facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 16 novembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Juan Jesus Superstar, il titolare in più: la resurrezione del difensore brasiliano è tornato a gioca

Il brasiliano è tornato a giocare a grandissimi livelli grazie a Di Francesco e ora si sta prendendo la rivincita nei confronti di chi lo criticava
Venerdì 03 novembre 2017
Chi mai l'avrebbe detto? Juan Jesus in copertina, protagonista in una Roma che si presenterà a Firenze con il biglietto da visita della miglior difesa del campionato. Con il brasiliano in campo in sette partite su dieci, sei da titolare, più le quattro di Champions in cui ha sempre risposto presente. Appunto, chi l'avrebbe mai detto? Soprattutto ricordando tutto quello che è stato detto e scritto di questo brasiliano che ha ancora soltanto ventisei anni e un grande futuro dietro le spalle. Scritto e detto sin da quando è sbarcato in Italia, Milano, casa Inter, dove quando lo hanno visto andare via hanno festeggiato a champagne. Magari, adesso, vedendo Juan Jesus versione romanista, stanno rimpiangendo i soldi spesi per lo champagne.

Perché con Di Francesco, il ragazzo brasiliano sta tornando a giocare a livelli da protagonista, gli stessi che, a vent'anni, ne avevano fatto uno dei prospetti difensivi migliori nel pianeta, campione del mondo con l'Under 20 brasiliana nel 2011, argento olimpico a Londra nel 2012, le stimmate che sembravano quelle di un predestinato. Non è stato così. Ma ora il brasiliano si sta prendendo tutte le sue rivincite. Con la maglia della Roma che ha voluto come nessun'altra. Nonostante nel momento in cui l'Inter decise di venderlo, si fossero presentati diversi club per acquistarlo. Tra questi pure la Juventus che lo vedeva bene nella difesa a tre bianconera.

Peraltro il benvenuto a Roma tutto è stato meno che un tappeto rosso. Complici anche le pernacchie con cui fu salutato dalla tifoseria nerazzurra. La Roma lo aveva trattato anche l'anno precedente all'estate del 2016 data del suo arrivo a Trigoria, ma la quotazione fissata dall'Inter per il cartellino, aveva consigliato la dirigenza giallorossa a lasciar perdere. Il secondo tentativo fu fatto nel mercato di gennaio del 2016, era appena arrivato Spalletti che spinse per definire l'affare. Non si chiuse sempre per una questione di soldi. Fino, appunto, al luglio del 2016, quando con un comunicato la società giallorossa ne ufficializzò l'arrivo con la formula del prestito oneroso a due milioni, più l'obbligo di riscatto a otto a determinate condizioni. Che poi condizioni non erano perché l'obbligo scattava a salvezza raggiunta dai giallorossi. Appunto, Jesus era un giocatore della Roma.

Furono pernacchie per la società subito dopo l'acquisto del giocatore. Subito etichettato come uno scarto dell'Inter, giocatore scarso, inutile per un progetto che voleva essere vincente. Jesus non ha fatto una piega. Conquistato subito dalla città, felice di viverci e di veder nascere qui il suo secondo figlio. Ma la bocciatura era stata fatta e, con la complicità anche di parecchi organi di informazione non solo cartacei, non c'era verso almeno di aspettare di vedere le prestazioni in campo. Eppure già nella stagione con Spalletti, il brasiliano qualche risposta positiva l'aveva data, basti pensare alla vittoria sul campo del Napoli, con Jesus spostato sulla corsia sinistra capace di annullare un giocatore come Callejon. Niente da fare, bocciato era stato, bocciato rimaneva.

