facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 23 novembre 2017
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

La Roma si specchia in Eusebio

Martedì 07 novembre 2017
Pressing alto, palla rubata, verticalizzazione immediata, gol. Quattro fasi, tutte imparate a memoria, con i tempi giusti e con i comportamenti giusti (citando chi ha allenato la Roma). Provare, riprovare fino a quando non diventano automatiche. La Roma di Firenze è la foto di un credo, quello del suo allenatore, Eusebio Di Francesco. Quindi, è la foto del suo allenatore. Da Bergamo, prima di campionato, all'ultimo viaggio in Toscana sono passati poco più di tre mesi, la Roma è cambiata. Migliorata, modificata. E di tanto.

CENTO GIORNI DI TE E DI ME - Eusebio batte molto su questi concetti: il lavoro, la fiducia in ciò che si fa, le condivisioni. Lo ha ribadito anche dopo il successo contro la Viola. La squadra ha imparato a stare in campo come vuole lui, interpretando quel 4-3-3 che tanti aveva spaventato ad inizio percorso. «Il lavoro più importante l'ho fatto nella testa dei calciatori e devo ammettere che tutti stanno sposando le mie idee: stiamo creando qualcosa». Chissà cosa c'era in quella testolina dei calciatori all'inizio, cento giorni fa o poco più. Forse ancora l'ombra di Spalletti, che aveva scosso l'ambiente e attratto verso di sé la rabbia (rabbia di cosa, poi?) di molti (non tutti) suoi giocatori; o forse la paura di aver perso un condottiero senza macchia né paura. O forse la paura di non reggere certi ritmi di gioco o l'idea persistente di aver perduto calciatori importanti come Rudiger e Salah. O forse boh, chissà. Ogni inizio nasconde insidie, quindi siamo nella normalità. Poi nel tempo, tutti hanno aperto le teste e ora ognuno si sente coinvolto. I risultati, anche e soprattutto quelli sporchi, aiutano a superare le difficoltà di apprendimento, sciolgono le gambe e rinfrescano le idee. Adesso la Roma sembra una macchina quasi perfetta. Un'idea in campo, ben interpretata da tutti, da chi gioca di più e da chi gioca meno. Metti Gerson e va ok, oppure lì ci piazzi El Shaarawy (dall'account Twitter dell'Uefa i complimenti per il gol al Chelsea, il più bello della settimana) e ti dà lo stesso, poi scopri che alto a destra ci gioca anche Perotti. In difesa sta fuori Manolas, sulla carta il miglior difensore della Roma o quantomeno il più quotato, e la Roma non prende gol schierando Fazio e Jesus, quest'ultimo messo spesso ai margini lo scorso anno. Chiunque vada in campo, l'idea di gioco resta la stessa: difesa alta, pressing nella metà campo avversaria e ripresa del pallone. Un calcio asfissiante. Di Francesco è riuscito pian piano a portare tutti dalla sua parte, valorizzando il gioco della Roma attraverso la valorizzazione dei singoli. Funziona il turnover (utilizzati 20 giocatori nelle ultime 13 gare) e i cambi sono sempre eccellenti (non ultimi quelli di Firenze). Oggi tutti valgono un po' di più, tutti si sentono la Roma, Di Francesco stesso, anzi lui per primo. E' cambiata la mentalità ("quell'andare a prendere gli avversari" fa la differenza nella testa dei giocatori), è cresciuta la condizione fisica, la Roma del secondo tempo di Firenze è stata dirompente, specie se si considerano le fatiche accumulate con il Chelsea. «La squadra deve essere consapevole di dover affrontare i match andando sempre a prendere gli avversari. La squadra è cresciuta anche nella mentalità. Lo scetticismo non mi riguarda». In queste parole c'è un progetto, che per adesso funziona e porta risultati, in attesa di chi per ora non si è visto. L'interpretazione della ripresa contro la Fiorentina ha rasentato la perfezione, al di là dell'aspetto fisico: in campo una squadra compatta, aggressiva e organizzata. Il contrario di quella timida, inconsapevole e fragile vista, ad esempio, all'esordio in Champions con l'Atletico Madrid. Quella squadra spaventò tutti, pure a Trigoria. Era una questione di tempo. Ora spaventa gli avversari. Intanto la ripresa degli allenamento è programmata per giovedì a Trigoria. Mancheranno 14 giocatori per via della nazionali. Per il derby, infine, già venduti 21mila biglietti (ieri un'impennata).
di A. Angeloni
Fonte: Il Messaggero

