facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 20 giugno 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 
La Parola ai Tifosi
Tutti i Messaggi

 Lun. 05 mar. 2018 - H.01:18
 Roberto+ 
 
Rispondi
 
 
 Segnala post
 
Riepilogo di come la penso io in 3 parti (scusate la lunghezza)
PARTE 1

“Vende, passa la mano e via?” diceva Luigi. M'hai detto 'n prospero!
Pallotta ci ha già provato a far entrare in società i cinesi, ma non c'è stato verso. Nemmeno lo sponsor è riuscito a trovare finora. E ringraziamo il turchetto che oltre a segnare un gol a partita, forse ci porterà pure lo sponsor.

Purtroppo non è così semplice. Del resto, se la Roma fosse stata un bel boccone se la sarebbero già pappata gli speculatori nostrani. Ma forse i ricchi "tifosi" volevano così bene alla Roma che aspettavano che fallisse per rilevarla gratis, come hanno fatto Della Valle, Berlusconi e De Laurentiis. Dicesi tifoseria pelosa.

1) La Roma era praticamente in fallimento, s’è sentito tanto bla-bla-bla, ma alla fine l'unico che l'ha comprata e l'ha salvata dal fallimento è stato Pallotta.

2) Fosse stato uno che l'aveva comprata per svenderne tutta l'argenteria, l'avrebbe fatto, invece fin dall'inizio la Roma ha fatto campagne acquisti notevolissime. Ricordo i commenti imbufaliti dei tifosi di altre squadre, abituate ai mercati a parametro zero di Rosella, chiedersi da dove li prendesse tutti quei soldi la Roma. Facile, un po' ce li ha messi Pallotta, un po' se l'è fatti di debiti.

3) Il mio rammarico non è che non sia stato speso tanto per acquistare giocatori buoni, ma che è stato speso MALE. Per qualche colpo riuscito, c'è stata una marea di cattive scelte. Inutile fare liste, i nomi li conosciamo tutti. Sabatini è stato capace di far ruotare in entrata e in uscita 200 giocatori in 5 anni. La decima parte sarebbe bastata per mettere su un'ottima squadra. Ma poi le commissioni...?

4) Non credo alla malvagità di Pallotta che leggo sul forum. Semplicemente, non gli conviene avere una squadretta e difatti la Roma di Pallotta, lo ripeto ancora, NON è stata e non è una squadretta ma una signora squadra e se non ha vinto i titoli che meritava lo dobbiamo solo alla Juve-monstre di questi anni. Ma ha battuto due volte il suo record punti di tutti i tempi. A leggere certi commenti sul forum pare che siamo in zona retrocessione... S'è perso il senso delle proporzioni.

