facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 23 febbraio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Il doppio mondo di Dzeko. "Ballerino" tra gol e fischi

Lunedì 09 ottobre 2017
Da Bascarsija arrivi a Grbavica in sette minuti di taxi, dieci massimo all'ora di punta. Domenica mattina, la Bosnia qualche ora prima ha lasciato per terra le ultime speranze di check-in per la Russia. Otto e mezza, il sole se la batte ma niente da fare, proprio come per Dzeko contro il Belgio. Vincono le nuvole, perde Edin. Di fronte allo stadio palazzoni alti alti che puzzano ancora di kalashnikov, i segni li vedi ancora, fori grandi così sulle facciate di un quartiere che di nuovo ha poco, pochissimo. Lo stadio è vuoto, ancora i segni della delusione, cartelloni tirati giù e la serranda dello shop tristemente abbassata. Dieci, venti metri più in là c'è vita. C'è un campetto dove nascono i nuovi Dzeko. È l'ora della colazione, ma la formazione giovanile dello Zeljeznicar è già lì che sgomita, amichevole di fine settimana. Sembra di vederlo, Dzeko, nelle facce di questi ragazzi. Uno di loro, Amar, è stato scelto dal Bayern Monaco per un periodo di prova. Il chiodo fisso dopo il sogno, quello di fare carriera. «Per me Edin è un punto di riferimento, magari riuscissi a fare come lui», dice Benjamin, 12 anni. «Di lui mi piace tutto, il suo modo di stare in campo, la sua tecnica, sì, tutto», sorride Tarik, mentre guarda i coetanei giocare.

DUE FACCE - Edin l'hanno pure nominato ambasciatore del calcio giovanile, a Grbavica. Lo «Zeljo» la squadra del popolo. E qui il popolo si divide. Sì, anche qui, a Sarajevo e non solo a Roma. È calcio, non è altro, pure dentro una città che fa convivere ogni mattina che si alza etnie e religioni diverse. C'è chi ce l'ha con Edin, capitano ma non condottiero di una nazionale che ha mancato il Mondiale. Incredibile a dirsi, non bastano i numeri che ne fanno il giocatore che ha segnato di più (51 gol in 86 presenze) nella storia della Bosnia. «Quando viene in nazionale non mette lo stesso impegno che mostra nei club, il Manchester City prima e la Roma ora», spiega un altro Edin, che di lavoro fa il tassista e pure lui ha gli occhi fissi sul campetto. «In Serie A è forte, duro nei contrasti, cattivo - racconta l'amico -. Qui con la Bosnia gioca in punta di piedi, a volte sembra un ballerino». Scappa una risata, sembra quasi di ascoltare Luciano Spalletti, che del Dzeko poco «strong» ne ha fatto un ritornello. Lo raccontano pure a Sarajevo, un episodio dello scorso anno, giusto dopo un Napoli-Roma. Dzeko fa doppietta, il giorno dopo a Trigoria Spalletti lo incrocia e gli chiede: «Edin, quanti gol hai fatto ieri?». E il bosniaco: «Solo due, mister». E Luciano: «Bravo, "solo" due». Ecco, chi lo critica a Sarajevo lo fa perché pretende dal centravanti quello che questo centravanti non può dare e non può fare, vincere le partite da solo. Non è Ronaldo, non è Messi, avrebbe bisogno di una squadra intorno e invece se non è un deserto è un paesino, la nazionale di Mehmed Bazdarevic.

CON PAPÀ - I brusii dello stadio Grbavica sul gol mangiato a fine primo tempo e il mancato 3-3 della ripresa raccontano questo. L'urlo al suo nome, all'annuncio delle formazioni, faceva capire altro. Due facce di una medaglia. La faccia di Edin, invece, ieri mattina all'aeroporto era triste. Solitario, ha fatto il check-in per l'Estonia e s'è rifugiato al bar del primo piano per una chiacchierata con papà Midhat. «Ho già detto tutto dopo la partita, cos'altro devo aggiungere?», ha sospirato. E sì che non s'era mica risparmiato: «C'è bisogno di professionalità, dobbiamo esserlo di più, dobbiamo imparare dai nostri errori se vogliamo crescere», ha accusato, prima di rispondere all'ennesima domanda sul futuro. «Se lascerò la nazionale dopo le qualificazioni? No, non è il momento, sono ancora giovane». Una, due, tre volte. Poi via verso Tallinn. E un po' di testa pure al Napoli. Sabato Mertens gli concederà la rivincita, Edin progetta a breve termine. Vuole un trofeo con la Roma. Più avanti, confida Sarajevo, sarà ritorno al Wolfsburg oppure Stati Uniti.
di D. Stoppini
Fonte: Gazzetta dello Sport

