facebook twitter Feed RSS
Sabato - 25 giugno 2022
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Il gesto di Mourinho che ha fatto impazzire i tifosi della Roma

Lo Special One non è stato solo un condottiero: la vittoria di ieri è un vero capolavoro tecnico-tattico. Le lacrime a fine partita, quelle mani che non si fermano mai e indicano strade di gioco. E i cambi al momento giusto senza un briciolo di ideologia
Giovedì 26 maggio 2022
Lo sommergono perché non c'era altro modo di fermarlo. José Mourinho moto eterno, argento vivo e cervello fresco. Se lui è bollito, noi siamo la regina Elisabetta e Steven Spielberg. Contemporaneamente. Lo sommergono con gli abbracci al temine di una finale che è un passaggio per la terra dei sogni attraverso un incubo di maglie grigie e palloni da sfasciare. La vittoria come dev'essere: si costruisce e poi si protegge ciò che si è costruito. Per Mourinho questa è la via, non ce n'è un'altra.
Lui la prende in mano la partita, laddove per i suoi colleghi le mani sono un accessorio, talvolta un peso da sollevare, altre volte un orpello da nascondere nelle tasche. Mourinho non spreca nulla: non intendeva sprecare una Conference League, a parte l'egocentrico compiacimento di diventare il primo a vincere tutte e tre le coppe attuali, proiezioni in cinemascope di quelle di una volta. Perché dovrebbe sprecare una parte del corpo tanto preziosa, con cui si possono fare castelli, costruire autostrade e parlare con gli arbitri? Quello ha fatto Mourinho dall'inizio: parlare con gli arbitri attraverso le mani, che nella sua mimica diventano di volta in volta domande viventi, affermazioni trancianti, becchi di papere che starnazzano.
E ansiolitici per i giocatori troppo nervosi, ovvio. Basta indicare i punti del campo in cui piazzarsi, alzarle e abbassarle per invitare alla calma, indicarsi la fronte per spingere alla riflessione. Con Pellegrini no, a Pellegrini riserva il privilegio della voce e della chiamata diretta: stiamo vincendo, che bisogno hai di andare a rompere la pace dei sensi all'arbitro? Mourinho vuole essere dentro la gara con tutto sé stesso, e per questa finale in particolare è stato anche parte di parecchio di più, della vigilia, dell'antivigilia e oltre. Giorni passati in conclave con i suoi collaboratori e con i giocatori. Studi approfonditi delle possibilità, degli imprevisti e di ciò che del Feyenoord si sapeva.
Caricare le molle della determinazione, evitando di esagerare. L'equilibrio sottile su cui si regge l'universo agonistico di Mourinho. Si spezza Mkhitaryan, ma c'è subito pronto e intero Sergio Oliveira. Almeno in questo caso non ci si può lamentare dell'alternativa, non troppo.
Poi che i giocatori e lui stesso abbiano la tensione a fine scala è anche normale.

Qui si fa la storia
Qui si fa la storia, l'ha detto José stesso e non se ne pente. La storia, basta un niente per girarla da una parte o dall'altra. Basta, per esempio, che non diano punizione e rosso contro Senesi quando si avvinghia ad Abraham. E lì Mourinho non parla, bensì urla con le mani, con la voce e con tutto ciò che ha addosso. Lo adorano anche per questo a Roma: perché conduce, dirige e rappresenta. Più che lo spirito di qualcosa che è, l'idea di qualcosa che potrebbe essere.
Però non è soltanto questo. Tutt'altro che figura ideale. È soprattutto un allenatore. E sa mettere da parte le convinzioni pregiudiziali, mentre le filosofie di gioco le ha sempe considerate per quel che valgono: materia da aula di convegno, non da campo di calcio. Capisce al volo che la Roma sta sparendo come acqua sulla ghiaia e la cambia. Senza scrupoli e senza testardaggini: via Zaniolo che gli aveva dato tanto, dentro Veretout che nel corso della stagione gli ha dato poco. E dentro anche Spinazzola, che a rigor di logica dovrebbe stare sotto una campana di vetro.
Lo adorano perché sembra impassibile. Lo adorano perché dopo la partita, alla fine di cinque sgocciolanti minuti di recupero, piange, balbetta, stenta a esprimersi. Lui che ha vinto tanto e ha vinto pure tanto di più grande, tipo quella Champions dell'Inter che fino a ieri era l'ultimo trofeo italiano. Lo adorano perché hanno capito che per la Roma questo deve essere solo l'inizio e se c'è qualcuno che può garantire in merito è lui. Lo si coglie anche dalle prime parole che riesce a tossire via. Banale ma vero. Però stiamo attenti a non capire male. Ciò che sarà sarà. Mourinho oggi piange anche perché ha vinto un'altra coppa e non c'è niente di meglio che riempirla di lacrime di gioia.
di Marco Evangelisti
Fonte: Corriere dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Ven. 24 giu 2022 
Calciomercato Roma, ag. Frattesi: "Le società stanno parlando"
La Roma continua a lavorare per riportare in giallorosso Davide Frattesi. L'agente...
