facebook twitter Feed RSS
Martedì - 23 ottobre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

La risposta. Una Roma viva resta in corsa

Lunedì 20 marzo 2017
Non era facile ripartire come se niente fosse, non era facile rimettersi in moto verso il secondo posto che nel frattempo era ripassato al Napoli. In assoluto non era facile giocare tre giorni dopo quella batosta che faceva ronzare la testa a tutta Roma. Ci volevano mentalità, cuore e convinzione e la Roma ieri sera ha ritrovato tutto questo nel momento più difficile. Ha sofferto molto all'inizio, non si ritrovava, sembrava persa nella sua angoscia di delusa europea, ma alla fine è riaffiorata scrollandosi di dosso prima il Lione e poi il Sassuolo. Che ha lottato, giocato, costruito e segnato, finché in campo è rimasto Defrel, imprendibile per Fazio e company, e finché Spalletti non ha restituito alla squadra l'assetto migliore, con i giocatori migliori. L'avvio è stato terribile, il finale in discesa.

FANTASMA LIONESE - All'inizio la Roma correva come se dovesse trascinare un rimorchio in giro per il campo. Più del Sassuolo, vedeva il Lione. Doveva rimettere in moto la macchina a spinta, troppi colpi sul telaio, troppi bulloni saltati nell'ingranaggio del motore. Il Sassuolo, al contrario, volava leggero sui mali del suo avversario. E' vero che la prima palla-gol è stata per la Roma, ma è nata per un malinteso fra Letschert e Acerbi, su cui si è fiondato Salah che si è fatto respingere il tiro da Consigli. Erano passati 3 minuti, ma nei 10 successivi il Sassuolo ha messo a soqquadro la difesa della Roma, con interpreti troppo lenti per contenere il passo breve e fulmineo dei tre attaccanti emiliani.

I COLPI DI DEFREL - In quel momento di baraonda, il miglior romanista è stato il romanista mancato, Gregoire Defrel, i cui scatti a ripetizione hanno mandato a tappeto Fazio, il centrale costretto a uscire dalla linea per inseguire quella saetta francese. La Roma non riusciva a ripararsi sugli esterni, Berardi stordiva Bruno Peres e prendeva d'infilata Manolas, Politano saltava Emerson e, con quelle gambette svelte, tormentava Rüdiger. Il gol di Defrel è stato annunciato da un'azione molto simile con il cross di Berardi e il tiro alto del francese. Cinque minuti dopo, il colpo letale: il via è stato di Defrel che col primo tocco ha risucchiato Fazio lontano dall'area, palla a sinistra per Berardi, altro cross, velo di Politano (lo ha perso Emerson), sinistro al volo di Defrel che Fazio non aveva più rimontato.

IL CARATTERE DELLA ROMA - Spalletti aveva fatto quattro cambi rispetto a giovedì. Dzeko, De Rossi e Mario Rui oltre ad Alisson erano rimasti in panchina, ma la Roma aveva ben poco nelle gambe e ancora meno nella testa. Ci voleva la "squadra" che si è visto quando ha iniziato a nuotare contro corrente e di questo Spalletti può essere orgoglioso: per la quarta volta, la Roma ha vinto in rimonta, nessun'altra c'è riuscita in questo campionato. Ha cominciato Paredes (dopo un'altra occasione del Sassuolo) con una delle sue famose sventole da fuori area a rimetterla in corsa. Il gol ha restituito un po' di forza alla Roma che Strootman ha preso per mano facendola ripartire spesso. Emerson Palmieri ha centrato la traversa, ma quando il Sassuolo saltava il centrocampo era sempre molto pericoloso. Ha avuto due palle-gol (con Politano e Defrel) che Szczesny ha tolto di porta e nel recupero del primo tempo ha preso il gol di Salah, che ha ricacciato in rete il pallone respinto da Consigli su tiro di El Shaarawy. Salah ha segnato usando bene i piedi e ancora meglio le braccia: prima del tocco ha spinto via Peluso.