Trigoria - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Ven. 02 feb 2018 
Prospettiva Romanista - Finalmente la società parla chiaro
Mentre la questura non vuole che i tifosi abbiano il diritto di fare i tifosi
KARSDORP: "Lavoro duramente per tornare in campo" - FOTO
Rick Karsdorp, terzino destro della Roma, prosegue la riabilitazione dopo il grave...
Dentro lo Stadio: la nuova Trigoria
La struttura: 4.730 mq su due livelli oltre ad un piano tecnico interrato. Nella stessa zona il Village, che sarà il centro ludico, e il Medical Center
Nuovo striscione contro la Roma: "Giocatori indegni, presidente spia. Ora basta, andate via" (FOTO)
Non si ferma la crisi della Roma, incapace di vincere da sette partite ufficiali...
Per Dzeko c'era Giroud. Il Napoli voleva ElSha. Baldissoni e Monchi: "La verità sulla Roma"
Il momento di spiegare. Ecco la verità della Roma sul mercato di gennaio che ha...
Roma, gambe o testa? Dati fisici al top. DiFra non si tocca, sms ai giocatori: non avete alibi
Neppure lo straccio di un alibi: al 5° posto siete finiti, dal 5° dovete risalire....
Futuro Roma. Il piano Verdi
Aumento di ricavi, plusvalenze, rincorsa Champions League, allenatore. In oltre...
Uefa, niente pareggio di bilancio e la Roma va a giudizio
Entro la metà del mese, la Roma si recherà a Nyon dove dovrà rispondere per non...
 Gio. 01 feb 2018 
TRIGORIA 01/02 - Presente Capradossi. Individuale per Silva e per gli altri infortunati
ALLENAMENTO ROMA - Squadra divisa per reparti. A parte Silva, Schick e Gonalons. In gruppo Capradossi
JONATHAN SILVA, il numero di presenze per il riscatto obbligatorio
È il giorno di Jonathan Silva, terzino mancino ex Sporting Lisbona, Boca Juniors...
Calciomercato Roma, Silva per Emerson con i dubbi dei tifosi
Saluta Emerson, al suo posto sbarca Jonathan Silva, fa le valigie anche Moreno con...
 Mer. 31 gen 2018 
Jonathan Silva: "Essere a Roma è una gioia incredibile, a breve potrò allenarmi in gruppo"
Dopo aver firmato il suo contratto con il club giallorosso a Trigoria, Jonathan...
Di Francesco si aggrappa a De Rossi
I saluti di Emerson Palmieri, che tra abbracci con i compagni e l'inevitabile commozione...
Nainggolan dove sei? La Roma si interroga
Ragionando intorno a Nainggolan si può leggerla come fa Eusebio Di Francesco, della...
Calciomercato Roma, Monchi, sprint sulla fascia
Dopo Dzeko, anche Bruno Peres ha detto no. Altroché fuga, il mercato della Roma...
Calciomercato Roma, occhio a Jonathan Silva
Potrebbe essere Jonathan Silva la mossa a sorpresa di Monchi nelle ultime ore di...
Il grande freddo su Inter e Roma, soltanto 7 punti nelle ultime 12 gare
La corsa (del gambero) alla zona Champions. Lo scudetto è da tempo una questione...
Giocatori in crisi fisica e mentale. La cura soft di Difra che spera in Blind
Chi si aspettava scrivanie rovesciate o urla di confronto alla ripresa, è rimasto...
 Mar. 30 gen 2018 
Roma, da Samuel a Emerson Palmieri: 15 anni di difensori venduti
Le vendite del "muro" argentino, Chivu, Marquinhos, Benatia, Yanga-Mbiwa, Romagnoli, Rüdiger ed Emerson hanno portato nelle casse del club 200 milioni
Trigoria, il programma degli allenamenti
La Roma continua ad allenarsi in vista della sfida contro il Verona. Domani la squadra...
TRIGORIA 30/01 - Lavoro di scarico per chi ha giocato contro la Sampdoria
ALLENAMENTO ROMA - Individuale per Gonalons, Karsdorp e Schick
Calciomercato Roma, attesa per Aleix Vidal: deve convincersi a lasciare Barcellona
Monchi al lavoro per dare a Di Francesco il rinforzo richiesto a destra: se lo spagnolo dei blaugrana dovesse dire di no, pronta la pista Mukiele, classe 1997 del Montpellier
CALCIOMERCATO Roma, Emerson lascia il centro sportivo di Trigoria prima dell'allenamento
Il trasferimento di Emerson al Chelsea è ad un passo col giocatore che oggi dovrebbe...
I tifosi salvano Eusebio
Domenica sera è stato il momento più triste da quando Eusebio Di Francesco è diventato...
Di Francesco è solido, ma...
I giorni passano e la crisi si allunga sempre più. Il termine non è...
Pallotta è contestato e il nuovo stadio è lontano
Le parole dure e gli sberleffi riservati a James Pallotta dalla curva popolare come...
I tecnici usa e getta. La Roma americana trita gli allenatori: 6 in 7 anni
Sembra un copione già scritto, nei fatti e nelle parole. La Roma di Eusebio Di Francesco...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>