facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 19 luglio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

SPALLETTI: "Cerco di fare il meglio della Roma, senza togliere nulla a Totti. Sabatini? Con lui..."

ROMA-JUVENTUS LA CONFERENZA STAMPA DI LUCIANO SPALLETTI: "Juve e Roma hanno lavorato in maniera seria e hanno cercato sempre di dare il massimo. Perotti e Nainggolan? Dobbiamo stare attenti, sono giocatori forti. Li valuteremo oggi. Totti? La valutazione può essere fatta in più modi. Tornare a lavorare con Sabatini? Perché no!?"
Sabato 13 maggio 2017
Luciano Spalletti, allenatore della Roma, ha parlato in conferenza stampa in vista della gara di domani sera contro la Juventus. Queste le sue parole:

Da Juve-Roma ad oggi la Roma e la Juve hanno fatto gli stessi punti. Che significato ha questo dato?
"Significa come abbiamo detto più volte che poi tutte e due le squadre hanno lavorato in maniera molto seria, hanno fatto il proprio lavoro cercando di dare il massimo. Probabilmente in questa considerazione qui c'è da tenere di conto che loro all'inizio erano davanti. Io ho un'idea generale: se la Juventus avesse avuto una squadra ad insediargli il ruolo sarebbe andata più forte. In alcuni momenti ha potuto gestire la differenza dei punti che aveva, ha gestito le partite senza andare a metterci obbligatoriamente tutta la forza che aveva, a volte viene fatto in maniera involontaria dai calciatori, ci sono delle partite che vanno motivate in maniera completa e altre dove se stai zitto è meglio. A volte degli atleti o dei professionisti hanno un'età dove c'è il rischio di abbassare il livello di guardia, probabilmente è successo anche a loro, che sono bravissimi a creare il clima partita che è la somma del carattere individuale che hanno. E' uno spirito, un modo di fare, che loro mettono sempre dentro le partite ed è di un livello altissimo. Noi siamo partiti dietro, quando hai qualcuno che ti viene ad insidiare la posizione spingi ancora di più. Loro hanno disinnescato qualsiasi tentativo di avvicinamento, hanno fatto vedere che qui non ci si può metter mano, qui è casa nostra. E' stato così. I punti sono tanti, abbiamo fatto un buon lavoro."

Sarri ha detto che sarebbe stato giusto giocare in contemporanea, che ne pensa?
"Sicuramente in questo finale di campionato per togliere qualsiasi dubbio bisognerebbe fare così. Ma anche in quella precedente andava fatto, c'è in ballo questa seconda posizione, mi va bene, sono d'accordo, è una considerazione giusta, ma anche in quella prima, dove loro hanno giocato col Cagliari e noi dopo a Milano. Non c'era nulla di diverso."

Le condizioni di Nainggolan e Perotti? Sono pronti per giocare?
"E' una considerazione che va fatta in maniera profonda, bisogna avere quasi la certezza che qualcuno faccia tutta la partita, non ci sono solo queste due situazioni, ma anche altre dove dobbiamo essere vigili e attenti. Sono giocatori forti, che vista la mancanza di altri giocatori forti, perché lo sapete da soli senza che io vi dica niente, tu nei fai malvolentieri a meno. Un giocatore come Radja lo vorrei sempre a disposizione, un calciatore come Diego che sta bene fa parte di quei calciatori col carattere per queste partite qui. Li valuteremo bene in questo allenamento e nelle ulteriori cure che faranno, abbiamo uno staff medico che gli starà addosso da qui all'inizio della partita."

Conte ieri ha vinto la Premier League. Conferma la bontà della scuola italiana? È una sorta di laurea?
"Sono d'accordo, se ci danno qualche merito a noi... ma l'ha vinta lui, è stato bravo lui, è stato forte lui. Lui è andato lì e ha ribaltato la situazione. La squadra è forte ma l'ha fatta funzionare, ha cambiato modulo, ha dettato il suo calcio come ha spesso fatto. È uno che dentro gli spogliatoi parla di calcio. Gli vanno dati meriti di aver vinto in un campionato che è un po' un premio alla categoria, la professione che uno fa. Un premio importantissimo, un incoronamento".