  Risposte
  Ven. 09 mar. 2018 - H.19:42
1. Harrycaro ma perché non limitarsi a dire (ridire) la propria senza affibbiare etichette all'altrui? Che, poio, "pendenza" x "pendenza", perché quella "anti-aziendalista"(?) sarebbe più corretta e/o obiettiva? Perché, leggendo le rose morte, sa che la Roma di Garcia nel 2001 arrivava a metà classifica? Non rational.
Comunque, su Pallotta io non penso che sia il meno peggio che ci potesse capitare. Penso solo che ci è capitato e che è capitato dopo Rosella e non prima di Rosella. Altro nònso... Eppoi io spero sempre bèn, anzi di bèn in meglio. Cià. Forza Roma
  Ven. 09 mar. 2018 - H.19:42
2. Una piccola domanda: ma nella Roma, QUANDO MAI C'E' STATA PROGRAMMAZIONE, PRIMA DI PALLOTTA?!?!
Non mi pare che, anche in passato, questa società abbia avuto grande organizzazione.
Io sono tifoso della Maggica da 36 anni e, sotto le gestioni Viola, Ciarrapico, Sensi, si è sempre viaggiato all'impronta... le gestioni varie sono state fatte di slanci e depressioni, hanno vissuto momenti esaltanti, ma anche gravi crisi e contestazioni.
Capisco che, ormai, andando un pò tutti incontro ad una certa età (mi ci metto anche io) è facile dire "si stava meglio quando si stava peggio", oppure si idealizzano personaggi dei tempi che furono, che forse anche noi vedavamo con occhi diversi...
mo, con l'arrivo dell'americano, che non è esente da colpe, nella sua gestione, sembra che "questo" debba x forza di cose avere la sfera di cristallo e risolvere gli ATAVICI problemi della Maggica (che andrebbero risolti, forse proprio da uno "extra" Urbe).
Non parliamo, poi, dell'accusa MAXIMA... "Pallotta ci dice un mucchio de fregnacce", "ogni anno ci illude" "ma perchè non dice chiaramente che noi abbiamo una politica simil Udinese"...
ebbene... io vorrei SAPERE: in 36 anni di romanistità, QUANTE VOLTE AVETE SENTITO UN PRESIDENTE, MA ANCHE UN DIRIGENTE DELLA MAGGICA DIRE, AD INIZIO CAMPIONATO, "NOI QUEST'ANNO GIOCHIAMO X UN PIAZZAMENTO IN UEFA"... IO, A MEMORIA, NON MI RICORDO DI AVER MAI SENTITO UNA FRASE DEL GENERE... SI VENIVA SEMPRE, DALLA STAMPA, MA ANCHE DAI GIOCATORI E DAGLI ADDETTI AI LAVORI, piazzati ai primi posti (forse a campionato iniziato o compromesso, si andavano a rivedere gli obiettivi)
forse, queste cose non le abbiamo mai sentite, perchè noi NON SIAMO LA LAZIE, MA SIAMO LA ROMA e abbiamo il DOVERE "istituzionale" di ambire alle prime posizioni, anche semplicemente a "parole"
ogni anno, la Roma è, ad esempio, chiamata a fare l'acquisto BOOM e, se così non fosse, apriti cielo... perchè, secondo voi? Proprio perchè NOI SIAMO LA ROMA e abbiamo il dovere di provarci o, quantomeno, di sognare, così come è SEMPRE STATO e, spero SEMPRE SARA' (con questa o con altra dirigenza/proprietà).
Poi, che questa proprietà, ripeto, non sia empatica, simpatica e compagnia bella, ci sta... che non abbia un DNA romanista, pure, ma non mi cacciate mancanze che, anche in passato, hanno da sempre connotato la nostra società e la nostra squadra, oppure abbiate la compiacenza di dire che, tra questi 'mericani e i precedenti proprietari, nulla (o quasi) è cambiato...
  Lun. 05 mar. 2018 - H.19:22
3. E' un discorso quel in cui vi siete impelagati sicuramente senza fondo o senza luce alla fine del fondo
E chi lo sa come saremmo finiti senza Pallotta?
Ci siamo salvati dal sicuro fallire o siamo ancora sull'orlo del fallimento?
Forse un barlume di chiarezza sul perché siamo/sono così insoddisfatti m'è parso.
Sinceramente tutto vorrei men che sparare sentenze e se lo faccio, è per esasperazione/frustrazione.
Nei forum, nelle radio, qui su romapersempre le correnti di pensiero sul 'se fossi Pallotta farei così' sono pressapoco queste:

I STRADA: L'ALLENATORE MANAGER prendiamo un bravo allenatore speriamo che si scopra grande (in erba come Di Francesco perchè i top non te li puoi permettere) e facciamogli costruire la squadra.
Sui giovani? Sui meno giovani?
Mi nin so, facciamolo decidere a lui, ma diamogli carta bianca..

II STRADA IL VIVAIO prendiamo giocatori romani e romanisti.
Costruiamo una squadra totalmente autoctona (stile Atletico de Madrid), basata sull'orgoglio e sul senso d'appartenenza, non importa quanto arriviamo.

III STRADA IL BILANCIO
Risaniamo prima i conti, copiando l'Udinese.
Quando e solo quando sarà pronto lo stadio, punteremo in alto.

