facebook twitter Feed RSS
Sabato - 23 giugno 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Il doppio mondo di Dzeko. "Ballerino" tra gol e fischi

Lunedì 09 ottobre 2017
Da Bascarsija arrivi a Grbavica in sette minuti di taxi, dieci massimo all'ora di punta. Domenica mattina, la Bosnia qualche ora prima ha lasciato per terra le ultime speranze di check-in per la Russia. Otto e mezza, il sole se la batte ma niente da fare, proprio come per Dzeko contro il Belgio. Vincono le nuvole, perde Edin. Di fronte allo stadio palazzoni alti alti che puzzano ancora di kalashnikov, i segni li vedi ancora, fori grandi così sulle facciate di un quartiere che di nuovo ha poco, pochissimo. Lo stadio è vuoto, ancora i segni della delusione, cartelloni tirati giù e la serranda dello shop tristemente abbassata. Dieci, venti metri più in là c'è vita. C'è un campetto dove nascono i nuovi Dzeko. È l'ora della colazione, ma la formazione giovanile dello Zeljeznicar è già lì che sgomita, amichevole di fine settimana. Sembra di vederlo, Dzeko, nelle facce di questi ragazzi. Uno di loro, Amar, è stato scelto dal Bayern Monaco per un periodo di prova. Il chiodo fisso dopo il sogno, quello di fare carriera. «Per me Edin è un punto di riferimento, magari riuscissi a fare come lui», dice Benjamin, 12 anni. «Di lui mi piace tutto, il suo modo di stare in campo, la sua tecnica, sì, tutto», sorride Tarik, mentre guarda i coetanei giocare.

DUE FACCE - Edin l'hanno pure nominato ambasciatore del calcio giovanile, a Grbavica. Lo «Zeljo» la squadra del popolo. E qui il popolo si divide. Sì, anche qui, a Sarajevo e non solo a Roma. È calcio, non è altro, pure dentro una città che fa convivere ogni mattina che si alza etnie e religioni diverse. C'è chi ce l'ha con Edin, capitano ma non condottiero di una nazionale che ha mancato il Mondiale. Incredibile a dirsi, non bastano i numeri che ne fanno il giocatore che ha segnato di più (51 gol in 86 presenze) nella storia della Bosnia. «Quando viene in nazionale non mette lo stesso impegno che mostra nei club, il Manchester City prima e la Roma ora», spiega un altro Edin, che di lavoro fa il tassista e pure lui ha gli occhi fissi sul campetto. «In Serie A è forte, duro nei contrasti, cattivo - racconta l'amico -. Qui con la Bosnia gioca in punta di piedi, a volte sembra un ballerino». Scappa una risata, sembra quasi di ascoltare Luciano Spalletti, che del Dzeko poco «strong» ne ha fatto un ritornello. Lo raccontano pure a Sarajevo, un episodio dello scorso anno, giusto dopo un Napoli-Roma. Dzeko fa doppietta, il giorno dopo a Trigoria Spalletti lo incrocia e gli chiede: «Edin, quanti gol hai fatto ieri?». E il bosniaco: «Solo due, mister». E Luciano: «Bravo, "solo" due». Ecco, chi lo critica a Sarajevo lo fa perché pretende dal centravanti quello che questo centravanti non può dare e non può fare, vincere le partite da solo. Non è Ronaldo, non è Messi, avrebbe bisogno di una squadra intorno e invece se non è un deserto è un paesino, la nazionale di Mehmed Bazdarevic.

CON PAPÀ - I brusii dello stadio Grbavica sul gol mangiato a fine primo tempo e il mancato 3-3 della ripresa raccontano questo. L'urlo al suo nome, all'annuncio delle formazioni, faceva capire altro. Due facce di una medaglia. La faccia di Edin, invece, ieri mattina all'aeroporto era triste. Solitario, ha fatto il check-in per l'Estonia e s'è rifugiato al bar del primo piano per una chiacchierata con papà Midhat. «Ho già detto tutto dopo la partita, cos'altro devo aggiungere?», ha sospirato. E sì che non s'era mica risparmiato: «C'è bisogno di professionalità, dobbiamo esserlo di più, dobbiamo imparare dai nostri errori se vogliamo crescere», ha accusato, prima di rispondere all'ennesima domanda sul futuro. «Se lascerò la nazionale dopo le qualificazioni? No, non è il momento, sono ancora giovane». Una, due, tre volte. Poi via verso Tallinn. E un po' di testa pure al Napoli. Sabato Mertens gli concederà la rivincita, Edin progetta a breve termine. Vuole un trofeo con la Roma. Più avanti, confida Sarajevo, sarà ritorno al Wolfsburg oppure Stati Uniti.
di D. Stoppini
Fonte: Gazzetta dello Sport

