facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 21 settembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Sabatini triste: "Giornata infausta. Monchi d.s. è quasi ufficiale. Spalletti è un po' polemico..."

L'ex giallorosso tiene una conferenza per parlare degli sbocchi lavorativi del diritto sportivo e delle dinamiche dirigenziali: "Odio aver perso la Roma"
Martedì 28 marzo 2017
ROMA TRE - Walter Sabatini torna all'università. L'ex dirigente della Roma, attualmente senza squadra, alle ore 16 incontrerà gli studenti di Roma Tre nell'ambito del progetto ‘Sport & lavoro' organizzato dall'associazione ‘Ricomincio dagli studenti'. Il titolo della conferenza è ‘L'evoluzione del direttore sportivo' e si terrà nell'Aula 4 della facoltà di Giurisprudenza trattando in particolare degli sbocchi lavorativi del diritto sportivo, delle dinamiche dirigenziali e delle altre figure che agiscono in collaborazione con i dirigenti sporitivi come i procuratori sportivi.

16.00 - Arriva Walter Sabatini.


16:10 - Inizia la conferenza con Sabatini che parla subito di Monchi: "La Roma ha fatto una scelta straordinaria, nel momento che sarà ufficiale. Lo rispetto come uomo e come professionista. Ha fatto cose importanti al Siviglia, generando plusvalenze. Ha una grande competenza".

16:15 - Sabatini continua a parlare della Roma: "In questi anni a Roma hanno riportato le mie parole con interpretazioni personali. Accetto l'idea di aver sbagliato. Il 28 marzo è una data infausta per me, giorno in cui non sono più ds della Roma. Lo sono stato formalmente fino a ottobre, ma fino a oggi ho pensato alle cose della Roma. Ora non lo sono più. Odio aver perso la Roma, non c'è partita che non guarda con sofferenza estrema. Guardo sempre i miei giocatori, come se fossi ancora parte in causa. Da oggi cercherò di dismettere questo mio stato d'animo".

16:20 - "Le plusvalenze sono degli strumenti importanti in una società di calcio. Io l'ho sempre fatto nella Roma con molta fortuna. È un primo requisito ma non l'unico, perché non devono incidere sul patrimonio, anche tecnico, della società. Quello fatto in questi anni a Roma è stato molto importante, sono state fatte delle plusvalenze che hanno regolato gli standard chiesta dal UEFA. [...] Piris? Mi dispiace offenderlo perché ha giocato in ottime squadre ma forse per la Roma non bastava (ride, ndr), anche se la migliore partita fatta da un terzino giallorosso l'ha fatta lui a Genova. Molti vengono indotti da un'informazione tossica".

16:25 - "Tu puoi essere presentato, come nel caso di Monchi, come uno dalle grandi gesta, e io sottoscrivo. Però mi è capitato di leggere che io sono stato presentato a Roma con una denuncia. L'incipit è quindi diversa, io presentato da ex squalificato, Monchi come un dio. Faccio quindi un applauso alla Roma che ha migliorato il rapporto con la stampa, perché prima venivano presentati malino".

16:30 - "L'algoritmo della vita sapete qual'è? Quello che non farà passare una macchina sotto un ponte quando crolla. Frequentare tempi e spazi evitando tragedie. Un altro algoritmo che auspico è quello che produca armonia nel gioco del calcio. Qualcosa che renda i movimenti leggeri, quasi un quadro. In quel caso sarei un sottoscrittore dell'algoritmo. Uno dei motivi per cui sono andato via è che la statistica sta sovrastando la bellezza del calcio. L'errore è una cosa umana. Il compito principale di un direttore sportivo è riuscire a coniugare il mantenimento di una squadra forte. La Roma da 3,4 anni è una squadra forte. Purtroppo è incappata in un ciclo incredibile della Juventus, ma la Roma è competitiva".

16:40 - "Io che sono un romanista malato, perché la Roma è una malattia, sono stato contagiato. Per quelli meno fortunati però ho sempre rispettato la Lazio. Nel derby spero che la Roma giochi la sua miglior partita, una partita prepotente e arrogante, non stando a guardare di fare solo 2-0, ma anche 4 o 5".

16:45 - "Plusvalenze, assets e competitività sono alla base di una società di calcio e questo deve perseguire un direttore sportivo. Competitività significa conoscenza del mondo del calcio, scouting e acquisizione. Lo scouting dovrebbe essere arricchita da un lavoro di intelligence, chi muove certi giocatori, come quello sud americano".

16.46 - Sabatini interrompe il discorso: pausa sigaretta.