IV STRADA IL DIRETTORE SPORTIVO/MAGO
Prendiamo il mago dei direttori sportivi, bravo, titolato come il sor Monchi.
Lasciamo che sia lui a scegliere chi vendere/comprare facciamo i conti fra qualche anno. Sarà lui a scegliere chi vendere ogni anno senza intaccare il valore della squadra, fino ad arrivare a vincere, stile Siviglia.

Il problema di Pallotta è che di queste quattro strade doppo sette anni non ne vediamo scelta una perché progetto non c'è.
E allora.
Si cambia ogni anno allenatore.
Non si comprano i giocatori che servono anzi si vendeno pure quelli invendibili (Gervinho per Garcia, Salah per Spallo, Alisson/Under per Difra?).
Non si da carta bianca ai vari Monchi/Sabatini capo condomini, perchè quando indovinano un campione la scure del bilancio s'abbatte su di loro e distrugge completamente il castello di carte da loro faticosamente costruito.
E quindi?
Incertezza totale sul futuro..
Chi di voi OGGI può scommettere un euro sicuro di rivincerlo su:
- la permanenza di DI Francesco a fine anno
- la permanenza della linea giovane l'anno prox: Pellegrini/Under/Schick/Alisson
- la permanenza dei senatori Ninja, Stroot, De Rossi ecc..

Quando la polizia brancola nel buio il ladro gongola, quando il presidente non è chiaro a se stesso la radio pullula..
  Lun. 05 mar. 2018 - H.18:46
4. Butto lì...
James Pallotta ha investito i suoi risparmi personali nell'acquisizione della as Roma o ha coinvolto investitori, istituti di credito, sponsor, finanziatori vari?
E come li ha convinti? Facendogli vedere i filmati dei goal di Totti e le foto della curva sud o presentando un piano di crescita, sportivo, strutturale e finanziario credibile?

E dopo 7 stagioni di gestione come avrebbe convinto il suo consiglio d'amministrazione a ricapitalizzare di 115 mln?

James Pallotta ( e le decine di aziende che stanno dentro), non sanno che l'aspetto sportivo e i risultati del campo sono fondamentali per il successo del progetto?

E, ancor di più, possiamo pensare che James Pallotta, la nike, i soci americani, le banche, i fornitori, gli sponsor e tutti quelli che hanno investito soldi nella as Roma, possano accettare la mediocrità come il livello massimo accettabile?

Seguo il forum da anni, vi stimo tutti e so che quando l'as Roma segna er core ve se 'nfoca come a me...
e so che avete sofferto per Davide Astori...
siete tutti miei amici...
Forza Roma.
  Lun. 05 mar. 2018 - H.17:51
5. se ho ben capito, gerry,
metti gargia 1 top dei team made in usa, giusto?
poi? tutta colpa di uolter?

imho,
pure garcia 1 sarebbe finito/a almeno dietro a roma champ,
giubbe, lazio, parma, inter, milan, la talanta?

it.wikipedia.org/wiki/Atalanta_Bergamasca_Calcio_2000-2001

no, meglio garcia,
settimi, gerry,
scommettiamo!?
  Lun. 05 mar. 2018 - H.16:50
6. non affibbio etichette, gerry,
come potrei?
ho scritto pendenza in quanto tendenza e poi e pure
"differentemente e comunque"
come gli l'anti- possono esserlo poco o tanto, variabilmente e volubilmente confusi
in tutto quel che continuiamo (un po' tutti, direi)
a ripeterci e ripetere e ripetere e ripetere...
hai mai smesso?
me ci provo, poi

