facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 24 novembre 2017
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Di Francesco: "Volevo smettere con il calcio. Scelsi Roma per Franco Sensi"

Lunedì 09 ottobre 2017
Eusebio Di Francesco, ospite al Firenze Football Fest, ha parlato in compagnia dei giornalisti Paolo Condò e Giuseppe De Bellis. Queste le sue parole:

Cosa è cambiato dal Sassuolo alla Roma? Dopo la tua seconda esperienza a Roma ti saresti immaginato di tornarci da allenatore?
"Assolutamente no perché la mia scelta all'epoca era di staccare totalmente dal calcio. Poi aver preso uno stabilimento a Pescara mi ha dato la possibilità di smettere e fare la vita dei miei genitori. Ma poi ti rendi conto che ti mancano tanti aspetti del campo e quindi ci vuoi tornare. La casualità ha voluto che io tornassi a Roma e credo sia per me una cosa unica. Lo faccio con grande voglia, ci sono pressioni differenti rispetto al Sassuolo. Le tue pressioni interne però sono identiche, perché dei risultati devi portarli da una parte e dall'altra. Gli obiettivi sono diversi ma comunque importanti".

Obiettivo della Roma lo scudetto. Per te sarebbe stato uguale se fosse arrivata una proposta simile da altri club?
"Avevo alcune opportunità ma è stata una scelta di sentimento. Roma mi ha dato tanto, ci sono molto legato. Questo è uno stimolo in più. Quando scelsi la Roma da calciatore è stata la stessa cosa perché io potevo andare in altre grandi squadre italiane, anche più blasonate, ma io ho scelto per la persona che più mi ha voluto, Franco Sensi. Io a novembre avevo già un accordo con la Roma. Mi lego tanto alle persone. Sarei potuto andare da altre parti ma non è scattata la scintilla".

Le differenze fra il Di Francesco giocatore e allenatore?
"Ruoli totalmente differenti perché il calciatore è più orientato a se stesso, alla propria prestazione. L'allenatore ha una società alle spalle, deve gestire uno staff completo, tantissimi giocatori dove l'aspetto psicologico è fondamentale. Valutare le scelte di campo. Io sono subentrato da allenatore in situazioni dove si giocava 4-4-2. Non essendo inconsciente ho cercato di inculcare le mie idee su un sistema di gioco differente dal mio. Potrà succedere ancora, l'importante è avere una filosofia di calcio. Comunque vi assicuro che sono due ruoli differenti. Un calciatore sul campo deve tirare fuori tutto quello che ha. L'allenatore dipende dai calciatori. Anche un calciatore ormai dipende dal mister e da quello che gli viene trasmesso".

Hai visto La Grande Bellezza?
"Si".

Secondo te l'allenatore della Roma deve essere coinvolto nel sentimento popolare o deve essere disincantato come Gep Gambardella? Tipo Capello, che ha vinto a Roma...
"Magari ci sono stati altri allenatori che sono stati disincantati e non sono riusciti a vincere. Sicuramente io sono molto staccato da certe dinamiche. Se dovessi andare dietro a certe cose sbaglierei sicuramente. Non si vince non sbagliando ma sbagliando meno. Credo che la squadra che sbagli meno alla fine vince. Per arrivare a questo devi staccarti da tante dinamiche e concentrarti solo sul tuo lavoro. Lo spogliatoio viene prima di tutto".

Cosa è successo nello spogliatoio quando Dzeko ha evidenziato le differenze tra il modo di giocare di quest'anno rispetto allo scorso?
"Ha sbagliato perché dietro c'è un lavoro e tanti di voi non possono sapere quello che facciamo in settimana. Anche altri possono far fatica a digerire determinate cose. La cosa importante è avere i risultati che legittimino il tuo lavoro, che è difficile non solo a Roma. Perché poi sembra che uno punti il dito sempre verso giornalisti, radio, etc... Basta, cambiamo mentalità. Incontro gente che mi dice di non dare retta a nessuno poi però danno tutti retta a tutti. Predicano bene e razzolano male. Non c'è niente di male ad esprimere il proprio pensiero con educazione, rispetto a chi non lo fa. La cosa fondamentale è il tempo per trasmettere le idee di gioco. Come quando entri in azienda, servono anni per farla crescere. Sarri per esempio, ricordiamoci da dove è partito, dal sistema di gioco iniziale e le difficoltà del caso. Chi gli è stato vicino ha avuto l'intelligenza di aspettare e credere in questo allenatore. Noi siamo partiti facendo un titiro e una tournée. Dopo 3 giorni in cui avevo tutti i giocatori abbiamo affrontato PSG, Juventus e Tottenham, senza mai perdere".

