facebook twitter Feed RSS
Martedì - 25 settembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Aldair: "Io vecchio e lui bimbo ma già leader vero"

Domenica 28 maggio 2017
Anche il 31 ottobre del 1998, sul calendario personale di Totti, resterà per tutta la vita una data speciale. Il flash back lo fa tornare all'Olimpico, per Roma-Udinese finita 4 a 0: Francesco diventa capitano, incoronazione festeggiata con una doppietta (gran gol al volo di sinistro e rigore piazzato). Non è quella per la prima volta: il 17 ottobre dello stesso anno, gara casalinga contro la Fiorentina, la provò stringendo la mano a Batistuta. Segno pure quello del destino: due anni dopo, fecero coppia per lo scudetto. «Sarò allo stadio e mi emozionerò, commuovendomi, insieme con i tifosi giallorossi. Perché, come loro, l'ho visto crescere. E siamo diventati amici». Aldair, 51 anni e anche lui campione del mondo, si presenterà in tribuna. Anche perché fu proprio l'ex difensore della Seleçao a promuoverlo e a mettergli la fascia al braccio. Per sempre (quasi 17 anni).

Perché decise improvvisamente di rinunciare al ruolo di capitano?
«In quel momento avevo qualche discussione aperta con la società. E non era giusto, magari indirettamente, coinvolgere i miei compagni. In campo, da capitano, non si può essere nervosi o con la testa da un'altra parte. In più non ero proprio abituato. Non mi trovavo a mio agio, essendo straniero».

E' vero che non le piaceva parlare con gli arbitri?
«Preferivo farmi sentire dai compagni, guidandoli nei movimenti e magari dando loro qualche consiglio. Ero più concentrato sulla squadra e sulla partita».

Con gli arbitri non riusciva a spiegarsi come avrebbe voluto?
«La lingua non mi ha mai aiutato. Quando parli con l'arbitro devi essere chiaro e diretto. Se sbagli, rischi di peggiorare la situazione».

Come mai è stato scelto Totti che, nell'ottobre del 1998, aveva appena 22 anni?
«Semplice. In quel momento era la soluzione migliore per la nostra squadra. Giovane, nato a Roma e tifoso giallorosso. L'ideale per essere capitano. Anche perché ai miei occhi è sempre stato un giocatore importante. Ero certo che avrebbe fatto una gran carriera. E, a quanto pare, non mi sbagliavo. Francesco è nato campione».

Quando ha deciso, si è confrontato con Zeman e con gli altri compagni?
«No, ho fatto di testa mia. L'ho scelto io, dicendo all'allenatore e ai compagni che era la soluzione giusta».

Non è che è stato proprio Totti a chiedergliela?
«In quel momento lui non ci pensava. Non mi aveva mai detto niente. Anche perché sapeva che, prima o poi, sarebbe diventato capitano. Quando gli ho comunicato la mia decisione, ha subito accettato. Ma l'ho preso in contropiede. È stata una sorpresa, a quanto pare».

Quali consigli ha dato al nuovo capitano?
«Gli dicevo di stare calmo e cercavo di aiutarlo. Il capitano deve far star bene gli altri, mettere tutti d'accordo e garantire serenità alla squadra. Non è solo indossare la fascia al braccio».

La Roma dell'ultimo scudetto ha avuto diversi leader: da Cafu a Samuel, da Emerson a Batistuta, da Tommasi ad...Aldair. Totti, tra tanti campioni, è riuscito a mostrare subito la sua personalità?
«Francesco ha portato, fin da ragazzino, sulle sue spalle il peso del grande calciatore. Ma, vivendo quotidianamente a contatto con i big di quel gruppo, è cresciuto in fretta come calciatore e come uomo. Ha acquistato esperienza e soprattutto carisma. Ma il suo carattere è rimasto lo stesso. Non l'ho mai visto discutere con i compagni. Si è sempre fatto capire. E, se doveva affrontare qualche argomento delicato o comunque importante,magari preferiva non farlo in pubblico. Ti chiamava, parlando a quattr'occhi».