trovo l'"aziendalismo" (fiancheggiante il padronante padronato) decisamente più calzante de l'"americanismo" spesso qui usato da scudo
verso chi altrimenti la pensa.
pretestuosamente?
come l'altro ben più terribile, atroce, anti-
quando coinvolge le controversie con lo stato ebraico
  Lun. 05 mar. 2018 - H.16:05
7. Harrycaro ma perché non limitarsi a dire (ridire) la propria senza affibbiare etichette all'altrui? Che, poio, "pendenza" x "pendenza", perché quella "anti-aziendalista"(?) sarebbe più corretta e/o obiettiva? Perché, leggendo le rose morte, sa che la Roma di Garcia nel 2001 arrivava a metà classifica? Non rational.
Comunque, su Pallotta io non penso che sia il meno peggio che ci potesse capitare. Penso solo che ci è capitato e che è capitato dopo Rosella e non prima di Rosella. Altro nònso... Eppoi io spero sempre bèn, anzi di bèn in meglio. Cià. Forza Roma
  Lun. 05 mar. 2018 - H.15:26
8. quel che ci separa, roberto,
sono proprio i presupposti.

tu vedi pallotta come l'emigrato fesso che s'è lanciato incautamente,
con tutti i suoi guadagni,
in un progetto insostenibile orchestrato dalla banca,
con l'aggravante del "carattere" romano dei tifosi inclusi

me, in uno (anzi più, tutti scordano che non fu lui l'originario) speculatore qualunque, o proprio cercato dalla banca in quanto mericano,
nessun! palazzinaro autoctono l'avrebbe così "facilmente" avuta vinta 'sta storia del galoppatoio dove NON si poteva erigere,
che è giunto a roma PROPRIO per sfruttarne i tifosi gialli e rossi.
forte della sua ventennale esperienza nel basket coi celtics pensava che presentare una squadra da secondo/terzo posto, la partecipazione alla CL, sarebbe stata accolta più che favorevolmente dai tifosi romanisti, quello l'errore vero,
non il calciomercato di walter e ora monci (così si pronuncia?) di cui è
MENTE e PORTAFOGLIO, suoi pure conti e mire,
quindi le ricapitalizzazioni.
e che siamo noi, lo stato per gli agnelli?

l'errore, come di là spiegavi, proprio nel pensare che i tifosi di una squadra d'elite (persempre mancata) europea, italiana, romana
se ne sarebbero stati boni boni a mangiar noccioline e bere pepsi
gridando slogan contro la lazzie

l'ironica e cinica tragedia,
tanto comoda per rivenderli meglio tutti,
nel fatto che pure i filo-aziendalisti! in coro si scaglino contro gli ingaggiati,
colpevoli di mercenariato e sabotaggio!! ahah
cornuti e automazzianti

al contrario di altri insigni forumisti,
non gli ho mai rinfacciato le promesse che non aveva, ha, avrà?
nessuna intenzione di mantenere,
ma proprio l'assenza di un progetto "intorno ai romanisti interi",
sincero e sostenibile
[ e stadio a parte, materia di un buio pesto ]
il metodo sabatini, una volta perfezionato, ripensato più per NOIO,
ovvero cercando pure giocatori utili alla causa della squadra
non solo della bottega,
può funzionare, pian piano elevando il valore della squadra,
di conseguenza ricavi, sponsorizzazioni, visibilità e fama,
basta VOLER e POTER ricapitalizzare come consentito dal FPF.
invece? nascondendosi dietro a l'uefa, "non posso"
sfugge e incarica monchi di vendere quel che serve per tirare innanzi.
che non voglia o non possa permetterselo,
cambia qualcosa?
possiam vivere e crescere cambiando sempre?
sacrificando proprio il meglio?
con l'incubo, "peccando", di venir decimati?
per me no, meglio ricominciare
  Lun. 05 mar. 2018 - H.14:02
9. tre di "pendenza" filo-aziendalista che fanno "gli obiettivi"
i super partes?
no, non lo siete.
tutti e tre ancora, differentemente e comunque schierati con pallotta & co.

