facebook twitter Feed RSS
Domenica - 19 novembre 2017
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

La Roma si specchia in Eusebio

Martedì 07 novembre 2017
Pressing alto, palla rubata, verticalizzazione immediata, gol. Quattro fasi, tutte imparate a memoria, con i tempi giusti e con i comportamenti giusti (citando chi ha allenato la Roma). Provare, riprovare fino a quando non diventano automatiche. La Roma di Firenze è la foto di un credo, quello del suo allenatore, Eusebio Di Francesco. Quindi, è la foto del suo allenatore. Da Bergamo, prima di campionato, all'ultimo viaggio in Toscana sono passati poco più di tre mesi, la Roma è cambiata. Migliorata, modificata. E di tanto.

CENTO GIORNI DI TE E DI ME - Eusebio batte molto su questi concetti: il lavoro, la fiducia in ciò che si fa, le condivisioni. Lo ha ribadito anche dopo il successo contro la Viola. La squadra ha imparato a stare in campo come vuole lui, interpretando quel 4-3-3 che tanti aveva spaventato ad inizio percorso. «Il lavoro più importante l'ho fatto nella testa dei calciatori e devo ammettere che tutti stanno sposando le mie idee: stiamo creando qualcosa». Chissà cosa c'era in quella testolina dei calciatori all'inizio, cento giorni fa o poco più. Forse ancora l'ombra di Spalletti, che aveva scosso l'ambiente e attratto verso di sé la rabbia (rabbia di cosa, poi?) di molti (non tutti) suoi giocatori; o forse la paura di aver perso un condottiero senza macchia né paura. O forse la paura di non reggere certi ritmi di gioco o l'idea persistente di aver perduto calciatori importanti come Rudiger e Salah. O forse boh, chissà. Ogni inizio nasconde insidie, quindi siamo nella normalità. Poi nel tempo, tutti hanno aperto le teste e ora ognuno si sente coinvolto. I risultati, anche e soprattutto quelli sporchi, aiutano a superare le difficoltà di apprendimento, sciolgono le gambe e rinfrescano le idee. Adesso la Roma sembra una macchina quasi perfetta. Un'idea in campo, ben interpretata da tutti, da chi gioca di più e da chi gioca meno. Metti Gerson e va ok, oppure lì ci piazzi El Shaarawy (dall'account Twitter dell'Uefa i complimenti per il gol al Chelsea, il più bello della settimana) e ti dà lo stesso, poi scopri che alto a destra ci gioca anche Perotti. In difesa sta fuori Manolas, sulla carta il miglior difensore della Roma o quantomeno il più quotato, e la Roma non prende gol schierando Fazio e Jesus, quest'ultimo messo spesso ai margini lo scorso anno. Chiunque vada in campo, l'idea di gioco resta la stessa: difesa alta, pressing nella metà campo avversaria e ripresa del pallone. Un calcio asfissiante. Di Francesco è riuscito pian piano a portare tutti dalla sua parte, valorizzando il gioco della Roma attraverso la valorizzazione dei singoli. Funziona il turnover (utilizzati 20 giocatori nelle ultime 13 gare) e i cambi sono sempre eccellenti (non ultimi quelli di Firenze). Oggi tutti valgono un po' di più, tutti si sentono la Roma, Di Francesco stesso, anzi lui per primo. E' cambiata la mentalità ("quell'andare a prendere gli avversari" fa la differenza nella testa dei giocatori), è cresciuta la condizione fisica, la Roma del secondo tempo di Firenze è stata dirompente, specie se si considerano le fatiche accumulate con il Chelsea. «La squadra deve essere consapevole di dover affrontare i match andando sempre a prendere gli avversari. La squadra è cresciuta anche nella mentalità. Lo scetticismo non mi riguarda». In queste parole c'è un progetto, che per adesso funziona e porta risultati, in attesa di chi per ora non si è visto. L'interpretazione della ripresa contro la Fiorentina ha rasentato la perfezione, al di là dell'aspetto fisico: in campo una squadra compatta, aggressiva e organizzata. Il contrario di quella timida, inconsapevole e fragile vista, ad esempio, all'esordio in Champions con l'Atletico Madrid. Quella squadra spaventò tutti, pure a Trigoria. Era una questione di tempo. Ora spaventa gli avversari. Intanto la ripresa degli allenamento è programmata per giovedì a Trigoria. Mancheranno 14 giocatori per via della nazionali. Per il derby, infine, già venduti 21mila biglietti (ieri un'impennata).
di A. Angeloni
Fonte: Il Messaggero