Trigoria - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mar. 29 mag 2018 
Calciomercato Roma, Lobont ormai prossimo ai saluti dopo nove anni in giallorosso
Non è escluso che il romeno possa continuare la sua collaborazione con la Roma, dove ha lasciato rapporti consolidati, rientrando nei quadri societari come osservatore
Il tesoro capitale
Tutti vogliono Alisson ma la Roma prova a resistere. Il brasiliano: “Ne parliamo dopo il Mondiale…”
Calciomercato Roma, la Juve non molla Cristante: incontro tra Paratici e l'agente
I giallorossi restano in pole per il centrocampista dell’Atalanta, ma il meeting milanese tra il ds bianconero e Giuseppe Riso riaccende la sfida di mercato
Roma, mercato a due età
Un mix tra giocatori esperti pronti all'uso e giovani emergenti, vogliosi di scalare...
 Lun. 28 mag 2018 
Calciomercato, Coric ha firmato fino al 2023, nel pomeriggio il comunicato della Roma (FOTO)
E' Ante Coric il primo acquisto di questa sessione di calciomercato della Roma....
Campo Testaccio: Sos a Totti e Pallotta
Dopo il reportage sulle condizioni di degrado in cui si trova ancora Campo Testaccio,...
Calciomercato Roma, telefonata a sorpresa: chiesto Dalbert all'Inter
Il brasiliano non piace a Spalletti: Monchi lo prenderebbe in prestito
Gol, maglie e consigli: Totti resta cuore di Roma
L’ex capitano gioca, la sua 10 è la più venduta e giudica talenti
Marcano, accordo ok. E Coric ha firmato
Uno firma, l'altro prepara le valigie. Il mercato giallorosso entra nel vivo con...
Totti, un anno senza calcio e senza vedere l'addio in tv
Eppure il primo anno di Totti in pensione è volato via in fretta. Il 28 maggio 2017...
Roma, c'è Meunier sulla destra
Fascia senza padroni. Non solo in avanti, nel tridente offensivo, dove Di Francesco...
 Dom. 27 mag 2018 
Calciomercato Roma, Coric: domani le visite mediche
La Roma ha chiuso per Ante Coric: domani il centrocampista croato sosterrà le visite...
Cristante ha scelto la Roma
Monchi ha il sì della mezzala per cinque anni di contratto. Soldi e giocatori all’Atalanta
Coric sbarca a Roma. Oggi la firma
Ecco Coric. Il primo acquisto estivo è arrivato a Roma ieri da Zagabria, è atterrato...
 Sab. 26 mag 2018 
Trigoria si rifà il look per il ritiro
Finale di Champions: ironia in stile Royal Wedding
Calciomercato Roma, Ante Coric è sbarcato a Fiumicino
Accordo con la Dinamo Zagabria per 8 milioni. Sarà il primo acquisto del mercato
Mago Talisca fa il gioco delle tre carte. Monchi smentisce le notizie dalla Turchia: "Cialtronate"
Aspettando Marcano e Coric, Talisca fa il gioco delle tre carte [...]. Almeno a...
Italia Romacentrica
C'è il coinvolgimento di Di Francesco nella Nazionale di Mancini. Nel sistema di...
 Ven. 25 mag 2018 
CALCIOMERCATO Roma, nell'affare Berardi anche due giovani
Come capita spesso Roma e Sassuolo opereranno insieme sul mercato. Ai giallorossi...
Il crocevia di Florenzi
Il contratto del vicecapitano romanista scade nel 2019. In Italia, ma anche all’estero, non mancano gli ammiratori
Altro che vacanze, El Shaarawy si allena ancora al centro di Trigoria
“Operativo”, ha scritto l’attaccante su Instagram. Il mare può aspettare
Effetto Champions: Spalletti e Ancelotti su Kevin e Radja
È una sorta di effetto Champions, o meglio il prodotto della dimostrazione di forza...
Il piccolo Kluivert a un passo da Trigoria
A vent'anni di distanza un altro Kluivert sta per sbarcare in Italia. Si tratta...
Un mercato in fasce
In tempi non sospetti e con il terzo posto ancora in ballo, Di Francesco era già...
 Gio. 24 mag 2018 
Calciomercato Roma, ecco i nomi sul taccuino di Monchi
Ramon Monchi è alle prese con la ristrutturazione della rosa giallorossa in...
Doppio sprint Roma: Massara in Hyundai
Il dirigente tornerà alla Roma come vice direttore sportivo. In dirittura d’arrivo c’è anche la trattativa per il back sponsor: sarà il marchio coreano
Calciomercato Roma, da tenere o da cedere: l'analisi della rosa giocatore per giocatore
Sarà un mercato cruciale per consolidare il processo di crescita. Possibile l'uscita di qualche big ma solo per scelta
Calciomercato, centrocampo Roma, adesso si cambia. Cristante è più vicino
L’accelerata è arrivata ad inizio settimana: prima con l’incontro di lunedì tra il d.s. giallorosso Monchi e l’agente del giocatore (Giuseppe Riso) e poi con le due società a colloquio martedì in Lega
Calciomercato Roma, Cristante, primo sì. Dalla Turchia spunta Arslan
C’è stata un’accelerazione nella trattativa per il centrocampista dell’Atalanta, valutato 30 milioni
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>