facebook twitter Feed RSS
Martedì - 16 gennaio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Mister Golarov, fascia da duro

Martedì 24 ottobre 2017
Tutto è cominciato da quelle braccia allargate verso il settore dei tifosi della Roma. Larghe come un abbraccio. Bergamo, 20 agosto, stadio Azzurri d'Italia, esordio ufficiale con la maglia della Roma: Aleksandar Kolarov segna e corre verso i tifosi. Da solo. Allarga le braccia, come a dire: eccomi, sono io, quello che qui, qualcuno, non voleva, ricominciamo? Qualcuno ha storto un po' il naso, perché un laziale nella Roma stona, poi pian piano ha metabolizzato il messaggio. Del resto a Kolarov, di laziale, è rimasto davvero poco, perché ha passato tanti anni a Manchester, sette, e in Premier ha assaporato un calcio che poco ha a che fare con questi campanilismi. Roma è stata la sua possibilità matura, da cogliere al volo. Certo, anche lui sapeva che qualcosa poteva andare storto ed ecco qualche fischio (proprio a Bergamo), qualche scritta poco simpatica, ma alla fine ha vinto il professionismo, la sua forza. E anche quella faccia da "chi se ne frega" su cui far rimbalzare certi strani umori. Quella braccia larghe, quel ricominciamo, quell'abbraccio, sono stati un nuovo inizio: 12 partite giocate fino a questo momento, 3 gol realizzati (tutti decisivi, Bergamo, Londra e Torino) e 4 assist (solo contro l'Udinese gli sono stati risparmiati gli ultimi 17 minuti, solo Alisson ha giocato più di lui). Parliamo di un terzino, costato alla Roma appena cinque milioni. Obiezione: Kolarov è arrivato a 32 anni, se ne avesse avuti 26 non sarebbe costato quella cifra. Chiaro, scontato. Ma la lungimiranza di capire che, anche a quell'età, Aleksandar avrebbe tenuto un rendimento alto, va sottolineata. Cartellino e stipendio sono stati pagati con la cessione di Mario Rui, girato al Napoli. Tanto per fare due conti approssimativi. Ecco, diciamo che Kolarov in poco tempo è riuscito a non far rimpiangere Mario Rui, che a Roma ha vissuto un'annata sfortunata e parecchio anonima per colpa dell'infortunio in piena fase di preparazione. A proposito di terzini: finalmente la Roma, appunto a basso costo, ha un calciatore di altissimo livello sulla fascia sinistra.

ESTERNI SENZA PACE - Roba da tornare indietro nel tempo, ai livelli di Vincent Candela, di Sebino Nela o nell'èra moderna Max Tonetto. Partendo dal 2011 si sono alternati in quel ruolo anche discreti calciatori ma senza mai trovare pace, perché per un motivo o per un altro, quella fascia è sempre rimasta più o meno scoperta. Spalletti aveva trovato un esterno vero, ma un infortunio l'ha momentaneamente portato via e si tratta di Emerson. Che è bravo, giovane e per questo non (ancora) al livello di Aleksandar. Poi, Walter Sabatini (proprio lui lo portò a Lotito) ha cercato anche soluzioni esotiche, ricordiamole in ordine sparso: José Angel, Dodò, Balzaretti, Digne, Bastos, Holebas, Emanuelson. Tra questi, investimenti veri sono stati fatti per Dodò e Balzaretti, quest'ultimo ritiratosi dal calcio per un problema muscolare serio, mentre il primo mai esploso come ci si aspettava e come ci avevano detto. Il resto sono state soluzioni approssimative, tipo Digne, esterno capace, ma non di proprietà della Roma e infatti ora gioca nel Barcellona, via Psg.

CATTIVISSIMO TE - Aleksandar è entrato subito a piedi uniti nello spogliatoio dei giallorossi. Perché lui, come qualche tempo fa succedeva a Maicon, emana personalità. Il brasiliano giocava con la faccia, Aleksandar gioca anche con le gambe, con quella finta che tutti conoscono ma che alla fine riesce sempre. Perché, stando ai racconti di Di Francesco, si allena con la serietà e la determinazione di un esordiente. E' amico di De Rossi, di Dzeko, con loro è tra i più ascoltati dal gruppo. Fisicamente indistruttibile, gli tocca fare gli straordinari perché alle sue spalle ora non ha ancora alternative. Per questo domani sera contro il Crotone, Di Francesco gli darà ancora una volta una maglia da titolare. Avrà tempo per riposarsi. Del resto, mica è venuto a Roma in vacanza. Qui vuole vincere, gli interessa poco anche dei gol. «Alla mia età ci faccio poco caso, vorrei ottenere qualche successo con la squadra», ha dichiarato domenica al termine della partita vinta a Torino. Alla sua età, 32 anni a novembre. Non pochi, ma a volte sono quelli che bastano per sentirsi un ragazzino. Dalla faccia imbruttita. Che mette un po' paura, diciamolo.
di A. Angeloni
Fonte: Il Messaggero