Domani mancherà Dzeko, ha già individuato il sostituto? Ci saranno cambiamenti tattici? Difesa a tre?
"E' così. Un pochettino ci dispiace, perché Edin ormai era il nostro terminale offensivo, la squadra aveva cominciato a servirlo nella maniera giusta, conosceva i modi di smarcarsi più corretti per la qualità dei compagni, ormai era l'attaccante, il finalizzatore della Roma. Il fatto che ci venga a mancare qualcosa ci toglie. Ma come voleva dire lei questa squadra ha altre possibilità che funzionano. Si vanno a rispolverare, si riprendono in mano e si riparte ugualmente per l'obiettivo della vittoria, senza nessuna scusante, senza nessun piagnisteo, dritti verso questa gara che ci deve vedere lucidi, lucidi nel senso che qualsiasi sforzo fisico e mentale va fatto per tentare di vincere questa partita. La vittoria ti darebbe la possibilità di arrivare secondi in classifica, dobbiamo avere la visuale libera per quell'obiettivo lì, senza girare la testa e senza niente che ci possa offuscare questa visione.

Da dopo San Siro tutta Italia ha parlato su quello che è accaduto riguardo il mancato ingresso di Totti. A mente fredda vuole rispondere e chiarire?
"Su Francesco, per quanto riguarda la partita passata, ne abbiamo già parlato. Mi son trovato gli ultimi 5 minuti e lì la valutazione può essere fatta in più modi. Ho scelto di fare così. Quando l'ho fatto entrare 5 minuti non sono cambiate le opinioni. Per quanto riguarda Salvini, menomale che è contro. Sarebbe stato un problema averlo avuto a favore. Preferirei avere dalla mia parte uno come Tarabella. Mi leva da ogni imbarazzo"



Al netto della distanza di fatturato, quali e quanti sono i punti di distanza tra Roma e Juventus?
"Mi sembra che quest'anno, più di ogni altra Juventus, la Juve ha fatto vedere di trovarsi sempre dove e come aveva organizzato di essere. Senza mai intoppi, senza mai ritardi. Un progetto a stati di avanzamento netti. Mi sembra difficile identificare un qualcosa che ti possa permettere di stare al suo passo. Anche perché la penso come ho detto prima. Questa Juventus ha fatto vedere in alcuni momenti non di gestire, ma di poter far vedere anche qualcosa in più e involontariamente ha giocato partite in cui si è permessa di gestire delle situazioni. Io penso che per il momento la distanza ci sia, però la Roma ha lavorato nella maniera giusta. La Roma ha fatto il suo lavoro di squadra, ha tentato di andare a vedere che mondo fosse quello lì più da vicino. Non c'è riuscita per il disinnescamento della Juventus e perché per colpa dell'allenatore della Roma ha perso qualche partita di troppo. La squadra della Roma resta forte e doveva perdere qualche partita in meno. C'è da mettere mano a una continuazione, a dare seguito a un modo di lavorare serio, importante. E di scelte, a volte anche difficili, a volte dolorose, per avere quella possibilità di andare avanti o migliorare sempre. Questo non vuol dire che ti permetterà di arrivare a quel livello lì. Vista la situazione attuale, anche se i punti in un girone sono gli stessi, la Juventus per ora fa vedere che è un po' avanti. Al di là dei soldi, i soldi non li considero la primaria importanza. Anche perché ci sarebbe da vedere quanti se ne possono spendere, al di là di quello che tira su la società, poi ci sono altre cose, ormai nel calcio c'è la possibilità di prendere giocatori importanti che da una parte funzionano, dall'altra falliscono e se sei bravo a individuarli funzionano. Per dire, Edin Džeko l'anno scorso, se fossimo andati dietro a quello che ci aveva dettato lo scorrimento, avremmo continuato col tridente leggero e sarebbe stato costretto ad andare via. Un anno ce la fai a raccontargli 2-3 cose in cui gli crei attenzione, in cui ti dà una mano. Il secondo anno a fare il giocatore che arriva in un posto come giocatore fondamentale e deve sfruttare gli spazi per inserirsi diventa più difficile. Una riserva di un anno fa bene, il secondo anno lui ha il film vissuto e diventa difficile che renda ancora. Sono considerazioni che se uno fosse dalla parte di qua vanno tenute conto. Juventus davanti a tutte, bisogna che gli altri siano bravissimi per andare a creare problemi o a essere bravo nell'avvicinarsi per poter carpire o prendere qualche qualità di loro, per rendersi conto quali siano le loro qualità nel cuore della Juventus".