son qui proprio per l'interesse con cui vi ho sempre seguito (o "subito"?, ahah),
le vostre tesi/teorie e complotti sviscerate, articolate
negli innumerevoli interventi su rps,
almeno senza tanti, troppi, luoghi comuni, slogan e perle di saggezza,
mi han sempre fatto flettere e riflettere, spostare per poi tornare nelle mie opinioni, ben rendendomi conto che non tornavo dov'ero.
quindi?
proprio per la TOTALE assenza di trasparenza delle intenzioni,
il MANIFESTO interesse di voler sfruttare fino in fondo l'as,
il distacco fino all'insofferenza riservata ai tifosi e roma,
chi, come voi NON ritiene che pallotta sia il meno peggio ci potesse capitare,
l'amaro boccone che ci tocca ingoiare, il salvatore promesso,
la strada futuribile,
può tranquillamente pensarla diversamente, poco, assai, l'opposto?
con altrettanta orgoglio e fede (gialla e rossa) e perfino dignità (arghhh!)

ai record di punti e agli investimenti, ribatto
tutti racimolati per venir rivenduti guadagnandoci,
non lo dico me, lo scrive l'as all'uefa che ne processava lo sforamento,
la tanto bistrattata rosella (domani è un altro di')
raggiungeva risultati simili con salti mortali (e carte false) per tenerci a galla, contro avversari mooolto più in gamba,
basta sfogliare le pagine web con le rose di quegli anni.
"obiettivamente"?
le rome dei record di punti, nella stagione 2000/01, NON avrebbero superato metà classifica.
nessun presidente "moderno" ha mai acquistato una squadra che affonda
delaurentis, della valle, cairo...
quelli che l'han fatto, americani a roma, cinesi a milano,
l'han fatto proprio per il "simbolo", e il resto intorno al pallone
fatti mischiati a opinioni.

