facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 23 luglio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Lucio cambia tattica: Roma in casa del Chievo pensando alla Juve e al Napoli

Sabato 20 maggio 2017
Spalletti va dritto al traguardo e si dedica solo alla penultima tappa di Verona: l'unica questione che conta è ilsuccesso esterno contro il Chievo. La Roma, nell'anticipo delle 18 al Bentegodi, ha la chance di mettere pressione contemporaneamente alle sue rivali, scendendo in campo prima di loro. Dentro i migliori (recuperato il capocannoniere Dzeko) per avvertire chi sta dietro: il Napoli che affronterà in serata la Fiorentina al San Paolo; e anche chi sta davanti: la Juve che giocherà domani pomeriggio contro il Crotone allo Stadium. Se i giallorossi dovessero centrare la terza vittoria consecutiva (settima di fila in trasferta), la classifica, all'ora di cena, potrebbe ingolosire. Il 2° posto, con 4 punti di vantaggio, sarebbe blindato. E, situazione inedita, il distacco dalla capolista, per una notte, sarebbe ridotto a meno 1: mai accaduto in questa stagione, passata sempre a rincorrere i bianconeri (dopo la prima giornata, almeno 2 punti di distanza). Il presente, dunque, e non il futuro. Che, al massimo tra 10 giorni (dopo Roma-Genoa del 28 maggio), andrà però preso di petto.

FINESTRA APERTA
- Non adesso, insomma. A Spalletti non conviene avere fretta, dopo aver tergiversato oltre ogni limite. La proprietà Usa non lo ha mai scaricato. Anzi, se proprio vogliamo dirla tutta, lo ha protetto ed aspettato. Ora il toscano vuole godersi la volata, andare a dama e magari alla cassa. Nella sua chiacchierata, prima di salire sul treno per Verona, ha contato le parole e messo in fila i concetti. Per non andare a intaccare quella che sarà l'exit strategy di fine torneo. Frasi buone per tutte le soluzioni. Da quel «vogliamo giocare la Champions: è la competizione più bella che ci sia», tanto per far capire che piacerebbe anche a lui restare per guidare i giallorossi nell'Europa che conta, a quel «normale che si facciano i nomi per lapanchina dellaRoma». Da confermato a sostituito, insomma. Ma, sui candidati a prendere il suo posto, sparge la dose giusta di furbizia: «Tutti hanno il blasone per essere il prossimo allenatore di questa squadra. Io devo essere più bravo di loro se volessi mantenere il posto, per andare al di là dell'ostacolo devo accettare la sfida». Quanto gli accade attorno non lo considera strano. Improvvisamente niente più lo infastidisce. Fa, invece, l'equilibrista. Ci sta che il club giallorosso abbia sondato altri tecnici, da Emery a Di Francesco, e che Paulo Sousa sia già venuto due volte all'Olimpico, l'ultima domenica, a studiare la Roma. Come Mancini a Bologna. Il copione, almeno come è stato scrittonelle ultime settimane, è approvato: «La società farà il suo lavoro. Anzi lo ha già cominciato, prendendo Monchi». Non ricade, però, nella trappola di chi lo vede già al fianco di Sabatini. «Ci interessa vincere contro il Chievo, non altro. Il futuro non è nei nostri pensieri. Dei futuri allenatori di Inter o Roma non ce ne frega niente». Pronto il paracadute. Si capisce pure da come stavolta tratta Totti. Quasi scusandosi: «A volte l'ho penalizzato, ma sempre per il bene della squadra».