L'Olimpico ha fatto tutto esaurito per Roma-Genoa. Che riflessioni le fa fare questo dato? La infastidisce?
"Perché mi dovrebbe infastidire? A me fa piacere. Considerata la situazione, il tipo di partita e l'avversario, la possibilità che Totti domani possa dare un contributo alla Roma esiste. Mi fa piacere avere tanto pubblico allo stadio, negli ultimi periodi non l'abbiamo avuto, ai calciatori quando sono venuti qua è sempre stato detto del calore, della passione, dell'affluenza, della partecipazione emotiva e l'hanno vista poche volte. Ho avuto la fortuna di viverla precedentemente e la ricordo bene. Quest'anno e l'anno scorso poche volte e quando c'è stata non siamo stati bravi a funzionare nella nostra totalità. Però poi è un piacere, è un dato di fatto per quello che è il ritrovato entusiasmo dentro la squadra, l'aver ritrovato la squadra. Era un po' la priorità che mi è stata assegnata quando sono arrivato qui, ricostruire una Roma forte. La Roma è una squadra forte al di là della posizione e del punto che fa la differenza. Ma è una Roma forte, se volevi alludere a qualcos'altro non lo so, se vuoi essere più chiaro... può fare l'agente segreto. È semplice, io cerco di fare il meglio della Roma con serenità, cerco di non togliere niente a Francesco. Se prendi il dizionario e prendi le parole che ci riguardano e si fa squadra, maglia, cuore, allenatore, capitano, calciatori, obiettivi. Vedrai che c'è scritto che l'allenatore è chi allena la squadra e sceglie la formazione nel tentativo della vittoria. Che il cuore è un qualcosa dove dentro c'è quel che viene racchiuso. Il Capitano è colui che indica il comportamento ai compagni che devono avere all'interno dello spogliatoio. Poi verrai a dirmi quello che dice il dizionario, se è stato usato bene o male. Lo dice la legge in questo caso. Non tolgo niente a nessuno, cerco di tenere conto di tutto. Prima cosa, la Roma".

L'ha sorpresa l'approdo di Sabatini a Suning? Le piacerebbe tornare a lavorare con lui?
"Sabatini è un direttore sportivo forte, è un personaggio che ha esperienze importanti, da squadre forti, da club importanti, da club che vuole tentare di riproporsi per quanto riguarda le vittorie. Non mi sorprende che abbiano chiamato Sabatini o si siano procurati il loro contributo attraverso un contratto. Con Sabatini ho avuto dei punti di vista contrari, ma sono stato d'accordo anche su tante cose. Come si fa nel lavoro, è un dirigente forte, importante. L'ho detto più volte. Per cui se continuerò a lavorare, con quello che ci sono stato bene, se avvenisse la possibilità perché non farlo?".

