facebook twitter Feed RSS
Domenica - 18 febbraio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Clara Lafuente: "Il progetto è una grave offesa. Spostate lo stadio o blocco tutto"

Sabato 04 novembre 2017
«Noi siamo disponibili a modifiche ma se per modifiche si intende la demolizione delle tribune dell'Ippodromo la risposta è un secco e chiaro no». Suo padre, Julio, è l'architetto che progettò, insieme all'ingegner Gaetano Rebecchini e all'ingegnere strutturista Calogero Benedetti, l'ippodromo di Tor di Valle. Come il padre, Clara Lafuente è architetto. Fra le varie opere, sua è la risistemazione degli spazi interni del celebre Hotel de Russie, dietro piazza del Popolo. Quando la prossima settimana l'architetto Federica Galloni, a capo della Direzione Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del Ministero dei Beni Culturali, firmerà il decreto di riconoscimento del diritto d'autore sull'ippodromo, sarà lei, Clara Lafuente, in qualità di erede, ad avere l'ultima parola su qualunque progetto che riguardi Tor di Valle. Il che può tradursi in un accordo con la Roma, oppure in uno stop al progetto Stadio. A meno che, ricorrendo al Tar, la Roma non ottenga l'annullamento del vincolo. Perdendo comunque settimane di tempo. Architetto Lafuente, detto che la demolizione per lei è da escludersi, nell'ultima versione del progetto che i proponenti hanno presentato in Regione è inclusa la costruzione di una sezione delle tribune dell'ippodromo usando i progetti originali di suo padre, creandone, quindi, una copia.


«Questo progetto lo considero una grave offesa all'architettura e un ancor più grave precedente, una specie di falso». Ma se la ricostruzione di nuove tribune usando i progetti originali non va bene, qual è la via d'uscita? «Noi abbiamo effettuato una serie di calcoli sul progetto, abbiamo esaminato piante e i disegni planivolumetrici. In sostanza, lo Stadio vero e proprio e il Business Park hanno più o meno la stessa dimensione e una volumetria analoga. Io credo che la soluzione sarebbe invertirne la localizzazione: dove ora è previsto lo Stadio, cosa che comporterebbe l'abbattimento delle tribune, deve essere realizzato il Business Park. E dove ora è previsto il Business Park, deve andare il catino dello Stadio. Questo consentirebbe di recuperare perfettamente le tribune, integrandole nel tessuto vivo del progetto e non relegandone una brutta scopiazzatura in un angolo remoto». Tuttavia, questa soluzione comporterebbe una serie di problemi. In sintesi il progetto dovrebbe essere, completamente ridisegnato. Architetto Lafuente, non è un po' troppo? «Nella richiesta di apposizione del vincolo che ho presentato al Ministero dei Beni culturali, ho appositamente voluto evitare di chiedere di vincolare anche il sedime della pista. La questione è quella di non disperdere un'opera di architettura e ingegneria moderna. Mi lasci dire una cosa». Prego. «Nel nostro Paese manca una cultura dell'architettura moderna. Mancano leggi che la tutelino e aver spostato a 70 anni il limite di età di un edificio per vincolarlo credo rappresenti un errore perché espone un grande patrimonio architettonico ad essere cancellato senza appello. In questa battaglia per tutelare l'opera di mio padre devo ringraziare il compianto professor Giorgio Muratore che, fino all'ultimo giorno, ha lavorato alacremente per sollecitare e organizzare questo vincolo». Parlando di architettura contemporanea, qual è il suo giudizio sulla prima versione del progetto, quella con le tre Torri di Daniel Libeskind. «Libeskind è un ottimo architetto ma non so se quel tipo di architettura si adatti bene a Roma o piuttosto risulti meglio in altri contesti, magari in luoghi o città dove prevale una forma di disegno architettonico più di questo tipo, decisamente meno classica di quella di Roma».

Lei sa che non appena la Galloni firmerà il decreto sul vincolo, questo verrà portato al Tar. Fra le questioni da sottoporre al Tribunale, c'è quella delle modifiche cui l'ippodromo è stato sottoposto dal 1959 in poi. L'opera non è più un "originale". «È un falso problema. Si tratta di rimaneggiamenti superficiali che non alterano affatto la struttura originale. Piuttosto, che fine hanno fatto le grandi vetrate che proteggevano il lato posteriore della struttura e che, pochi mesi dopo il cambio di proprietà, non c'erano più causando un grave deterioramento delle strutture?». Lei ha avuto il consenso degli altri autori, Rebecchini (ancora vivo) e Benedetti? «Sì, siamo d'accordo». Il Tar dovrà valutare anche il cambiamento di idea del Ministero. Altro elemento di potenziale annullamento del vincolo. Sospira: «Mio figlio è tifoso della Roma e vuole lo Stadio. Per lui il massimo sarebbe salvare le Tribune insieme allo Stadio». Il Tar? «Che le devo dire? Il Tar è sempre una sorpresa».
di F. M. Magliaro
Fonte: Il Tempo

