro. Il mediatore segnala il ragazzo alla Roma e alla Juventus, che come spesso accade si danno battaglia anche sul mercato. E come spesso accade da qualche anno a questa parte, nelle contese "dirette" sono i giallorossi a spuntarla. I bianconeri piombano per primi su Gerson, ma la loro offerta è al ribasso. L'allora direttore sportivo della Roma Walter Sabatini, invece, si infatua delle qualità di Gerson e lavora ai fianchi tanto il Fluminense, quanto il padre del giocatore. La trattativa è lunga e complessa, ma dopo quattro mesi va in porto.

Tira e molla

In occasione del Trofeo Gamper, nell'estate 2015, l'invitata è proprio la Roma, che si presenta al Camp Nou a mani piene, ma per sé. L'ospite incassa facendo i complimenti. Da quel momento, Gerson può considerarsi un giocatore giallorosso, anche se l'arrivo in Italia è previsto per la successiva sessione invernale. C'è però da superare lo scoglio dei tesseramenti sugli extracomunitari. La Roma ha appena preso Dzeko e Salah, riempiendo le caselle a sua disposizione. Il tesseramento di Gerson deve essere differito. Il ragazzo è disorientato: vuole giocare, ma non può. Di prestiti non se ne parla. A Trigoria vorrebbero tenerlo per adattarlo al calcio italiano. Ma anche per abituarlo a cibo, lingua, usi molto diversi dai suoi. Si lavora per questo obiettivo, proprio come accadde anni prima con Thiago Silva al Milan in una situazione analoga. Ma non se ne fa nulla: Gerson torna in Brasile per tre mesi, poi compie il percorso inverso in direzione Roma nell'estate 2016. L'intesa con Spalletti non sboccia, quel «bellino» con il quale il tecnico toscano lo battezza odora di scarsa considerazione. La chance di Torino si trasforma in lettera scarlatta. Santos arriva a un passo dalla cessione al Lille, dove l'ex dirigente del Barcellona Campos è pronto a investire su di lui. All'ultimo momento però il ragazzo cambia idea e torna a Roma. In estate si rituffa nella sfida a tinte giallorosse con una testa completamente diversa. Non ci sono solo le prestazioni altisonanti delle ultime settimane, o la fiducia guadagnata da Di Francesco e dal pubblico, a darne conferma. È la sua dichiarazione a caldo nel giorno della la doppietta di Firenze, a essere eloquente: «L'anno scorso non ero pronto». Nessuna rivincita. Solo consapevolezza. Adesso è tutto (verde)oro quello che luccica.
di F. Pastore
Fonte: Il Romanista

