facebook twitter Feed RSS
Martedì - 16 ottobre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Di Francesco in 5 mosse si è già preso la Roma: mai così bene in Coppa

Giovedì 02 novembre 2017
È come se ritrovaste dopo tanti anni la compagna di classe più bella, quella per cui sospiravate senza successo. Passa il tempo, la perdete di vista, vi sposate, poi ad un certo punto la rincontrate e vi viene di pensare: tutto sommato non era niente di speciale, preferisco mia moglie. In fondo è quello che sta succedendo adesso a Roma, dopo che Eusebio Di Francesco ha dominato il Chelsea di Antonio Conte, fino a poco tempo fa rimpianto segreto del club giallorosso (e non solo). Diciamolo, l'allenatore abruzzese è stato sì accolto a Roma con l'affetto riservato agli ex calciatori - col surplus riservato ai pochi vincitori dello scudetto - ma anche con la diffidenza di chi aveva avuto il Sassuolo come vertice di carriera. Se vogliamo, alla luce di precedenti come Sacchi e Sarri, una atteggiamento poco lungimirante, ma tant'è: il calcio vuole sogni. E dimenticarsi del record di punti di Spalletti non era facile.

LA DIFESA - Ma Di Francesco è stato bravo a scrollarsi di dosso etichette e luoghi comuni, nello stesso tempo senza rinunciare alle proprie idee, che hanno portato la Roma ad avere il miglior avvio in Champions della propria storia con 8 punti. Un esempio? Far capire che si può essere cresciuti all'ombra dell'albero zemaniano senza per questo rinunciare ad una eccellente retroguardia. E allora si scopre che la Roma, pur senza disporre di fuoriclasse assoluti nel ruolo, è la terza difesa tra i maggiori campionati europei, da 4 partite di fila non subisce gol e, anzi, in ben 9 dei 14 match disputati la porta è rimasta inviolata. Tutto questo, partendo da una base di difesa a 4, ma all'occorrenza passando a 5, sempre sapendo rendere armonica - in linea col risultato da gestire - la fase di pressing offensivo con la decisione di tenere alta la linea della difesa, così da avere sempre i reparti stretti. La frase guida è chiara: «Se li teniamo lontani dalla nostra porta, avremo meno pericoli». Ovvio, ma non facile.

IL TURNOVER - Lo scetticismo, poi, era legato alla gestione di uno spogliatoio di campioni. Risultato? Rasserenando gli animi (ci sono ambizioni ma non ossessioni), Di Francesco ha fatto digerire anche ai senatori la linea del turnover costante e profondo, tanto da essere arrivato a cambiare anche 8 titolari fra due partite di fila, con 12 formazioni diverse su 14. La frase chiave stavolta è di Nainggolan: «A nessuno fa piacere stare fuori, però così siamo più freschi».

RIVALUTAZIONE - In questa ottica si spiegano le rivalutazioni di diversi giocatori che ormai parevano più o meno ai margini del progetto. Dal disvelamento di Alisson alla resurrezione di El Shaarawy, dall'affidabilità scoperta in Juan Jesus alla crescita di Gerson, i progressi fatti da tutti i giocatori grazie a Di Francesco sono evidenti. Tutto questo, se servirà, sarà utile a santificare le casse del club.

NIENTE ALIBI - Tutto ciò, ovviamente, non significa che Trigoria sia un'isola felice in cui tutto è perfetto. La preparazione fisica - col retaggio dei 13 infortuni muscolari e delle dolorose ricadute a cui sono stati soggetti Karsdorp e Schick - hanno aperto una questione che l'allenatore, con coraggio, ha affrontato di petto: «Premesso che esiste la componente sfortuna, non credo alle casualità. Dobbiamo parlarne al nostro interno senza cercare capri espiatori, anche se di certe cose apertamente non si può parlare».

POSSIBILI PROGRESSI - In ogni caso, il miglior percorso europeo della Roma in Champions e (in attesa del recupero con la Sampdoria) il sicuro cammino in campionato non paiono figli solo della contingenza. In effetti, se si eccettua Kolarov - il cui acquisto è stato un vero colpo di genio da parte del d.s. Monchi - gli altri arrivi ancora non riescono a mettere in mostra tutto il loro potenziale. Perciò è legittimo attendersi che - soprattutto con l'innesto di un potenziale titolare come Schick -, la squadra possa compiere un ulteriore passo in avanti, partendo da una base già ottima. «Roma fantastica», l'ha benedetta Pallotta. «C'è molto da lavorare - continua invece a dire Di Francesco - ma i ragazzi mi seguono». Messaggio ai naviganti: la Roma c'è.
di M. Cecchini / A. Pugliese
Fonte: Gazzetta dello Sport

