facebook twitter Feed RSS
Martedì - 20 febbraio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Juan Jesus Superstar, il titolare in più: la resurrezione del difensore brasiliano è tornato a gioca

Il brasiliano è tornato a giocare a grandissimi livelli grazie a Di Francesco e ora si sta prendendo la rivincita nei confronti di chi lo criticava
Venerdì 03 novembre 2017
Chi mai l'avrebbe detto? Juan Jesus in copertina, protagonista in una Roma che si presenterà a Firenze con il biglietto da visita della miglior difesa del campionato. Con il brasiliano in campo in sette partite su dieci, sei da titolare, più le quattro di Champions in cui ha sempre risposto presente. Appunto, chi l'avrebbe mai detto? Soprattutto ricordando tutto quello che è stato detto e scritto di questo brasiliano che ha ancora soltanto ventisei anni e un grande futuro dietro le spalle. Scritto e detto sin da quando è sbarcato in Italia, Milano, casa Inter, dove quando lo hanno visto andare via hanno festeggiato a champagne. Magari, adesso, vedendo Juan Jesus versione romanista, stanno rimpiangendo i soldi spesi per lo champagne.

Perché con Di Francesco, il ragazzo brasiliano sta tornando a giocare a livelli da protagonista, gli stessi che, a vent'anni, ne avevano fatto uno dei prospetti difensivi migliori nel pianeta, campione del mondo con l'Under 20 brasiliana nel 2011, argento olimpico a Londra nel 2012, le stimmate che sembravano quelle di un predestinato. Non è stato così. Ma ora il brasiliano si sta prendendo tutte le sue rivincite. Con la maglia della Roma che ha voluto come nessun'altra. Nonostante nel momento in cui l'Inter decise di venderlo, si fossero presentati diversi club per acquistarlo. Tra questi pure la Juventus che lo vedeva bene nella difesa a tre bianconera.

Peraltro il benvenuto a Roma tutto è stato meno che un tappeto rosso. Complici anche le pernacchie con cui fu salutato dalla tifoseria nerazzurra. La Roma lo aveva trattato anche l'anno precedente all'estate del 2016 data del suo arrivo a Trigoria, ma la quotazione fissata dall'Inter per il cartellino, aveva consigliato la dirigenza giallorossa a lasciar perdere. Il secondo tentativo fu fatto nel mercato di gennaio del 2016, era appena arrivato Spalletti che spinse per definire l'affare. Non si chiuse sempre per una questione di soldi. Fino, appunto, al luglio del 2016, quando con un comunicato la società giallorossa ne ufficializzò l'arrivo con la formula del prestito oneroso a due milioni, più l'obbligo di riscatto a otto a determinate condizioni. Che poi condizioni non erano perché l'obbligo scattava a salvezza raggiunta dai giallorossi. Appunto, Jesus era un giocatore della Roma.

Furono pernacchie per la società subito dopo l'acquisto del giocatore. Subito etichettato come uno scarto dell'Inter, giocatore scarso, inutile per un progetto che voleva essere vincente. Jesus non ha fatto una piega. Conquistato subito dalla città, felice di viverci e di veder nascere qui il suo secondo figlio. Ma la bocciatura era stata fatta e, con la complicità anche di parecchi organi di informazione non solo cartacei, non c'era verso almeno di aspettare di vedere le prestazioni in campo. Eppure già nella stagione con Spalletti, il brasiliano qualche risposta positiva l'aveva data, basti pensare alla vittoria sul campo del Napoli, con Jesus spostato sulla corsia sinistra capace di annullare un giocatore come Callejon. Niente da fare, bocciato era stato, bocciato rimaneva.

Nel suo ritorno a una considerazione perlomeno onesta, un ruolo decisivo l'ha avuto l'arrivo di Di Francesco in panchina. Il tecnico con il brasiliano ha cominciato a lavorarci sin dal ritiro a Pinzolo, facendogli capire che ci sarebbe stato spazio pure per lui. Jesus ha risposto nel modo migliore possibile, mettendosi a disposizione della squadra. Ha perso le staffe solo in un'occasione, dopo la partita contro l'Inter del 27 agosto quando, con grande disponibilità, accettò di giocare esterno destro difensivo perché tutti i compagni di ruolo erano in infermeria. La Roma la perse quella partita, Perisic a destra fu decisivo, e ripartirono gli insulti via social. Jesus ci rimase male. Soprattutto dopo aver letto quello scritto da un minorenne, in cui gli insulti andavano ben oltre la decenza. Rispose querelando i genitori. E tornando a lavorare sodo in campo e a trascorrere il tempo libero in famiglia, coccolandosi il figlio e giocando con i suoi due cani. E, quando ce ne è bisogno, facendo le cose di casa, montare un mobile, curare il giardino, cucinare.