Pochettino - Le Ultime News

 
    1   2   3   4       >   >> 
 
 Gio. 28 giu 2018 
Calciomercato Roma, tutto tace per Alisson. Non solo Tottenham su Perotti
Il portiere brasiliano, reduce dal passaggio agli ottavi di finale dei Mondiali, piace a Chelsea e Real Madrid, ma la Roma non ha ancora ricevuto offerte
 Sab. 23 giu 2018 
Calciomercato Roma, Monchi batte nove: dal Lens ecco William Bianda
Il ds non si ferma. Fatta per il giovane centrale francese, al Lens una cifra tra i quattro e i cinque milioni di euro. Per il diciotenne pronto un contratto quinquennale
 Ven. 01 giu 2018 
Calciomercato Roma, Marcano "spinge" Manolas al Real Madrid?
Il Real Madrid è ancora sotto shock per l'improvviso addio di Zinedine Zidane, comunicato...
 Gio. 19 apr 2018 
Calciomercato, il Chelsea guarda in Italia: 7 nomi per il dopo Conte
Dall'Inghilterra: Abramovich ama il Made in Italy: 7 nomi per il dopo Conte
 Sab. 14 apr 2018 
INZAGHI: "La delusione è grandissima, domani faremo una grande prestazione"
LAZIO-ROMA LA CONFERENZA STAMPA DI SIMONE INZAGHI: “Veniamo da una profonda delusione. Ad agosto era impensabile trovarci con gli stessi punti della Roma”
 Gio. 15 mar 2018 
Champions Italy
Forse, anzi, di sicuro, non siamo i migliori del calcio europeo, ma noi questo calcio...
 Mer. 14 mar 2018 
Meglio Siviglia e Liverpool. Ma incombe il derby
Arrivati ai quarti di Champions, si dice, c'è poco da scegliere. Ma in realtà non...
 Mer. 07 mar 2018 
Calcio, media francesi: sicuro l'addio di Emery, il Psg chiama Conte
Il tecnico del Psg Unai Emery sarebbe sul piede di partenza dopo l'eliminazione...
 Gio. 08 feb 2018 
Balzaretti: "Juve, occhio a Eriksen! Ma in difesa il Tottenham balla"
Il dirigente della Roma ed esperto di calcio estero in tv ci parla della sfida dei bianconeri in Champions, di Antonio Conte, di Premier e Bundesliga...
 Mar. 06 feb 2018 
Lamela: "La Roma la mia prima esperienza all'estero: mi sono sentito bene"
El Coco è diventato uomo. Erik Lamela ha uno sguardo diverso dai tempi della Roma:...
 Mar. 02 gen 2018 
TOTTENHAM, Pochettino: "Il legame di Kane col club mi ricorda Totti con la Roma"
Mauricio Pochettino si racconta. Nella lunga intervista, il tecnico del Tottenham...
 Mar. 12 dic 2017 
Sono buoni avversari, ma poteva andar peggio
È stato un sorteggio corretto, complessivamente fortunato. Nessuno dei due avversari...
Euro dribbling
Ci sono quelli costretti a dire bugie, come il traballante allenatore del Psg, Unai...
 Gio. 30 nov 2017 
DI FRANCESCO: "Schick titolare? Non è detto, Nainggolan non verrà convocato"
ROMA-SPAL, LA CONFERENZA STAMPA DI EUSEBIO DI FRANCESCO: "Non possiamo più sbagliare. Schick o Ünder dall'inizio. Nainggolan out, Perotti quasi"
 Sab. 18 nov 2017 
Un mondo di derby
In tanta Europa, ma anche in altre parti del mondo, c'è l'aria del derby. Ne abbiamo...
 Gio. 16 nov 2017 
Osvaldo: "A Roma c'è gente malata di calcio. Diedi un pugno a Roberto Mancini dopo Juve-Inter"
Pablo Daniel Osvaldo, ex calciatore della Roma, ha parlato del suo passato nella...
 Lun. 23 ott 2017 
Moreno: "Sono molto felice, fanno piacere le parole del mister"
Hector Moreno, difensore della Roma, è stato intervistato da Roma Radio ed ha parlato...
 Lun. 16 ott 2017 
Difende e imposta: Fazio double face
Salvate il soldato Fazio. Federico Fazio. O meglio, il comandante. Cioè, la guida....
 Sab. 14 ott 2017 
Premier, muro United col Liverpool: 0-0. Conte k.o. con l'ultima: -9
Il Liverpool fa la partita ma non sfonda: Mou a -2 da Guardiola. Cade il Chelsea, il Tottenham vince di misura
 Gio. 27 lug 2017 
Spettacolo Roma
Per venti minuti, è stata già una grande Roma. Con una partenza sprint, Di Francesco...
Di Francesco, ogni mossa è di squadra
Il test contro il Tottenham vuol dire fiducia. Quella che la Roma sta riacquistando...
 Mer. 26 lug 2017 
Tottenham-Roma, Pochettino: "Noi meglio della Roma, siamo stati sfortunati"
Queste le dichiarazioni di Mauricio Pochettino, allenatore del Tottenham, rilasciate...
AMICHEVOLE - Tottenham-Roma 2-3
Dopo la sconfitta ai rigori contro il PSG di Unai Emery, la Roma del tecnico Di...
 Mar. 25 lug 2017 
Roma-Tottenham: Le Probabili Formazioni
Seconda uscita per la Roma nell'International Champions Cup: di fronte ai giallorossi c'è il Tottenham, che ha rifilato un poker al PSG.
Roma-Tottenham Orario e Diretta TV
Tottenham-Roma ORARIO E DOVE VEDERLA IN TV
 Lun. 17 lug 2017 
Calciomercato Roma, Foyth al Tottenham è quasi fatta
E' sempre più lontano dalla Roma il futuro del giovane difensore centrale argentino...
 Ven. 07 lug 2017 
Calciomercato Roma, Tottenham-Foyth, la situazione
IL DIFENSORE ARGENTINO DELL'ESTUDIANTES INOLTRE HA DECISO DI RIFIUTARE LA CORTE DELLO ZENIT
 Sab. 17 giu 2017 
 Gio. 08 giu 2017 
Calciomercato, Di Francesco alla Roma. Solo questione di ore
Per centrare l'obiettivo prioritario si è disposti ad aspettare ancora, ma senza...
 Sab. 27 mag 2017 
SPALLETTI: "Totti giocherà un bel pezzo di partita. Vorrei sentirlo parlare per conoscere..."
ROMA-GENOA LA CONFERENZA STAMPA DI LUCIANO SPALLETTI: "Che festa sarebbe senza i tre punti?. Totti? Vorrei sentirlo parlare, sentirlo contento della decisione da prendere per il suo futuro. Ci sono stati momenti in cui non ho condiviso le sue prese di posizione, ma siamo colpevoli un po' tutti. Il mio Futuro? Bisogna arrivare in fondo. In questa partita c'è tutto quello che stiamo cercando da un anno”
 
    1   2   3   4       >   >>