facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 25 aprile 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Spalletti. A Trigoria pure boxeur e boscaiolo improvvisato. Ma resta la macchia Totti

Sabato 26 agosto 2017
Quando a Trigoria lo videro mettersi a torso nudo per cominciare a tagliare un albero che intralciava, sgranarono gli occhi. «Ma è lui?», dissero i calciatori che lo osservavano da lontano. Uno di loro fece anche una ripresa col cellulare, divenuta in fretta nello spogliatoio un «cult movie» che fece crescere il rispetto per un uomo fuori dagli schemi. Un rispetto che non gli mancherà neppure stasera, nonostante torni all'Olimpico da allenatore dell'Inter. Morale: forse i fischi dello stadio gli faranno male, ma di sicuro non lo spaventeranno affatto. Tutti quelli che lo hanno conosciuto nella sua doppia avventura giallorossa, infatti, sanno come Luciano Spalletti abbia piglio, fisico e bizzarria da divinità olimpica. Per questo, in fondo, le cinque stagioni e mezzo alla Roma hanno rappresentato per Spalletti, forse, il suo paradiso professionale e il suo purgatorio comunicazionale. Una cosa è sicura: l'ambiente giallorosso non è certamente agevole («è la piazza più difficile al mondo», diceva Rudi Garcia) e per questo il tecnico di Certaldo non nascondeva i suoi modi per combattere lo stress. Una volta durante una trasferta in Toscana i giocatori lo scoprirono che dormiva sul pavimento. «Volevo stare a contatto con la mia terra», rispose sereno. In altre occasioni narrano come di notte, nella palestra di Trigoria, lo vedessero tirare di boxe, al sacco, per scaricare energie e cattivi pensieri, visto che cultura del sospetto verso coloro che lo circondavano ha sempre fatto parte del suo bagaglio, mettendolo a volte fuori strada.

I FISCHI - Se stasera però i tifosi giallorossi lo fischieranno sarà per il suo rapporto con Francesco Totti e quelle frizioni ostentate - da entrambe le parti - che hanno portato allo psicodramma del 26 maggio, con tutto il mondo del calcio in lacrime per l'addio del campione e, di converso, col «nemico» preso come capro espiatorio di un addio inevitabile. «Non meritavo quei fischi», disse poi. E per Spalletti quella fu una brutta serata, conclusa con una imprevedibile litigata notturna sotto casa di un giornalista, a cui assistettero dai balconi diversi increduli condomini.

LUI E TOTTI - Eppure c'era stato un tempo, durante il primo ciclo, in cui il rapporto tra Spalletti e Totti scorreva idilliaco. Tanti ricordano come il tecnico - nel periodo del grave infortunio alla gamba (2006) - stesse fino a notte in clinica a tenergli compagnia, oppure organizzasse visite improvvise della squadra per tenere alto il morale del capitano. Cose belle, insomma. Finché il dialogo non s'interruppe. C'è chi dice che l'allenatore contestasse il comportamento extra-campo di Totti, chi invece replica che a Spalletti facesse ombra la gloria del «10». Fino alla prima separazione. Luciano il Grande rimproverò a Francesco il Sommo di non averlo difeso, l'altro replicò di aver fatto di tutto e che in realtà il tecnico avesse già in mano il ricco accordo con lo Zenit. All'inizio di quella stagione 2009 la Roma sembrava allo sbando. Per Totti fu un gesto alla Schettino, per Spalletti solo la logica conclusione di un abbandono da parte di tutti.