Chi l'avrebbe mai detto? Ora per lui è arrivato il tempo delle rivincite. Ha risposto con una serie di prestazioni da voto alto in pagella, ultima quella contro il Chelsea in cui, in coppia con Fazio, ha rappresentato un muro invalicabile per gli attaccanti del Chelsea. È migliorato sotto tutti i punti di vista, in particolare in quello della concentrazione che troppo spesso in passato è stato il suo tallone d'Achille. È diventato un titolare in più nella miglior difesa del campionato. L'augurio è che se ne siano accorti tutti. Anche se la mamma degli imbecilli è sempre incinta.
di P. Torri
Fonte: Il Romanista

Trigoria - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Gio. 15 feb 2018 
Alisson, uomo immagine e rinnovo del contratto: così la Roma vuole blindare il brasiliano
La società giallorossa vorrebbe il portiere al centro del progetto, convincendolo a diventare il nuovo Salah e rendendolo l’uomo chiave del club dentro e fuori dal campo
Roma, una difesa indifesa
Il mal di gol, debellato domenica sera con la manita a Puggioni, è rimasto al centro...
 Mer. 14 feb 2018 
La Roma ritrova De Rossi e Schick
Di Francesco può sorridere: i due in campo sabato nell'anticipo
Roma, Ünder è solo l'inizio: tanti giovani per Di Francesco
Non solo necessità di bilancio: puntare soprattutto sui ragazzi è una scelta condivisa. Al tecnico della Roma servono giocatori bravi disposti a sacrificarsi, a Monchi piace scovarli
TRIGORIA 14/02 - Esercizi in palestra, rapidità e tattica per la squadra
ALLENAMENTO ROMA - De Rossi e Schick in gruppo, individuale per Gonalons, Silva e Karsdorp
 Mar. 13 feb 2018 
Roma, nel semplice mondo di Ünder. Vive nell'attico che era di Szczesny
Dopo i due gol di domenica al Benevento, una tranquilla serata casalinga per il turco. L’amico Serhat Balci: «Non avete ancora visto niente, crescerà ancora»
Calciomercato, Roma al lavoro per blindare Alisson: adeguamento e clausola da 90 milioni
Non solo Florenzi. La Roma in queste settimane dovrà studiare il modo per blindare...
Avanti tutta
Avanti con il 4-2-3-1. E non per le due vittorie contro le ultime due in classifica....
La Turchia ai piedi del "soldato" Under
Quando è sbarcato a Roma, il presidente turco Erdogan lo chiamò al telefono per...
Udinese-Roma vietata: portate rispetto ai tifosi romanisti
Rispettateci. Chiediamo semplicemente questo, il semplice, naturale rispetto. Da...
Difra coccola Ünder:"Mi ricorda Montella". E chiede alla società di non cedere i big
La sua esultanza è già un simbolo - si spera duraturo - per i tifosi della Roma...
 Lun. 12 feb 2018 
Prefettura Udine: "Romanisti pericolosi", trasferta vietata. Bufera sul web
Il prefetto ha stabilito il «divieto di vendita dei tagliandi di tutti i settori ai residenti nella Regione Lazio». Ma sulla Rete è polemica
TRIGORIA 12/02 - Lavoro in palestra per chi ha giocato ieri
ALLENAMENTO ROMA - Individuale per Gonalons, Silva e Karsdorp
Si chiama Ünder, ha colpi da big
La Roma ha trovato un piccolo campione: Cengiz Ünder una serata come quella di ieri...
 Dom. 11 feb 2018 
Under, il piccolo turco fa sorridere l'Olimpico e si merita l'ovazione
Pur avendo subìto due gol (contro il Benevento, un'assurdità, è ovvio), la Roma...
TRIGORIA, domani mattina la ripresa degli allenamenti in vista del match contro i friulani
Seconda vittoria consecutiva per la Roma. Ora, però, non c'è tempo da perdere: sabato...
Roma-Benevento, un Olimpico da sfatare: punti e a capo
Un campionato di calcio è come un lungo percorso a tappe, di cui si conosce il traguardo...
Vai col turco
Ormai quel sinistro non punge più soltanto alla playstation. «Impressionante», l'ha...
Roma, Champions e sponsor per non dover vendere un big
La Champions per mettere in banca il futuro. Da sola, però, non basta. Dopo aver...
A questo Kolarov non si rinuncia mai
Avesse avuto un'alternativa, probabilmente Kolarov la partita di oggi contro il...
 Sab. 10 feb 2018 
TRIGORIA 10/02 - Seduta di Rifinitura. In gruppo De Rossi e Schick, a parte Gonalons
ALLENAMENTO ROMA - Sala video, a seguire lunga fase tattica.
DI FRANCESCO: "Ottimista per convocazione di De Rossi e Schick. Gli attaccanti si devono sbloccare"
ROMA-BENEVENTO LA CONFERENZA STAMPA DI EUSEBIO DI FRANCESCO: "Gerson deve migliorare la capacità di leggere prima le giocate e innamorarsi meno della palla. Gonalons difficile che potrà essere recuperato con lo Shakhtar. Bruno Peres? Mi auguro sia l'ultimo episodio"
Nyon vuol dire fiducia: i dettagli dell'incontro della Roma con la Uefa sul Ffp
Financial Fair Play, la Roma ha presentato alla Uefa i 10 milioni di rosso dovuti all'imprevisto no di Manolas allo Zenit. C'è grande ottimismo, risposte in primavera
Il saldo del mercato dice +51 milioni
C'è un elemento certificato che può suffragare le istanze della Roma davanti alla...
Fair play, Alisson a rischio: "Penso solo al Benevento"
I dubbi legati a squalifiche e acciacchi — con Di Francesco proiettato alla gara...
Roma, è mal di gol. Trazione anteriore per guarire subito
Ricordate il classico atto d'accusa verso le statistiche? Se un tipo mangia due...
De Rossi, ultimo test. Peres invitato a lezioni di guida
La Roma è fiduciosa, ma i tempi saranno lunghi. Ieri a Nyon la delegazione formata...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>