un abbraccio!
  Lun. 05 mar. 2018 - H.12:54
10. ROBERTO,

NON ASPETTARTI RISPOSTE...Qui si leggono affermazioni che io definirei...***Calcisticamente Razziste***. Una Societa' che non e' interessata a mettere su una grande squadra. L'Americano che e' arrivato a Roma come speculatore. Tutte indicazioni per come ROMA, attraverso i suoi tifosi, reclama, via un loro sacrosanto diritto, di ottenere cio' che farebbe felice la piazza. Chi si oppone a questo concetto (Simile...anchio ho diritto di andare in vacanza. Ma se non hai mai lavorato in vita tua?. La cui risposta mai fornita). Insomma scopro che ci sono persone che si svegliano e la prima cosa che fanno mettono in moto la loro fantasia e si divertono a volerla, maggicamente, trasformarla in realta'. Eppure abbiamo modo di leggere, di sentire, come altrove si rimboccano le maniche e sgobbano prima di pretendere un ritorno. Mi sto avventurando in qualche cosa che coinvolge la mia Italy e Paesi Oltre Oceano. I miei familiari mi hanno gia' avvertito. Attento Giovanni, qui ti vogliono fare i conti in tasca prima di accettare un lavoro, anche se Part Time. Insomma io come Pallotta, che prima ancora di essere certo nemmeno del 1% che potra' costruire lo stadio, dovrebbe allestire uno squadrone per far felice i tifosi. Tifosi sempre delusi perche' anche loro hanno fatto parte, e fanno parte, di un concetto, un modo di esaminare, di valutare, che non puo' produrre che il ...***FALLIMENTO***. Tanto per illustrare meglio la situazione. All'Americano che permette ancora alla Roma di galleggiare, i tifosi dovrebbero inviargli..AUGURARI PALLOTTAPER IL TUO STADIO (Come fanno gli Inglesi....Long live the Queen). Invece assistiamo come ci si sputa nel piatto dove ci siamo appena gustati (Napoli 2 Roma 4) una BONA AMATRICIANA...Senza Pallotta al CIUCCIO E NAPULE, chi altro gli avesse permesso alla Magique di rifilare 4 retuzze? Venditti? Verdone? Ferilli? O forse anche loro sono Calcisticamente Razzisti (Falce & Martello?). C'e' solo l'imbarazzo della scelta...Una via di uscita c'e'...Cantare....Nostalgia...Nostalgia Canaglia.....Quanto danno mi fai!!!!
  Lun. 05 mar. 2018 - H.12:19
11. Quando si parla della Roma, paradossalmente, tutti noi abbiamo contemporaneamente torto e ragione: di questa squadra, della sua dirigenza, del suo presidente, dei suoi giocatori, si può dire tutto e il contrario di tutto, xkè ne abbiamo viste tante e tante, sia nel bene, che nel male... ognuno avrà sempre e comunque la propria opinione e l'unica "scriminante" consiste nel modo, più o meno "violento" o, meglio, categorico, che si utilizza x esprimere la propria convinzione.
Io ho sempre detestato utilizzare definizioni troppo nette, x questo o quel giocatore, nel bene e nel male, sia anche per i dirigenti e x il presidente: difendo quando c'è da difendere e critico quando c'è da criticare, "scusando", talvolta, in caso di sbagli.
Di certo aderisco + alla tua corrente, Roberto, anche se evidenzio come, una presenza più costante della proprietà e di certo più "empatica", faciliterebbe e di molto il cammino organizzativo della squadra e l'operazione simpatia.
Basta vedere le altre proprietà "lontane", che di certo non sprizzano "salute" e che di certo sono sempre e comunque sotto costante attacco mediatico: l'Inter del colosso Suning dai piedi di argilla, del fumatore e del fumantino, il Milan che pare aver trovato la "quadra", ma che ha una proprietà "border line"; altre "big" vivacchiano e si accontentano di posizioni nella "via di mezzo" o cercano exploit salutari (Lazio, Fiorentina) la Samp cerca di risalire, ma oltre a godere x le vittorie contro di noi, che fanno felice il viperetta, non può andare, l'Atalanta ha avuto la sua massima espressione quest'anno ed è chiamata a sfornare giocatori che possano autofinanziarla, così come l'Udinese; le altre fanno il saliscendi;
almeno noi, ogni anno, abbiamo velleità di vittoria, anche se queste sono rimaste tali x i "soliti" errori ed i soliti "vizi" che, se adeguatamente gestiti (adagiarsi dei giocatori, voci incontrollate, critiche eccessive, mancanza di personalità, rosa incompleta e mai decentemente revisionata a Gennaio) potrebbero essere risolti e avremmo di certo ben altre ambizioni, PUR con le nostre limitate risorse e il bilancio da gestire. Basta poco, ma anche molto (o meglio, gestire molto bene il poco che ci manca) x poter, anche noi, ambire a qualcosa di grande.
  Lun. 05 mar. 2018 - H.10:59
12. Per quel che mi riguarda, mi trovo molto con tle cose che dici nelle tre puntate. In aggiunta, e "a latere", penso che siccome parliamo, COMUNNQUE, di una squadra di ballòn, e non di azioni in borsa, le vicende e gli esiti di CAMPO restano "centrali" per giudicare il resto, mentre sul Forum ultimamente ha prevalso più una Critica della Ragion (im)Pura (di zio Pallo speculatòr) che una Critica della Ragion Pratica di ciò che ha offerto la Maggica, jocando. La quale Ragion Pratica è proprio quella che riguarda ciò che praticamente uno fa, jocando. Su Nàpule-Roma 2-4, se escludiamo l'aiutino della Dea Fortuna che ha riguardato, comunque, SOLO la RAPIDITA' con cui ci ha consentito il PAREGGIO sul tiro "sporcato" (da lei sotto le sembianze di Rui...) di Under, non c'è da fare filosofie astratte: abbiamo jocato con una "squadra-maschio" (una che, cioè, joca, "facendo la partita") e noio che siamo una squadra-femmina l'abbiamo rintuzzata bèn, come successe già col Chelsea (presuntuoso come il Nàpule...). Peraltro, i numeri dicono che FUORI CASA abbiamo perso solo a Giube, mentre in CASA (dove dovremmo essere noi la squadra-Maschio...) abbiamo già PERSO 5 VOLTE. Ebbene, questo dato è perfettamente in linea, cioè coerente, con l'osservazione di molti amigi che lamentano che a Nàpule, PUR avendo vinto, non abbiamo mostrato un'Identità: e dico "coerente", perché, escluso il caso di una squadra palesemente catenacciara, difendersi e contrattaccare fruttuosamente non regala a una squadra-femmina una grande "identità", a meno che non sia "ideologicamente e immaginificamente" così pensata e fatta, come l'Inter di HH. In questo senso la NOVITA' di Nàpule, per me, è proprio in questi nuovi ORDINE&DISCIPLINA esibiti dai boys. Conseguenza delle *****iate di Difra? Conseguenza del saperlo mantenuto -da tutti i Capi, compreso il Totti- SALDAMENTE in sella? Conseguenza di ragionamenti orgogliosi e/o di convenienza economica propria? Conseguenza di nuove gerarchie (Dzeko-Under) scoperte da Difra? Lo vedremo. Ma io che spero sempre bèn, credo che l'obbiettivo sia, a questo punto, PER TUTTI (da zio Pallo all'ultimo jocador) andare avanti in CL. E se la Giube falla, e la Dea ci regala una alla nostra portata (cioè, una squadra-maschio che non sia proprio un macho alla Rocco Siffredi) potremmo sorridere ancòr. Forza Roma
  Lun. 05 mar. 2018 - H.01:50
13. PARTE 3 (che viene sopra la parte 2 ma pazienza...)