Un allenatore non ha più il potere di scegliere cosa fare durante l'estate?
"Ora come ora ti direi di si, però se vieni preso a metà giugno quando tutto è programmato non è corretto. Tu entri e ti devi adattare, ma non deve essere un alibi. A scuola di solito si passa dal facile al difficile. Noi siamo partiti con tutte gare difficili e questo magari non trasmette consapevolezza e forza alla tua proposta di gioco. Poi siamo arrivati alla sfida con l'Inter, che forse meritavamo più di tutte le altre gare di vincere, e l'abbiamo persa. In quel caso il giudizio si basa sui 20 minuti finali, che fanno la differenza. Io però non mi posso basare su solo 20 minuti ma su una prestazione complessiva, quello che magari la gente non riesce a capire. La forza sta nel continuare a credere in quello che si propone. Dzeko, in una gara in cui tocca 2 palloni ma per demerito non solo degli altri ma anche suo, doveva mettersi a disposizione e la differenza è lì. Ma lui lo sa benissimo, a fine gara anche io posso dire le cose non giuste. Di solito a fine partita nello spogliatoio non entro, parlo due giorni dopo quando la lucidità ti porta a dare giudizi differenti. Come anche i giornalisti, che magari fanno i voti di getto, giustamente. Si scrivono tante cavolate, ma è anche normale. Ma la mia non è una critica. Un giornalista deve dare il voto a 22 giocatori, più l'arbitro, più il pubblico, nel caos dello stadio, non è facile. Io faccio fatica a concentrarmi sui miei di giocatori durante una gara, immagina chi deve scrivere tutto questo. Capisco che ogni tanto il voto si adatti all'ambiente. A volte si scrive il nulla, ma fa parte del gioco".

Rapporto media/allenatori? Le differenze rispetto a quando giocavi?
"Dipende dal contesto. Ora ci si avvicina meno ai giornalisti. Si parla nelle conferenze. Credo però sia normale perché tante volte si cerca più il pettegolezzo che il vero messaggio delle parole. I social hanno cambiato molto. Non dico che sia sbagliato, fa parte delle nuove generazioni. Tornando alle pagelle è il particolare che fa la differenza perché vi assicuro che i calciatori leggono le pagelle. E gli danno molto peso. Questo può influire in una stagione perché c'è chi si butta giù. Anche la mia comunicazione è importante all'interno della squadra. Un titolo di giornale può mettermi molto in difficoltà. Questo non deve accadere ed è fondamentale essere chiari. I media sono importanti all'interno di uno spogliatoio, per me un pochino meno perché la vivo in maniera differente e riesco ad accettare qualsiasi giudizio. Poi se mi chiedi il mio parere io ti rispondo, ma non verrò mai a chiederti perché hai scritto una determinata cosa".

Poter assistere agli allenamenti eleva i giornalisti e fa bene all'ambiante. Te cosa ne pensi?
"Al Sassuolo erano aperti fino al giovedì, chiudevo il venerdì solamente alzare la tensione dei giocatori. Alla Roma è differente perché abbiamo Roma TV che è una casa del Grande Fratello, nel senso positivo però. I giornalisti a Pinzolo potevano assistere sempre, a volte quindi se dicono che non ho mai lavorato sulla fase difensiva anche se hanno visto gli allenamenti dove dedicavamo 40 minuti solo alla linea difensiva, ti fa capire che quando uno scrive deve anche informarsi. A Sassuolo, ambiente differente ovviamente, potevano assistere tutti, ma non vedevo sempre i giornalisti perché avevano anche loro le proprie cose da fare. A Roma ovviamente sarebbe differente".

Sacchi?
"Nulla nasce per caso, la ripetitività aiuta. Ora il calcio è tecnica e velocità. Arrigo ha cambiato il modo di pensare il calcio. Una volta si andava a 2 all'ora, era pieno di tempi morti. I giocatori tecnici di una volta nel calcio di adesso avrebbero dovuto alzare la velocità".

