facebook twitter Feed RSS
Sabato - 23 giugno 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Di Francesco: "Volevo smettere con il calcio. Scelsi Roma per Franco Sensi"

Lunedì 09 ottobre 2017
Eusebio Di Francesco, ospite al Firenze Football Fest, ha parlato in compagnia dei giornalisti Paolo Condò e Giuseppe De Bellis. Queste le sue parole:

Cosa è cambiato dal Sassuolo alla Roma? Dopo la tua seconda esperienza a Roma ti saresti immaginato di tornarci da allenatore?
"Assolutamente no perché la mia scelta all'epoca era di staccare totalmente dal calcio. Poi aver preso uno stabilimento a Pescara mi ha dato la possibilità di smettere e fare la vita dei miei genitori. Ma poi ti rendi conto che ti mancano tanti aspetti del campo e quindi ci vuoi tornare. La casualità ha voluto che io tornassi a Roma e credo sia per me una cosa unica. Lo faccio con grande voglia, ci sono pressioni differenti rispetto al Sassuolo. Le tue pressioni interne però sono identiche, perché dei risultati devi portarli da una parte e dall'altra. Gli obiettivi sono diversi ma comunque importanti".

Obiettivo della Roma lo scudetto. Per te sarebbe stato uguale se fosse arrivata una proposta simile da altri club?
"Avevo alcune opportunità ma è stata una scelta di sentimento. Roma mi ha dato tanto, ci sono molto legato. Questo è uno stimolo in più. Quando scelsi la Roma da calciatore è stata la stessa cosa perché io potevo andare in altre grandi squadre italiane, anche più blasonate, ma io ho scelto per la persona che più mi ha voluto, Franco Sensi. Io a novembre avevo già un accordo con la Roma. Mi lego tanto alle persone. Sarei potuto andare da altre parti ma non è scattata la scintilla".

Le differenze fra il Di Francesco giocatore e allenatore?
"Ruoli totalmente differenti perché il calciatore è più orientato a se stesso, alla propria prestazione. L'allenatore ha una società alle spalle, deve gestire uno staff completo, tantissimi giocatori dove l'aspetto psicologico è fondamentale. Valutare le scelte di campo. Io sono subentrato da allenatore in situazioni dove si giocava 4-4-2. Non essendo inconsciente ho cercato di inculcare le mie idee su un sistema di gioco differente dal mio. Potrà succedere ancora, l'importante è avere una filosofia di calcio. Comunque vi assicuro che sono due ruoli differenti. Un calciatore sul campo deve tirare fuori tutto quello che ha. L'allenatore dipende dai calciatori. Anche un calciatore ormai dipende dal mister e da quello che gli viene trasmesso".

Hai visto La Grande Bellezza?
"Si".

Secondo te l'allenatore della Roma deve essere coinvolto nel sentimento popolare o deve essere disincantato come Gep Gambardella? Tipo Capello, che ha vinto a Roma...
"Magari ci sono stati altri allenatori che sono stati disincantati e non sono riusciti a vincere. Sicuramente io sono molto staccato da certe dinamiche. Se dovessi andare dietro a certe cose sbaglierei sicuramente. Non si vince non sbagliando ma sbagliando meno. Credo che la squadra che sbagli meno alla fine vince. Per arrivare a questo devi staccarti da tante dinamiche e concentrarti solo sul tuo lavoro. Lo spogliatoio viene prima di tutto".

Cosa è successo nello spogliatoio quando Dzeko ha evidenziato le differenze tra il modo di giocare di quest'anno rispetto allo scorso?
"Ha sbagliato perché dietro c'è un lavoro e tanti di voi non possono sapere quello che facciamo in settimana. Anche altri possono far fatica a digerire determinate cose. La cosa importante è avere i risultati che legittimino il tuo lavoro, che è difficile non solo a Roma. Perché poi sembra che uno punti il dito sempre verso giornalisti, radio, etc... Basta, cambiamo mentalità. Incontro gente che mi dice di non dare retta a nessuno poi però danno tutti retta a tutti. Predicano bene e razzolano male. Non c'è niente di male ad esprimere il proprio pensiero con educazione, rispetto a chi non lo fa. La cosa fondamentale è il tempo per trasmettere le idee di gioco. Come quando entri in azienda, servono anni per farla crescere. Sarri per esempio, ricordiamoci da dove è partito, dal sistema di gioco iniziale e le difficoltà del caso. Chi gli è stato vicino ha avuto l'intelligenza di aspettare e credere in questo allenatore. Noi siamo partiti facendo un titiro e una tournée. Dopo 3 giorni in cui avevo tutti i giocatori abbiamo affrontato PSG, Juventus e Tottenham, senza mai perdere".