Il percorso per costruire una grande squadra è arduo, passa sulla lama di un rasoio, perché se i giocatori sono troppo bravi vogliono andare subito nel top club, se non sono abbastanza bravi lo squadrone non lo costruisci. Se vuoi trattenere i top player in una non-top squadra devi pagarli il doppio di quello che prenderebbero altrove e allora vai fallito, ma se non li paghi abbastanza quelli buoni non li trattieni. Sta tutto nell’infinita complessità di questo gioco di prestigio riuscire a costruire una grande squadra, che rimanga grande nel tempo, senza rovinarsi. Criticare è facile ma fare è difficile.

Guardate il Leicester. Sembrava una storia di successo e sicuramente sì, un bel titolo l'hanno messo in bacheca, ma adesso se ne riparla fra altri 50 anni, se bastano. Perché è stata un'esplosione imprevista, non una costruzione lenta e accorta. Difatti appena vinto il titolo i migliori se ne sono andati via e gli unici due buoni rimasti, Vardy e Mahrez, giocano alla metà di quello che facevano prima perché non vedono l'ora di cambiare aria.

Quindi penso che sì, Pallotta ha mostrato un certo disinteresse verso la squadra e ha fatto scelte poco accorte dei collaboratori ma non ha quelle intenzioni malefiche che leggo tutti i giorni sul forum, semplicemente perché non c’è niente da speculare nella situazione contabile della Roma e perché una squadra forte e in salute finanziaria conviene a lui prima ancora che a noialtri. Come dirigenti abbiamo Monchi, Baldissoni, Gandini e Totti che a me danno fiducia, io continuo a credere che l’unica via per vincere sia comprare bene e vendere bene e fare un passo alla volta. Se Monchi è davvero bravo come dicono, sta a lui dimostrarlo ma dobbiamo dargli 2-3 anni di tempo. In quanto agli altri dirigenti, dovrebbero lavorare soprattutto sui comportamenti della squadra, perché sono importantissimi. Se ogni giocatore fa quello che gli pare, in campo e fuori, non si va mai da nessuna parte. Last but not least, viene l'allenatore. Non credo assolutamente che un capataz da 10 milioni di euro netti all'anno potrebbe spremere molto di più da questa rosa, per cui a me sta bene che rimanga Di Francesco. Più rimane con noi e più cresce il suo prestigio nei confronti della squadra e più lo stanno a sentire quando parla. Anche quello è un percorso che richiede il suo tempo. Cambiare per cambiare non serve a niente.
  Lun. 05 mar. 2018 - H.01:29
14. PARTE 2