16:55 - Sabatini riprende la lezione: "Spalletti è un uomo un po' polemico ma non ha mai detto una cosa inutile. Ha voluto ipotizzare una Romanway, riferita però ai comportamenti, al decoro. Cose messe tutte insieme che hanno dato in parte qualcosa che è sempre mancato a Roma. Ha dato vita a un'officina permanente, portando la Roma dentro un percorso che non è mai stato frequentato. Per fare questo ha dovuto dire cose negative, andando in rotta di collisione con Totti. Troppo facile definirlo un fenomeno, tanti campioni hanno smesso sentendone la mancanza, ma nessuno riprodurrà più le sue giocate. Però è un problema gestire un calciatore così nella fase finale della carriera. Spalletti ha voluto forgiare l'idea che una squadra forte può vincere a prescindere da lui. Ha fatto qualcosa di poderoso, però guardate cose succede. Ho premesso che ha uno spirito polemista, come quasi tutti i toscani, ma lui ha coraggio vero, virtù di pochi. Un uomo che si spende per tutti, è generoso. È un grande patrimonio, spero ci siano le condizioni perché lui rimanga, mi dispiace che Spalletti venga insultato da persone che non possono permetterselo. Il nostro allenatore è stato affrontato come lo si farebbe con un uomo da marciapiede 'Spallè, nun fa cazzate'. Mi è stato chiesto di non dire chi fosse, ma è uno del mondo della comunicazione. Ci sono persone che danno della merda a Spalletti. Che cosa è questa città?".

17:10 - "Dovete studiare, dovete combattere. Non ho tutt'ora la maniera di affrontare le cose in maniera tecnologica, io dico che voi dovrete essere ragazzi liberi, ma dovete evitare l'ignoranza, che è l'unica cosa che ci sdraia. Com'è nata l'idea di diventare ds? Essendo a 30 un calciatore ignobile, io non c'ho nessuna foto perché mi imbarazza, per una serie di coincidenze fortunata, la fortuna non è una cosa periferica, sono stato fortunato perché ho giocato anche in Serie A. Non avrei mai pensato di fare questo mestiere, ma ho provato a fare tutto, ho fatto anche l'allenatore un periodo, da giocatore conoscevo 120 finte implacabile (ride). Sono stato al Perugia, alla Lazio di Pinzi e Domizzi. Quando non sono stato confermato dalla Lazio, mi sono messe a ridere e sono andato a fare un colloquio con la Triestina. Senza il mio mestiere, mi sono trovato con grande imbarazzo con il nulla fare, mi sono andato a ricercare libri, testi che non ho potuto leggere perché impegnato e mi sono confrontato con la mia incommensurabile ignoranza, non so niente".

17:15 - "Iturbe? Fu un errore prenderlo, quando lo acquistai fui un beniamino di Roma e dei giornalisti. Quando sono entrato a Trigoria, l'ho fatto per merito".

17:20 - "Quando sono arrivato a Trigoria non dovevo essere il ds, non avevo ancora il contratto, ma dovevo proteggere DiBenedetto. Sono successe delle cose che mi hanno fatto ammalare di Roma, ho sentito il sentimento popolare che rompe le strade. È stato un virus a cui ho ceduto subito e sono andato in sala stampa per tutelare il trapasso societario".

17.25 - "Doumbia? È un giocatore fortissimo, ho sottovalutato le sue condizioni dopo la coppa d'Africa. Ignobili, avrei fatto meglio io. Nessuno però ricorda che Doumbia, nel momento di difficoltà della Roma, ha segnato a Sassuolo e col Genoa. È andata male ma è una mia responsabilità".

17.30 - "Gerson? È molto forte, gioca un calcio sublime. È un ragazzino del '97 venuto in un ambiente che non lo ha accolto bene, ma rientra in un contesto di prendi e lascia che la Roma deve fare. Ci sta che un giocatore funzioni meno di un altro, ma la cosa importante è che la squadra sia competitiva. La Roma non ha ancora vinto ma sono 3-4 anni che ha creato i presupposti per vincere e lo farà. Forse anche quest'anno".

17.35 - "Cessioni? La Roma aveva bisogno di cedere Benatia a 30 e prendere Manolas a 13. Fuori escono notizie frammentate, ma quando i calciatori si impongono di giocar male non vengono a dire di decurtarsi lo stipendio, ma se giocano bene diventano incontrollabili dal punto di vista salariale. A prescindere dalla forza economica della Roma, il rapporto costi-ricavi deve sempre essere tenuto presente".