RITO SCARAMANTICO
- «Il campionato lo vince la Juve: è stata la più forte e ha dettato i ritmi del torneo, facendosi trovare pronta in tutte le competizioni. A noi non cambia nulla, per far avverare il miracolo dobbiamo vincere le ultime due partite». Spalletti consegna il titolo in anticipo alla Grande Rivale. Ma, al momento di stabilire che cosa baratterebbe per vincere lo scudetto, prende di nuovo tempo. «Ve lo dico la prossima settimana: abbiamo le nostre tentazioni...». Meglio restare al coperto, anche perché a Trigoria nessuno ha dimenticato il precedente di 7 anni fa: il 16 maggio del 2010, proprio al Bentegodi e contro il Chievo, la Roma di Ranieri fu campione d'Italia per 17 minuti, dal gol di Vucinic a Verona a quello di Milito a Siena.
di U. Trani
Fonte: Il Messaggero

News

 
 <<    <      263   264   265   266   267    
 
 Gio. 12 ott 2017 
Roma-Napoli, la Questura: "Mai considerato anticipo alle 18"
Le parole del Capo di Gabinetto Massucci: “Invito tutti a venire all’Olimpico, verranno prese misure di sicurezza imponenti”
Roma-Napoli, il Codacons: "Rischio incidenti alto, chiediamo controlli a tappeto"
La partita Roma-Napoli che si disputerà sabato prossimo allo stadio Olimpico è un...
Designazioni Arbitrali 8ª Giornata di Serie A
SERIE A TIM - Designazioni 8ª Giornata di Andata
Mertens: "La Roma è forte e fa sempre grandi partite"
Dries Mertens, attaccante del Napoli, è stato intervistato dal Guerin Sportivo ed...
Tutti per DiFra, DiFra con tutti
Eusebio Di Francesco in pochi mesi ha riscoperto il fascino di Roma, che aveva lasciato...
TRIGORIA 12/10 - Sala video, lavoro tattico ed esercitazioni su calci piazzati
ALLENAMENTO ROMA - Dzeko e Lorenzo Pellegrini in gruppo, differenziato per Strootman
Il turnover di De Rossi
Al rientro dalla sosta, la Primavera di Alberto De Rossi farà visita alla Fiorentina...
I familiari dei "celerini" chiedono tutele e rispetto
Ieri, in piazza Montecitorio, hanno manifestato le mogli, i mariti, i figli, i genitori...
Sponsor, la Roma rastrella partner. Gandini: "Trattiamo, nulla di imminente"
Si vive anche andando in giro senza sponsor sul petto. Altrimenti la Roma sarebbe...
Dzeko più Mertens fa 62: un 2017 a livello di Messi, Ronaldo e altri big
Nell'anno solare, soltanto Messi, Ronaldo e pochi altri fenomeni hanno segnato più di Edin e Dries
Il piano di Di Francesco per fermare il Napoli
Il tecnico studia diverse soluzioni per arginare la capolista: dal solito 4-3-3 al cambio di modulo con Nainggolan più avanzato
Continuano i problemi muscolari per i giallorossi
In appena 50 giorni, i giocatori giallorossi sono stati costretti a rimanere spesso...
Juan Jesus in vantaggio su Fazio
C'è un solo dubbio per la formazione contro il Napoli, che Di Francesco si porterà...
Manolas firma. Si chiude alla fine di ottobre
È la fabbrica di San Pietro, ma fa progressi. Comunque in società hanno smesso di...
Pellegrini recuperato, ma El Shaarawy è out
Non c'è pace per Di Francesco. Nemmeno il tempo di gioire per il rientro in gruppo...
I 100 giorni di Eusebio. Ora la Roma è tutta sua
Sintonizza il canale giusto in 100 giorni, istruzioni per l'uso. Tanti saranno sabato...
All'Olimpico 5mila tifosi ospiti. Impiegati mille stewart
Potrebbero essere cinquemila, forse anche di più, i tifosi del Napoli - non residenti...
Ottobre il mese di Roma-Napoli. Romanzo di emozioni e record
Sono passati vent'anni, e qualche giorno, da quando all'Olimpico la Roma di Zeman...
Nainggolan si accende: "Rispetto, ma siamo forti"
Mentre in Belgio c'è una sorta di sollevazione popolare da parte di media e soprattutto...
El Shaarawy k.o. diventa un caso. Con la Nazionale c'è tensione
E per restare in tema di numeri, a metà pomeriggio scopri che la Roma è arrivata...
 
 <<    <      263   264   265   266   267