Di Francesco - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Gio. 15 nov 2018 
Totti entra nella Hall of Fame: la cerimonia prima del Real Madrid
Il 27 novembre poco prima della sfida di Champions contro il Real, il club omaggerà il suo ex capitano con l’ingresso nella Hall of Fame giallorossa: "E' un privilegio essere stato inserito al fianco di idoli miei e di generazioni di tifosi"
TRIGORIA 15/11 - Squadra in campo con i ragazzi della Primavera. Perotti in gruppo part-time
ALLENAMENTO ROMA - De Rossi e Luca Pellegrini in miglioramento
Roma sotto assedio: da Pellegrini a Under il rischio addio è alto
La Roma è sotto assedio e rischia concretamente di perdere una parte importante...
Juan Jesus non tradisce: con lui in campo giallorossi mai sconfitti
Domenica scorsa aveva aperto le marcature con la Samp. Un gol che per Juan Jesus...
Olsen si è preso la Roma: "Sono felicissimo, lotto ogni giorno per migliorarmi"
Dal ritiro della nazionale svedese, il portiere giallorosso si è detto entusiasta di poter lavorare con Savorani
Pastore smarrito, più Flaco non si può
Inutile giocare una volta e poi fermarsi per 20 giorni. O scendere in campo con...
DiFra Die Hard: il resiliente Eusebio è sopravvissuto a tre crisi
«Le critiche? Sono resiliente e non mollo». Lo disse già il 15 settembre 2017 e...
 Mer. 14 nov 2018 
Sulla trequarti o alla... Modric: Coric è in rampa di lancio
Il centrocampista croato, con al momento una sola presenza in A, potrebbe essere l'altro baby pronto ad esplodere in casa giallorossa. Il tecnico negli ultimi allenamenti lo ha schierato a protezione della difesa, quasi a volergli regalare un futuro alla... Modric
Olsen premiato miglior portiere. Dzeko "top 50"
Dal 23esimo miglior giocatore della passata stagione, secondo la top 50 stilata...
Un Pastore senza pace
Un terribile déjà vu. Pastore parte per Barcellona alla disperata ricerca di una...
RiMonchi. Roma, a gennaio altra rivoluzione
Sarà un mercato di riparazione, nel vero senso della parola. Anzi se sarà possibile...
Roma, affari di coppia
C'è finalmente anche l'altra Roma. Che si fa largo nello spogliatoio giallorosso....
Cantera Italia
La frangia un po' vintage di Sandro Tonali pare che non si sia scomposta nemmeno...
Pastore va in Spagna, out per tutto il mese. Karsdorp sul mercato
«Dobbiamo sfruttare la sosta per far lavorare gli infortunati, perché alla lunga...
 Mar. 13 nov 2018 
TRIGORIA, domani doppia seduta d'allenamento
La Roma, dopo una giornata di riposo, è tornata al lavoro al Fulvio Bernardini....
Pastore vola a Barcellona per risolvere i problemi al polpaccio
L'argentino ancora alle prese con gli acciacchi fisici. Perotti e Karsdorp, finora utilizzati col contagocce, possono diventare risorse utili per Di Francesco
Torna Karsdorp: ultima chance per un posto da titolare prima del mercato di gennaio
Finalmente Rick Karsdorp è tornato nell'elenco dei calciatori a disposizione di...
Professionalità e passione giallorossa. Ora Juan Jesus ha conquistato tutti
2002 giorni dopo, sono passati più di cinque anni dal­ l'ultima rete di Juan Jesus...
Questa Roma ha già fatto tredici: è leader per numero di marcatori
In Serie A la squadra di Di Francesco è quella che ha mandato in rete più calciatori diversi
Cristante, reinventarsi il futuro
Da miglior giovane del campionato italiano a bidone il passo può essere brevissimo,...
Da Under a Kluivert il futuro è dorato
C'è la Roma esperta della vittoria nel derby (29 settembre). E quella giovane di...
Il centrocampo cresce bene, manca solo un "professore"
Qualcosa è cambiato là in mezzo; qualcosa manca ancora, però. Ne ha parlato Eusebio...
Roma, gol inattivo. Schemi e centimetri: 7 reti dei giallorossi su calci da fermo
Ci vuole un fisico bestiale. Lo sapeva Monchi che in estate, su indicazione di Di...
 Lun. 12 nov 2018 
Roma, lettera di Pastore ai tifosi: "Avrei voluto dare di più, ma gli infortuni mi hanno frenato"
Non è l'inizio di stagione che i tifosi della Roma si aspettavano: Javier Pastore...
COVERCIANO - Allegri vince la Panchina d'Oro. Di Francesco: "La VAR? Va utilizzata nel modo giusto"
Quarto riconoscimento in carriera come miglior allenatore della Serie A per l'attuale tecnico della Juventus: primato assoluto, staccati Capello e Conte a quota tre
Roma: Pastore, frenato da tanti infortuni
"Non vedo ora tornare a giocare per portare squadra dove merita"
Convocazioni in Nazionale: Difra ora ne perde 12
Come accade ogni volta che il campionato va in sosta, il centro sportivo di Trigoria...
Roma, le gioie di El Shaarawy e il mistero gaudioso di Schick
Ci sono molte felicità diverse nel 4-1 che la Roma ha rifilato alla Samp, in verità...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>