facebook twitter Feed RSS
Sabato - 22 settembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Lotti: "Riforma calcio, ora o mai più"

Domenica 22 ottobre 2017
Per la prima volta nella storia della Repubblica è stato inserito nella legge di Bilancio un "pacchetto" di misure dedicato esclusivamente allo sport. A volerlo è stato proprio il Ministro per lo Sport Luca Lotti. Tra i vari provvedimenti spicca la modifica della legge sui diritti tv.

Quale lo spirito che vi ha guidato? «Gli obiettivi che mi sono prefissato erano: maggiore equilibrio delle risorse, più spettacolo in campo e più tifosi negli stadi. Dopo nove anni, alla luce degli ultimi campionati, qualcosa andava rivisto. La frattura tra le prime 7 e tutte le altre si è fatto sempre più evidente. Accogliendo le richieste delle società ci è parso giusto rivedere la seconda parte della legge che è quella che regola il metodo con il quale vengono distribuite le risorse».

Quali saranno i nuovi criteri? «Per prima cosa abbiamo aumentato la fetta da dividere in parti uguali: dal 40% si passa al 50%. Poi si è puntato sulla meritocrazia. Da qui l'idea del 30% legato ai risultati sportivi, e nella legge abbiamo già previsto come avverrà la ripartizione».

Ci spieghi nel dettaglio com'è suddivisa questa percentuale legata ai meriti. «Un 15%, sarà in base alla classifica e ai punti ottenuti nell'ultimo campionato».

Quella dei punti è un'assoluta novità. «Sì, l'ho voluta fortemente perché, soprattutto nelle ultime giornate, vincere, anziché pareggiare, sarà uno stimolo per ogni club. Non solo la posizione in classifica, più punti avrai fatto e più guadagnerai nella ridistribuzione».

Proseguiamo «Per dare un giusto riconoscimento agli investimenti di una società nel tempo un 10% verrà considerato sulla base dei risultati degli ultimi 5 anni. Poi un 5% sarà legato a risultati internazionali e nazionali a partire dalla stagione sportiva 1946/47».

Siamo all'ultimo 20%. «Sarà determinato dal pubblico di riferimento di ciascuna squadra, ma tenendo principalmente conto del numero di spettatori paganti allo stadio degli ultimi tre campionati».

Un altro profondo cambiamento anche se gli stadi si stanno svuotando. «Il mio obiettivo è proprio quello di riempirli. Inserendo un criterio di guadagno sulla presenza dei tifosi allo stadio, i club avranno tutto l'interesse ad abbassare i prezzi e migliorare il servizio».

Riformare il calcio si può? «Ho aspettato un anno, ho ascoltato le società, fatto le mie valutazioni e portato le proposte nella finanziaria.Credo ci siano tre pilastri: infrastrutture, governance e legge Melandri. Per le prime abbiamo inserito una norma che aiuta le società,per il secondo punto è stato votato dai presidenti un nuovo statuto della Lega e per il terzo abbiamo cercato di dare più equilibrio e stimoli di crescita».


C'è d'augurarsi che la Lega esprima i suoi vertici entro la fine di novembre. «Qualsiasi azienda che fattura un miliardo e duecento milioni di euro deve necessariamente vendere e comunicare il suo prodotto nel migliore dei modi. Scelgano loro come meglio credono un amministratore delegato qualificato e sono certo che la qualità e la produttività del nostro calcio crescerà. Gli strumenti ci sono tutti: ora o mai più».

Non solo calcio, parliamo degli altri provvedimenti. «Il pacchetto prevede un investimento di 40 milioni di euro. Mi piace ricordare lo "sport bonus" e l'innalzamento della no tax area dei dilettanti. Per molti quell'attività è fonte unica e primaria di reddito e quindi l'abbiamo portata da 7,5 mila euro a 10 mila. C'è poi il fondo per tutelare la maternità delle atlete, un mondo che ha visto troppe volte nel passato le donne trovarsi davanti a un bivio».

C'è anche la norma del diritto allo sport per tutti. «Tengo a precisare che questa norma non ha nessun collegamento con lo "Ius Soli", ma è frutto di un esempio vissuto personalmente».