IL RITORNO - Con queste premesse, il ritorno nel gennaio 2016 ha fatto annusare a tutti aria di tempesta, quella poi puntualmente scoppiata. Un Totti ormai alle soglie dei 40 anni, apparentemente è stato facile da accantonare, poi addirittura da mandare via da Trigoria, dopo che in un'intervista alla Rai il capitano accusava Spalletti di mancargli di rispetto. I risultati, d'altronde, erano dalla parte dell'allenatore che, ostentando a volte a Trigoria il benessere raggiunto come se fosse una polizza per l'invulnerabilità, sembrava addirittura un po' più sereno rispetto a qualche anno prima. Ma il destino ha avuto in serbo una sorpresa per tutti, ovvero un Totti improvvisamente decisivo in un incredibile finale di stagione nella primavera 2016. E allora la crisi è riemersa per oltre un anno. Lo ha fatto in modo carsico, apparendo e scomparendo, finché il 26 maggio non ha decretato vinti e vincitori nel ring delle emozioni. Luciano oggi «Se incontro Francesco sarò contento di abbracciarlo e salutarlo. Tra me e lui non ci sono conti in sospeso, gli ho detto tutto quello che dovevo, come spero abbia fatto lui con me. Sarà un piacere ritrovarlo. Penso di conoscerlo abbastanza bene. L'ho visto sorridente, a suo agio durante il sorteggio Champions. Spero che possa fare tutto ciò che è nei suoi progetti, ne sarei contento. Poi io provo amore per lui. Ho ricevuto molta qualità da Francesco, mi ha fatto vivere partite splendide, ha segnato gol da falso nueve di grande qualità. Non ho problemi di alcun genere con lui, sono tranquillissimo». Ora attenti a non confondere la cronaca con la storia: Spalletti a Roma non sarà mai dimenticato. Anzi, non ci meraviglieremo se un giorno più o meno lontano fosse addirittura rimpianto.
di M. Cecchini
Fonte: Gazzetta dello Sport

