facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 20 settembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Le aspettative e la maglia n.10, un papà ingombrante e i "no" ai prestiti. Ecco il vero Gerson

Lunedì 06 novembre 2017
"Ehi, questa è la maxi storia di come la mia vita è cambiata, capovolta sotto sopra sia finita". Da Bel Air a Firenze il passo è piuttosto lungo, circa 10.000 km. Ma nel pomeriggio piovoso del Franchi, il rap scanzonato di un giovane Will Smith piacerebbe anche a Gerson, amante della musica e definito da tutti come "il più bravo ballerino di Trigoria". C'è tanto della sua vita romanista in quelle strofe ironiche. Un biennio pieno di aspettative, sliding doors e occasioni sfumate. Oggi con i due gol alla Fiorentina - i primi in Italia - il brasiliano ha regalato la vittoria alla Roma, la dodicesima consecutiva in trasferta, sfatando anche un tabù personale lungo due anni. L'unico e ultimo gol ufficiale in carriera era datato 1 novembre 2015. Giocava in Brasile, era ancora, solamente, un giovane ragazzo di belle speranze del Fluminense.

L'investimento, le aspettative e quella maglia n.10
Due anni, sembra una vita. Una vita di anonimato, di acuti sperati e mai realizzati. Una vita giallorossa riconquistata con le unghie e il lavoro, dopo un avvio da mille e una notte. Era l'agosto del 2015 quando Sabatini decise di spendere circa 18 milioni di euro per il suo cartellino. Tanti report e poche presenze con la maglia Flu Flu bastarono all'ex diesse giallorosso per definire il suo acquisto, battendo la concorrenza di tantissime big europee. Dalla Juventus al Barcellona, che aveva messo più di un occhio sul ragazzo. Per mesi si parlò di una clausola economica in favore dei blaugrana nel caso Gerson avesse vinto il Pallone d'Oro. Alla fine non se ne fece nulla, ma il solo paventare un'ipotesi simile accrebbe ancora di più l'aura attorno al ragazzo. "E' un crack". "Il nuovo Falcao". I titoli sui giornali si sprecavano, così come l'amore di Walter Sabatini. Un'infatuazione grande tanto quanto la maglia numero 10 della Roma. "Serviva per convincere il ragazzo", disse allora l'ex diesse, giustificando il pacco regalo inviato a Rio de Janeiro. La foto del brasiliano con quella maglia e quel numero fece storcere più di qualche bocca. Si sa, a Roma la 10 è e sarà per sempre solo di una persona. Ma Sabatini aveva voluto fare all-in. Il talento c'era, la concorrenza anche. E nel calciomercato vale tutto.

Da "crack" a "pacco"
Dopo l'acquisto la Roma lo lasciò al Fluminense fino a gennaio, quando finalmente sbarcò nella capitale. L'idea era ben chiara dalle parti di Trigoria: sei mesi in prestito per farlo ambientare e poi il ritorno alla base. Lo hanno fatto tanti brasiliani. Da Julio Cesar a Mancini, inutilizzato al Venezia ed esploso con la maglia giallorossa. Peccato che tra il dire e il fare ci fu di mezzo il... padre. Presenza ingombrante quella di Marcos Antônio Silva, che si oppose al prestito al Frosinone, obbligando la Roma a rispedirlo in Brasile. Gli slot per gli extracomunitari erano finiti e sei mesi di soli allenamenti, per la Roma, non era un'operazione di crescita percorribile. Rio de Janeiro - Roma - Rio de Janeiro. Il primo anno italiano di Gerson fu questo. Trattato quasi come un pacco, in una tremenda similitudine tra quel famoso regalo e l'accezione più negative del termine.