FUORI DEFREL E DENTRO DZEKO - Dopo un'ora, sono cambiati i centravanti e la Roma ha goduto benefici non solo dal suo cambio, ma anche (e soprattutto) da quello di Di Francesco, costretto a togliere l'indemoniato Defrel per infortunio per far entrare Matri. Spalletti ha messo Dzeko al posto del vaghissimo Bruno Peres, è passato alla difesa a 4, più tre centrocampisti (Paredes in mezzo e più arretrato) e tre attaccanti, Salah a destra, Dzeko al centro, El Shaarawy a sinistra. Ora Strootman sovrastava il trio centrale degli emiliani e una sua triangolazione con Dzeko ha mandato il bosniaco a rete. Sul 3-1 la partita è finita, il Sassuolo ha abbassato il ritmo, spento i motori e incassato la prima sconfitta della sua breve storia in A.
di A. Polverosi
Fonte: Corriere dello Sport

News

 
 <<    <      263   264   265   266   267    
 
 Dom. 07 gen 2018 
Gautieri: "Sono stato vicino alla Lazio, ma il cuore mi ha detto Roma. I giallorossi hanno tempo..."
"I giallorossi hanno tempo per riprendersi e recuperare terreno”
Calciomercato Roma, Monchi in partenza per trattare Bruno Peres col Benfica
Al termine di Roma-Atalanta il DS della Roma ha ribadito la necessità di soldi per...
Crisi Roma: gol assente
Si è spenta la Roma. Lo choc provocato dalla punizione Nainggolan può avere parzialmente...
Roma battuta e fischiata. L'effetto Di Francesco è finito
Con il carbone atalantino dell'Epifania, ultima stazione di una profonda crisi d'identità...
L'Atalanta sgretola una Roma di fantasmi
Il 2018 non è uguale per tutti e i tifosi di Roma e Atalanta lo possono spiegare...
Le due facce della Capitale con vista sulla Champions
Lazio alle stelle, Roma in crisi. Le due formazioni romane, per risultati e stato...
Befana amara: crisi Roma
Inizia nel peggior modo possibile il 2018 della Roma ormai in piena crisi di gioco...
Le trasgressioni che a Radja in privato non bastano più
Beati gli inglesi. Hanno inventato il calcio. Hanno inventato il fairplay. Non sono...
Diverte, poi resiste: la Roma ko, Dea ammazzagrandi
Se pensate che il periodo delle feste non vi abbia giovato né al fisico né al morale,...
Il problema non sono gli assenti ma i presenti
Ma qualcuno è davvero convinto che la Roma abbia perso contro l'Atalanta perché...
Ancora Inter-Roma: Emmers-Riccardi, sfida tra genietti
L'ultimo confronto da dentro o fuori l'ha deciso Xian Emmers. Sette mesi fa, a Reggio...
Dall'Atalanta un'altra lezione, la Roma ora teme le vacanze
Prima il Napoli al San Paolo e adesso la Roma all'Olimpico: quattro giorni in tutto....
Roma-Atalanta 1-2 Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: ROMA-ATALANTA 1-2 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI...
Un riposo utile anche se... Al ritorno il punto su Defrel
L'obbligo di rientrare a Roma domenica prossima, 14 gennaio, lunedì 15 invece ci...
La Roma non esiste più
Sparita in 21 giorni: la Roma non c'è più e nemmeno Di Francesco sa perché. Il 2018...
 Sab. 06 gen 2018 
Roma, l'occhiolino di Kolarov. Gasperini: "Secondo voi perché l'ha fatto?"
L'esterno della Roma immortalato mentre fa un gesto che ha creato un polverone sui social
TRIGORIA, la squadra si rivedrà nella Capitale domenica 14
Dopo il brutto stop casalingo contro l'Atalanta arriva la sosta del campionato....
Roma, Dzeko ritrova il gol nella notte delle streghe dell'Olimpico
Da sei partite ormai non segnava. Tutto sembrava ostacolarlo. E niente, o molto...
ROMA KO, un tifoso se la prende con Nainggolan: "È colpa tua"
Dopo la sconfitta con l'Atalanta (1-2) un supporter giallorosso ha inveito verso...
 
 <<    <      263   264   265   266   267