17:40 - "Nainggolan? La Roma spero non lo voglia vendere, lui è dell'88 e ha 29 anni, sarebbe un investimento folle. Il dato di fatto è che sia il giocatore più forte d'Europa. Cinesi? Contento di aver venduto Gervinho a 18 milioni".

17:45 - "Perché non ha funzionato Luis Enrique? È un uomo eccezionale che è venuto a Roma a portare il suo calcio. Non avevamo una grande squadra, era incompleta e l'ho fatta io. Ci fu una partita di dicembre, quella di Napoli in cui ho pensato che quello fosse il modo corretto, dopo quella prestazione non è stata sempre confermata. Il suo calcio ha funzionato altrove, abbiamo cercato di trattenerlo ma ha voluto concludere il contratto".

17:55 - "Ibarbo? Sono state raccontate stupidaggini vergognose, era arrivato in prestito per 2 milioni di euro, ha fatto una percussione contro la Lazio... ma quando un giocatore è gratis e ti fa vincere quella partita lì (partono gli applausi, ndr), una partita che ti manda in Champions League diretto, beh... Per me quando si mettono la maglia della Roma i giocatori sono più belli, anche Iago Falque. Yanga-Mbiwa? Ci serviva una riserva, il mercato è sempre molto ostico e faccio un conto, riuscendo a fare un accordo con il Newcastle, con Yanga-Mbiwa che sarebbe diventando nostro dopo 20 presenze, un giocatore contraddittorio, non sapevi mai cosa stesse per fare, era un ragazzo amato da tutti. Ebbi la possibilità di venderlo alla stessa cifra ed ebbi questa situazione con il Lione. Convocai il giocatore, la presi un pochino larga e gli ho parlato per 10 minuti. Si è alzato e poi è uscito e in quei 10 minuti ero un uomo morto, sono stato ucciso da tante cose, come il 26 maggio, ma lo sguardo di Yanga-Mbiwa mi ha distrutto".

18:05 - "Caratteristica principale di un ds? Quando vuoi riconoscere uno stato d'animo, io tiravo giù dei pezzi di carta e ci perdevo mezz'ora. Il mio ufficio è stato sempre aperto a tutto e a tutti, preferivo che le persone si affacciassero, mi creavo delle mie cose. Mi manca il mio ufficio perché avevo tutte le mie protezioni, sapevo di cercare una cosa che mi avrebbe tranquillizzato, ora non so come orientarmi. La Roma mi ha dato una grande occasione, se dovessi tornare a fare calcio in una società meno importante della Roma, sarei contento e lo farei con la stessa passione".

18:10 - "Non si può togliere Roma ai romanisti. La Roma ha vinto quasi tutte le partite in casa, non è che abbia sofferto senza i tifosi ma una squadra è tale senza i tifosi? Lo sport non esiste senza tifosi, quando io vedo che i bambini festeggiano sono felice, il calcio è fatto per questo. Quanto incide la lontananza di Pallotta? Non rispondo. Fare acquisti in Sudamerica? Sul tema del Sudamericana devi chiedere a più persone, io ho visto giocatori forti ma le società detengono quote, le famiglie stesse e diventa difficile in certi casi fare acquisti e si cercano alleanze, vedete quello che è accaduto con Marquinhos".