PSG - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 22 nov 2017 
Berta e Monchi, i signori delle plusvalenze a Paesi invertiti
Avrebbero potuto incontrarsi in un Barça-Psg, o magari un Real-Manchester United....
 Mar. 21 nov 2017 
Roma, ora prendi l'Europa
La grandezza della Roma si misura in Europa. Smaltita la sbornia da derby, è tempo...
 Ven. 17 nov 2017 
Alisson il muro
Un'altra partita e mezza con la porta chiusa. Ma non c'è il rischio che possa annoiarsi....
 Gio. 16 nov 2017 
Nuovo ct: sale Ancelotti, vincente e amico di tutti
Ora il toto nome è ufficialmente aperto. Con un (grande) favorito, e alternative...
 Mer. 15 nov 2017 
 Sab. 11 nov 2017 
Calciomercato Real Madrid, 80 milioni per un difensore ex Roma
Il Real Madrid pesca al PSG per la difesa: secondo Diario Gol il presidente Florentino...
 Ven. 10 nov 2017 
Svezia-Italia 1-0: Johansson castiga Ventura
Una brutta nazionale perde di misura a Solna l'andata dello spareggio per i Mondiali
 Gio. 09 nov 2017 
Calciomercato, da Pastore a Denis Suarez ecco la formazione degli scontenti
C'è una formazione extralarge di calciatori delusi che si guarda intorno, aspettando...
CALCIOMERCATO Roma, l'agente di Alisson allontana il PSG: "E' molto felice in giallorosso"
Ze Maria Neis, agente di Alisson Becker, portiere della Roma e della Nazionale brasiliana,...
 Mer. 08 nov 2017 
Calciomercato Roma, Pellegrini fa gola alle big: PSG, Chelsea e United su di lui
Lorenzo Pellegrini è una delle tante note liete di questo inizio di stagione: al...
 Sab. 04 nov 2017 
Roma, il cartellino giallo è sconosciuto: è la "più buona" d'Europa...
Di Francesco ha forgiato una squadra aggressiva che non cade negli eccessi. Nove gialli e nessun rosso, solo l’Arsenal è alla pari
Monchi: "Juve, Napoli e Inter da titolo, ma la mia Roma c'è. Ve lo dice un ds con la tuta"
L'ambizione, la cura dei rapporti, la vicinanza, il lavoro, la passione. A Siviglia...
 Ven. 03 nov 2017 
Ranking Uefa, la Roma è la migliore italiana in Europa
Il 3-0 rifilato al Chelsea ha permesso alla squadra di Di Francesco di superare in graduatoria i Blues e il Real Madrid. Dietro Juventus e Napoli
 Mar. 31 ott 2017 
Ranieri: "La Roma si qualificherà"
Non molto tempo fa, sul telefonino di una persona molto vicina a Ranieri, è arrivata...
 Lun. 30 ott 2017 
Ancelotti: "Mi vedo bene su qualsiasi panchina. Anche su quella della Roma"
Carlo Ancelotti promuove a pieni voti l'impiego della video assistenza agli arbitri....
 Mar. 24 ott 2017 
Mister Golarov, fascia da duro
Tutto è cominciato da quelle braccia allargate verso il settore dei tifosi della...
 Lun. 23 ott 2017 
CIES, il vivaio d'oro della Roma: è al pari del PSG, in Italia meglio solo Inter e Milan
I giallorossi sono quindicesimi nella particolare classifica sul numero di calciatori formati in società e attualmente in attività nei top 5 campionati europei
 Mar. 17 ott 2017 
CHAMPIONS LEAGUE 2017-2018, Fase a gironi: Risultati 3ªGiornata
Torna di scena la Champions League con la terza giornata della fase a gironi. Oggi...
 Dom. 15 ott 2017 
CHELSEA, Conte: "La Premier è il campionato più difficile: in Italia c'è solo la Juventus"
Il tecnico del Chelsea Antonio Conte si è raccontato ai microfoni della rivista...
 Gio. 12 ott 2017 
Diritti tv, presidente del Psg indagato per corruzione
La magistratura svizzera ha aperto un'indagine nei confronti di Nasser Al-Khelaifi,...
Dzeko più Mertens fa 62: un 2017 a livello di Messi, Ronaldo e altri big
Nell'anno solare, soltanto Messi, Ronaldo e pochi altri fenomeni hanno segnato più di Edin e Dries
 Mar. 10 ott 2017 
Ranieri: "La Roma sta cambiando pelle con Di Francesco e i nuovi giocatori"
Parla l’attuale tecnico del Nantes: “La Juve è una macchina da guerra che può mettere in difficoltà chiunque. Napoli? Sarri sta gestendo bene la rosa, spero arrivino pronti in primavera”
 Lun. 09 ott 2017 
Pallone d'Oro, ecco i primi 10 finalisti
Giornata di nomination per quel che riguarda il Pallone d'Oro con France Football...
 Gio. 05 ott 2017 
Calciomercato Psg, tutto pronto per l'addio di Cavani. Due big italiane sognano
La prossima estate il Psg sostituirà il bomber uruguaiano con Alexis Sanchez
 Mar. 03 ott 2017 
Calciomercato, Rabiot: "Consideravo la Roma la squadra ideale per crescere, anche per Totti"
Adrien Rabiot parla apertamente del suo trasferimento sfumato da Parigi a Roma....
 Ven. 29 set 2017 
In Germania sicuri: da Robben a Ribery ecco chi ha licenziato Ancelotti
Franck Ribery, Mats Hummels, Jerome Boateng, Thomas Muller e Arjen Robben: sono...
 Gio. 28 set 2017 
Il muro fino al 2022
Ancora non pioveva. Il vento gelido del Mar Caspio tagliava le ossa con il machete...
 Mer. 20 set 2017 
Gonalons si prende la Roma: "Sono in Italia per vincere"
«L'uomo che cammina sui pezzi di vetro dicono ha due anime e un sesso di ramo duro...
 Mar. 19 set 2017 
Clamoroso, dalla Spagna: "Psg, Neymar chiede la cessione di Cavani"
Secondo il quotidiano iberico "Sport", il brasiliano vuole liberarsi di tutti quei giocatori che rischino di rubargli la scena. E il Matador non ha mai nascosto la voglia di tornare a Napoli..
Cavani-Neymar, rissa nello spogliatoio Psg
Il diverbio in campo sarebbe proseguito lontano dalle telecamere, con Thiago Silva ad evitare che la situazione degenerasse
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>