Ce lo racconti. «Tre mesi fa ero a vedere una partita di ragazzini dove giocava il figlio di un mio amico. Uno di questi, figlio di extracomunitari, era in tribuna perché non tesserato. Si allenava durante la settimana con i compagni, ma la domenica non poteva giocare. Può andare a scuola, se malato può andare in ospedale a curarsi, si allena, ma giocare la domenica no. Assurdo».

Quindi ora? «Abbiamo inserito un criterio per cui un ragazzo entro i 18 anni che abbia completato un anno di scuola in Italia potrà essere tesserato, anche non in regola con le norme relative all'ingresso e al soggiorno. Un Paese avanzato deve poter garantire il diritto al gioco e allo sport».

Ora ci sarà la discussione della legge di Bilancio e prossimamente la fine della legislatura: cosa si augura il Ministro Lotti? «Di sicuro che la discussione parlamentare arricchisca di contenuti le proposte e che possano essere approvate. Poi che chiunque arrivi dopo dime non lasci la strada intrapresa e non abbandoni questo nuovo modo di pensare lo sport».

A cosa si riferisce? «Nel vedere lo sport anche dal punto di vista della crescita economica, turistica e culturale del Paese. C'è bisogno d'investimenti, non solo per i grandi eventi. Mi piace sottolineare a tale proposito l'altra norma "sport e periferie" che da stanziamento annuale di 100 milioni diventa strutturale. Se abbiamo impianti scadenti e fatiscenti lo dobbiamo a venti anni di assoluta assenza di politiche a favore dello sport».

Per i risultati bisognerà aspettare. «Importante è dare un nuovo impulso e avere una visione verso il futuro. Non si hanno risultati senza programmazione. Ci meravigliamo quando la nazionale di basket non si qualifica o quella del calcio stenta a qualificarsi perché pensiamo all'oggi e non capiamo che si parte sempre da lontano per costruire qualcosa d'importante e duraturo».

Se lo aspettava così il lavoro e il ruolo di Ministro? «Ciò che mi ha colpito è la voglia di questo mondo di essere rappresentato, raccontato e considerato. Ho raccolto lamentele e proposte di un settore forse fino ad ora troppo appoggiato al Coni rispetto a una politica che deve fare di più».

Com'è il rapporto con il Coni e Malagò? «Mi trovo bene con lui. Abbiamo sintonia di obiettivi e messaggi. Il Coni sino a ora ha coperto un vuoto lasciato dalla politica. In questa legislatura non c'è tempo per rivedere meccanismi, rapporti ed equilibri, ma bisognerà farlo nella prossima. Cosi come rivedere la legge 91/81».
di M. Caputi
Fonte: Il Messaggero

