facebook twitter Feed RSS
Martedì - 20 febbraio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

La Roma galoppa al ritmo di record

Lunedì 06 novembre 2017
La Roma, quando si mette in viaggio, è davvero implacabile. E, proprio lontano dall'Olimpico, sta dando un senso al suo campionato: il rendimento, pure dopo la tappa insidiosa di Firenze, resta da vertice. Nessuna sconfitta esterna, contando anche le trasferte di Champions a Baku e Londra, ed en-plein in serie A, 5 su 5. Conquistato, dunque, anche il Franchi: 4 a 2 contro la Fiorentina. Questo successo finisce anche negli almanacchi: è il 12° consecutivo (compresi i 7 del torneo passato con Spalletti) fuori casa, record assoluto per il nostro campionato. Di Francesco, pur godendosi il primato, va però sul concreto e preferisce guardare la classifica. Che, dopo questo weekend, diventa più interessante: recuperati 2 punti al Napoli e all'Inter, adesso meno distanti, rispettivamente 5 e 3 punti, dai giallorossi che, ancora al 5° posto, hanno comunque una partita in meno. E, in 11 gare, addirittura un punto in più di quanti ne fecero, un anno fa, in 12.

INIZIO IN ALTALENA - Il 5° successo di fila (4 in campionato più quello di martedì contro il Chelsea) coincide con le prime reti incassate da Alisson in trasferta. La difesa resta la migliore della A: 7 gol subiti. I due di Veretout e Simeone hanno tenuto in corsa solo permetà gara la Fiorentina che, per due volte, è riuscita a pareggiare nel primo tempo, rispondendo in entrambi i casi al protagonista del pomeriggio sotto il diluvio: Gerson, dopo la doppietta del Franchi, non è più il calimero di Trigoria. Sinistro a giro tanto per iniziare su invito di El Shaarawy e l'altro sul palo vicino per gradire su apertura di Gonalons. Sono le sue prime gemme da giallorosso. Che, però, non bastano per i 3 punti. La Roma, e non per il diluvio che rende il terreno scivoloso, è meno squadra del solito. Si sbilancia con esagerazione e si chiude con approssimazione. Non sembra stanca fisicamente, dopo l'exploit contro il Chelsea, ma mentalmente. Tant'è vero che, dopo l'intervallo, tornerà quella di sempre e prenderà il largo. Dietro sbagliano Kolarov che si fa puntare e superare da Gil Dias, Fazio che resta a metà del guado senza intervenire, Florenzi e Gerson che non chiudono in diagonale: Veretout fa gol a porta vuota. Così come Simeone, saltando in area sul cross frontale e quindi leggibile di Biraghi, fa centro di testa in solitudine: Kolarov non lo mette in fuorigioco e Fazio se lo perde. Gaffe dei singoli e di gruppo. Gli esterni Gerson ed El Shaarawy coprono poco e male, Pellegrini parte e non ritorna, Gonalons non è preciso nell'impostazione. Davanti combatte Dzeko e alle sue spalle Nainggolan. Senza equilibrio, ecco la fragilità. Con Pioli che sfrutta la velocità di Gil Dias e Chiesa sui lati: loro sanno ripartire e colpire. Alisson devia sul palo il destro di Chiesa e, a seguire, salva su Veretout.

SOLIDITÀ RITROVATA - Di Francesco ha però ritrovato subito la sua Roma. L'interpretazione della ripresa è stata quasi perfetta. Con i pregi che hanno finora caratterizzato questa gestione tecnica: compattezza, aggressività e organizzazione. Addirittura è più bassa, per non concedere il contropiede ai viola. Manolas ha subito dato la spallata decisiva sul corner di Kolarov. Che è un altro. E Nainggolan spopola: contrasti e lanci. Stavolta il turnover ha funzionato in corsa: Perotti, entrato per El Shaarawy, ha chiuso il match. Strootman, in campo per Pellegrini, ha dato sostanza. Solo Defrel, chiamato a sostituire Gerson, ha fatto cilecca prima della rete di Perotti. I 4 cambi, dopo il Chelsea, hanno insomma funzionato a metà: ok Gerson e Manolas (3 gol), non Pellegrini e Gonalons. Ma hanno firmato i 3 punti.
di U. Trani
Fonte: Il Messaggero

Rassegna Stampa - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Lun. 19 feb 2018 
Attenti ai brasiliani d'Ucraina
Calcio e carbone. Potrebbe essere questo il binomio per sintetizzare con due parole...
Roma, lo schema vincente è il turnover
Per la prima volta, con la vittoria di sabato a Udine, la Roma ha raggiunto il terzo...
Doni: "Non avevo dubbi su Alisson, cresce partita dopo partita"
Visto da Orlando, il pallone fa un altro rumore. Scotta meno. Brucia più il...
Roma, De Rossi chiude la porta per stoppare l'urto Shakhtar
«Equilibrio». Secondo il dizionario Treccani, nel linguaggio figurato ha anche questa...
La Roma sfida lo Shakhtar. Esperti d'Europa: tocca a voi
La forza di 70 presenze complessive in Champions da mettere in campo. La serenità...
Qualificarsi può valere 73 milioni
La Champions offre alla Roma una maxi plusvalenza sul bilancio: è praticamente a...
Undermania
Pazzi per Ünder. In Turchia il giovane attaccante giallorosso è diventato...
Non solo Ünder, anche Alisson ormai è un eroe
Come si dice "Terzi" in turco? Prendevano così in giro ieri a Trigoria, "Gengo"...
La mano di DiFra
Eusebio Di Francesco non è sorpreso. Non ha perso la serenità nemmeno...
Under, l'importanza di non essere (ancora) Salah
Come spesso accade, ora c'è la rincorsa al classico «ve l'avevo detto». Leggendo...
Alisson, il portiere che para il futuro
Ogni parata, un tuffo al cuore. Ogni dribbling vincente a due passi dalla linea...
FenomenAlisson
Fenomenologia di un fenomeno. L'hanno individuato attraverso la struttura di scouting...
Silva in gruppo per la prima volta. Piace Johansson
A Kharkiv non ci sarà, ma questo era già previsto, visto che la Champions League...
Mai vista la Roma più in alto
Lo scatto della Roma c'è e si vede in classifica. Perché, dopo il successo in Friuli,...
Kolarov, Strootman e Perotti: Di Francesco cala il tris Champions
Si sarà riposato Kolarov, forse. Ma nemmeno troppo: una partita non giocata può...
 Dom. 18 feb 2018 
Wind of Cengiz da Udine: questa vittoria è anche per chi non poteva esserci
Forse non sarà un vento di quelli poderosi, che spazzano via ogni nube in un colpo...
È tornata la Roma. Alisson non fa passare nessuno: "E ora sotto con lo Shakhtar"
Gentile appello alla Nike: tenete d'occhio il numero uno. In un'Europa assai calciofila,...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>