Nel suo ritorno a una considerazione perlomeno onesta, un ruolo decisivo l'ha avuto l'arrivo di Di Francesco in panchina. Il tecnico con il brasiliano ha cominciato a lavorarci sin dal ritiro a Pinzolo, facendogli capire che ci sarebbe stato spazio pure per lui. Jesus ha risposto nel modo migliore possibile, mettendosi a disposizione della squadra. Ha perso le staffe solo in un'occasione, dopo la partita contro l'Inter del 27 agosto quando, con grande disponibilità, accettò di giocare esterno destro difensivo perché tutti i compagni di ruolo erano in infermeria. La Roma la perse quella partita, Perisic a destra fu decisivo, e ripartirono gli insulti via social. Jesus ci rimase male. Soprattutto dopo aver letto quello scritto da un minorenne, in cui gli insulti andavano ben oltre la decenza. Rispose querelando i genitori. E tornando a lavorare sodo in campo e a trascorrere il tempo libero in famiglia, coccolandosi il figlio e giocando con i suoi due cani. E, quando ce ne è bisogno, facendo le cose di casa, montare un mobile, curare il giardino, cucinare.

Chi l'avrebbe mai detto? Ora per lui è arrivato il tempo delle rivincite. Ha risposto con una serie di prestazioni da voto alto in pagella, ultima quella contro il Chelsea in cui, in coppia con Fazio, ha rappresentato un muro invalicabile per gli attaccanti del Chelsea. È migliorato sotto tutti i punti di vista, in particolare in quello della concentrazione che troppo spesso in passato è stato il suo tallone d'Achille. È diventato un titolare in più nella miglior difesa del campionato. L'augurio è che se ne siano accorti tutti. Anche se la mamma degli imbecilli è sempre incinta.
di P. Torri
Fonte: Il Romanista