Colpa di Spalletti o immaturità?
Regali che Gerson non voleva nemmeno da Spalletti, solo maggiore considerazione. Si aspettava solo questo il brasiliano, praticamente bocciato dall'ex allenatore giallorosso. Complice, si dice, un atteggiamento troppo presuntuoso. A fine anno furono solo 11 le presenze, 5 dal primo minuto, con l'acuto (negativo) della maglia da titolare nel big match dello Juventus Stadium. Troppo per il 19enne brasiliano, lanciato nella mischia con compiti tattici ben precisi, in un ruolo mai ricoperto in carriera. Il disastro era dietro l'angolo e così fu: 45' di nulla, totalmente dominato da Alex Sandro. Era il dicembre 2016, fu l'ultima presenza in campionato. A gennaio la strada del prestito sembrava l'unica soluzione per far esplodere un talento tale ancora solo sulla carta. E il Lille era pronto ad accoglierlo a braccia aperte. 5 milioni di prestito, 13 di riscatto. Un'operazione praticamente chiusa che saltò l'ultimo giorno di mercato. Motivo? Papà Marcao, ovviamente. Ennesima sliding door, ennesimo nulla di fatto, pagato a caro prezzo nei sei mesi successivi.

Di Francesco e la maturità
Quest'anno la rinascita. Coccolato, ma non viziato, fin dal ritiro di Pinzolo, Gerson è diventato per Di Francesco la sfida più grande da vincere. Trasformare una scommessa in un giocatore vero. Partendo dalle basi. Definire il suo ruolo, trasformarlo in un giocatore importante facendo sbocciare quel talento tenuto nascosto. In tre mesi Di Francesco è riuscito a fare tutto questo. Mezz'ala di gamba e testa come ruolo naturale, ala destra di tecnica e gol quando serve. Ormai Gerson non è più il giovane da inserire a fine gara, il talentino da far crescere nelle partite "facili". Gerson è un titolare della Roma, così come gli altri 20. E non a parole, ma con i fatti. Già nove presenze in stagione, due gol e una presenza in campo non più da comprimario. Merito dell'allenatore, complice un ragazzo finalmente maturo e pienamente adattato al calcio italiano. "Lo scorso è mancato qualcosa, probabilmente non ero ancora pronto e non avevo fatto ancora quel passaggio dal calcio brasiliano a quello italiano. Quest'anno ho iniziato con una testa completamente diversa e adesso riesco a esprimere tutte le mie potenzialità. Mister Di Francesco mi ha parlato tanto fin dall'inizio, sento la sua fiducia", l'ammissione a fine gara. Con due anni di ritardo la Roma scopre Gerson. Il 20enne
di Marco Juric
Fonte: gianlucadimarzio.com