Come ha vissuto Totti da compagno di squadra?
«Un ragazzo allegro e spiritoso. Ha sempre scherzato con tutti. E ha preso in giro un po' tutti. Senza mai essere cattivo, però. O pesante. Un chiacchierone che faceva divertire il gruppo. Ma anche un generoso. Ha sempre coinvolto e rispettato i dipendenti del club».

E fuori dal campo?
«Quando giocavo, l'ho frequentato poco. Questione d'eta. Noi tra l'altro uscivamo tra di noi, tra brasiliani, con le famiglie. L'ho visto di più quando smesso. Anche con Zeman, a cena. A conferma che non ho mai avuto niente di personale nei confronti di quel tecnico. Con lui ho sempre discusso sul modo di stare in campo. Gli contestavo la linea troppo alta della difesa. Ci confrontavamo, insomma, sulla tattica».

Ha mai suggerito a Totti di provare un'esperienza all'estero?
«Francesco ha avuto tante offerte da grandi club, ma non mi sono mai sentito di spingerlo, conoscendo il suo legame con la Roma e la città, ad andarsene. Nemmeno quando altre squadre italiane erano più competitive della nostra. Voleva vincere qui, non gli sono mai bastati quello scudetto e i successi in Coppa Italia. Ci ha provato fino all'ultimo. E, secondo me, ha ritardato l'addio proprio per insistere».

Gli ha mai consigliato di smettere prima?
«Pensavo che a trentacinque anni avrebbe lasciato. Più o meno facciamo tutti così. È l'età giusta. Solo i portieri sono propensi a fare qualche anno in più, riuscendo ad arrivare ai quaranta. Francesco, invece, ha preferito non fermarsi».

E' questo il momento giusto per dire addio?
«La carriera, se non hai infortuni seri nella fase finale, non ha mai una fine scritta. Dipende da come stati e da come ti senti. Uno di solito finisce prima. Come ho fatto pure io. Ma c'è pure chi va avanti. Penso a Junior che ha giocato fino a 42 anni con il Flamengo. Anch'io ho provato a ricominciare all'età di Francesco: a quarantuno anni mi chiamò Agostini per giocare a San Marino. Mi ha subito convinto e io ho accettato con entusiasmo. Ho provato, ma non c'è l'ho fatta. Non ero più allenato e mi sono fatto male».
di Ugo Trani
Fonte: Il Messaggero