Calciomercato Roma, Berardi è la prima scelta di Mourinho se parte Zaniolo
Qualora la Roma dovesse cedere Zaniolo la prima scelta di José Mourinho per sostituirlo...
Frattesi, pazza voglia di Roma: si taglia le ferie per arrivare prima a Trigoria
Il centrocampista spinge per il suo ritorno in giallorosso: pressing sul Sassuolo per trovare un accordo con Pinto
CALCIOMERCATO Roma, lo Schalke 04 è interessato a Diawara
Amadou Diawara è uno dei nomi in uscita. Quest'anno ha giocato molto poco capendo...
Calciomercato Roma, dirigenti del Lille convinti che Celik sarà giallorosso
Si vuole chiudere entro il weekend
Mourinho: "Evolvo per avere successo. Fiducia e leadership le chiavi"
Il tecnico giallorosso: "Con i giocatori ognuno ha bisogno di un modo diverso di comunicare. La cosa più importante è conoscere la loro natura, devono fidarsi di me"
CALCIOMERCATO Roma, Bove-Volpato per avvicinare Frattesi
La Roma dovrebbe inserire i giovani Bove e Volpato nei discorsi con il Sassuolo...
Veretout dentro l'estate dell'attesa. E Mourinho potrebbe trattenerlo
Veretout sta pensando al futuro. Saranno giorni importanti per il giocatore, al...
La Roma e Zaniolo prendono tempo. Calafiori a Salerno
È stata una giornata impegnativa, quella a Milano di Tiago Pinto, apparso visibilmente...
Pronta l'accelerazione per Celik. Frattesi attende l'ok del Sassuolo
Tiago Pinto si concentra anche sulle uscite da definire possibilmente entro il 30...
 Gio. 23 giu 2022 
Calciomercato Roma, anche il Marsiglia interessato a Villar
Oltre il Monza, anche il Marsiglia si è informato su Gonzalo Villar in questi giorni....
Calciomercato Roma, cena Pinto-agente Zaniolo: apertura ad una contropartita dalla Juve
La Roma apre alla possibilità di inserire una contropartita tecnica nell'operazione...
Calciomercato Roma, Ipotesi Rodon del Tottenham per la difesa
Tottenham, Paratici in Italia per trattare cessioni
Zaniolo-Roma, avanti anche senza rinnovo. Ma se arriva l'offerta giusta...
Nell'incontro tra Pinto e l'agente del giocatore Vigorelli, nessun accordo per il prolungamento del contratto. I rapporti restano cordiali, ma con 55 milioni il giovane talento può partire
Calciomercato Roma, interesse alto per Senesi: il centrale ha detto no alla Ligue 1, vuole l'Italia
La Roma intensifica i contatti per il centrale argentino Marcos Senesi, che ha affrontato...
Calciomercato Roma, Tiago Pinto incontra il Milan: "Zaniolo? Abbiamo parlato di auto. Frattesi..."
Il general manager giallorosso ha chiuso per la cessione di Florenzi ai rossoneri
Calciomercato Roma, il Milan pensa ad Ibanez: gli agenti a colloquio con i rossoneri
L'entourage del centrale brasiliano ha incontrato quest'oggi la dirigenza rossonera. Il classe '98 è una delle alternative a Botman
Calciomercato Milan, definito il riscatto di Florenzi dalla Roma: le cifre
Il Milan ha definito il riscatto di Florenzi dalla Roma: sistemati tutti i dettagli tra i club
Roma-Celik, 7 milioni al Lille, fumata bianca nei prossimi tre giorni
Mourinho avrà presto il suo terzino destro, alternativa a Karsdorp
Frattesi: Roma e Sassuolo cercano l'intesa con le contropartite tecniche
Si lavora per inserire alcuni giocatori nell'affare: i giallorossi hanno detto no a Bove proponendo Volpato
Roma-Zaniolo, oggi il summit: tre le ipotesi sul tavolo
Incontro a Milano tra Pinto e Vigorelli, agente del giocatore: rinnovo, cessione o rinvio della questione a settembre. E il ds giallorosso incontra anche il Milan
Stadio Roma, Onorato: "Vogliamo assolutamente che si faccia. Impianto tra i 40 e i 46mila posti"
Alessandro Onorato, Assessore ai Grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda del Comune...
Il Monza vuole Villar e Borja Mayoral: trattativa con Roma e Real Madrid
Galliani si è già mosso con il club giallorosso per arrivare al centrocampista, adesso parlerà con gli spagnoli per il centravanti
Calciomercato Roma, Pinto pranza con Massara: da Florenzi a Zaniolo e Veretout i piatti caldi
Riavvicinamento, anche per mancanza di alternative. La Roma oggi alle 16 incontrerà...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>