News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Lun. 17 set 2018 
Roma e Inter: aria di crisi con allenatori in confusione
Con il ritorno della Serie A ci siamo tolti un gran peso: Cristiano Ronaldo ha finalmente...
Oro e gloria, riecco la Champions: la coppa di cui nessuno può fare a meno
Sempre più ricca (ogni vittoria nella fase a gironi vale 2,7 milioni), fondamentale per i club perché oltre al prestigio regala tanti soldi. Il Real Madrid, che la vince da tre anni, non parte favorito. Davanti Manchester City, Barcellona e la Juve di Ronaldo
Costa, scuse a Di Francesco? Non sapete
Giocatore replica a follower su Instagram: mi scuso con chi devo
Totti, Zeman, Ranieri: l'ultimo abbraccio a Maria Sensi
Si sono svolti stamattina i funerali della moglie dell'ex presidente della Roma, Franco Sensi. Presenti tantissimi personaggi del mondo del calcio, incluso il presidente della Sampdoria Ferrero
Maria Sensi: oggi il funerale. Il saluto di Rosella: "Era fiera di essere romana e romanista"
Oggi alle 11, nella chiesa di San Lorenzo fuori le mura, si sono tenuti i funerali...
Funerale Maria Sensi, Ferrero attacca i tifosi della Roma: "Perché non sono qui?"
Alle 11 Roma ha dato l'ultimo saluto a Maria Nanni, moglie dello storico presidente...
CHAMPIONS LEAGUE 2018-2019 - Real Madrid-Roma: Designazioni Arbitrali
La Uefa ha reso note le designazioni arbitrali per il primo turno di Champions League....
A Madrid con Fazio e De Rossi
Il clima non è dei migliori, ma 24 ore dopo lo stop casalingo contro il Chievo la...
Prima applausi, poi fischi e cori: è partita la caccia al colpevole
Partiamo dalla fine, dai fischi dell'Olimpico che ancora non conosce vittoria, dai...
Rosella Sensi ringrazia la Sud: "Ci avete commosso, vi aspetto a San Lorenzo per salutare mamma"
Rosella Sensi ringrazia la Curva Sud per l'affetto espresso in occasione di Roma-Chievo...
Esperimenti fatali. La Roma si butta via
L'anticipo rispetto all'anno scorso, quando l'illusione di essere competitivi al...
Giallorossi spreconi. E Olsen evita il crac
Elsha e Cristante in gol, però il doppio vantaggio non basta: il portiere spegne il sogno Chievo ma non la contestazione
Roma, continua l'incubo Olimpico per gli uomini di Di Francesco
Il tabù casalingo: i giallorossi continuano a subire troppo nel loro stadio. Dopo le sei sconfitte del passato campionato, ora due pareggi in altrettante gare
Roma-Chievo 2-2: Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: ROMA-CHIEVO 2-2 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI
Bunker infranto. La difesa ora trema per l'effetto Real
Sono 7 i gol subiti finora. Nella scorsa stagione sono stati 28 in 38 partite
Roma inguardabile
Dalla voglia di affrontare il Liverpool alla paura di imbarcarsi per Madrid. La...
Sette gol per sette fratelli il bomber non è di moda
Defrel non è rimpianto dalla gens giallorossa come Alisson, Nainggolan e Strootman....
Il vizietto di Eusebio: cambiare troppo e male
Non ce n'era bisogno. A conti fatti, non c'era proprio bisogno di cambiare ancora...
Pallotta comincia a perdere la pazienza: è furioso per il rendimento del gruppo
Eusebio Di Francesco è sotto stretta osservazione della proprietà americana: il...
 Dom. 16 set 2018 
Spalletti a camera ardente Maria Sensi
Domani al Verano funerali moglie dell'ex presidente Franco
Ministop Roma-Chievo, Dazn: "Stacco regia". Lamentele dei telespettatori
Lamentele sui social, emittente 'stop durante cooling break'
Florenzi, quanto nervosismo! Manate al tavolo nel post-partita
Il pareggio con il Chievo non va giù al numero 24 giallorosso. Due manate sul tavolo nella pancia dell’Olimpico mentre era al telefono e poi via con la famiglia per ricaricare le pile in vista del match con il Real Madrid
TRIGORIA, domani pomeriggio la ripresa degli allenamenti in vista del match contro il Real Madrid
Dopo il pareggio interno contro il Chievo, la Roma riprenderà la preparazione domani...
EL SHAARAWY: "Mancato un pizzico di determinazione in più ma abbiamo dominato"
ROMA-CHIEVO 2-2 LE INTERVISTE POST-PARTITA EL SHAARAWY A ROMA TV Un tuo gol ha sbloccato...
Roma, Olsen vuol dire speranza: la sua parata allo scadere risulta decisiva
La speranza, a questo punto, è aggrapparsi alla manona guantata di Olsen. Quel portiere...
DI FRANCESCO: "Bisogna chiudere le partite, prendiamo gol con troppa facilità"
ROMA-CHIEVO 2-2 LE INTERVISTE POST-PARTITA EUSEBIO DI FRANCESCO: "Abbiamo tenuto in vita il Chievo, questo non deve accadere a Madrid"
Roma-Chievo 2-2 Le Pagelle
Le pagelle della Roma - El Shaarawy il migliore. Olsen salva il risultato
La Roma non sa più vincere. Il Chievo rimonta dal 2-0
I giallorossi in vantaggio di due reti rimontati dalla squadra di D'Anna rischiano anche di perdere al 95'
FLORENZI: "Non dobbiamo mollare, dobbiamo tenere stretta la corda sempre..."
FINE PRIMO TEMPO: ROMA-CHIEVO 2-0 FLORENZI A DAZN Come stai? Un buon primo tempo......
MONCHI: "Di Francesco è bravissimo, lotteremo per obiettivi importanti"
ROMA-CHIEVO LE INTERVISTE PRE-PARTITA MONCHI A DAZN "Penso che abbiamo un allenatore...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>