facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 19 settembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

La Roma fa surf sull'onda slava: "Ora guai a fermarsi"

Venerdì 20 ottobre 2017
A volte, per guidarci nella testa delle persone servono le parole. C'è un modo di dire slavo - sembra nato in Serbia - che racconta il modo di approcciarsi allo sport dei campioni di quelle terre vicine ma diversissime. «Morire nella bellezza», si dice, quando il fascino del gesto tecnico supera persino quello della vittoria. Edin Dzeko e Aleksandar Kolarov, mercoledì scorso, sono andati ad un passo dall'accoppiata, perché il pareggio funambolico col Chelsea alla fine un retrogusto amarognolo lo lascia. Ma di bellezza, però, ce n'è stata tanta, visto che i due grandi sinistri del centravanti e del terzino hanno proiettato la partita nell'album di famiglia della Roma.

INSEPARABILI - Viste le loro radici il feeling tra i due, fra l'altro, è forte. Con le famiglie dividono spesso il tempo libero, ma il meglio lo danno sul campo. Un dato su tutti: dei 19 gol segnati finora dalla squadra di Di Francesco, 14 li coinvolgono in maniera diretta o indiretta: se non è la rete, è l'ultimo passaggio. Come dire, il 73,6% delle gioie giallorosse surfa sull'onda slava.

IL TOP IN CARRIERA - Se nell'undici titolare della settimana di Champions la Uefa ha inserito Kolarov ma non Dzeko, il capolavoro balistico dell'attaccante ha rubato la vetrina in tutta Europa, scomodando paragoni con gol simili di Van Basten, Batistuta, Totti e Del Piero. In attesa di far coppia con Schick (che oggi forse potrebbe tornare in gruppo), il bosniaco non cerca solo la bellezza, ma anche la prolificità, certificata dalle 59 reti segnate in 100 partite giallorosse. «Il primo gol di Kolarov è stato molto importante ci ha dato fiducia - ha detto subito Dzeko a Roma Tv -. Poi è venuto il mio. La palla l'ho presa benissimo e ne è venuto fuori forse il gol più bello della mia carriera. Ora però occorre dare continuità ai risultati. Dobbiamo avere più fiducia perché siamo forti, ma la prossima gara col Torino potrebbe essere anche più difficile».

LA RINASCITA - La concretezza che spira dalle parole del centravanti può essere che nasca anche dai primi, difficili momenti romani. «Nessuno vuole vincere più di me - ha raccontato al "Guardian"- . Le critiche quando gioco male non sono un problema. Lo sono invece gli insulti, quelli fanno male. Questo è il tempo dei social, ognuno ha la possibilità di dire in pubblico cosa pensa, non importa quanto illogica o stupida sia. Tutti possono avere un'opinione, tutti possono insultarti perché non hai giocato bene. Le persone pensano che a loro importi più che a me, ma non è vero. Non è mai facile leggere cose come queste o sentire i tifosi urlare certe cose. Sai di essere meglio di così, ma a volte è difficile cambiare le cose. Le persone non capiscono che anche noi siamo esseri umani, che abbiamo problemi anche noi».

PALLOTTA FELICE A proposito di problemi: in campo si cercano con lo sguardo e con l'istinto, sarà che per Kolarov vien naturale alzare la testa e cercare l'amico, sarà che per l'altro è statisticamente assai più probabile che un'assistenza possa arrivare dalla sinistra che non dalla (barcollante) destra. È fuori Trigoria che è più difficile trovarsi,se è vero che Dzeko vive a Casalpalocco mentre Kolarov ha deciso di godersi la sua seconda storia romana in centro. Traffico o no, Di Francesco s'è innamorato di un terzino sinistro di quelli che «vorrei farvi vedere come si allena, la sua professionalità è un esempio per i più giovani». Lui ed Edin sono le facce internazionali di una Roma che internazionale mai è stata, nell'era dei dollari. Con questi due Di Francesco ha centrato un piccolo record: è il primo tecnico della Roma ad aver chiuso il girone d'andata di Champions imbattuto. Acquisti benedetti e politicamente corretti. Prendi Kolarov, di gran lunga finora il colpo migliore dell'ultimo mercato. Walter Sabatini lo tirò via da Belgrado per 850 mila euro. Il direttore sportivo Monchi l'ha riportato qui per 5 milioni, metà dei quali già rientrati in cassa coi 5 punti Champions. Sarà per questo che, nella notte di Londra, James Pallotta il secondo abbraccio particolare dopo Edin («hai fatto un gol fantastico») l'ha riservato proprio ad Aleksandar.
di D. Stoppini
Fonte: Gazzetta dello Sport

