facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 19 gennaio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Lotito: "Ogni comunità ha i suoi stupidi: ci sono in quella laziale come in quella ebraica"

Mercoledì 25 ottobre 2017
Noi laziali, dice Claudio Lotito, abbiamo sempre combattuto «comportamenti antisemiti e anti-razzisti». Antirazzisti? Vabbè, un lapsus. Lontano dalle telecamere che lo hanno assediato durante la visita alla Sinagoga, il presidente della Lazio dà fiato ai propri ragionamenti e confessa di avere più di un sospetto sulla mano che ha incollato gli adesivi con Anna Frank in giallorosso.Una mano, forse, «esterna» agli ultrà della Curva Nord. Riecco l'ipotesi del complotto, quindi, anzi del «gomblotto», per richiamarne la versione macchiettistica del Lotito imitato in tv. Il patron della Lazio, in realtà, ha la voce seria: «C'è qualcosa di strano», ripete, mentre aspetta «i risultati delle indagini». Poi, durante la chiacchierata, si apre a ipotesi investigative più probabili. «In ogni gruppo ci sono dei cretini», concede.

Anche nella Lazio, quindi? «In tutti i gruppi, anche nella comunità ebraica ci sono delle persone, diciamo, particolari».

Cosa intende per persone particolari? «Dico che in tutte le comunità con centinaia e migliaia di persone può esserci lo stupido di turno. Su una cassetta intera ci può essere una mela marcia, ma non significa che tutta la cassetta sia bacata. Vale per tutti. La settimana scorsa a messa c'era la parabola del Vangelo: dare a Cesare quel che è di Cesare».

Quindi? «Dire che tutta la tifoseria laziale è razzista è sbagliato. Chi è responsabile, va "daspato" a vita (messo sotto Daspo, ndr). Ma non mi sento di confermare ancora una volta che sono i soliti tifosi laziali razzisti».

Chi è stato quindi? «Aspetto le indagini, ma non mi sembra che la nostra tifoseria abbia dimostrato atteggiamenti di questo tipo. Gli Irriducibili si sono dissociati, mi pare. Mercoledì contro il Nizza ci hanno fatto anche i complimenti».

Chi? «Le autorità francesi».

E perché? «Perché non c'è stato uno striscione razzista, un buuu. E lo stesso contro il Cagliari. Se ci fosse stato un atteggiamento antisemita, sarebbe emerso durante la partita, no? Invece finisce la partita e il giorno dopo si va a pulire lo stadio e spuntano queste fotografie».

Per lei non le hanno messe i tifosi laziali, quindi? «Abbiamo chiesto alle forze dell'ordine di verificare anche chi ha stampato gli adesivi, perché le stesse cose erano spuntate nell'altra curva, con la maglia della Lazio e la scritta: laziale giudeo».

Ci sta dicendo che per lei sono stati i romanisti? «Non entro nel merito delle indagini, il problema che mi pongo è che stranamente ora viene fuori un'estremizzazione di un problema che la Lazio ha sempre combattuto, da 13 anni, da quando faccio il presidente».

Un complotto, insomma... «È strano che dall'oggi al domani esca fuori un meccanismo che dipinge la Lazio razzista e antisemita. E casualità questo avviene non solo in un momento in cui la Lazio ottiene ottimi risultati, ma stranamente proprio quando si registra un cambiamento di tendenza della tifoseria».

Cioè dopo anni di contestazioni, quando lei si è riconciliato con gli Irriducibili... «Io non mi sono riconciliato con nessuno, sono loro che hanno rivisitato certi atteggiamenti parossistici contro le regole, contro i valori dello sport. Poi se siano veri o falsi non lo so, ma finora si stanno comportando bene. Hanno anche portato i fiori, lì, sul luogo dell'eccidio. E poi che fanno? Si sono impazziti?».

Ritiene davvero impossibile, insomma, che in Curva Nord ci siano dei razzisti? «Può esserci qualche matto che non accetta questo cambiamento ma è più facile pensare che queste cose siano strumentali per poter destabilizzare l'ambiente».

Fatte da una mano esterna? «Eh, la mattina può succedere di tutto e poi danno la colpa alla società. Ma mi faccia dire: io ho un ottimo rapporto con la comunità ebraica».

Che però ieri non si è presentata, come l'ha presa? «Guardi, Kant faceva la differenza tra fenomeno e noumeno. Fenomeno, da fainomai .. apparire, io non volevo apparire. Il mio è un fatto noumenico, non devo cercare gesti riparatori e non devo ingraziarmi nessuno. Queste cose le vivo, dico sempre ai giocatori che devono nutrire anche lo spirito, il sabato qui a Formello facciamo sempre la messa».
di L. De Cicco
Fonte: Il Messaggero

