facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 22 febbraio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

La Roma si specchia in Eusebio

Martedì 07 novembre 2017
Pressing alto, palla rubata, verticalizzazione immediata, gol. Quattro fasi, tutte imparate a memoria, con i tempi giusti e con i comportamenti giusti (citando chi ha allenato la Roma). Provare, riprovare fino a quando non diventano automatiche. La Roma di Firenze è la foto di un credo, quello del suo allenatore, Eusebio Di Francesco. Quindi, è la foto del suo allenatore. Da Bergamo, prima di campionato, all'ultimo viaggio in Toscana sono passati poco più di tre mesi, la Roma è cambiata. Migliorata, modificata. E di tanto.

CENTO GIORNI DI TE E DI ME - Eusebio batte molto su questi concetti: il lavoro, la fiducia in ciò che si fa, le condivisioni. Lo ha ribadito anche dopo il successo contro la Viola. La squadra ha imparato a stare in campo come vuole lui, interpretando quel 4-3-3 che tanti aveva spaventato ad inizio percorso. «Il lavoro più importante l'ho fatto nella testa dei calciatori e devo ammettere che tutti stanno sposando le mie idee: stiamo creando qualcosa». Chissà cosa c'era in quella testolina dei calciatori all'inizio, cento giorni fa o poco più. Forse ancora l'ombra di Spalletti, che aveva scosso l'ambiente e attratto verso di sé la rabbia (rabbia di cosa, poi?) di molti (non tutti) suoi giocatori; o forse la paura di aver perso un condottiero senza macchia né paura. O forse la paura di non reggere certi ritmi di gioco o l'idea persistente di aver perduto calciatori importanti come Rudiger e Salah. O forse boh, chissà. Ogni inizio nasconde insidie, quindi siamo nella normalità. Poi nel tempo, tutti hanno aperto le teste e ora ognuno si sente coinvolto. I risultati, anche e soprattutto quelli sporchi, aiutano a superare le difficoltà di apprendimento, sciolgono le gambe e rinfrescano le idee. Adesso la Roma sembra una macchina quasi perfetta. Un'idea in campo, ben interpretata da tutti, da chi gioca di più e da chi gioca meno. Metti Gerson e va ok, oppure lì ci piazzi El Shaarawy (dall'account Twitter dell'Uefa i complimenti per il gol al Chelsea, il più bello della settimana) e ti dà lo stesso, poi scopri che alto a destra ci gioca anche Perotti. In difesa sta fuori Manolas, sulla carta il miglior difensore della Roma o quantomeno il più quotato, e la Roma non prende gol schierando Fazio e Jesus, quest'ultimo messo spesso ai margini lo scorso anno. Chiunque vada in campo, l'idea di gioco resta la stessa: difesa alta, pressing nella metà campo avversaria e ripresa del pallone. Un calcio asfissiante. Di Francesco è riuscito pian piano a portare tutti dalla sua parte, valorizzando il gioco della Roma attraverso la valorizzazione dei singoli. Funziona il turnover (utilizzati 20 giocatori nelle ultime 13 gare) e i cambi sono sempre eccellenti (non ultimi quelli di Firenze). Oggi tutti valgono un po' di più, tutti si sentono la Roma, Di Francesco stesso, anzi lui per primo. E' cambiata la mentalità ("quell'andare a prendere gli avversari" fa la differenza nella testa dei giocatori), è cresciuta la condizione fisica, la Roma del secondo tempo di Firenze è stata dirompente, specie se si considerano le fatiche accumulate con il Chelsea. «La squadra deve essere consapevole di dover affrontare i match andando sempre a prendere gli avversari. La squadra è cresciuta anche nella mentalità. Lo scetticismo non mi riguarda». In queste parole c'è un progetto, che per adesso funziona e porta risultati, in attesa di chi per ora non si è visto. L'interpretazione della ripresa contro la Fiorentina ha rasentato la perfezione, al di là dell'aspetto fisico: in campo una squadra compatta, aggressiva e organizzata. Il contrario di quella timida, inconsapevole e fragile vista, ad esempio, all'esordio in Champions con l'Atletico Madrid. Quella squadra spaventò tutti, pure a Trigoria. Era una questione di tempo. Ora spaventa gli avversari. Intanto la ripresa degli allenamento è programmata per giovedì a Trigoria. Mancheranno 14 giocatori per via della nazionali. Per il derby, infine, già venduti 21mila biglietti (ieri un'impennata).
di A. Angeloni
Fonte: Il Messaggero

Rassegna Stampa - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Mer. 21 feb 2018 
La Coppia. Dzeko e Kolarov, specialisti in notti difficili: insieme 84 gare di Champions
Ebbene, questa Roma del terzo millennio non dev'essere stata poi un disastro visto...
Tifano Roma anche a -10°
Le lastre di ghiaccio sono sulle tribune, che non hanno un aspetto molto rassicurante,...
Subito o più avanti. Giocatevi comunque l'Under in Champions
Istruzioni per l'uso di un futuro campione (o si spera tale). A vent'anni, spesso...
Roma rompi il ghiaccio
Il periodo bollente comincia nel gelo, ed è un po' in stile Roma crogiolarsi nei...
Una mezz'ora di fuoco: la strategia della Roma nel ghiaccio di Kharkiv
Le Olimpiadi invernali per la Roma - pattinaggio? - sono qui a Kharkiv, città ricoperta...
Under e Alisson, eroi di passaggio per le casse del club
Ve lo racconto io cosa capita nella crapa del romanista medio (di taglia forte)...
Roma, rompicapo Di Francesco
C'è anche il dottor Cengiz Under nella corsa contro il tempo per mandare in campo...
La Roma sogna in grande
Scatto Roma. Nella gelida Ucraina inizia la missione Champions per i giallorossi,...
AAA Cercasi primo gol di Nainggolan in Champions
Diciamo la verità, Radja Nainggolan non sembra essere tipo da astinenze o digiuni....
De Rossi ci riprova, dieci anni dopo: "Il gelo non fa paura, conta la qualità"
«Quando metto questa maglia è come se indossassi un'armatura». Daniele De Rossi...
Florenzi tiene in ansia Di Francesco: Under rischia il posto
Fa freddo e la temperatura è in calo. La previsione, a partita in corso, è meno...
Roma, una notte da lupi
La tappa di Kharkiv, nell'Ucraina orientale, è lontana 2037 chilometri dalla Capitale....
 Mar. 20 feb 2018 
Roma nel gelo di Kharkiv tra neve e temperature polari
La squadra di Di Francesco stamattina si è svegliata sotto una fitta nevicata. Nella hall dell'albergo che ospita la squadra è spuntata una maxi bandiera giallorossa con lo stemma precedente
Quel biennio capolavoro della Roma in salsa Real
Sono passati esattamente dieci anni (e un giorno, oggi) da quando la Roma si regalò...
Roma, i moduli da Champions
«E' una sfida alla pari. Abbiamo, noi e loro, le stesse chance di passare al prossimo...
Alisson e quel Brasile da parare per la Roma
Non vorremmo alimentare problemi di saudade , ma sarebbe davvero difficile confondere...
La Roma si scalda
Il simbolo dello zoo di Kharkiv è un orso bruno. Facile intuirne il motivo: non...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>