Trigoria - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Gio. 11 ott 2018 
TRIGORIA 11/10 - Esercitazioni tecniche con la Lupa Roma. Presente Amelia
ALLENAMENTO ROMA - Individuale per De Rossi, Pastore e Kolarov
Tutti gli uomini di Monchi: ecco come funziona la squadra mercato della Roma
Una piramide con al vertice il ds spalleggiato da Massara e Totti. Poi una fitta rete di scout che unisce analisi dei dati alla visione sul campo
 Mer. 10 ott 2018 
TRIGORIA 10/10 - Doppia seduta: lavoro atletico in mattinata, tattica nel pomeriggio
ALLENAMENTO ROMA - Individuale per Pastore, De Rossi e Kolarov
Un tesoretto da 120 milioni per la Roma
C'è una Roma sfruttata poco o nulla che vale 122 milioni di euro. La somma dei cartellini...
 Mar. 09 ott 2018 
Pastore tra terapie e palestra: l'ex Psg è ancora alla ricerca della forma perfetta
La Roma è tornata ad allenarsi a Trigoria dopo le 48 ore di relax concesse da Di...
TRIGORIA 09/10 - Terapie per Kolarov, De Rossi e Pastore
ALLENAMENTO ROMA - Scatti, allunghi e partitella a campo ridotto. Doppietta di Perotti.
Da Monaco a Londra, mezza Roma in giro per il mondo: e Pastore è a Trigoria...
La pausa per gli impegni delle Nazionali permette di riposare agli uomini di Di Francesco. Dzeko sceglie Monaco, Fazio è a Londra. Solo Pastore rimane a Trigoria
De Rossi come Kolarov, guerriero con frattura
Scherzandoci su, forse un pochino se l'è tirata da solo. Ed è successo esattamente...
Adesso la Roma scopre Olsen, svedese di ghiaccio
Qualche settimana fa, a Trigoria, nessuno davvero voleva essere Robin. C'entra poco...
Malcom, quando la vita è una questione di scelte (sbagliate)
C'è chi lo attribuisce ad una questione di Karma. Altri se la cavano più semplicemente...
Roma, anche il gol fa turn over
Se segna Edin Dzeko, siamo tranquilli. Avviso ai naviganti: ci pensa lui, il bomber....
De Rossi si rompe il dito del piede. La Serbia rimanda a casa Kolarov
Ennesima tegola per Eusebio Di Francesco: al 6' della partita contro l'Empoli Daniele...
 Lun. 08 ott 2018 
PASTORE a Trigoria per un programma di lavoro personalizzato
Il centrocampista giallorosso, Javier Pastore, si è presentato regolarmente a Trigoria...
La Roma dei Pellegrini. Gli ultimi due prodotti della Cantera giallorossa
Luca e Lorenzo con tanto in comune tra loro, non solo il cognome. Un papà “calcistico”, sono ex attaccanti e hanno messo k.o. la sfortuna
Kolarov resta in Nazionale "part time"
Kolarov non si ferma. Il terzino giallorosso risponderà oggi alla convocazione della...
La nuova arma della Roma
«Quando salgono in area i più piccoli sono De Rossi e Manolas». Così Aurelio Andreazzoli...
La parabola del polpo maratoneta: Nzonzi è diventato di corsa leader
A Forse non tutti sanno che i polpi hanno tre cuori. Due pompano sangue venoso nelle...
 Dom. 07 ott 2018 
Dal 31 agosto al 6 ottobre: da una sosta all'altra passando per un ritiro
Tutto è cambiato. Una sconfitta che ci costrinse a due settimane senza sorrisi. Una vittoria (la quarta consecutiva) che di sorrisi ne regalerà molti
 Sab. 06 ott 2018 
Roma, lo spettro Andreazzoli. L'uomo che non bucava il video
Il suo "pacchetto" Roma si bucò il 26 maggio del 2013 con quel derby. "Fu un'esperienza...
Luca Pellegrini, baby fenomeno con la fascia tosta
Da Lorenzo a Luca il passo è breve. Fanno entrambi di cognome Pellegrini ma non...
 Ven. 05 ott 2018 
Roma, ecco Luca Pellegrini: il nuovo "vice-Kolarov" che disse no al Liverpool
Gli inizi da attaccante, gli infortuni, il rinnovo fino al 2022 grazie a Mino Raiola e i no alle big d'Europa. Di Francesco lo lancerà dal primo minuto contro l'Empoli
Steven Nzonzi, il leader silenzioso del centrocampo
Con lui è cresciuta tutta la squadra. Ha dimostrato di poter giocare anche insieme a De Rossi, garantendo solidità piuttosto che effetti speciali
Da Brighi a Uçan: Empoli crocevia dei doppi ex
L'ultima volta che la Roma ha vinto un trofeo, il 24 maggio 2008, Matteo Brighi...
Roma, riecco Aurelio: nemico fatto in casa
Per un periodo Aurelio Andreazzoli, avversario domani della Roma, a Trigoria fece...
 Gio. 04 ott 2018 
Calciomercato Roma, Dzeko punta il futuro: rinnovo e ruolo dirigenziale
Edin Dzeko torna a segnare, e lo fa con una tripletta da Champions che fa il giro...
Il piccolo Tommy canta l'inno dall'ospedale. Totti e De Rossi promettono... (VIDEO)
Dopo Daniele De Rossi anche l’ex numero dieci giallorosso spedisce un video messaggio al ragazzo affetto da sindrome di Down diventato famoso in questi giorni per il video di lui che canta l’inno della Roma
Roma, il futuro è in casa: ecco i ragazzi del '99
In Champions con il Viktoria Plzen erano tutti in campo. Di Francesco sta iniziando a lanciare tre 19enni che l’Europa ci invidia. E Ünder ne ha 21...
Calafiori, è scontro tra club e Raiola
La sofferenza prepara a nuove gioie: facile a dirsi. Eppure, a dispetto dell'età...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>