News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Gio. 16 nov 2017 
La Nostalgia di Totti. L'uomo dei record stavolta non ci sarà
Presente ma assente. Sarà un sabato strano, quello di Francesco Totti. Il suo primo...
Prima eroe Lazio. Ora star alla Roma: Kolarov, l'uomo dei due derby
In questi ultimi giorni, nel tragitto che dal Torrino lo porta tutti i giorni a...
Il derby è anche politico
È il settimo anno che si sfidano ma la crisi è iniziata molto prima. Anzi, c'è sempre...
Strootman e Nainggolan pronti
Lo scorso anno hanno deciso il derby d'andata, ora puntano ad essere di nuovo protagonisti:...
Roma, roulette russa
Vivono due anime a Trigoria, nel rush finale che porterà al derby di sabato. Da...
Così Di Francesco ha reso la Roma un bunker collettivo
Presentato come uno zemaniano di ferro, Eusebio Di Francesco ha reso la Roma un...
De Rossi e Parolo in relax prima di buttarsi nel derby
La valanga che ti viene sopra e tu che non sai cosa fare, quando fare, come fare....
Strootman: "È un derby tosto e senza favoriti"
Contro la Lazio è stato protagonista in positivo e in negativo. Dal gol che ha permesso...
Nuovo ct: sale Ancelotti, vincente e amico di tutti
Ora il toto nome è ufficialmente aperto. Con un (grande) favorito, e alternative...
 Mer. 15 nov 2017 
Malagò: "Sarebbe clamoroso se progetto Stadio della Roma non andasse in porto. Tavecchio..."
Il presidente del Coni ha parlato dell’impianto voluto da Pallotta, attualmente in discussione in Conferenza dei servizi
Bonolis: "Inter? Farà a schiaffoni con Lazio e Roma per il terzo posto"
Paolo Bonolis, showman televisivo e tifoso dell'Inter, parla della squadra di Luciano...
Italia-Svezia, De Rossi sul pullman avversario: "Scusateci per i fischi durante l'inno"
L'Expressen racconta il bellissimo gesto del centrocampista dopo la partita di San Siro. Il difensore Jansson: «Uno dei momenti più belli della mia carriera, che gentiluomo»
Passaggio completato, il Parma è cinese
Firme dal notaio con Lizhang che conferma Crespo vicepresidente
Tavecchio: "Per la nazionale al vaglio nomi importanti"
Lunedì Consiglio federale
Figc: Ventura non è più ct dell'Italia
Tavecchio non lascia, farà proposte da sottoporre al Consiglio
Roma, Nainggolan migliora e spera nel derby. Strootman: "Nessuna favorita"
Domani provino fisico per il centrocampista belga. L'olandese spera di giocare titolare: "Momento buono per noi e per la Lazio". In 53 mila sabato all'Olimpico
Biglietti ultrà, il processo Agnelli rinviato al 4 dicembre
Il processo ad Andrea Agnelli innanzi alla Corte d'Appello della FIgc per i rapporti...
Fallimento Italia, Tommasi abbandona il vertice in Figc: "Tavecchio non si dimette"
Il presidente incontra tutte le componenti con una proposta anticrisi: niente dimissioni, ma un progetto di rinascita da condividere.
STROOTMAN: "Il derby è una gara speciale. Quest'anno non c'è una squadra favorita"
Kevin Strootman, centrocampista della Roma, dopo la gara vinta dall'Olanda per 3-0...
TRIGORIA 15/11 - Recuperato Peres, a parte Nainggolan, differenziato per Schick
ALLENAMENTO ROMA - Riscaldamento atletico e lavoro tattico.
Calciomercato Sadiq, a fine mese summit tra Torino e Roma per il futuro del nigeriano
Il futuro di Umar Sadiq è di nuovo in bilico. L'attaccante nigeriano in prestito...
LAZIO, seduta tattica in vista del derby. Scarico per Immobile e Parolo
La Lazio prosegue la preparazione in vista del derby con la Roma. Questa mattina...
Ventura alle Iene: "Il mio score è uno dei migliori degli ultimi 40 anni"
Il ct azzurro: «Ho perso solo due partite in due anni» (in realtà sono tre)
ACCORDO ROMA-Volvo Car. Gandini: "Il gesto di De Rossi è stato un segnale della volontà dei ragazzi"
È in programma per oggi la conferenza stampa di presentazione del nuovo accordo...
Tavecchio-Lotito-Ventura. La mia Roma è differente
Scusate, ma chi ce l'ha messi? Chi li ha votati? Chi ha fatto sì che Tavecchio diventasse...
Bruno Conti: "La mia Italia era il calcio e l'intero Paese"
Bruno Conti, hall of famers della Roma e Campione del Mondo con l'Italia nel 1982,...
De Rossi, l'immagine di un ammutinamento annunciato
L’immagine di Daniele che discute con il prof Gianni Brignardello è la foto della distanza tra la gestione tecnica e il gruppo
Roma, da Dzeko a Florenzi, il derby non parla russo
Un derby di rivincite. Non sono in pochi, a Trigoria, che escono delusi dalla corsa...
Oggi il vertice Figc, Tavecchio verso la conferma. Ventura tratta la buonuscita
È oggi il giorno X del calcio italiano, in cui verrà deciso molto del nuovo ciclo...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>