Comunicato - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Ven. 20 apr 2018 
LIVERPOOL-ROMA, tifosi in fila invano anche stamattina
ome comunicato dalla Roma, ieri sono andati esauriti tutti i tagliandi a disposizione...
 Gio. 19 apr 2018 
Code, liti ,scuse, disabili respinti. Odissea biglietti per il Liverpool
Si è chiusa, per ora, la caccia ai biglietti per Roma-Liverpool, semifinale di ritorno...
 Mer. 18 apr 2018 
COMUNICATO AS ROMA: "Ci scusiamo con tutti i tifosi per il disagio causato"
La nota del Club sui biglietti di Roma-Liverpool
 Lun. 09 apr 2018 
Roma, la moglie di Dzeko ritrova la sua borsa grazie al cane Penny
L'amico a 4 zampe di una ragazza romana trova la borsa di Amra. Il numero 9 le regala una maglia autografata per ringraziarla
 Ven. 30 mar 2018 
Occhi puntati su Meyer, gioiellino dello Schalke
Il refrain rischia di tramutarsi in mantra: «Non si vende perché si vuole vendere...
 Gio. 29 mar 2018 
Barcellona-Roma, biglietto o scherzetto: tutte le incognite del secondary ticketing
Dove eravamo rimasti? Ah, sì. Questa è la storia di un biglietto per Barcellona-Roma....
Il baluardo della difesa: Comandante Fazio, Roma ai tuoi ordini. Barça, stai attento
È uno dei pochi ad essersi salvato dal disastro dell'Argentina in Spagna, non fosse...
 Mar. 27 mar 2018 
Le competizioni UEFA si rinnovano: Novità per Champions League e Europa League
Nel corso degli anni si sono rinnovate, oggi l'UEFA ha deciso di rivoluzionare ancora...
 Gio. 22 mar 2018 
Roma-Barcellona, disagi per la vendita biglietti: file e terminali bloccati
È la partita più importante della stagione e i tifosi della Roma vogliono essere...
Camp...No. Proteste da Roma per gli 89 euro del biglietto
Entusiasmo e polemiche: sono troppi 89 euro per il biglietto di un settore ospiti,...
 Sab. 17 mar 2018 
LAZIO-ROMA spostata alle 20:45 del 15 aprile
La Lega Serie A ha comunicato delle variazioni di orario per la 32ª giornata di...
 Gio. 15 mar 2018 
LAZIO ai quarti di finale di Europa League: possibile spostamento del derby
La Lazio si è qualificata per i quarti di finale di Europa League, che si disputeranno...
Così Di Francesco ha riconquistato la sua Roma
È stata la notte di Eusebio Di Francesco. L'ha preparata senza trascurare nulla,...
 Mer. 14 mar 2018 
VAR - Lazio, la Curva Nord: "Domenica sit-in di protesta a Via Allegri"
La Curva Nord, cuore del tifo biancoceleste, ha diramato un comunicato: "Fiorentina,...
 Mar. 13 mar 2018 
Sarri, davanti ai microfoni non c'è mai limite al peggio
Maurizio Sarri è un bravissimo allenatore (anche se in carriera non ha ancora vinto...
L'altra Europa
Negli ultimi cinque anni l'Italia nelle coppe europee è stata quasi soltanto Juventus....
 Sab. 10 mar 2018 
Roma, gli ultras protestano: "Dove sono le torrette per i lanciacori? Vogliono uccidere la Curva"
Qualche settimana fa si era diffusa l'indiscrezione (confermata da club e istituzioni)...
 Lun. 05 mar 2018 
Romania, Contra aveva offerto un ruolo nello staff della nazionale a Lobont ma Totti si è opposto
Piccolo retroscena per Bogdan Lobont. Cosmin Contra, attuale allenatore della Romania,...
 Dom. 04 mar 2018 
Malagò: "Sono rimasto senza parole. Tutti i club favorevoli al rinvio"
"Il calcio che immagino ha dei valori e la decisione presa è doverosa"
Davide Astori trovato morto nella sua stanza di hotel a Udine
Rinviata la gara, il difensore è morto in nottata per cause non ancora precisate
Un altro esonero per Zeman: il Pescara verrà affidato a Epifani
Il Pescara, dopo la brutta sconfitta di Cittadella, ha deciso di esonerare Zdenek Zeman: al suo posto potrebbe essere promosso Epifani.
 Ven. 02 mar 2018 
C'eravamo tanto amati: le radio romane rispondono a Pallotta
Dopo le dure frasi da Boston («Finora ne abbiamo mandate in bancarotta 2, ne mancano altre 7»), arrivano le repliche al presidente della Roma
 Gio. 01 mar 2018 
AS Roma, fissato l'Aumento di Capitale
COMUNICATO AS ROMA
 Mar. 27 feb 2018 
El Shaarawy, il dimenticato
Ehi, dov'è finito El Shaarawy? In tribuna a Kharkiv contro lo Shakhtar come diciannovesimo...
 Dom. 25 feb 2018 
Le radio romane rispondono a Pallotta
James Pallotta torna a parlare degli organi d'informazione che gravitano intorno...
 Sab. 24 feb 2018 
Vai Nainggolan, ora dicci chi sei
Non era un problema di sistema di gioco. Che si parli di 4-3-3 o di 4-2-3-1, ammesso...
 Ven. 23 feb 2018 
Schick gran riserva
Si è scaldato due volte, in due secondi tempi diversi. Ha pensato due volte: stavolta...
 Gio. 22 feb 2018 
Napoli-Roma, chiuso il settore ospiti per i residenti nel Lazio
Il Napoli ha comunicato che da domani saranno in vendita i tagliandi per la sfida...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>