facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 25 aprile 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Lotito: "Ogni comunità ha i suoi stupidi: ci sono in quella laziale come in quella ebraica"

Mercoledì 25 ottobre 2017
Noi laziali, dice Claudio Lotito, abbiamo sempre combattuto «comportamenti antisemiti e anti-razzisti». Antirazzisti? Vabbè, un lapsus. Lontano dalle telecamere che lo hanno assediato durante la visita alla Sinagoga, il presidente della Lazio dà fiato ai propri ragionamenti e confessa di avere più di un sospetto sulla mano che ha incollato gli adesivi con Anna Frank in giallorosso.Una mano, forse, «esterna» agli ultrà della Curva Nord. Riecco l'ipotesi del complotto, quindi, anzi del «gomblotto», per richiamarne la versione macchiettistica del Lotito imitato in tv. Il patron della Lazio, in realtà, ha la voce seria: «C'è qualcosa di strano», ripete, mentre aspetta «i risultati delle indagini». Poi, durante la chiacchierata, si apre a ipotesi investigative più probabili. «In ogni gruppo ci sono dei cretini», concede.

Anche nella Lazio, quindi? «In tutti i gruppi, anche nella comunità ebraica ci sono delle persone, diciamo, particolari».

Cosa intende per persone particolari? «Dico che in tutte le comunità con centinaia e migliaia di persone può esserci lo stupido di turno. Su una cassetta intera ci può essere una mela marcia, ma non significa che tutta la cassetta sia bacata. Vale per tutti. La settimana scorsa a messa c'era la parabola del Vangelo: dare a Cesare quel che è di Cesare».

Quindi? «Dire che tutta la tifoseria laziale è razzista è sbagliato. Chi è responsabile, va "daspato" a vita (messo sotto Daspo, ndr). Ma non mi sento di confermare ancora una volta che sono i soliti tifosi laziali razzisti».

Chi è stato quindi? «Aspetto le indagini, ma non mi sembra che la nostra tifoseria abbia dimostrato atteggiamenti di questo tipo. Gli Irriducibili si sono dissociati, mi pare. Mercoledì contro il Nizza ci hanno fatto anche i complimenti».

Chi? «Le autorità francesi».

E perché? «Perché non c'è stato uno striscione razzista, un buuu. E lo stesso contro il Cagliari. Se ci fosse stato un atteggiamento antisemita, sarebbe emerso durante la partita, no? Invece finisce la partita e il giorno dopo si va a pulire lo stadio e spuntano queste fotografie».

Per lei non le hanno messe i tifosi laziali, quindi? «Abbiamo chiesto alle forze dell'ordine di verificare anche chi ha stampato gli adesivi, perché le stesse cose erano spuntate nell'altra curva, con la maglia della Lazio e la scritta: laziale giudeo».

Ci sta dicendo che per lei sono stati i romanisti? «Non entro nel merito delle indagini, il problema che mi pongo è che stranamente ora viene fuori un'estremizzazione di un problema che la Lazio ha sempre combattuto, da 13 anni, da quando faccio il presidente».

Un complotto, insomma... «È strano che dall'oggi al domani esca fuori un meccanismo che dipinge la Lazio razzista e antisemita. E casualità questo avviene non solo in un momento in cui la Lazio ottiene ottimi risultati, ma stranamente proprio quando si registra un cambiamento di tendenza della tifoseria».

Cioè dopo anni di contestazioni, quando lei si è riconciliato con gli Irriducibili... «Io non mi sono riconciliato con nessuno, sono loro che hanno rivisitato certi atteggiamenti parossistici contro le regole, contro i valori dello sport. Poi se siano veri o falsi non lo so, ma finora si stanno comportando bene. Hanno anche portato i fiori, lì, sul luogo dell'eccidio. E poi che fanno? Si sono impazziti?».

Ritiene davvero impossibile, insomma, che in Curva Nord ci siano dei razzisti? «Può esserci qualche matto che non accetta questo cambiamento ma è più facile pensare che queste cose siano strumentali per poter destabilizzare l'ambiente».

Fatte da una mano esterna? «Eh, la mattina può succedere di tutto e poi danno la colpa alla società. Ma mi faccia dire: io ho un ottimo rapporto con la comunità ebraica».

Che però ieri non si è presentata, come l'ha presa? «Guardi, Kant faceva la differenza tra fenomeno e noumeno. Fenomeno, da fainomai .. apparire, io non volevo apparire. Il mio è un fatto noumenico, non devo cercare gesti riparatori e non devo ingraziarmi nessuno. Queste cose le vivo, dico sempre ai giocatori che devono nutrire anche lo spirito, il sabato qui a Formello facciamo sempre la messa».
di L. De Cicco
Fonte: Il Messaggero