Mercato - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Sab. 10 nov 2018 
Kolarov, Pastore, Defrel e Ramirez. Questa è anche la sfida di Sabatini
[...] La partita di domani sera è ovviamente anche la partita di Walter Sabatini,...
Leonardo Rossi: "I costi dei biglietti saliranno ancora. Vanno tutelati i tifosi più fedeli"
«Non siamo ancora arrivati al limite». Leonardo Rossi, esperto del ticketing e di...
 Ven. 09 nov 2018 
Calciomercato, dalla Spagna: "Juventus e Roma su Pépé del Lilla"
L'esterno franco-ivoriano sta incantando l'Europa. Non solo le italiane: sul calciatore ci sarebbero anche Barcellona e Manchester City
Zaniolo: "Ho saputo la mattina che avrei giocato contro il Real"
"Devo allenarmi giorno dopo giorno, perché il bello deve ancora venire"
Calciomercato Roma, Monchi stregato da Akhmetov del CSKA Mosca
Il centrocampista russo è stato notato nella doppia sfida di Champions League. Un condensato di quantità e qualità che ha impressionato il ds spagnolo
Candela: "La Roma ha grande potenziale, non avete visto ancora il vero Nzonzi"
Il francese: "Steven può crescere ancora tanto accanto a capitan De Rossi. Deve dare di più in fase offensiva"
Ultime chance. Schick sotto esame: o esplode o parte
Ancora una chance, stavolta da non fallire per non finire di nuovo a occupare quel...
Roma, la meglio gioventù
Quanto si sta facendo bella questa gioventù. La Roma baby cresce, prende forma e...
 Mer. 07 nov 2018 
Le cinque partite della Roma contro l'Unione Sovietica
Nella storia nessuna vittoria: quattro sconfitte e un pareggio. Nel 1986 a Palermo per raccogliere fondi in favore della società rosanero fallita
 Mar. 06 nov 2018 
Un tifo senza se e senza ma. Poi ognuno si assuma le responsabilità sul futuro
Primum, vivere. E dunque ottenere a Mosca, domani, il via livera al passaggio del...
Parnasi: "Tutti i politici mi cercavano e io versavo soldi"
La politica lo cercava, sempre, in modo maniacale, costringendolo alla fuga se l'interlocutore...
 Lun. 05 nov 2018 
Roma, dai nuovi acquisti deludenti all'incognita Dzeko: ecco i sei motivi della crisi
Non è un momento semplice per la squadra di Di Francesco. Dalla scarsa precisione sottoporta del bomber bosniaco all'impatto deludente dei vari Pastore, Shick e Karsdorp, passando per gli errori del tecnico e della dirigenza: sono tante le ragioni di questo inizio di stagione balbettante
Mbappè il giocatore più prezioso: vale oltre 200 milioni. Salah è il quarto
È Kilian Mbappé è il calciatore più costoso fra quelli in circolazione. Il dato...
Non porgiamo l'altra guancia
Dopo Firenze nessuna scusa, nessun alibi, soltanto rabbia
Roma nona, punto più basso dell'era Usa
Mediocre, nel senso letterale del termine e senza l'accezione positiva che gli veniva...
 Dom. 04 nov 2018 
CALCIOMERCATO, dalla Francia: Strootman non ingrana, malumori di Thauvin e Payet per suo stipendio
L'avventura di Kevin Strootman con la maglia del Marsiglia non sta procedendo nel...
Così la Uefa ha truccato il calcio
Dall'anonimato all'olimpo del calcio mondiale. Nel giro di dieci anni Paris Saint-Germain...
Ricominciamo da Zaniolo
Il tempo di sospirare. Due secondi. Batistuta e Totti insieme in tribuna al Franchi...
 Sab. 03 nov 2018 
CALCIOMERCATO Barcellona, Braida presente sulle tribune del Franchi per seguire Cengiz Under
Ariedo Braida, ds del Barcellona, è presente nelle tribune dell'Artemio Franchi...
Nuovo stadio, mercato, ultras contro. Della Valle-Pallotta, sfide parallele
Fiorentina-Roma è tante cose tutte insieme. La crisetta giallorossa, più profonda...
La tentazione è Zaniolo per beffare la Fiorentina
Uno, al Franchi, non ha mai giocato. L'altro, invece, sognava di farlo per tanti...
I paradossi del mercato
La partita di oggi pomeriggio a Firenze è una gara chiave per la Roma: se non dovesse...
 Ven. 02 nov 2018 
Karsdorp, futuro in bilico. Dall'Olanda: "Un errore riprenderlo al Feyenoord"
Il terzino è ancora fermo per infortunio e da inizio stagione è diventato un caso. Ma hanno dubbi anche nel suo Paese: “A gennaio sarebbe inutile”
Cengiz Ünder resterà a Trigoria: adesso si prenda la Roma
Monchi rifiuterà ogni offerta anche da favola. Fino a giugno, il turco serve per la Champions
Malcom ora si pente e bussa alla Roma
Il Barcellona non lo fa giocare. Lui chiede di andare via, anche in prestito. Era giallorosso poi se ne andò in Spagna con un clamoroso voltafaccia. Ma ci riprova
Di Livio: "La Roma è corta ma ha super Dzeko. Occhio alla Viola. Nainggolan non l'avrei mai venduto"
Angelo Di Livio, ex terzino della Fiorentina cresciuto nel settore giovanile della...
 Gio. 01 nov 2018 
Nzonzi: "Convinto da Monchi a venire. Abbiamo avuto un inizio
"De Rossi fondamentale. Dobbiamo migliorare ancora"
Roma, il mercato che si è visto poco
In questi primi due mesi e mezzo Kluivert, Pastore, Marcano e Coric sono rimasti ai margini del campo. E Karsdorp e Schick, arrivati nella scorsa stagione, restano due rebus
Monchi, rilancio Roma: ecco il mercato che verrà
Sotto accusa, lo vogliono in tutta Europa, ma qui già è stato retrocesso a dirigente che ci capisce poco. Lo spagnolo non ha nessuna intenzione di alzare bandiera bianca
Inizi difficili, se è falsa partenza paga sempre l'allenatore
Dal ‘94 solo 6 volte peggio in avvio. In quattro occasioni allontanati i tecnici Da Bianchi a Zeman, tutti i precedenti
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>