Trigoria - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 05 set 2018 
Allarme a Trigoria: la Roma corre poco e lo fa anche male
Solo Udinese e Samp hanno una media inferiore di km a partita. De Rossi il migliore: ma è il 45° in A…
Bufera Monchi. Schick: "Confusi dal mercato". Strootman: "Taccio per rispetto"
Confusa, ma di certo poco felice. La Roma continua a vivere con poca serenità la...
Laboratorio Roma. Eusebio al lavoro
Lavoro e basta. Di Francesco, anche se con la rosa dimezzata per la partenza di...
Di Francesco no alla Uefa per stare con i giocatori
La prima su Dazn contro il Chievo e il derby alle 15. Sono queste le prime due sorprese...
 Mar. 04 set 2018 
TRIGORIA 04/09 - Palestra, lavoro atletico, esercitazioni tecnico-tattiche e partita finale
ALLENAMENTO ROMA - Ancora fuori Florenzi, Perotti e Mirante
UEFA, Di Francesco assente al meeting degli allenatori a Nyon: Il motivo
Nella giornata di oggi a Nyon si riuniranno i migliori allenatori nella Casa del...
Monchi lui e noi allora?
Questa Roma è costruita male, molto male e gestita peggio. Smontata pezzo a pezzo nella sua anima forte e farcita di doppioni
Roma, i giovani alla maturità
Tre partite di campionato, zero minuti per Ante Coric; zero minuti Luca Pellegrini;...
 Lun. 03 set 2018 
Mancio o Difra, con Zaniolo chi ha ragione?
Non capita tutti i giorni e, soprattutto, non capita a tutti i calciatori di essere...
Di Francesco ora sceglie
Tanto era convinto delle sue idee da passare per integralista quando la Roma non...
L'equivoco tattico di Pastore e il ritorno al 4-3-3
Se è vero che la sosta arriva a fermare il cammino zoppicante della Roma, capace...
Ma dal baby Kluivert arrivano lampi nel buio
Nel buio che ha avvolto l'inizio di stagione della Roma, tra i tanti equivoci tattici...
Trigoria semivuota: assenti 13 nazionali
Oggi alle 17 riprenderanno gli allenamenti a Trigoria, la sosta consentirà a Di...
Roma, sveglia in tre mosse
Il reset immediato della Roma, dopo la settimana dell'involuzione (1 punto nei match...
 Dom. 02 set 2018 
Roma, fine settimana di relax per la squadra. Domani la ripresa a Trigoria
La Roma si spacca in due: da una parte ci sono i 13 calciatori che partiranno per...
Mamma, ho perso la Roma
Dalla semifinale di Champions alla crisi di avvio campionato, ecco il nostro forum imperiale
Roma: numeri da paura
Più brutta di così non si può. In tre partite la Roma ha cancellato qualsiasi tipo...
Il cammino dopo la sosta delle nazionali: sei partite per fare la Roma
Il calendario è dalla parte dei giallorossi. Di Francesco faccia delle scelte e vada avanti con quelle. E i giocatori entrino in campo rispettando sempre i tifosi
Monchi "sbolle" a Venezia
La rabbia di San Siro la sbollirà lentamente, tra una gita in gondola e una passeggiata...
Roma in tilt, smarrita ogni certezza. Di Francesco a caccia di soluzioni
La sconfitta contro il Milan a San Siro - dove la Roma aveva vinto le ultime tre...
Se il Pastore ha perso la strada. L'ex stella del PSG cerca un'identità
[..] Pastore può giocare da interno nel 4-3-3 di Di Francesco? In estate la replica...
 Sab. 01 set 2018 
Beffa a San Siro, vince il Milan 2-1. Sondaggio per Marchisio
Quattro giorni dopo il rocambolesco pareggio contro l'Atalanta, la Roma esce sconfitta...
 Ven. 31 ago 2018 
TRIGORIA, lunedì pomeriggio la ripresa degli allenamenti
Dopo la sconfitta per 2-1 contro il Milan al Meazza, la Roma tornerà ad allenarsi...
 Gio. 30 ago 2018 
El Shaarawy si scalda per il Milan : "Conta il carattere, non i moduli"
Quando tra luglio e agosto si è trattato di prendere una decisione sul proprio futuro,...
Roma in fascia protetta: senza Florenzi spazio a Karsdorp
Ad inizio ritiro, Karsdorp aveva le idee chiare: «Quest'anno, dopo una stagione...
 Mer. 29 ago 2018 
Strootman torna a Trigoria. Schick: "Buona fortuna Kevin", Coric: "Grande uomo e grande giocatore"
Kevin Strootman è tornato a Roma per prendere le sue ultime cose e salutare i compagni....
Olsen, una scimmia sulle spalle di nome Alisson
Lo svedese sembra giocare avvertendo il peso dell’eredità del brasiliano. Ha bisogno di scrollarsela, altrimenti sarà impossibile sostituirlo e non farlo rimpiangere
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>