facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 20 novembre 2017
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Nainggolan: "Scudetto e Mondiale, voglio tutto"

Martedì 07 novembre 2017
Radja Nainggolan ha già comprato l'agendina 2018, e ci ha segnato su due appunti alle pagine di maggio e giugno: il sogno scudetto e un volo per la Russia. La Roma, questa Roma che in campionato è lì a ridosso della vetta e che comanda il girone di Champions, con buona pace di Chelsea e Atletico, gli ha dato molto da sorridere in queste settimane. Ma pure Roberto Martinez, ct del Belgio, gli ha fatto un bel regalo richiamandolo in Nazionale dopo un lungo ostracismo. «E di Mondiale ne ho già perso uno, questo voglio conquistarmelo e tenermelo stretto», spiega il Ninja durante un cocktail in centro, zona Ponte Milvio, per l'inaugurazione di un nuovo centro medico dove i calciatori, come i vip dello spettacolo, sono di casa. Parte dalla Roma, dalla vittoria di Firenze, da un sogno che è una parola che a Trigoria si inizia a pronunciare con convinzione. Nainggolan nasconde un po' il pallone con uno dei suoi giochetti, ma spiega: «Non vorrei ancora parlare di scudetto, stiamo facendo un buon cammino, ora dobbiamo rimanere concentrati. Il turn over la forza di Di Francesco? Lui fa sentire tutti importanti, conta molto questo. Così i calciatori che giocano meno, quando sono chiamati in causa, danno quel qualcosa in più perché sanno che l'occasione arriva e bisogna farsi trovare pronti. Ognuno di noi sta sul pezzo, sempre, per dare un contributo alla squadra. E questo si vede».

LUI E DIFRA - A Di Francesco il centrocampista belga riconosce grandi meriti nel far sentire tutti pienamente coinvolti nel progetto tattico giallorosso. Ma lui come si trova nel nuovo assetto? «Sono sereno, gioco dove mi mette l'allenatore, sono a disposizione. Ho capito cosa devo fare, poi gioco dando il massimo come ho sempre fatto. La differenza è che a inizio anno facevo un po' più fatica ma ora va bene così». A Firenze è arrivata la dodicesima vittoria esterna consecutiva, questa Roma viaggia che è un piacere. «Sinceramente - commenta il Ninja - non ci penso a quante vittorie si fanno, ragiono partita per partita, bisogna sempre cercare di vincere. Le cifre sono cifre, bisogna solo arrivare in fondo nella migliore posizione possibile». Cioè il primo posto, quella che la Roma occupa oggi nel suo girone di Champions pur partendo, da ranking, come squadra di terza fascia. Il che, spiega Nainggolan, è stato quasi un vantaggio in termini di pressioni: «Se il primo posto ci dà consapevolezza? La consapevolezza è il gruppo stesso, sappiamo di avere una buona squadra. Prima di iniziare la Champions non eravamo i favoriti e questo ci ha dato tranquillità: non sarebbe successo niente se avessimo perso una partita... E così ci siamo ripresi anche in campionato, dopo le sconfitte interne contro Inter e Napoli. Il lavoro sta pagando».

LUI E IL BELGIO - Torna sulla convocazione: «E' una bella cosa, spero stavolta di rimanere a lungo in Nazionale, ogni calciatore in carriera vuole giocare un Mondiale. Sono felice ma adesso vediamo come va, per me è stato un momento difficile quando non ero convocato, voglio riconquistare bene il posto. Le scelte non dipendono solo da me».
di E. Intorcia
Fonte: Corriere dello Sport

Champions - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Dom. 19 nov 2017 
MONCHI: "Grande vittoria, ma il derby è storia: ora dobbiamo pensare all'Atletico Madrid"
Dopo la vittoria di ieri nel derby, il ds Monchi ha parlato attraverso il proprio...
Roma, euforia post derby e testa all'Atletico. DiFra si affida al turnover
Dopo i festeggiamenti per la vittoria sulla Lazio, i giallorossi sono tornati ad allenarsi in vista della sfida di mercoledì. Nainggolan: "Ora testa all'Atletico Madrid". Cinque i cambi previsti
Nainggolan, l'extraterrestre dai muscoli di gomma
Gioca. No, non gioca. Tranquillo, gioca. Noooo, non ce la fa, non ce la può fare....
Rivincita. Per De Rossi un derby da incorniciare
Sarah osserva silenziosa, contenuta nell'espressione delle emozioni ma rapita quasi...
Tutti uniti per Gabbo. E la Sud gli rende omaggio
Finisce con la Roma sotto la Curva Sud, in festa per un derby da sorpasso, ma è...
Scavalcata la Lazio col derby-spareggio. Per lo scudetto c'è anche Di Francesco
Fate largo, arriva la Roma. La Magica vince il derby, sorpassa la Lazio e quatta...
Perotti: "Uniti, zitti, attenti, siamo la Roma!"
Una corsa lenta, il fiato sospeso, il boato. E allora via, stavolta con il passo...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>