facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 20 aprile 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Koulibaly: "Dzeko? Roma-Napoli non sarà un duello tra noi due, anche se Edin è da pallone d'oro"

"Roma e Juve sono forti, ma noi siamo pronti a batterle"
Giovedì 12 ottobre 2017
Roma-Napoli, "derby del sole" numero 140. Tra i protagonisti del secondo anticipo di campionato ci sarà Kalidou Koulibaly, che avrà il difficile compito di contrastare il bomber giallorosso Edin Dzeko. Attraverso le pagine de Il Messaggero Kalidou ci tiene a specificare subito che i giallorossi non sono solo Dzeko: "Non sarà un duello tra me e il bosniaco, ma tra Roma e Napoli. Se non siamo squadra rischiamo di perdere, al contrario verrà più facile vincere. Io posso anche fermare Dzeko, poi fa gol un altro ed è finita: lui è bomber vero, uno da Pallone d'Oro. Mica uno qualsiasi. Scudetto? Ci crediamo, ma non ci dobbiamo pensare. Ciò che conta è battere la Roma adesso. L'obiettivo è questo. Noi i più forti? Non lo so,ma io mi diverto tanto a giocare in questo Napoli. L'esperienza migliore sotto questo aspetto. Chi mi piace nella Roma? Nainggolan. E' come me, lotta per novanta minuti, non molla mai. Fa gol. Grande giocatore, completo. Manolas? Molto forte nelle marcature. Collega di tutto rispetto".

Piccolo passo indietro, il difensore francese parla della sua infanzia: "Mio papà e mamma sono partiti per la Francia prima che io nascessi: lì hanno trovato lavoro, uno da operaio, l'altra da cameriera. Il francese è la mia lingua, quella che ho imparato a scuola, ma io ho sempre vissuto a contatto con persone del Senegal, sono cresciuto con una doppia cultura. Il mio quartiere a Saint-Dié-des-Vosges era pieno di miei connazionali, a casa parlavo la lingua madre, con gli amici pure. Con loro ho cominciato a giocare al calcio, per strada. Dicevano che ero forte. Stavo sempre con quelli più grandi. A dieci, dodici anni, ho cominciato a capire che forse potevo fare il calciatore e ci ho provato. Ed eccomi qui. Guadagnare tanto giocando? Sì, un sogno, specie per chi non viveva con molti soldi. Non si guadagnava molto, il calcio mi ha dato tanto e mi ha fatto divertire. Nazionale? Ho scelto il Senegal perché le porte erano più aperte e mi sono lanciato. Scelta fatta appena arrivato a Napoli, quattro anni fa. Non ne sono affatto pentito, perché mi sento senegalese".

Modelli? Kalidou ha studiato alcuni dei top: "Thuram, Desailly. Più Thuram, però. Classe, tecnica, forza fisica. Tutto. Faceva il terzino, poi il centrale, un calciatore straordinario. I mondiali del 1998 sono stati la massima espressione del talento francese, Lilian ne era l'esempio". Primo impatto con il calcio italiano: "Venivo dal Belgio, mi sono calato nel calcio italiano ed ho scoperto che era completamente diverso. Benitez mi ha aiutato e alla fine non è andata malissimo. Certo, è stata dura, ma faceva parte di un percorso naturale. Sarri poi mi ha riscoperto, mi ha dato fiducia. Il nostro allenatore vede cose che altri non vedono. Ti fa capire quanto nel calcio nulla può e deve essere imprevedibile. E' uno studioso. Qualsiasi domanda tu gli faccia, lui ha sempre una risposta. Ed è sempre giusta. Ti aiutaapensarecome squadra e non come singolo. Quando è arrivato mi ha detto: se fai come ti dico, diventerai un giocatore importante. E io ci sto provando, ma so che posso ancora migliorare. Con Sarri il calcio è matematica, insomma".

Sulle avversarie nella corsa scudetto: "La Roma l'ho sempre vissuta come una grande squadra. Per questo non prevedo una partita facile. Juventus più forte? Ha una storia diversa, soldi. Compra grandi calciatori. Sarà un bel campionato. La Champions è il sognodi tutti. Una competizione diversa dal campionato italiano. Vediamo dove si arriverà". Parole al miele per Mertens: "Penso che sia un fuoriclasse". In chiusura d'intervista Koulibaly dice la sua sul problema del razzismo: "Lo scorso anno contro la Lazio ho sentito ululati. L'arbitro Irrati ha interrotto la partita. Si dice sia un problema di cultura. E io come faccio a cambiare la cultura di un paese o di una tifoseria? E' l'aspetto brutto del calcio e della vita. Se sono dieci a fischiare vado avanti, se lo fa uno stadio, no. In Francia è tutto diverso, le razze sono mischiate, in Belgio è un razzismo interno, tra i valloni e i fiamminghi. Io ero "neutro" e non mi ha mai detto niente nessuno. Comunque qui non c'è solo razzismo verso chi ha la pelle diversa, c'è anche contro i napoletani, i romani".

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Gio. 19 apr 2018 
Monchi: "Contro il Barcellona una delle chiavi è stata la fisicità. Quello che abbiamo vissuto..."
"Quello che abbiamo vissuto allo stadio è indescrivibile”
IL LIVERPOOL chiederà spiegazioni all'UEFA per il prezzo del settore ospiti dell'Olimpico
Secondo quanto scrive l'edizione online del Liverpool Echo, i Reds chiederanno all'UEFA...
Roma-Liverpool, lettera del tifoso al benefattore: "Ti sei offerto di pagarmi il biglietto. Grazie"
Tifosi in coda 36 ore, sacchi a pelo, pranzo al sacco, materassi e tutto il necessario...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>