facebook twitter Feed RSS
Martedì - 16 ottobre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Pavoni: "Follie". Norman e Lippie verso l'addio

I preparatori americani lasceranno Trigoria a fine stagione. Arrivarono a Roma in seguito alla crisi tecnica di fine stagione 2014/2015
Venerdì 27 ottobre 2017
La decisione è stata valutata da tempo, ma non era nelle intenzioni della società annunciarla, tanto meno adesso che potrebbe essere scompostamente strumentalizzata nella tempesta di passioni che l'infortunio di Karsdorp ha (ri)sollevato: Darcy Norman e Ed Lippie, i due preparatori americani fortemente voluti direttamente dal presidente Pallotta, a fine stagione lasceranno Trigoria. Non sarà un distacco traumatico perché i due professionisti continuano ad avere la stima del boss, ma dell'opportunità di mantenerli in organico alla fine Pallotta ha discusso spesso (e mal volentieri) con diverse anime della società e alla fine si è convenuto sulla scelta del divorzio consensuale. Non sono trapelati dettagli sui tempi d'uscita, così come la società non ha mai voluto ufficialmente confermare né la durata del contratto né gli alti costi d'ingaggio riconosciuti ai due nordamericani (Norman è canadese, Lippie di New York) che furono portati a Roma dal presidente in seguito alla grave crisi tecnica di fine stagione 2014/15, quando anche Garcia fu fortemente messo in discussione e poi confermato quasi di controvoglia (e infatti durò solo altri sei mesi).

Norman, ex sciatore di buon livello, aveva maturato esperienze come preparatore in diversi sport prima di concentrarsi sul calcio, con collaborazioni con il Bayern Monaco dal 2008 al 2011 e successivamente con la Nazionale tedesca. La sua qualifica alla Roma è Director of Performance. Lippie, invece, ha cominciato a lavorare nel calcio nella Mls con i New England Revolution nel 1998, ha un curriculum lungo così e indubbiamente gli ha giovato essere il preparatore personale proprio di Jim Pallotta. Lui è Head performance coach, tipo capo allenatore delle prestazioni sportive, o qualcosa del genere. Indubbiamente il loro ruolo non è stato gradito dagli allenatori della Roma: Garcia li ha dovuti accettare (memorabili gli ingressi in campo di Norman sul campo di Pinzolo tra gli applausi dei tifosi presenti mentre Garcia rimaneva da una parte), Spalletti li ha fortemente ridimensionati e Di Francesco li ha accettati senza mai mostrare il suo entusiasmo. Da un po' si occupano solo di attivazione muscolare, di trattamenti in palestra e di prevenzione infortuni: non possono dire di aver raggiunto risultati brillanti. Tanto per raccontarne una, sulla gestione dell'infortunio di Schick Di Francesco e i preparatori sono entrati in rotta di collisione (con sottolineature sulla responsabilità di rimetterlo in campo già con il Verona) e Pallotta si è trovato a dover gestire l'ennesimo malumore sul tema.

Nessuno può obiettare sulle loro competenze, ma sui metodi di lavoro sono diverse le voci contrarie. Anche in società sono diversi ad aver maturato perplessità evidenti. Ieri invece ne ha espressa una molto chiara Pierfrancesco Pavoni, eccellenza dell'atletica leggera (unico centometrista italiano ad arrivare in una finale mondiale) e gran tifoso della Roma: «Mi è capitato di vedere su Roma Tv - ha detto ieri a Tele Radio Stereo - i lavori fatti alla vigilia della partita e ne scrissi su un blog, manifestando le mie perplessità». Che scrisse? Tra le altre cose anche questi concetti: «Ho visto Karsdorp fare skip (una corsa veloce sul posto, ndr) su una pedana elastica. Per me è il più grande obbrobrio mai visto. Questo fa danni veri. Mai e poi mai correre o saltare su pedane elastiche. Danneggiano gravemente il meccanismo di accumulo e restituzione dell'energia elastica durante il rimbalzo a terra. Va bene per far divertire i bambini nei parchi/giochi. Per il resto è un eresia biomeccanica. Se questa filosofia di training è anche quella che viene attuata per la squadra siamo messi male sia per le prestazioni che per i rischi di lesione. Qualsiasi risultato ottenuto dai nostri giocatori/allenatori è con handicap: hanno un camion sulle spalle e non lo sanno». Gli stessi concetti che ha ribadito nel suo intervento radiofonico,con una premessa («non vo glio accusare nessuno, porto solo la mia esperienza di sportivo professionista che ha maturato conoscenze specifiche nell'ambito della preparazione atletica di alto livello») e una bella postfazione: «Io sono romanista e grido sempre Forza Roma. Ma ci sono delle cose che non capisco. Una di queste riguarda la rinuncia a dei professionisti che hannofatto lafortuna diquesta società nell'ambito della rieducazione degli infortuni. Mi riferisco adesempio a Silio Musa, il più grande riabilitatore che la Roma abbia mai avuto. Uno che è riuscito a rimettere in campo un giocatore come Emerson dopo la rottura del crociato in 4 mesi e mezzo. Uno che ha tenuto in piedi Aldair. E uno che ha lavorato molto bene anche con il crociato di Di Francesco. Eusebio dovrebbe ricordarlo bene. Ma poi entriamo in un campo che non è di mia competenza. Io aggiungo solo una cosa: Forza Roma».
di D. Lo Monaco
Fonte: Il Romanista