Iago Falque - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 22 ago 2018 
Olsen cocco di Roma. Il nuovo portiere difeso da compagni e allenatore
C'è chi lo abbraccia e chi lo protegge. Gesti e parole, mediaticamente il massimo...
 Lun. 20 ago 2018 
La grande notizia è Justin K.
La grande notizia? I venti minuti di Justin Kluivert. Talento puro e rabbia. Farà...
Dzeko, gioiello da tre punti
La risposta della Roma, se ne saranno accorte la Juve e il Napoli, è subito robusta...
Spia juventina per studiare qualità e difetti di Olsen
In tribuna, allo stadio Grande Torino, anche il preparatore dei portieri della Juventus....
 Dom. 19 ago 2018 
Torino, Mazzarri in silenzio. Petrachi: "Partita spostata dagli arbitri"
PETRACHI IN CONFERENZA STAMPA Perché non è venuto Mazzarri? Se viene e parla...
Torino-Roma 0-1. Magia di Dzeko all'89'
Il bosniaco punisce i granata dopo aver colpito due pali. Legni anche per Kolarov e Rincon. Gol annullato a Iago dal Var (fuorigioco di Aina) e super occasioni con Belotti e Iago. Espulso Mazzarri
 Ven. 17 ago 2018 
Calciomercato Serie A: tutti gli affari UFFICIALI con le probabili formazioni
Pronti, partenza, via! Domenica 1 luglio si apre ufficialmente la campagna trasferimenti...
 Mer. 15 ago 2018 
Calciomercato e rose a 25: la situazione delle 20 squadre di A
Serie A, calciomercato e rose da 25 calciatori. Da quattro anni la FIGC ha infatti...
 Mar. 24 lug 2018 
Calciomercato Roma, il Torino sulle tracce di El Shaarawy
Roma in apprensione per l'affare Malcom, scivolato dalle mani dopo l'inserimento...
 Ven. 25 mag 2018 
Iago Falque: "Roma, che peccato. Nella capitale credevo di impormi"
Terminata la sua seconda stagione in maglia granata, Iago Falque ha parlato della...
 Dom. 08 apr 2018 
Torino-Inter 1-0: l'ex Ljajic punisce i nerazzurri
La squadra di Spalletti non riesce a sfruttare le tante occasioni da gol e viene punita al primo tiro in porta granata. L'Inter perde così punti preziosi in ottica Champions
 Ven. 16 mar 2018 
Spacca il secondo
Se parlano i fatti è complicato contestarli: la Roma ha ricominciato a correre,...
 Sab. 10 mar 2018 
Roma, bastano gli sprazzi per lanciarsi verso la Coppa
Dopo il 3-0 rifilato al Torino la Roma è rimasta in campo a cercare di far capire...
Roma in volo, Toro seduto
L'Inter non si ritrova da mesi, la Lazio ha perso continuità e la Roma prende il...
Roma, un tris da Champions
Adesso, cioè martedì sera, la Champions: la Roma non fa la stupida, dando la priorità...
La Roma sta a guardare per un'ora, poi si sveglia e affonda il Torino
La Roma di Napoli ci ha messo tanto a presentarsi all'Olimpico. Quasi un'ora. Sono...
 Ven. 09 mar 2018 
Roma-Torino 3-0 Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Alisson blinda la porta, Manolas la sblocca
Roma-Torino 3-0: Manolas, De Rossi e Pellegrini blindano il terzo posto
I giallorossi tornano a vincere in casa dopo 5 k.o. Terza sconfitta consecutiva per la squadra di Mazzarri
IAGO FALQUE: "Stiamo facendo bene peccato che Alisson ha fatto due parate pazzesche"
FINE PRIMO TEMPO: ROMA-TORINO 0-0 IAGO FALQUE A MEDIASET PREMIUM Partita di sacrificio,...
 Gio. 08 mar 2018 
Roma-Torino I convocati di Mazzarri
Il tecnico Walter Mazzarri ha selezionato 20 calciatori per la partita di domani...
Torino, i tormenti di Mazzarri: trovare gli assist per Belotti
A Roma cercando il vero Belotti, ma pure gli assist giusti per esaltarlo. La missione...
 Dom. 04 mar 2018 
Dzeko e Fazio squalificati: col Torino si cambia
E oggi gli occhi saranno tutti su Torino-Crotone. Venerdì, infatti, la squadra di...
 Ven. 16 feb 2018 
IAGO FALQUE: "Alla Roma mi è mancato l'ultimo passo, è il mio rimpianto"
Iago Falque, attaccante del Torino, ha rilasciato un'intervista al quotidiano La...
 Dom. 11 feb 2018 
Roma a forza 5. Avanti tutta
Mancano i gol, la Roma alza il tiro. Meglio, aumenta i potenziali tiratori. Mai...
 Mar. 19 dic 2017 
Roma-Torino: i convocati di Sinisa Mihajlovic
I convocati per la Roma
Giacomelli, la Figc indaga
Gli errori arbitrali durante Lazio-Torino, l'espulsione di Immobile per una "finta"...
 Lun. 18 dic 2017 
Var, i laziali si scatenano sui social. I romanisti: "Il Cagliari dà fastidio"
«Mano di Fazio. E anche di Manolas». È bufera sui social network tra laziali e romanisti...
 Lun. 11 dic 2017 
Lazio, Immobile vede rosso: il Toro sbanca l'Olimpico
Il centravanti espulso con la Var a fine primo tempo, poi le reti di Berenguer, Rincon, Luis Alberto e Edera
 Lun. 06 nov 2017 
IAGO FALQUE: "Roma occasione persa per sfortuna e per colpa mia"
Intervistato da Radio Onda Cero, Iago Falque, fantasista del Torino, ha parlato...
 Lun. 23 ott 2017 
De Rossi, 11 palloni intercettati
Di Francesco, raccontando la partita di Torino vista dalla sua panchina, ha più...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>