Serie A - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Ven. 24 ago 2018 
Cristante: "Le sensazioni sono buone. Non vedo l'ora di assaporarmi i tifosi della Roma"
"La squadra sta iniziando ad acquisire la sua identità"
ALLEGRI: "Con la Lazio partita complicata. Bonucci va rispettato. CR7 in panchina? Potrà succedere"
Il tecnico alla vigilia della sfida contro la Lazio: «Partita complicata. Leonardo va valutato per quello che fa in campo»
De Laurentiis: "A Sarri ho dato tutto e non ho vinto niente"
Il presidente lancia un'altra frecciata al suo ex allenatore, poi di Ancelotti dice: «Non ha rivincite da prendere»
Milan-Roma, il caro prezzi ha superato il 150% in dieci anni
San Siro, un biglietto per la gara coi rossoneri costa 36 euro (più 15 per i parcheggi). Otto anni fa si pagava 14. Ma l’aumento è generalizzato
Roma, il ballo delle coppie è musica per Di Francesco
La partita non è solo quella che dura 90 minuti, ora solo di campionato e presto...
 Gio. 23 ago 2018 
Roma, meno corsa e più tiri di tutti: ecco i record della prima giornata di campionato
Dopo un turno appena di campionato, la Roma ha già scalato la classifica delle statistiche....
Calcio donne: sospesi serie A e B
Decisione Collegio di garanzia dello sport, stop fino a 7/9
Serie A, ecco la classifica secondo il valore delle rose
Nella graduatoria stilata con le quotazioni di Transfermarkt c'è un abisso...
Designazioni arbitrali 2ª giornata di Serie A
SERIE A TIM - Designazioni 2ª Giornata di Andata
 Mer. 22 ago 2018 
Olanda, Koeman convoca cinque 'italiani' per Perù e Francia: c'è anche Kluivert
Il coach olandese ha diramato la lista dei 34 preconvocati, tra questi oltre al giovane attaccante della Roma ci sono Strootman, De Vrij, Hateboer e De Roon
Serie A con maglia 'Genova nel cuore'
In occasione 2/a campionato per ricordare vittime tragedia
Papà Kluivert: "Justin, ora corri: con questa Roma puoi raggiungermi"
Patrick Kluivert, padre di Justin ed ex attaccante di Milan e Barcellona, ha rilasciato...
Roma, occhio alla bestia nera
Per la prima all'Olimpico arriva la bestia nera Atalanta. Bisogna andare indietro...
C'è una fascia che imprigiona la fantasia
Altro che graziati. Andrebbero ringraziati. De Rossi e il Papu, Gomez. Gli unici...
Olsen cocco di Roma. Il nuovo portiere difeso da compagni e allenatore
C'è chi lo abbraccia e chi lo protegge. Gesti e parole, mediaticamente il massimo...
 Mar. 21 ago 2018 
Rushton: "Ci scusiamo per i disguidi. Miglioreremo il servizio"
Parla il Ceo di Dazn: "Abbiamo i tifosi al centro del nostro business e qualsiasi problema impatti sulla loro esperienza è un problema serio per noi"
Kluivert fa sognare la Roma. E lui sogna la Lamborghini...
I tifosi giallorossi sono già pazzi dell'olandese. E lui: "Ho fatto la scelta giusta". Pallotta: "A 10 reti gli regalerò una Lamborghini"
Dazn studia le soluzioni tecniche per far vedere il gol quando è gol
(...) Migliaia di italiani hanno conosciuto il lato oscuro del «buffering», il ritardo...
Roma, Kluivert e Cristante spazio alle nuove stelle
A fine gara, come sempre, Eusebio Di Francesco è stato schietto: «Ho scelto questa...
Kluivert, nel nome del padre: "Il mio valore? 160 milioni"
In Olanda quel gesto lo avevano visto spesso: doppio passo, scatto brillante e cross...
 Lun. 20 ago 2018 
Serie A, Dazn: "Inizio positivo, siamo a lavoro per migliorare il servizio"
In un comunicato, la piattaforma di streaming sportivo ha tirato le somme sulle prime partite trasmesse nel weekend calcistico: "Sappiamo che alcuni utenti hanno registrato delle interruzioni, ma stiamo perfezionando la trasmissione"
Dzeko, gioiello da tre punti
La risposta della Roma, se ne saranno accorte la Juve e il Napoli, è subito robusta...
Torino-Roma 0-1 Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: TORINO-ROMA 0-1 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI
Spia juventina per studiare qualità e difetti di Olsen
In tribuna, allo stadio Grande Torino, anche il preparatore dei portieri della Juventus....
L'altra faccia della Roma, ora Dzeko non è più solo
Gli indizi sembrano dire che la Roma è sempre lei, sempre uguale, sempre la stessa....
 Dom. 19 ago 2018 
FLORENZI: "Kluivert ha già fatto vedere cosa sa fare. CR7 in Serie A? Non sono emozionato"
TORINO-ROMA 0-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA FLORENZI A SKY Siete riusciti a trovare...
Torino-Roma 0-1 Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Dzeko decisivo. Kluivert, impatto incredibile alla Serie A
Torino-Roma 0-1. Magia di Dzeko all'89'
Il bosniaco punisce i granata dopo aver colpito due pali. Legni anche per Kolarov e Rincon. Gol annullato a Iago dal Var (fuorigioco di Aina) e super occasioni con Belotti e Iago. Espulso Mazzarri
DAZN non funziona, problemi con la diretta di Lazio-Napoli
Problemi con la diretta di Lazio-Napoli su DAZN: nel secondo tempo le immagini si bloccano spesso e lo streaming riparte in automatico
Con i granata undici vittorie nelle ultime sedici gare
Otto vittorie negli ultimi otto confronti di serie A all'Olimpico, 11 (con una sola...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>