Serie A - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mar. 02 gen 2018 
Kolarov leader, Alisson sorprende. Defrel delude
Un girone quasi completo (da recuperare la gara con la Samp) è sufficiente per tirare...
Senza la moviola in campo le due romane sarebbero davanti all'Inter
Una volta erano gli errori arbitrali, oggi sono le decisione dei Var, intesi come...
 Dom. 31 dic 2017 
Roma, la difesa non basta: nel 2018 serviranno i gol di Dzeko, Schick...
Il bosniaco di nuovo nel mirino dei tifosi, i nuovi acquisti a secco: le notizie migliori per Di Francesco vengono da Kolarov e Pellegrini
Visto Politano? Vuole tornare
Ma l'avete visto Politano? Non lo prendevano mai, pungeva su e giù, a destra e a...
La cura è nel tunnel di Schick
Oggi Patrik Schick, l'acquisto più costoso della storia della Roma, è un problema....
La Var è un aiuto necessario, ma non migliora arbitri scarsi
La prima stagione con la Var, il vero grande evento di quest'anno. Con conseguenze...
L'impossibile intesa fra Schick e Dzeko rispedisce la Roma in mezzo ai dubbi
Non nega, Di Francesco, che lo stellone della Roma sia in fase calante, come la...
Rocchi e Orsato, il buon anno arriva attraverso il video
Un sabato in cui Var... tutto bene. Che cancella qualche polemica sorta venerdì...
Roma, così non si Var lontano
Il 1° pari casalingo della stagione, 1 a 1 contro il Sassuolo, rischia di compromettere...
Roma-Sassuolo 1-1, Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: ROMA-SASSUOLO 1-1 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI...
 Sab. 30 dic 2017 
Roma-Sassuolo: Le Formazioni UFFICIALI
19ªGiornata di Serie A
Roma, oggi conta soltanto vincere
Non è tempo per i sentimentalismi. L'ultima gara dell'anno solare, quella con il...
 Ven. 29 dic 2017 
Roma-Sassuolo: i convocati di mister Iachini
ROMA-SASSUOLO: sono 23 i convocati neroverdi
Serie A, i 5 temi della 19ª: Napoli-Juve d'inverno, l'Oddo-volante, la svolta Milan
Icardi contro Immobile per il bivio interista, Di Francesco contro il passato e un Sassuolo ritrovato, Cutrone e Donnarruma due in cerca di conferme
SASSUOLO, stop Berardi, Roma a rischio
In casa Sassuolo si è fermato Domenico Berardi durante l'allenamento di rifinitura...
DI FRANCESCO: "Fatto ottime cose nei primi 6 mesi ma ci manca qualcosa. Schick giocherà dall'inizio"
ROMA-SASSUOLO LA CONFERENZA STAMPA DI EUSEBIO DI FRANCESCO: "Con Torino e Juventus abbiamo creato occasioni, il risultato cambia i giudizi. Schick giocherà dall'inizio sicuramente, Defrel non ci sarà. Dobbiamo cercare di saper prendere le sconfitte nel modo giusto, dobbiamo somatizzarle"
Totti School, la sfida più bella
Tempo di vacanze anche alla Totti Soccer School. Il «rompete le righe» è arrivato...
Perotti ed El Shaarawy. Roma, una maglia per due
Centocinquanta presenze in Serie A da festeggiare, un posto da titolare da mantenere...
Special Eusebio
Cinque anni non si dimenticano in novanta minuti. Sono stati anni magnifici per...
Le verità nascoste. Roma, la solidità non basta. Ma i gol di Dzeko faranno la differenza
Ci siamo, finalmente. Ecco la novità che sa tanto di antico: stasera e domani gioca...
Andata a 44 punti. Di Francesco insegue un record
La migliore, se si prova a dar retta ai numeri e ad andare oltre la sconfitta con...
Totti, lanci e stop: "Roma da primato ma l'Italia fatica"
C'è il tutto esaurito per Totti. A Dubai, per il premio alla carriera di Globe Soccer,...
DiFra, ieri oggi e domani
Prima o poi doveva arrivare. Il calendario ha voluto che fosse l'ultima partita...
 Gio. 28 dic 2017 
Totti in tribuna, ma anche in campo: il figlio Cristian ha debuttato con la Roma
C'è un Totti che ha lasciato il calcio giocato, ritirandosi al termine della passata...
Il 2017 della Roma. Addio Totti, Champions e la nuova rivoluzione
Un anno di svolta. Emotiva, tecnica, progettuale. Il 2017 della Roma passerà alla...
Florenzi, che festa: 200 con la Roma, poi contratto a vita
Al Sassuolo non sono legati bei ricordi. Proprio contro la formazione emiliana,...
Roma-Sassuolo in alta velocità
Giovani da valorizzare e magari da ricomprare. Fabbrica di talenti alla quale attingere....
La Roma torna ai romani
Scatta l'ora R. L'ora della Roma, l'ora dei Romani della Roma. Eusebio Di Francesco...
Scossa Dzeko, c'è solo la Roma
Qualcosa si muove attorno a Edin Dzeko. Come spesso accade nei momenti di difficoltà,...
Stadi vecchi, tifosi in crescita lo strano caso della Serie A
Fede, disse una volta Dino Risi, è andare allo stadio quando puoi vedere la partita...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>