Rassegna Stampa - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 22 nov 2017 
Stile Di Francesco, un progressista contro il catenaccio
Il Tenero Eusebio è un predestinato, riluce già di un'aura sacra, profuma di santificazione,...
Berta e Monchi, i signori delle plusvalenze a Paesi invertiti
Avrebbero potuto incontrarsi in un Barça-Psg, o magari un Real-Manchester United....
Atletico Madrid-Roma: Le Probabili Formazioni dei Quotidiani
Di seguito riportiamo le probabili formazioni di Atletico Madrid-Roma secondo le...
Roma al punto di arrivo
La Champions, in poco meno di due mesi e mezzo, diventa proprio come non te l'aspetti....
Nella sua scuola di Ostia Totti dà il calcio di inizio per Sara Di Pietrantonio
Francesco Totti di nuovo in campo. A distanza di quasi sei mesi dal suo straziante...
Sì o no allo stadio, oggi i pareri
Scade alla mezzanotte di oggi il termine ultimo per la consegna, in Regione Lazio,...
 Mar. 21 nov 2017 
Anche in Champions è Roma show
Domani la Roma ha una grande opportunità: qualificarsi con un turno di anticipo...
Roma da Champions. Schemi, uomini e gol. La grande rinascita nel segno di DiFra
Poco più di due mesi, 71 giorni, una vita fa. Non era neppure autunno quando la...
Roma, ora prendi l'Europa
La grandezza della Roma si misura in Europa. Smaltita la sbornia da derby, è tempo...
In prima fila ad annusare la gigantesca festa
Mi sono ritrovato con il mio amico della buona sorte in prima fila, a pochi metri...
Poco Atletico, colpa dei gol e del Wanda
Nei piani colchoneros doveva essere un fortino, ma alla prova dei conti il fiammante...
Di Francesco più di tutti
Meglio di tutti, aristotelicamente, sia in potenza che in atto. Lo snodo filosofico,...
Schick a Genova è la speranza
Quando si è felici, è bene notarlo. Patrik Schick si è scoperto spensierato e sorridente...
L'iter è in dirittura di arrivo
Venerdì si riunisce la Conferenza dei servizi e se tutto procederà senza ostacoli...
Florenzi è out domani a Madrid. Nainggolan: "Voglio il 1° posto"
L'infiammazione al ginocchio destro (non quello operato due volte) e un lieve affaticamento...
Il ds Monchi: "Terribile dire a Totti di smettere"
«Abbiamo romanizzato la Roma, ma che brutto dire a Totti di smettere». In un'intervista...
Dzeko, manca solo il gol
Dallo Stamford Bridge al Wanda metropolitano, da Londra a Madrid. Chissà se il fascino...
Calcio nel pallone. Via Tavecchio: "Sciacalli politici"
Quando ieri mattina al Consiglio Federale ha capito che era rimasto ormai solo,...
 Lun. 20 nov 2017 
Di Francesco top player della Roma
È semplicemente Eusebio, per strada e allo stadio. In ogni conversazione. Come per...
La grandezza di Dzeko a digiuno da un mese
C'è un dato che aiuta a capire un sacco di cose. A patto di aver voglia di capirle,...
Negro e Nesta, Wallace e Bastos. Quanti errori fatali dei difensori
Per Negro hanno perfino scritto canzoni e cantato cori, i tifosi. Quelli della Roma....
L'Eusebio-pensiero: umiltà e Kipling
La Roma secondo Di Francesco. Il tecnico in questi mesi ha lavorato molto sul gruppo....
Roma sprint
Come corre la Roma. Uno dei segreti della squadra di Di Francesco è la grande condizione...
E la Roma è già oltre
La nuova dimensione della Roma è data anche dal dopo derby. Non ci sono stati festeggiamenti...
Tesoro Perotti
Ha scassinato il dispositivo Lazio nel periodo più bello della sua vita. Certe cose...
Tocco magico, Roma rinata
Voleva un difensore centrale e un esterno offensivo. Le storie di mercato, tra import...
Quell'urlo internazionale. Da Roma a New York e in Australia: i romanisti di tutto il mondo esultano
L'urlo Roma è trasversale, internazionale. E' partito dai boati dell'Olimpico per...
La Roma cambia
Di Francesco insiste con il turn over. Mercoledì a Madrid il tecnico abruzzese potrebbe...
La hall di Radja
Dategli il derby, il suo motore ibrido cambierà ritmo diventando inarrestabile a...
In Champions sarà ancora turnover
«A Madrid continuerò con il turnover: è più difficile allenare chi non gioca piuttosto...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>