Un allenatore non ha più il potere di scegliere cosa fare durante l'estate?
"Ora come ora ti direi di si, però se vieni preso a metà giugno quando tutto è programmato non è corretto. Tu entri e ti devi adattare, ma non deve essere un alibi. A scuola di solito si passa dal facile al difficile. Noi siamo partiti con tutte gare difficili e questo magari non trasmette consapevolezza e forza alla tua proposta di gioco. Poi siamo arrivati alla sfida con l'Inter, che forse meritavamo più di tutte le altre gare di vincere, e l'abbiamo persa. In quel caso il giudizio si basa sui 20 minuti finali, che fanno la differenza. Io però non mi posso basare su solo 20 minuti ma su una prestazione complessiva, quello che magari la gente non riesce a capire. La forza sta nel continuare a credere in quello che si propone. Dzeko, in una gara in cui tocca 2 palloni ma per demerito non solo degli altri ma anche suo, doveva mettersi a disposizione e la differenza è lì. Ma lui lo sa benissimo, a fine gara anche io posso dire le cose non giuste. Di solito a fine partita nello spogliatoio non entro, parlo due giorni dopo quando la lucidità ti porta a dare giudizi differenti. Come anche i giornalisti, che magari fanno i voti di getto, giustamente. Si scrivono tante cavolate, ma è anche normale. Ma la mia non è una critica. Un giornalista deve dare il voto a 22 giocatori, più l'arbitro, più il pubblico, nel caos dello stadio, non è facile. Io faccio fatica a concentrarmi sui miei di giocatori durante una gara, immagina chi deve scrivere tutto questo. Capisco che ogni tanto il voto si adatti all'ambiente. A volte si scrive il nulla, ma fa parte del gioco".

Rapporto media/allenatori? Le differenze rispetto a quando giocavi?
"Dipende dal contesto. Ora ci si avvicina meno ai giornalisti. Si parla nelle conferenze. Credo però sia normale perché tante volte si cerca più il pettegolezzo che il vero messaggio delle parole. I social hanno cambiato molto. Non dico che sia sbagliato, fa parte delle nuove generazioni. Tornando alle pagelle è il particolare che fa la differenza perché vi assicuro che i calciatori leggono le pagelle. E gli danno molto peso. Questo può influire in una stagione perché c'è chi si butta giù. Anche la mia comunicazione è importante all'interno della squadra. Un titolo di giornale può mettermi molto in difficoltà. Questo non deve accadere ed è fondamentale essere chiari. I media sono importanti all'interno di uno spogliatoio, per me un pochino meno perché la vivo in maniera differente e riesco ad accettare qualsiasi giudizio. Poi se mi chiedi il mio parere io ti rispondo, ma non verrò mai a chiederti perché hai scritto una determinata cosa".

Poter assistere agli allenamenti eleva i giornalisti e fa bene all'ambiante. Te cosa ne pensi?
"Al Sassuolo erano aperti fino al giovedì, chiudevo il venerdì solamente alzare la tensione dei giocatori. Alla Roma è differente perché abbiamo Roma TV che è una casa del Grande Fratello, nel senso positivo però. I giornalisti a Pinzolo potevano assistere sempre, a volte quindi se dicono che non ho mai lavorato sulla fase difensiva anche se hanno visto gli allenamenti dove dedicavamo 40 minuti solo alla linea difensiva, ti fa capire che quando uno scrive deve anche informarsi. A Sassuolo, ambiente differente ovviamente, potevano assistere tutti, ma non vedevo sempre i giornalisti perché avevano anche loro le proprie cose da fare. A Roma ovviamente sarebbe differente".

Sacchi?
"Nulla nasce per caso, la ripetitività aiuta. Ora il calcio è tecnica e velocità. Arrigo ha cambiato il modo di pensare il calcio. Una volta si andava a 2 all'ora, era pieno di tempi morti. I giocatori tecnici di una volta nel calcio di adesso avrebbero dovuto alzare la velocità".