Serie A - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Lun. 26 mar 2018 
Andreazzoli vola verso la Serie A e sogna di sfidare la "sua" Roma
A Roma nessuno lo rimpiange, a Empoli benedicono il momento in cui il presidente...
Karsdorp spera in un gran finale
Non è finita. La stagione di Karsdorp sembrava destinata a restare nell'anonimato...
Roma sulle ali di Dzeko
Soffermandosi esclusivamente su qualche dato statistico, c'è il rischio di storcere...
Bentornato tour de force. La Roma sa come si fa
Sembra quasi di vederlo, Eusebio Di Francesco, mentre dice ai suoi giocatori - quei...
I titolari del gol, dieci giocatori hanno già messo a segno almeno una rete
La Roma non è un meccanismo perfetto ma funziona come un collettivo: tutti i titolari...
Pellegrini: "Voglio vincere anch'io. Messi è il più forte del mondo però ha perso anche lui"
I concetti sono quelli di un leader. Anche se di anni ne ha 21, ha appena due presenze...
 Dom. 25 mar 2018 
Monchi: "Il progetto della Roma si adattava perfettamente a me"
"La squadra gioca come l’allenatore che io ho scelto”
 Sab. 24 mar 2018 
Alisson: "Giocare la Champions mi fa sentire un lupo. Jesus mi ha aiutato molto" (VIDEO)
"Dzeko è un grandissimo avversario. Kolarov? Sta facendo la differenza per la nostra squadra. È un leader"
Alberto De Rossi: "Ho detto no alla prima squadra e alla B, ecco i più forti che ho cresciuto"
“Mi sono sempre rifiutato di allenare Daniele sia nelle giovanili che in prima squadra. Tumminello è fortissimo”
Savorani: "Sì, Alisson è come Messi. Nella categoria dei fuoriclasse mi ricorda Zamora e Yashin"
Marco Savorani, preparatore dei portieri della Roma, in questa intervista esclusiva...
 Ven. 23 mar 2018 
Uefa Nations League, 76 milioni di premio per le partecipanti
L'Uefa ha destinato una cifra superiore ai 76 milioni di euro quale sostegno e bonus...
Batistuta: "Maradona il migliore. A Firenze e Roma anni incredibili"
«Italiani e argentini si assomigliano abbastanza. Io vorrei persino votare in questo...
Senza tregua: Di Francesco rilancia il turnover
Se si affatica il prato, figuriamoci gli uomini. E' da sabato che il terreno dell'Olimpico,...
Di Francesco e la Roma buona: "Col Barcellona nessuna paura"
C'è un filo logico dietro ogni cosa, una linea dettata che può rivelarsi un ottimo...
 Mer. 21 mar 2018 
Trigoria, l'intervento di Di Francesco sul matchfixing: "Questo non è calcio"
Prima di scendere in campo per l'allenamento, oggi, la rosa di Di Francesco e il...
Il fratello Muriel: "Alisson non tradirà la Roma"
La famiglia Becker è brasiliana di Germania. Sul lavoro è gente rigorosa ma fuori...
L'Italia scopre Messi
Venerdì debutta Gigi Di Biagio. Da ct azzurro ad interim. La notte all'Etihad Stadium,...
La cena di Mediapro disertata dalla Serie A
Un invito a cena di Mediapro non proprio dei più galanti, a che la Serie A non ha...
Serve un assist? Ci pensa Kolarov
Quel collo interno sinistro è un grimaldello dorato: lui lo agita da fermo o in...
Ritrovato l'amico gol
La primavera romanista è iniziata in anticipo. E lo ha fatto a suon di gol. Nove...
 Mar. 20 mar 2018 
Diritti tv, Mediapro a cena con i club per tranquillizzarli
Mediapro sta organizzando una cena giovedì con i club di Serie A per tranquillizzare...
Mercato Roma, l'agente di Alisson: "Ama i giallorossi, non pensa al contratto ma solo al presente"
Ze Maria, agente di Alisson, ha rilasciato alcune dichiarazioni al tabloid inglese...
Nainggolan e la nazionale ritrovata
Nainggolan ha fatto 30 con la Roma e festeggia con la ritrovata Nazionale. Il 4...
Florenzi&Pellegrini, è l'ora
Florenzi e Pellegrini sono i due romani che Monchi vuole legare alla Roma. Il primo...
Calciomercato Roma, SuperAlisson, offerta Real
Il rilancio della Roma quando l'inverno sta per terminare e domani comincia la primavera...
Roma, la bellezza diversa
Più solida, meno concreta: è la Roma di Di Francesco, nel paragone con quella dei...
 Lun. 19 mar 2018 
Serie A, Miccichè eletto all'unanimità presidente della Lega
Gaetano Miccichè è stato eletto presidente della Lega Serie A all'unanimità. I 20...
Serie A, il campionato all'improvviso è tornato ad essere aperto
Il campionato si ferma per la Nazionale lasciandoci con enormi curiosità,non tutte...
La nona sinfonia in trasferta. Media punti da record
La Roma formato trasferta è da record. Il quarto successo consecutivo lontano dall'Olimpico...
Macchina da trasferta. In campionato fuori casa 9 vittorie, 4 pareggi e un solo ko: che ritmo!
È una Roma che vola in trasferta. Ha ottenuto finora nove successi, gli stessi che...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>