Trigoria - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mar. 09 ott 2018 
De Rossi come Kolarov, guerriero con frattura
Scherzandoci su, forse un pochino se l'è tirata da solo. Ed è successo esattamente...
Adesso la Roma scopre Olsen, svedese di ghiaccio
Qualche settimana fa, a Trigoria, nessuno davvero voleva essere Robin. C'entra poco...
Malcom, quando la vita è una questione di scelte (sbagliate)
C'è chi lo attribuisce ad una questione di Karma. Altri se la cavano più semplicemente...
Roma, anche il gol fa turn over
Se segna Edin Dzeko, siamo tranquilli. Avviso ai naviganti: ci pensa lui, il bomber....
De Rossi si rompe il dito del piede. La Serbia rimanda a casa Kolarov
Ennesima tegola per Eusebio Di Francesco: al 6' della partita contro l'Empoli Daniele...
 Lun. 08 ott 2018 
PASTORE a Trigoria per un programma di lavoro personalizzato
Il centrocampista giallorosso, Javier Pastore, si è presentato regolarmente a Trigoria...
La Roma dei Pellegrini. Gli ultimi due prodotti della Cantera giallorossa
Luca e Lorenzo con tanto in comune tra loro, non solo il cognome. Un papà “calcistico”, sono ex attaccanti e hanno messo k.o. la sfortuna
Kolarov resta in Nazionale "part time"
Kolarov non si ferma. Il terzino giallorosso risponderà oggi alla convocazione della...
La nuova arma della Roma
«Quando salgono in area i più piccoli sono De Rossi e Manolas». Così Aurelio Andreazzoli...
La parabola del polpo maratoneta: Nzonzi è diventato di corsa leader
A Forse non tutti sanno che i polpi hanno tre cuori. Due pompano sangue venoso nelle...
 Dom. 07 ott 2018 
Dal 31 agosto al 6 ottobre: da una sosta all'altra passando per un ritiro
Tutto è cambiato. Una sconfitta che ci costrinse a due settimane senza sorrisi. Una vittoria (la quarta consecutiva) che di sorrisi ne regalerà molti
 Sab. 06 ott 2018 
Roma, lo spettro Andreazzoli. L'uomo che non bucava il video
Il suo "pacchetto" Roma si bucò il 26 maggio del 2013 con quel derby. "Fu un'esperienza...
Luca Pellegrini, baby fenomeno con la fascia tosta
Da Lorenzo a Luca il passo è breve. Fanno entrambi di cognome Pellegrini ma non...
 Ven. 05 ott 2018 
Roma, ecco Luca Pellegrini: il nuovo "vice-Kolarov" che disse no al Liverpool
Gli inizi da attaccante, gli infortuni, il rinnovo fino al 2022 grazie a Mino Raiola e i no alle big d'Europa. Di Francesco lo lancerà dal primo minuto contro l'Empoli
Steven Nzonzi, il leader silenzioso del centrocampo
Con lui è cresciuta tutta la squadra. Ha dimostrato di poter giocare anche insieme a De Rossi, garantendo solidità piuttosto che effetti speciali
Da Brighi a Uçan: Empoli crocevia dei doppi ex
L'ultima volta che la Roma ha vinto un trofeo, il 24 maggio 2008, Matteo Brighi...
Roma, riecco Aurelio: nemico fatto in casa
Per un periodo Aurelio Andreazzoli, avversario domani della Roma, a Trigoria fece...
 Gio. 04 ott 2018 
Calciomercato Roma, Dzeko punta il futuro: rinnovo e ruolo dirigenziale
Edin Dzeko torna a segnare, e lo fa con una tripletta da Champions che fa il giro...
Il piccolo Tommy canta l'inno dall'ospedale. Totti e De Rossi promettono... (VIDEO)
Dopo Daniele De Rossi anche l’ex numero dieci giallorosso spedisce un video messaggio al ragazzo affetto da sindrome di Down diventato famoso in questi giorni per il video di lui che canta l’inno della Roma
Roma, il futuro è in casa: ecco i ragazzi del '99
In Champions con il Viktoria Plzen erano tutti in campo. Di Francesco sta iniziando a lanciare tre 19enni che l’Europa ci invidia. E Ünder ne ha 21...
Calafiori, è scontro tra club e Raiola
La sofferenza prepara a nuove gioie: facile a dirsi. Eppure, a dispetto dell'età...
Pellegrini, simbolo della rivoluzione
Dai senatori ai giovani, il testimone è passato di mano nel derby. Il simbolo è...
Gli equivoci e alibi eliminati da Trigoria
Il comportamento da squadra e non l'interesse per il singolo. Di Francesco, senza...
Kolarov, la nazionale passa per Empoli: Luca Pellegrini pronto a giocare titolare
«Da adesso in poi, proverò a cambiare il meno possibile». La riflessione post-Plzen...
Una settimana da DiFra
Jim Carrey in un film record d'incassi del 2003 riceveva da Dio il dono di poter...
 Mer. 03 ott 2018 
Dzeko nella top 10 dei bomber giallorossi. E la media gol è da record
Per il bosniaco 77 reti complessive dopo le tre al Plzen: ora insegue Da Costa, Delvecchio e Balbo. Segna 0,5 gol a partita, meglio fecero solo Manfredini e Volk (0,6): nella Roma "moderna" nessuno come lui
TRIGORIA 03/10 - Scarico per chi ha giocato ieri. Individuale per Pastore, Perotti e De Rossi
Gli uomini di Di Francesco tornano ad allenarsi questa mattina alle ore 11:30 dopo...
EMPOLI-ROMA, Venerdì la conferenza stampa di Di Francesco
Eusebio Di Francesco, in vista della partita di Empoli di sabato sera, risponderà...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>