Primavera - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 07 feb 2018 
PRIMAVERA - Torino-Roma 0-1
Campionato Primavera 1 TIM - Trofeo "Giacinto Facchetti" 2017/2018 - Girone Unico...
Alberto De Rossi sul match contro il Torino: "Giocheremo sulla falsa riga del match di Coppa Italia"
Alberto De Rossi è intervenuto ai microfoni di Roma Radio, presentando la gara tra...
Un miliardo in fumo, il calcio senza titoli dei padroni stranieri
Un miliardo e trecento milioni investiti, duecento calciatori acquistati, quindici...
 Mar. 06 feb 2018 
La Roma che perde i pezzi ora si aggrappa a Gerson
Un anno fa aveva appena iniziato il periodo di espiazione dopo il rifiuto al Lille...
 Dom. 04 feb 2018 
DI FRANCESCO: "E' un periodo che la squadra crea tanto, ma ha sofferto meno"
VERONA-ROMA 0-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA EUSEBIO DI FRANCESCO: "In 10 non abbiamo subito tiri in porta, abbiamo equilibrio. Ero convinto che Under venisse fuori"
PRIMAVERA, Roma-Juventus 2-1
Nella 18ª giornata del Girone Unico del Campionato Primavera 1 TIM - Trofeo "Giacinto...
 Sab. 03 feb 2018 
Figc, Fabbricini: "Venti squadre sono troppe e riduciamo gli extracomunitari"
« Forse 20 squadre sono troppe, il campionato è lungo, ci sono domeniche in...
 Ven. 02 feb 2018 
Calciomercato Juventus, Pellegrini, Darmian, Han. I "bloccati" per giugno
Il mercato ha chiuso ufficialmente i battenti mercoledì sera, ma già un'altra sessione...
 Mer. 31 gen 2018 
PRIMAVERA TIM CUP - Torino-Roma 2-1, Granata in finale
Nel ritorno delle semifinali della Primavera TIM Cup 2017/2018 l'AS Roma del tecnico...
 Mar. 30 gen 2018 
Alberto De Rossi: "Domani giocheremo a viso aperto. Antonucci? Dire che siamo contenti è poco"
Alla vigilia del match di ritorno della semifinale di Coppa Italia contro il Torino,...
La rivolta delle tifoserie per i controlli più severi
Ricompattati dall'odio per la dirigenza e dal rancore contro una squadra che, oramai...
Di Francesco è solido, ma...
I giorni passano e la crisi si allunga sempre più. Il termine non è...
La società. Il duo Pallotta-Monchi non programma vittorie
L' obiettivo più complicato è stato raggiunto all'inizio del 2018: rovinare la stagione...
 Sab. 27 gen 2018 
PRIMAVERA - Sassuolo-Roma 3-3
Nella 17ª giornata del Girone Unico del Campionato Primavera 1 TIM - Trofeo "Giacinto...
Roma-Sampdoria, i convocati di Giampaolo
SONO VENTITRÈ I BLUCERCHIATI PER ROMA: C’È ANCHE IL PRIMAVERA TOMIC
Avanti con i giovani: bravo Antonucci
L'altra sera a Genova una boccata di aria fresca ha permesso alla Roma di agguantare...
 Ven. 26 gen 2018 
La mamma di Antonucci: "Io e il mio Mirko, che gioia vederlo nella sua Roma"
Dal sogno alla realtà e dal poster in cameretta di Totti all'assist per Dzeko. L'esordio...
 Gio. 25 gen 2018 
Roma, la favola di Antonucci nata grazie a Bruno Conti
Il racconto dell'arrivo a Trigoria del giovanissimo talento giallorosso a 13 anni fino alla sua prima volta a Marassi. «Mamma, è per te»
Diavolo di un Dzeko. Il bosniaco prima congela il sì al Chelsea, poi scende in campo e segna
Come nei film romantici, l'ultimo bacio (ultimo?) è di Edin Dzeko, il centravanti...
 Mer. 24 gen 2018 
PRIMAVERA TIM CUP - Roma-Torino 1-1
Primavera TIM Cup 2017/2018 - Semifinali - Andata Mercoledì 24 Gennaio 2018 - ore...
Alberto De Rossi: "La finale di Coppa Italia sarebbe un momento di grande visibilità"
Non solo Sampdoria-Roma: alle 14:30, la nostra Primavera affronterà il Torino al...
 Dom. 21 gen 2018 
DI FRANCESCO: "Ottima gara per 70 minuti. Sarebbe un peccato perdere Nainggolan o Dzeko"
INTER-ROMA 1-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA EUSEBIO DI FRANCESCO: "Ottima gara per 70 minuti. I crampi hanno influito nelle scelte. Non avevo grandi possibilità di cambi"
Primavera, i giallorossi superano il Verona. Crisi Lazio, rischio retrocessione
Se la Roma vola, per la Lazio non c'è pace. I ragazzi di Alberto De Rossi hanno...
 Sab. 20 gen 2018 
PRIMAVERA - Roma-Verona 2-0
Nella 16ª giornata del Girone Unico del Campionato Primavera 1 TIM - Trofeo "Giacinto...
Fiorentina, Babacar choc: vuole andare via. E anche la Roma ci pensa
L'avventura di Babacar a Firenze pare al capolinea. Nessuno lo dice ufficialmente,...
Una squadra in vendita. Dallo scudetto ai conti, cambia l'obiettivo Roma
G.Buccheri) - La Roma scivola in classifica, ma risale sul mercato. Una risalita...
Tra mercato e corsa Champions. Rafinha all'Inter, la Roma vende
Il mercato è come un'onda impazzita, difficile da capire, più ancora da governare....
Gestione in rosso. La cassa spera nel mercato
La Roma americana ha sempre recitato il mantra dell'autofinanziamento. Plusvalenze...
 Ven. 19 gen 2018 
La legge del mercato: la Roma tifa Conte
A poche ore dalla gara di Milano contro l'Inter (arbitra Massa) è ancora il calciomercato...
Chelsea, 50 milioni per Dzeko-Emerson
Il Chelsea ha deciso di fare shopping a Roma. Non c'è solo Emerson, infatti, tra...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>