Serie A - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Dom. 11 feb 2018 
Roma a forza 5. Avanti tutta
Mancano i gol, la Roma alza il tiro. Meglio, aumenta i potenziali tiratori. Mai...
De Rossi e Schick precettati per il sorpasso
Se non ora, quando? La Roma non segna più di un gol dal 1 dicembre 2017, quando...
Una Roma con vista Champions
Lo sguardo è da indirizzare davanti, per lasciare il 5° posto, sorpassare la Lazio...
 Sab. 10 feb 2018 
Benevento, Vigorito: "Volevo ingaggiare Totti, ma ho rispettato la sua decisione di lasciare"
Oreste Vigorito, presidente del Benevento, è intervenuto ai microfoni di ReteSport....
Testa o Dzeko
Primo in classifica. In tutte le classifiche. Ma quando si tratta di esaminare il...
 Ven. 09 feb 2018 
Lega Serie A, fallisce il blitz di Lotito e Cairo: Nicoletti rinvia al 27 l'assemblea elettiva
Assemblea elettiva rinviata per mancanza del numero legale
Roma-Benevento: i giocatori della Primavera che sperano nella convocazione
Uomini contati per Di Francesco, che ha solo 14 giocatori sani e disponibili e chiamerà i giovani: Marcucci e Riccardi in prima fila, occhio a Bouah
Di Michele racconta i suoi ex allenatori: "Di Francesco e Spalletti, il buono e... l'istintivo"
David presenta i suoi Eusebio e Luciano. Sei stagioni fa, dopo la salvezza in Serie...
Proibito tifare, così parlò balaustra
Se gli americani ieri sono riusciti a portare Castro a Trigoria (17 anni, Fidel...
Roma fabbrica di talenti: ecco i migliori vivai d'Italia
Quali club di Serie A sfornano più talenti italiani?
Calciomercato, il piano Roma, Florenzi a vita
Alessandro Florenzi è una priorità della Roma. Lo ha detto Monchi, già...
Calciomercato Roma, la nuova priorità: blindare Alisson
Non solo Florenzi. La Roma del futuro avrà cinque, sei giocatori che formeranno...
C'è l'Olimpico da espugnare
La zona Champions, da domenica al 20 maggio, va conquistata all'Olimpico. La Roma,...
 Gio. 08 feb 2018 
Balzaretti: "Juve, occhio a Eriksen! Ma in difesa il Tottenham balla"
Il dirigente della Roma ed esperto di calcio estero in tv ci parla della sfida dei bianconeri in Champions, di Antonio Conte, di Premier e Bundesliga...
Lega Serie A, Lotito sbatte contro i riformisti. Tentativo di golpe nel giorno di San Valentino
I club a favore di Lotito sono otto e vorrebbero tentare un golpe nel giorno di San Valentino approfittando dell'assenza di Malagò per eleggere una nuova governance
Designazioni arbitrali 24ª giornata di Serie A
SERIE A TIM - Designazioni 5ª Giornata di Ritorno
Roma in punta di svolta
Il precedente non può certo incidere sul risultato di domenica sera. Ma la Roma,...
 Mer. 07 feb 2018 
Dzeko è rimasto per l'Europa, servono gol... Anche per i conti
Non c'è calciatore della Serie A che tiri di più in porta, non c'è altra fac­ cia...
Roma, non resta che Gerson
Senza Nainggolan e Pellegrini squalificati, con Gonalons infortunato e Daniele De...
Un miliardo in fumo, il calcio senza titoli dei padroni stranieri
Un miliardo e trecento milioni investiti, duecento calciatori acquistati, quindici...
 Mar. 06 feb 2018 
Piris: "In Messico si sta bene. Roma? Pagata l'inesperienza"
Ivan Piris, il laterale paraguaiano classe '89, attualmente in Messico con la maglia...
Diritti tv, De Siervo, ad Infront: "Il mercato è aperto, ora il calcio è più visibile"
«Mi aspetto che Sky possa intervenire davanti all'Autorità garante per la concorrenza...
CENGIZ, dopo Totti è il marcatore giallorosso più veloce dal 2012
Stando alle statistiche riportate da Opta, Cengiz Ünder oltre a essere il primo...
Da Delvecchio a Under: quando il gol è lampo
Chiamateli piè veloci. Non saranno omerici, ma sono eroi. Almeno per un giorno,...
La Roma che perde i pezzi ora si aggrappa a Gerson
Un anno fa aveva appena iniziato il periodo di espiazione dopo il rifiuto al Lille...
 Lun. 05 feb 2018 
I turchi pazzi di Under: "Cengiz imperatore di Roma"
Il talento celebrato in patria: «Gol storico e meraviglioso»
Ag. Cengiz: "Nel girone di ritorno giocherà di più. Il gol di ieri gli dà fiducia"
Primo gol con la maglia della Roma, ieri per Cengiz Ünder. Il giovane talento turco...
La Lega accetta l'offerta di MediaPro: "Serie A su tutte le piattaforme". Scontro con Sky
Rivoluzione sui diritti tv. La Lega serie A ha accettato l'offerta di MediaPro,...
Roma, un piccolo passo fuori dalla crisi. E Di Francesco si traveste da Spalletti
Il tecnico respira dopo il successo di Verona, al Bentegodi si sono viste cose buone (Under) ma anche vecchi difetti. Il cambio di modulo, con il ritorno al 4-2-3-1, ha dato maggiore fluidità alla manovra
Peres, positivo l'alcol test. Per il brasiliano allenamento punitivo a Trigoria
Peres: alcol test positivo. Ritiro della patente e 800 euro di multa
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>