5) Complessivamente, credo che Pallotta avrebbe potuto fare meglio, non ne sono proprio entusiasta. La faccenda dello stadio mi sta pure bene, ma Pallotta ha dimostrato ampiamente di non capirne molto di calcio giocato, e anche di come viene visto e vissuto in Italia un presidente. Vabbè, nessuno nasce imparato. Però a quel punto doveva mettersi in mano a gente di primo livello, sia per capacità, sia per onestà. invece credo (mia opinione personale) che abbagliato dall'affare stadio abbia gravemente sottovalutato quanto sia difficile gestire una società di calcio in Italia. Si è affidato a due personaggi come Baldini e Sabatini che, per motivi diversissimi, non andavano bene per il progetto Roma e Mr Pallotta ci ha messo 5 anni per capirlo, alla faccia della rapidità di giudizio! Inoltre è una persona di promessa facile, non conosce l'arte della diplomazia e qualche dose di umiltà non li farebbe male. Ma come ho detto altre volte... i presidenti si sostituiscono comprandogli le azioni, non a chiacchiere né martellando tutti i giorni sul forum. Ormai non si parla più di calcio, ma solo di quanto è brutto, zozzo e cattivo l'Amerikano. E basta! Sta diventando di una noia mortale.

6) Come se ne esce? Io spero che Monchi sia più bravo di Sabatini e faccia buoni acquisti e buone vendite. Finora Under e Kolarov gli hanno dato ragione (anche se a me Kolarov non piace, ma per 5 milioni cosa volevamo?). Karsdorp, Schick e Jonathan Silva, per vari motivi, non sono ancora giudicabili ma potrebbero rivelarsi anche loro dei grandi acquisti. Gli unici due che hanno deluso sono stati Gonalons e Moreno, ma uno l’ha già dato via e ci ha ripreso i soldi, l’altro farà presto la stessa fine.
Ogni opinione espressa nei commenti è unicamente quella del suo autore, di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato.

L'identificazione dell'utente viene effettuata tramite nickname collegato al suo indirizzo e-mail e all'indirizzo IP che non saranno visibili sul sito. Lo stesso utente non può utilizzare più nickname

Il dibattito in questo forum è moderato. La Redazione si riserva il diritto di modificare, rifiutare, sospendere un commento o bloccare un nickname a suo insindacabile giudizio. Il non rispetto delle regole, provocherà il blocco definitivo dell'utente.

I messaggi sono pubblici e possono essere letti da tutti gli utenti, anche da persone che non fanno parte di questo forum, quindi consigliamo di non inserire informazioni personali.

Regole dei cartellini gialli e rossi

I cartellini gialli e rossi, vengono assegnati agli utenti che hanno subito una segnalazione , approvata dal Moderatore del forum (di seguito Moderatore), per comportamento non rispettoso nei confronti delle persone e delle regole del forum, con il seguente criterio:

- Verrà assegnato un cartellino giallo alla prima segnalazione approvata dal Moderatore;
- Verranno assegnati due cartellini gialli alla seconda segnalazione approvata dal Moderatore;
- Verrà assegnato il cartellino rosso alla terza segnalazione approvata dal Moderatore che comporterà l'espulsione dal forum dell'utente segnalato in modo temporaneo (minimo un mese) o definitivo.
- Verrà assegnato direttamente il cartellino rosso e conseguentemente l'espulsione definitiva dal forum se il Moderatore riterrà grave il comportamento dell'utente segnalato.

Si fa presente che il Moderatore potrà assegnare direttamente cartellini gialli o rossi, anche senza la segnalazione da parte degli utenti.

I cartellini gialli potranno essere tolti dal Moderatore in base al futuro comportamento dell'utente segnalato.

I post segnalati, verranno cancellati e contrassegnati con la dicitura "spam".

La segnalazione dovrà essere effettuata esclusivamente utilizzando il link " Segnala post" che si trova di fianco al messaggio che si vuole segnalare al Moderatore.

Si precisa che le decisioni del Moderatore sono inappellabili.


RomaForever.it si riserva il diritto di modificare la suddetta informativa previo avviso all'utente, da effettuarsi mediante pubblicazione della versione aggiornata all'interno del sito RomaForever.it.