Serie A - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Lun. 25 dic 2017 
Roma, incontro di mercato tra Di Francesco e Monchi: il tecnico chiede rinforzi
Nei prossimi giorni Di Francesco e Monchi si metteranno a tavolino per pianificare...
Roma, the day after: anatomia di una crisi. Tra sfortuna ed errori che diventano un limite
Dopo la sconfitta contro la Juventus, che avvelena il Natale giallorosso, Eusebio...
Uno scudetto per 5 sorelle: le chance a un passo dal giro di boa
Non sono più quelle che sino a qualche giornata fa hanno spadroneggiato. Ma le prime...
 Dom. 24 dic 2017 
Roma, l'attacco non segna più. E Schick per molti è già un flop
Il calo di Dzeko ha influenzato la produzione offensiva giallorossa, e il boemo soffiato proprio alla Juve sale sul banco degli imputati dopo essersi divorato il pari allo Stadium
Roma k.o. con le prime tre? Serve la grinta Champions
I giallorossi hanno perso contro chi gli sta davanti: Inter, Napoli e ora Juve. Ma nel doppio confronto con il Chelsea la squadra di Di Francesco ha dimostrato di poter fare punti contro i top club
Alisson e Dzeko le due facce del Natale amaro contro la Juventus
Non sembra avere timori reverenziali, Alisson, nello stadio che fa sempre tremare...
Juventus-Roma 1-0, Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: JUVENTUS-ROMA 1-0 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI...
 Sab. 23 dic 2017 
Juventus-Roma: Le Formazioni UFFICIALI
18ªGiornata di Serie A
Juve-Roma, Dybala e Dzeko per scacciare la crisi del settimo... turno!
I due attaccanti hanno cominciato il campionato con una media realizzativa impressionante prima di crollare a partire dall'ottavo turno: stasera si incrociano dopo aver percorso lo stesso sentiero...
Riecco Juve-Roma: la notte della verità
Né la Roma né Di Francesco hanno mai vinto all'Allianz Stadium: 7 i ko consecutivi...
 Ven. 22 dic 2017 
Tommasi: "Mi candido alla presidenza della Figc"
Le parole dell’ex giallorosso: “L’idea è quella di avere un candidato unico e che quello raccolga consensi. Sarebbe un successo come sistema sportivo, in reazione ad un evento che è stato traumatico. Bisogna essere realisti però, non so quanto il nostro sistema calcio abbia questa visione”
Vis a vis Alisson-Szczesny: i due ex compagni si ritrovano da rivali
Dopo una convivenza non semplice alla Roma, le strade dei due ex compagni si incrociano nuovamente nella supersfida di Torino: un faccia a faccia tra due dei migliori numeri 1 in circolazione
Juve, Roma bestia nera: ma lo Stadium... I numeri della supersfida
Mai banale, mai scontata. Juventus-Roma è forse la partita più discussa e attesa...
La Roma scuote Dzeko, Di Francesco gli ha parlato
Sostenerlo, rincuorarlo, esaltarlo. La Roma non molla Dzeko nel momento del bisogno....
Calciomercato, incrociati, quando Alisson piaceva alla Juve
Tra un sorpasso virtuale e un controsorpasso effettivo, c'è stato un lungo momento...
Il "nuovo" non paga
Il nuovo non paga, allo Stadium si riparte dalla «vecchia» Roma. Più Kolarov, l'eccezione...
Di Francesco sotto accusa. Florenzi: "Niente drammi"
La sconfitta di due giorni fa contro il Torino, che ha costretto la Roma ad archiviare...
Allegri sorride: Cuadrado e Mandzukic ci sono
Dybala è pronto per la Roma, ma le buone notizie non sono finite per Allegri. Mandzukic...
Alisson: "A casa della Juventus per lo scudetto"
Un'ora scarsa in compagnia di Alisson Becker, portiere della Roma (e della Seleçao)...
Dzeko, gli errori e la crisi: una sola rete in 13 partite. Schick in netta crescita. Domani la sfida
Rendimento al di sotto delle aspettative per molti giocatori portati da Monchi e...
Roma, occhio. Su Luca Pellegrini c'è la Juventus
In attesa della sfida di domani sera, c'è un'altra partita che Roma e Juventus stanno...
La Roma in ansia: Dzeko, che succede?
Un giorno lo aveva spiegato lui stesso con disamante onestà. «Se fossi un giocatore...
 Gio. 21 dic 2017 
Juve-Roma, le dieci cose che forse non sapete
Juventus-Roma ai raggi x: tutto quello che c'è da sapere
Negrisolo: "Alisson è un portiere fenomenale, sui livelli di Zoff e Peruzzi"
Lo dice il giorno dopo dell'eliminazione dalla Coppa Italia: "La Roma è tra le prime...
Roma, che fatica segnare: ci vogliono 8 tiri per un gol
Pali, traverse, paratone e mira storta. C'è un po' tutto in una Roma che fa fatica...
Juve-Roma, solo il 4% punta sui giallorossi
Il tabù Stadium pesa come un macigno nelle giocate sul big match della Serie A....
La Roma resta al palo
Il 4° ko della stagione, in 23 match, diventa il più pesante: la Roma esce subito...
 Mer. 20 dic 2017 
Designazioni Arbitrali 18ª Giornata di Serie A
SERIE A TIM - Designazioni 18ª Giornata di Andata
Rickcorsa
Il conto alla rovescia è partito. Rick Karsdorp scalda i motori. Una voglia matta...
Roma, battere il Torino per andare carichi a Torino
«Contro il Torino cambierò tanti giocatori». Alza subito le braccia Di Francesco...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>