PSG - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Ven. 22 giu 2018 
Calciomercato Roma, previsto per lunedì l'arrivo di Pastore
Ci siamo: Javier Pastore arriverà a Roma lunedì, con le visite mediche di rito che...
Calciomercato Roma, dalla Francia: slitta alla prossima settimana la firma di Pastore
Nessuna frenata nella trattativa, l’argentino è pronto a legarsi in giallorosso per i prossimi 4 anni
CALCIOMERCATO Roma, doppio colpo in entrata: Pastore e Santon potrebbero arrivare insieme
Altri due colpi in arrivo in casa Roma. Il primo dovrebbe essere Pastore, per il...
Calciomercato Roma, Manolas e Alisson in bilico: Monchi ha pronto un piano B
Senza sosta, in entrata così come in uscita. Il mercato della Roma continua a regalare...
Calciomercato, Pastore a Roma: questione di ore. Forsberg stuzzica
L’argentino atteso tra oggi e domani per le visite Piace l’esterno svedese. Manolas: il Chelsea preme
Calciomercato Roma, arriva Pastore per dimenticare Radja
Monchi ha praticamente chiuso col Psg. Costo dell’operazione 20 milioni più 4 di bonus. Nainggolan: “Non credete che stia bene pensando di lasciare Roma, ma a volte ti mettono di fronte a delle scelte”
 Gio. 21 giu 2018 
Nainggolan-Inter, Pastore-Roma: le cifre degli accordi
Doppio colpo per la Roma, uno in entrata e uno in uscita. Il club giallorosso saluta...
Mirante e Santon, una Roma all'italiana
Tre italiani in un giorno. La Roma continua il suo mercato senza tregue, stavolta...
Le mani su Areola. La Roma vede la pole
Nella trattativa chiusa per Pastore, Monchi ha parlato anche del portiere
Calciomercato, Pastore domani a Roma. Alisson, è attesa Real
Con il Psg distanze ridotte. Per il portiere guerra di strategia con Madrid. Il rinnovo di Florenzi: vuole garanzie sulle prospettive
Calciomercato Roma, addio al Ninja
Nainggolan-Inter: è fatta. Affare chiuso a 24 milioni. Ai giallorossi anche Santon e Zaniolo. Portiere: scambio Skorupski-Mirante
Calciomercato Roma e Napoli si sfidano per Areola. C'è anche Meret
Alphonse Areola e Alex Meret. Sono giovani, promettenti e cari. Sono nel mirino...
Roma, Nainggolan va all'Inter, arriva Santon. Monchi sogna Forsberg
Lo sliding-doors tra Pastore e Nainggolan è pronto. Uno entra, l'altro esce, almeno...
 Mer. 20 giu 2018 
L'indiscrezione: l'Inter resiste per Emmers. Anche nell'affare Nainggolan...
Xian Emmers ha dimostrato di essere un centrocampista completo, già competitivo...
Calciomercato Psg, la giornata a Milano del ds Antero
Incontro anche con la Juve
La Roma prende Santon e il baby Zaniolo dall'Inter in cambio di Nainggolan e 24 milioni
Affare quasi chiuso tra i due club, a Trigoria arriva Pastore
Calciomercato, PSG, il ds Antero a Milano: dalla cessione di Pastore alla Roma ad Areola, il punto
Il mercato del Paris Saint Germain entra nel vivo. Il direttore sportivo dei campioni...
Gioia Pastore: "Voglio la Roma"
Il 'Flaco' già vola e, in vacanza alle Baleari, ha spiegato agli amici il suo piano: il grande rilancio in giallorosso. Forse venerdì sarà in città
Di Francesco studia Pastore: 'El Flaco' può fare due ruoli
Se, come sembra, nelle prossime ore verranno completate le pratiche per il trasferimento...
Calciomercato Roma, Areola è il sogno ma c'è da lottare pure col Napoli
A Trigoria piace, ad Ancelotti pure, la sensazione è che se lascerà il Psg potrebbe davvero andare in uno di questi due club e provare il campionato di A
La Roma di Pastore è senza Nainggolan
La direttiva del calciomercato che sta portando avanti Monchi è duplice: aumentare...
 Mar. 19 giu 2018 
Calciomercato Napoli, si continua a lavorare per Areola: alternativa Meret
Tra le priorità di mercato del Napoli c'è sempre la ricerca di un portiere che sostituisca...
Calciomercato, Inter-Nainggolan e Roma-Pastore verso la chiusura: aggiornamenti
Operazioni praticamente collegate, classico effetto domino del calciomercato. Pastore...
Il ritorno del buon Pastore: la Roma è pronta ad accoglierlo
Javier Pastore e l'Italia nel destino. Il Flaco è ormai a un passo dalla sua nuova...
CALCIOMERCATO Roma, Gomez dà il bentornato in Italia a Pastore
Alejandro Gomez, attaccante dell'Atalanta, dà il bentornato in Italia a Javier Pastore,...
Cinque club italiani nella top 20 dei più ricchi
Forbes ha pubblicato la classifica annuale delle squadre di calcio che valgono di più al mondo: al primo posto c'è il Manchester United
Calciomercato Roma, Pastore sempre più vicino. E per Nainggolan all'Inter...
Javier Pastore e la Roma sono sempre più vicini, le parti stanno limando gli ultimi...
Roma-Inter-PSG, intreccio di mercato: si prova a chiudere Nainggolan e Pastore entro il 30 giugno
I giallorossi sono vicini all’intesa con i francesi per 24 milioni di euro
Calciomercato Roma, il canale parigino: dopo Pastore, Monchi spinge per prendere Areola
La Roma potrebbe fare il doppio colpo in casa Psg. Infatti dopo Pastore, Monchi...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>